La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rischio Biologico nella Colonscopia Meeting RING 2004 Bologna 3 Dicembre 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rischio Biologico nella Colonscopia Meeting RING 2004 Bologna 3 Dicembre 2004."— Transcript della presentazione:

1 Rischio Biologico nella Colonscopia Meeting RING 2004 Bologna 3 Dicembre 2004

2 Aspetti normativi Il Decreto legislativo 24 febbraio 1997 n 46 (attuazione della Direttiva 93/42/CEE concernente i dispositivi medici) Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico: qualsiasi strumento, apparecchio, impianto, sostanza o altro prodotto, utilizzato da solo o in combinazione, compreso il software informatico impiegato per il corretto funzionamento e destinato dal fabbricante ad essere impiegato nelluomo a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo, terapia ……………………………. Accessorio: Accessorio: prodotto che pur non essendo un dispositivo sia destinato in modo specifico dal fabbricante ad essere utilizzato con un dispositivo per consentirne lutilizzazione prevista dal fabbricante stesso

3 Aspetti normativi Gli Endoscopi,nonché gli accessori Gli Endoscopi,nonché gli accessori che vengono utilizzati per il funzionamento o a completamento degli stessi sono rispettivamente definiti, secondo il Decreto Legislativo 46/97, dispositivi medici e accessori di dispositivi medici. i dispositivi forniti allo stato sterile devono essere fabbricati e sterilizzati con un metodo convalidato e appropriato. Come definito allallegato 1, capitolo 2, paragrafo 8, comma 8.4 i dispositivi forniti allo stato sterile devono essere fabbricati e sterilizzati con un metodo convalidato e appropriato. La convalida prevede lapplicazione di procedure documentate che certifichino la validità (convalida) del processo di sterilizzazione.

4 Classificazione dei Presidi Medici 1.Critici 2.Semicritici 3.Non critici

5 Classificazione dei Presidi Medici 1.Critici 2.Semicritici 3.Non critici

6 Classificazione dei Presidi Medici 1.Critici : presidi che vengono a contatto con tessuti sterili o con il sistema vascolare e determinano un elevato rischio di infezione, se contaminati con qualsiasi microrganismo, comprese le spore. (aghi, impianti, cateteri cardiaci, strumenti chirurgici)

7 Classificazione dei Presidi Medici 1.Critici 2.Semicritici 3.Non critici

8 Classificazione dei Presidi Medici 1.Critici 2.Semicritici : oggetti che vengono in contatto con mucosa o cute non integra endoscopi (presidi per lassistenza respiratoria, per lanestesia, gli endoscopi)

9 Classificazione dei Presidi Medici 3. Non critici : dispositivi che vengono contatto con cute integra ma non con le mucose (padelle, oggetti per la tavola, biancheria)

10 Definizioni :Sterilizzazione LOMS definisce la sterilizzazione come la completa eliminazione, distruzione, inattivazione di batteri, virus e spore. metodi fisici chimico-gassosi La sterilizzazione avviene con metodi fisici: calore a secco, vapore saturo, radiazioni ionizzanti, micronde) o chimico-gassosi (gas plasma di perossido di idrogeno, ossido di etilene, formaldeide)

11 Definizione: disinfezione Processo che determina leliminazione della maggior parte dei microrganismi, con eccezione delle spore

12 Disinfezione 1.Alta disinfezione: distrugge tutti i microrganismi con eccezione di un elevato numero di spore 2.Disinfezione intermedia: inattiva il M. Tubercolosis, batteri, molti virus e miceti non le spore 3.Bassa disinfezione: distrugge molti batteri, alcuni virus, alcuni miceti, ma non le spore

13 Metodi di trattamento e sostanze chimiche compatibili Ogni ditta produttrice indica quali sono i sistemi di trattamento (disinfezione/sterilizzazione) e le sostanze chimiche comprese i detergenti che sono compatibili con gli strumenti di loro produzione ed i relativi accessori, come indicato dal DL46/97 all.1,punto13,punto 6 comma h

14 Processo di decontaminazione degli endoscopi Deve essere effettuato eseguendo una serie di manovre prestabilite e costanti. Questo permette di mantenere lefficienza dello strumento e prolungarne la durata e di favorire i processi di disinfezione e sterilizzazione

15 Processo di decontaminazione degli endoscopi Previa protezione con idonei dispositivi, loperatore effettuerà le seguenti fasi: prelavaggio verifica della tenuta degli strumenti detersione asciugatura alta disinfezione (automatica con lavaendoscopi) stoccaggio

16 Ruolo del personale infermieristico Linfermiere di endoscopia è responsabile di tutto il processo di detersione, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti endoscopici e degli accessori

17 Procedure di sicurezza programma per la comunicazione scritta del rischio valutazione del rischio ricognizione dei materiali pericolosi etichettatura di tutti i contenitori di sostanze pericolose addestramento degli operatori che deve includere spiegazioni sulla normativa, lidentificazione dei rischi e i loro effetti sulla salute

18 Rischio Biologico in Endoscopia Infezioni autologheInfezioni autologhe Infezioni crociateInfezioni crociate Infezioni da paziente a operatore e viceversaInfezioni da paziente a operatore e viceversa

19 Rischio Biologico in Endoscopia Infezioni autologheInfezioni autologhe dalla trasmissione di germi endogeni trasportati dal flusso ematico in corso di manovre endoscopiche

20 Rischio Biologico in Endoscopia DB Nelson Gastrointestinal Endoscopy 2003;57:

21 Rischio Biologico nella colonscopia La batteriemia La batteriemia è in genere transitoria e asintomatica Si associa a paziente immunocompromessi come soggetti con cirrosi epatica 2 casi di peritonite batterica dopo colonscopia in pazienti in dialisi peritoneale e 2 pazienti cirrotici con ascite. 1 caso di Meninigite da Listeria in soggetto con cirrosi 4 casi di sepsi di cui 2 cirrotici e 2 con CU. 8 casi di appendicopatia acuta 1 caso di endocardite 1 caso di gangrena di Fournier DB Nelson Gastrointestinal Endoscopy 2003;57:

22 Rischio Biologico in Endoscopia Fattori specifici di rischio per infezioniFattori specifici di rischio per infezioni I pazienti cirrotici presentano un rischio elevato di infezioni batteriche che viene attribuito alla alterata chemiotassi neutrofila, ai bassi livelli serici di complemento, alla disfunzione dei B - T linfociti, delle immunoglobuline e del sistema reticolo endoteliale. Esacerbato dallo shunt porto- sistemico.

23 Rischio Biologico in Endoscopia Infezioni crociate o esogeneInfezioni crociate o esogene trasmesse da paziente a paziente attraverso endoscopi non adeguatamente disinfettati

24 Rischio Biologico in Endoscopia DB Nelson Gastrointestinal Endoscopy 2003;57:

25 Rischio Biologico in Endoscopia DB Nelson Gastrointestinal Endoscopy 2003;57:

26 Rischio Biologico in Endoscopia In tutti i 317 casi di trasmissioni di infezioni da patogeni riportati sino al 2003 è stata dimostrata una violazione alle linee guida di disinfezione degli strumenti endoscopici che può essere riassunta: 1.Errori procedurali di lavaggio e disinfezione degli accessori 2.Insufficiente impiego di disinfettante o sua ridotta esposizione agli strumenti. 3.Contaminazione dei contenitori di acqua di irrigazione alle soluzioni. 4.Uso improprio della lavaendoscopi automatica, di modello inadeguato 5.Inadeguata asciugatura dei canali endoscopici( in particolare del canale elevatore dei duodenoscopi)

27 Rischio Biologico in Endoscopia Infezione da operatore a paziente e viceversaInfezione da operatore a paziente e viceversa Non sono riportati in letteratura casi di trasmissioni di infezione da operatore a paziente per mancanza di un contatto diretto. esiste invece un potenziale rischio maggiore di infezione da paziente ad operatore

28 Rischio Biologico in Endoscopia Infezione da paziente a operatoreInfezione da paziente a operatoreRischi contaminazione della cute, punture, schizzi di materiale organico sulle mucose (occhi e bocca). durante la fase di inserzione dellago per la sedazione e durante la pulizia degli strumenti e degli accessori.

29 Rischio Biologico in Endoscopia Infezione da operatore a paziente Protezione Formazione degli operatori ed adozione delle precauzioni generali definite dai Centri di Controllo e Prevenzione delle Malattie e recepito anche dalla normativa italiana con DL626/1994 integrate dal DL 242/1996

30 Rischio Biologico in Endoscopia : Linee guida

31

32 Conclusioni

33 Conclusioni 1

34 Conclusioni 2

35 Rischio Biologico in Endoscopia

36 RING 2005 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Rischio Biologico nella Colonscopia Meeting RING 2004 Bologna 3 Dicembre 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google