La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo 5 La Prevenzione Antinfortunistica. La Sicurezza in Cucina La legge 626/94 tutela la sicurezza sul lavoro. La legge 81/2008 ne rappresenta laggiornamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo 5 La Prevenzione Antinfortunistica. La Sicurezza in Cucina La legge 626/94 tutela la sicurezza sul lavoro. La legge 81/2008 ne rappresenta laggiornamento."— Transcript della presentazione:

1 Modulo 5 La Prevenzione Antinfortunistica

2 La Sicurezza in Cucina La legge 626/94 tutela la sicurezza sul lavoro. La legge 81/2008 ne rappresenta laggiornamento. In cucina si verificano spesso infortuni sul lavoro: eccone alcuni:

3 CADUTE ACCIDENTALI Fratture (rottura di una o più ossa) Lussazione (Spostamento dellestremità di un osso dalla sua sede: spalla,dita, anca…) Distorsione (stiramento o strappo dei legamenti dellarticolazione)

4 Come si possono evitare ? Non correre mai. Non avere fretta. Utilizzare calzature professionali Asciugare immediatamente un pavimento bagnato o unto Alzare i pesi da terra in modo corretto Non alzare pesi eccessivi

5 TAGLI da punta e lama di coltelli pulendo o utilizzando lAffettatrice Utilizzando impastatrici, cutter e simili da bicchieri o stoviglie rotte

6 Come si possono evitare? Non avere fretta Impugnare il coltello correttamente, evitando di distrarsi Utilizzare apparecchiature a norma, certificate UE Non utilizzare il coltello per stappare bottiglie o aprire scatole Per disossare la carne proteggersi con guanti e grembiuli in maglia dacciaio

7 USTIONI 1° Grado: dolore, pelle arrossata (raffreddare con acqua, non usare ghiaccio) 2° Grado : dolore, pelle arrossata, umida e gonfia, vesciche (raffreddare, togliere indumenti; se ampia recarsi al pronto soccorso) 3° Grado: scarso dolore, pelle bianca o nerastra ( proteggere con telo pulito e chiamare il 118)

8 Come si possono evitare ? Avvisare sempre i colleghi e i lavapiatti se un contenitore è bollente Utilizzare torcioni o presine NON bagnati Evitare movimenti bruschi quando si frigge Spostare pentole con liquidi bollenti facendosi aiutare da un collega Asciugare sempre bene quello che si vuole friggere Avvisare sempre il cliente di un piatto o di un sottopiatto bollente

9 SCOSSE ELETTRICHE Uso di apparecchi elettrici difettosi o rovinati Uso di prolunghe schiacciate o tagliate Evitare di usare apparecchiature elettriche in tensione in un ambiente bagnato Evitare di mettere più spine in una sola presa Usare prese e spine a norma Impianto elettrico a norma e certificato (L.46/90) dotato di salvavita e messa a terra

10 Incendio Perché il fuoco si sviluppi deve esserci la contemporanea presenza di 3 elementi

11 INNESCO: sorgente di calore che produce unalta temperatura, in grado di causare laccensione (es. fiamma, scintilla,ecc) COMBUSTIBILE: Elemento che mantiene vivo il fuoco, una volta accesa tramite il comburente (es Alcool, Olio,ecc) COMBURENTE: Elemento che posto a contatto con sostanze infiammabile provoca la combustione (es. ossigeno) Per una corretta prevenzione è necessario intervenire su almeno 1 dei 3 elementi. Ad esempio, nel caso di una padella con olio infiammato, coprire in modo da togliere ossigeno.

12 Classificazione degli Incendi Classe A incendio causato da materiali solidi LEGNO CARTA Classe B incendio causato da materiali liquidi SOLVENTI GRASSI Classe C incendio causato da materiali gassosi METANO GPL Classe D incendio causato da sostanze chimiche Classe E incendio causato da apparecchiature e attrezzature elettriche

13 Metodi di estinzione incendio Acqua (Idranti) Schiuma Polvere Chimica Anidride Carbonica ATTREZZATURE ANTINCENDIO

14

15

16 Come prevenire i rischi dIncendio Non appendere mai vestiti o stracci ad asciugare sopra una fonte di calore Non riempire troppo di olio la friggitrice Se una padella prende fuoco: spegnere il fornello e coprirla con un coperchio Se un apparecchio elettrico prende fuoco, disattivare il quadro generale e utilizzare lestintore in dotazione Impianto Elettrico non a norma

17 PRIMO SOCCORSO E laiuto immediato che si presta alla vittima di un incidente o di un malore, in attesa dellintervento di personale specializzato. 1.Ferite 2.Ustioni 3.Folgorazione 4.Colpo di Calore 5.Intossicazione da gas e fumo 6.Avvelenamento 7.Soffocamento

18 Cosa fare in caso di incidente? Per prima cosa garantire la propria sicurezza e quella degli altri soccorritori Prestare le prime cure allinfortunato (vedi libro di testo) Allertare se necessario il 118 Mantenere la calma


Scaricare ppt "Modulo 5 La Prevenzione Antinfortunistica. La Sicurezza in Cucina La legge 626/94 tutela la sicurezza sul lavoro. La legge 81/2008 ne rappresenta laggiornamento."

Presentazioni simili


Annunci Google