La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il regolamento di sostenibilità energetica: il risultato del percorso partecipato di PadovA21 GT Regolamento di Sostenibilità Energetica Daniela Luise.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il regolamento di sostenibilità energetica: il risultato del percorso partecipato di PadovA21 GT Regolamento di Sostenibilità Energetica Daniela Luise."— Transcript della presentazione:

1

2 Il regolamento di sostenibilità energetica: il risultato del percorso partecipato di PadovA21 GT Regolamento di Sostenibilità Energetica Daniela Luise - Comune di Padova, Settore Ambiente 29 Ottobre 2013

3 OBIETTIVI rivedere il regolamento edilizio in unottica di sostenibilità, tutela dellambiente riduzione consumo del suolo risparmio ed efficienza energetica promozione energie rinnovabili rinnovare il patrimonio edilizio contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici ridurre il consumo di acqua mitigare le isole di calore

4 53.809Emissioni Serra Totali (tCO 2 e) dellEnte Emissioni Serra Totali (tCO 2 e) del territorio COMUNE DI PADOVA POPOLAZIONE 2005ANNO DI RIFERIMENTO Obiettivo del Patto dei sindaci: - 20% (tCO 2 e) Che equivalgono a: Linventario delle emissioni Il PAES del Comune di Padova

5 Obiettivo al Le linee di intervento per area tematica Il PAES del Comune di Padova

6 IL PAES DEL COMUNE DI PADOVA Le schede tecniche dei progetti previsti entro il 2020 che riguardano il regolamento edilizio

7 IL PAES DEL COMUNE DI PADOVA Le schede tecniche dei progetti previsti entro il 2020 che riguardano il regolamento edilizio

8

9

10 GRUPPO DI LAVORO INTERNO che ha redatto la bozza di aggiornamento del regolamento FORMATO DAI SETTORI: Pianificazione urbanistica Ambiente Edilizia privata

11 GRUPPO DI LAVORO AGENDA 21 Si è articolato in due fasi: A. Introduttiva: mirata a condividere informazioni, apprendere esperienze di altre città con approfondimenti di docenti universitari ed esperti. DURATA: Novembre - Dicembre 2012 (5 incontri)

12 B. Sviluppo e discussione: i partecipanti hanno analizzato la bozza, concordato le modifiche, raccolto le idee al fine di individuare un testo condiviso. DURATA: Gennaio - Maggio 2013 (8 incontri) GRUPPO DI LAVORO AGENDA 21

13 PARTECIPANTI ACEGAS - APS ANACI Padova - SICOVER srl Ance Associazione Archibiodesign Città Amica Collegio Geometri Collegio Ingegneri Padova Comune di Due Carrare Comune di Cadoneghe Comune di Legnaro Comune di Ponte San Nicolò Confindustria Padova EnergoClub onlus Federconsumatori Federterziario Gruppo Giardino Storico INBAR - Sezione di Padova Legambiente Padova Ordine Architetti Ordine Ingegneri Sogesca Srl WWF Padova – Portavoce associazioni Ambiente ZeroEnergy Comune di Padova – Settore Ambiente Comune di Padova – Settore Pianificazione Urbanistica Comune di Padova – Settore Edilizia Privata Comune di Padova – Settore Verde L invito è stato esteso a tutti i Comuni della cintura urbana.

14 MODALITÀ OPERATIVA CONDIVISIONE OBIETTIVI GENERALI: ridurre limpatto degli edifici a cui è attribuito il 35% del consumo totale di energia in città; favorire lutilizzo di fonti rinnovabili per promuovere l'autoproduzione energetica; promuovere la compatibilità ambientale e lecoefficienza energetica degli interventi edilizi; ridurre il consumo di acqua e di suolo; favorire il comfort abitativo; salvaguardare la salute dei cittadini.

15 INTRODUZIONE DI REQUISITI OBBLIGATORI E PER PESTAZIONI PIÙ ELEVATE SONO STATI INDIVIDUATI INCENTIVI; e i relativi ambiti di applicazione. (piani attuativi, nuove costruzioni, ristrutturazioni e ampliamenti) MODALITÀ OPERATIVA

16 BOZZA DI REGOLAMENTO PROPOSTA DAL GRUPPO È COMPOSTA DA: La proposta di aggiornamento del nuovo Capo IV Qualità edilizia e urbanistico-ambientale degli edifici del Regolamento edilizio del Comune di Padova; Lallegato Incentivazione dellefficienza energetica e delledilizia sostenibile.

17 LALLEGATO TECNICO Definisce il sistema di incentivazione: a) bonus volumetrici b) bonus economici Tale documento è stato redatto avendo come riferimento il Protocollo Itaca nazionale, integrato con argomenti e scelte che ponevano attenzione alle specificità territoriali in coerenza con le indicazioni previste nellambito del Piano di Assetto del territorio intercomunale (PATI) e dalla legislazione della Regione del Veneto.

18 GLI AMBITI DI INTERVENTO Acqua: riduzione dei consumi, recupero acque meteoriche, acque reflue; Suolo: permeabilità dei suoli, riduzione effetto isola di calore, analisi del sito; Verde: tutela e promozione del verde privato, piantumazione di specie arboree, tetti verdi; Salubrità degli ambienti: gas radon, rumore, inquinamento luminoso, amianto, elettrodotti, sicurezza delle contaminazioni, illuminazione e ventilazione; Materiali: utilizzo di materiali da fonti rinnovabili, smontabili, riciclati e recuperati, materiali di costruzione locali e riciclabili, raccolta differenziata;

19 Efficienza energetica: orientamento ottimale e schermatura, alte prestazioni di impianti ed elementi costituenti l'involucro; Energie rinnovabili: solare fotovoltaico e termico, teleriscaldamento, pompe di calore; Mobilità: accessibilità al trasporto pubblico, mobilità alternativa, uso delle biciclette; Certificazione energetica. GLI AMBITI DI INTERVENTO

20 INDICAZIONI FINALI DEL GRUPPO DI LAVORO ridurre e semplificare alcune parti del regolamento, mantenendo al contempo la sua complessità tecnica che, da un lato, risponde alle normative di legge e, dallaltro, è posta a tutela del cittadino e del suo diritto ad un edificio a norma e salubre; rafforzare le misure per un approccio integrato finalizzate alla riduzione del consumo energetico, e più in generale al consumo di natura, combinando interventi urbanistici, sviluppo del verde urbano e miglioramento della qualità della vita; rafforzare gli indici di permeabilità del suolo così da salvaguardare la residua superficie ancora non urbanizzata;

21 aumentare in modo significativo gli incentivi economici (20% per le ristrutturazioni, 10% per le nuove costruzioni) affinché siano una leva concreta per un rilancio del settore ed unopportunità per lo sviluppo del territorio e la creazione di nuova occupazione; premiare anche il raggiungimento della classe energetica B globale per le nuove costruzioni, mentre per le ristrutturazioni il raggiungimento almeno della classe D globale vincolata agli effettivi risparmi energetico-ambientali conseguiti; INDICAZIONI FINALI DEL GRUPPO DI LAVORO

22 riconoscere un peso maggiore (in termini %) al raggiungimento di requisiti migliorativi di sostenibilità ambientale rispetto alla classe energetica; prevedere lintroduzione di una targa di sostenibilità ad hoc da esporre all'esterno delledificio; estendere le norme del Regolamento agli edifici pubblici. INDICAZIONI FINALI DEL GRUPPO DI LAVORO

23 Settore Ambiente - Comune di Padova Ufficio Agenda 21 via dei salici, Padova Tel Fax CONTATTI


Scaricare ppt "Il regolamento di sostenibilità energetica: il risultato del percorso partecipato di PadovA21 GT Regolamento di Sostenibilità Energetica Daniela Luise."

Presentazioni simili


Annunci Google