La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diritto Internazionale Umanitario Origini e sviluppo Istruttore D.I.U. Volontario C.R.I. Nice Zauli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diritto Internazionale Umanitario Origini e sviluppo Istruttore D.I.U. Volontario C.R.I. Nice Zauli."— Transcript della presentazione:

1 Diritto Internazionale Umanitario Origini e sviluppo Istruttore D.I.U. Volontario C.R.I. Nice Zauli

2 NOZIONE Il DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO (D.I.U.) è L insieme delle regole di diritto internazionale che, in tempo di conflitto armato, proteggono le persone che non prendono o non prendono più parte alle ostilità e pongono limiti allimpiego di mezzi e metodi di guerra

3 è parte del diritto internazionale disciplina le relazioni tra Stati durante i conflitti armati tende a ridurre per quanto più possibile le sofferenze, le perdite e i danni causati dalla guerra impone obblighi agli individui negli Stati belligeranti, in primis ai membri delle FFAA Non ha lo scopo di compromettere lefficienza militare nb: il DIU è del tutto compatibile con i principi militari fondamentali, quali: economia delle forze semplicità di azione concentrazione della forza unità dellazione libertà di manovra Il diritto internazionale umanitario …

4 IL DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Non indaga sulla liceità o meno della guerra, ne prende atto e si preoccupa di limitare le sofferenze causate dal conflitto tutelando, proteggendo ed assistendo le sue vittime nonché disciplinando la condotta delle ostilità. Ius ad bellum e Ius in bello Ius in bello = Diritto Internazionale Umanitario Ius ad bellum (o Ius contra bellum) si occupa di considerare le ragioni o la legittimità del conflitto il DIU resta indipendente dallo Ius ad bellum.

5 PRINCIPI DEL D.I.U. Lobiettivo del D.I.U. è la tutela della vita, della dignità e dei beni dei soggetti che versano in situazioni di grave necessità e pericolo. Il D.l.U. comprende un corpo di principi consuetudinari: Umanità (o clausola Martens) Proporzionalità e necessità militare Distinzione Limitazione delle perdite inutili ed eliminazione delle sofferenze superflue

6 PRINCIPIO DI UMANITA Clausola Martens: (1899) [...] I civili ed i combattenti rimangono sotto la protezione e limperio dei principi del diritto delle genti quali risultano dalle consuetudini stabilite, dai principi di umanità e dai precetti di pubblica coscienza Ma ancor prima Jean Jacques Rosseau, ne Il Contratto Sociale (1792) La guerra è una relazione […] tra Stato e Stato e gli uomini sono nemici solo accidentalmente […] come soldati […] Lo scopo della guerra essendo la distruzione dello Stato nemico, si ha il diritto di ucciderne i difensori finché sono armati, ma appena questi posano le armi e si arrendono, cessano di essere nemici o strumenti del nemico e ritornano ad essere semplicemente uomini, la cui vita nessuno ha il diritto di prendere

7 PRINCIPIO DI PROPORZIONALITA Vantaggio militare diretto e concreto, in relazione con le perdite umane e con la distruzione o il danneggiamento di beni civili e culturali : questo principio è volto a limitare i danni prodotti dalle operazioni militari e, richiede che limpiego dei mezzi e dei metodi di combattimento non siano sproporzionati rispetto al vantaggio militare che si vuole conseguire, costringendo i belligeranti a cercare un equilibrio fra la necessità militare e le esigenze umanitarie.

8 Dichiarazione di San Pietroburgo il solo fine legittimo che gli Stati devono prefiggersi durante la guerra è lindebolimento delle forze militari del nemico a tal fine è sufficiente mettere fuori combattimento il maggior numero possibile di nemici si va al di là dello scopo anzidetto se si impiegano armi che aggravano inutilmente le sofferenze degli uomini messi fuori combattimento o ne rendono la morte inevitabile

9 PRINCIPIO DELLA NECESSITA MILITARE D efinizione: ragioni militari imperiose ed ineluttabili che rendono necessario, e non altrimenti rinviabile, un determinato comportamento, in assenza del quale non si concretizzerebbe un vantaggio militare concreto per le proprie forze armate o si determinerebbe un eccessivo vantaggio per lavversario. La ragione militare e talvolta ammessa come esimente di alcuni reati contro le leggi e gli usi della guerra. (cfr. Codice Penale Militare di Guerra italiano, Tit. IV)

10 PRINCIPIO DELLA NECESSITA MILITARE Il diritto internazionale umanitario ammette il ricorso a questo istituto solo: nei casi espressamente previsti (in presenza di disposizioni che contengano clausole del tipo salvo necessità militare od equivalente) e nei limiti consentiti; se il vantaggio e diretto e verificabile oggettivamente nel caso concreto (non è ammesso il ricorso in astratto); se rispetta il principio di proporzionalita

11 PRINCIPIO DI DISTINZIONE distinzione tra popolazione civile e combattenti e tra beni civili e obiettivi militari: (art. 48, i protocollo aggiuntivo del 1977) le parti in conflitto dovranno fare, in ogni momento, distinzione fra la popolazione civile e i combattenti, nonche fra i beni di carattere civile e gli obiettivi militari e, di conseguenza, dirigere le operazioni soltanto contro obiettivi militari.

12 OBIETTIVO MILITARE (Art. 52 co. 2, I Prot. 77) Bene che per sua natura, ubicazione, destinazione o impiego contribuisce efficacemente allazione militare e la cui distruzione totale o parziale, conquista o la cui neutralizzazione offre, nel caso concreto, un vantaggio militare preciso. BENI DI CARATTERE CIVILE (Art. 52 co. 2, I Prot. 77) Tutti i beni che non costituiscono obiettivo militare. Essi non possono essere: - oggetto di atti di ostilità o rappresaglia; - utilizzati in appoggio allo sforzo militare.

13 Limitazione delle perdite inutili ed eliminazione delle sofferenze superflue Proibizione di armi o sistemi d arma con munizionamento o modalità dimpiego tali da colpire con effetti traumatici eccessivi, arrecando sofferenze inutili ed inalleviabili; Riduzione degli effetti collaterali. Durante la guerra il solo scopo legittimo è indebolire le Forze Armate nemiche, per far ciò è sufficiente neutralizzare il maggior numero possibile di nemici; si oltrepassa lo scopo se si usano armi che aggravano le sofferenze degli uomini messi fuori combattimento; luso di tali armi o sistemi darma è contrario alla morale umana

14 ED ORA UN PO DI STORIA………………….

15 Prima della codificazione la disciplina della guerra era affidata a norme di diritto interno e a norme consuetudinarie. Ogni civiltà aveva proprie regole : Il Codice di Hammurabi ( XVIII sec. A.C.), Il Poema indiano Mahabharata (V° sec. A.C.), la Bibbia, il Corano, in tutti si rinvengono norme che impongono il rispetto per lavversario.

16 S. Agostino: se il nemico che combatte deve perire, che sia per necessità non per tua volontà […] il vinto e il prigioniero hanno diritto alla compassione Francisco de Vitoria ( ): de jure belli non è mai lecito uccidere linnocente in quanto tale e intenzionalmente tuttavia incidentalmente, anche se consapevolmente, è lecito in certi casi uccidere innocenti MA si deve evitare che dalla guerra derivino mali superiori a quelli a cui la guerra pone rimedio.

17 Francisco Suarez ( ) Condizioni per la guerra giusta: (1) autorità legittima, (2) giusta causa, (3) mezzi adatti e proporzionalità nellinizio, prosecuzione e vittoria. Gentili ( ) la necessità militare può rendere legale qualunque cosa. MA labuso dei mezzi militari potrebbe indebolire la causa della giustizia e dare allavversario ragione per muovere a sua volta una guerra giusta. Quindi, non violare le donne del nemico né provocare offese contro la giustizia naturale

18 Rousseau: Le contrat social – 1772 Fyodor Martens Dichiarazione di San Pietroburgo verso la codificazione…. Cavalleria e codici dellonore militare Ordinanza della Marina francese – 1832 Codice penale militare del Regno delle Due Sicilie – 1819 Regolamento di servizio per le truppe in campagna (Regno di Piemonte – 1833) Codice Lieber – USA 1863 principio di Distinzione fra belligeranti e popolazione civile ed obbligo di Rispetto e Protezione dei prigionieri

19 battaglia di Solferino – 24 giugno 1859 Henri Dunant 1862 Un Souvenir de Solférino

20 Dunant propose due misure per lassistenza alle vittime della guerra 1. la creazione di Società di soccorso ai militari feriti che mobilitassero le risorse della carità privata 2. ladozione di una Convenzione per la protezione dei feriti sul campo di battaglia e di tutti coloro che prestano loro soccorso origine delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa origine delle Convenzioni di Ginevra

21 ripartizione tra diritto dellAja diritto di Ginevra regola modo di svolgimento delle ostilità protezione delle vittime significato solo classificatorio Oggi tale ripartizione è decaduta perché i Protocolli del 1977 trattano sia dei mezzi e metodi di combattimento che della tutela delle persone. (diritto della violenza) (diritto dellassistenza)

22 Convenzione di Ginevra del 22 agosto 1864 per il miglioramento delle condizioni dei militari feriti in guerra obbligo di soccorrere i feriti e i malati a qualunque nazione appartengano (art. 6) neutralità e inviolabilità del personale e delle installazioni e trasporti sanitari (artt. 1 e 2) segno distintivo della croce rossa su fondo bianco (art. 7)

23 Le prime codificazioni 1864 – 1^ Convenzione di Ginevra 1868 – Dichiarazione di San Pietroburgo rinuncia alluso, in tempo di guerra, di proiettili esplosivi inferiori ai 400 grammi Dichiarazione L Aja relativa alluso di proiettili che si espandono o si schiacciano facilmente nel corpo umano ^ Convenzione di Ginevra Revisioni delle Convenzioni de L Aja ed adozione di nuove convenzioni - primato della necessità militare - clausola si omnes, in base alla quale lapplicazione delle convenzioni era obbligatoria solo ove ne fossero parte tutti gli Stati belligeranti TUTTAVIA

24 1925- Protocollo di Ginevra relativo allimpiego in guerra di gas asfissianti, tossici o similari e di mezzi batteriologici ^ Convenzione di Ginevra (revisione della 2^ ed una nuova) Quattro Convenzioni di Ginevra Convenzione LAja per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato Convenzione (Londra, Mosca e Washington) sul divieto dello sviluppo, produzione e stoccaggio di armi batteriologiche (biologiche) o a base di tossine e sulla loro distruzione I^ e II^ Protocolli Aggiuntivi alle Convenzioni di Ginevra rafforzativi della protezione delle vittime nei conflitti armati Internazionali (1°) e Non Internazionali (2°) successivamente

25 Convenzione sul divieto o sulla restrizione dell'impiego di alcune armi convenzionali che possono causare danno eccessivo o avere effetti indiscriminati. Questa convenzione comprende: - il Protocollo (I) relativo alle schegge non localizzabili; - il Protocollo (II) sul divieto o sulla limitazione dell'impiego di mine, trappole e altri dispositivi; - il Protocollo (III) sul divieto o sulla limitazione dell'impiego di armi incendiarie; Convenzione sul divieto della messa a punto, produzione, stoccaggio e uso di armi chimiche, e sulla loro distruzione; Protocollo sull'uso di armi laser accecanti (IV Protocollo [nuovo] alla Convenzione del 1980); Revisione del Protocollo sul divieto o sulla restrizione dell'impiego di mine, trappole esplosive e altri dispositivi (II Protocollo [emendato] alla Convenzione del 1980);

26 Statuto della Corte Penale Internazionale; II Protocollo aggiuntivo alla Convenzione dell'Aia per la protezione rafforzata dei beni culturali in caso di conflitto armato Protocollo ( New York) alla Convenzione relativa ai diritti del fanciullo concernente il coinvolgimento dei fanciulli nei conflitti armati III° Protocollo Aggiuntivo sulladozione di un emblema distintivo addizionale Convenzione sulle munizioni a grappolo (Dublino) Convenzione sulla proibizione delluso, stoccaggio, produzione e trasferimento delle mine anti-persona e sulla loro distruzione (Ottawa )


Scaricare ppt "Diritto Internazionale Umanitario Origini e sviluppo Istruttore D.I.U. Volontario C.R.I. Nice Zauli."

Presentazioni simili


Annunci Google