La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le chiavi della competenza. I compiti significativi nella continuità tra gli ordini di scuola Maria Renata Zanchin Vicenza Rete Provinciale delle Competenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le chiavi della competenza. I compiti significativi nella continuità tra gli ordini di scuola Maria Renata Zanchin Vicenza Rete Provinciale delle Competenze."— Transcript della presentazione:

1 Le chiavi della competenza. I compiti significativi nella continuità tra gli ordini di scuola Maria Renata Zanchin Vicenza Rete Provinciale delle Competenze Giovedì 16 febbraio 2012

2 Molti paesi dellEuropa e del mondo stanno procedendo a modificare i paradigmi delleducazione

3 Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 Listruzione e la formazione iniziali offrano a tutti i giovani gli strumenti per sviluppare le COMPETENZE CHIAVE a un livello tale che li preparino per la vita adulta e costituiscano la base per ulteriori occasioni di apprendimento, come pure per la vita lavorativa Le competenze chiave sono il risultato che si può conseguire, allinterno di un unico processo di insegnamento/apprendimento, attraverso la reciproca integrazione e interdipendenza tra i saperi e le competenze contenute negli assi/aree culturali

4 4 IMPARARE A IMPARARE SPIRITO DI INIZIATIVA E INTRAPRENDENZA LA TRAMADELLE COMPETENZE (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del (2006/962/CE) e DECRETO , n. 139 per innalzamento dellobbligo di istruzione) COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Risolvere problemi Acquisire e interpretare linformazione Agire in modo autonomo e responsabile Ideare e progettare Individuare collegamenti e relazioni Collaborare e partecipare Comunicare COMUNICARE NELLA MADRELINGUA COMUNICARE NELLE LINGUE STRANIERE CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALI COMPETENZA DIGITALE COMPETENZA MATEMATICA E IN SCIENZA E TECNOLOGIA

5 Per promuovere, valutare e certificare le competenze occorre superare la suddivisione tra le discipline, aggregandole per assi culturali o per competenze chiave. In questa tabella vengono comparate le aggregazioni trovandone i punti di contatto Competenze chiave per lapprendimento permanente (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio dicembre 2006) Competenze chiave per la cittadinanza (DM 139, 22 agosto 2007) Assi culturali (DM 139, 22 agosto 2007) Comunicare nella madrelingua Comunicare Asse dei linguaggi Comunicare nelle lingue straniere Competenza digitale Asse scientifico- tecnologico Competenze di scienza e tecnologia Competenze matematiche Asse matematico Competenze sociali e civiche Collaborare e partecipare Asse storico Agire in modo autonomo e responsabile Consapevolezza ed espressione culturale Imparare a imparare Acquisire e interpretare linformazione Individuare collegamenti e relazioni Spirito di iniziativa e intraprendenza Ideare e progettare Risolvere problemi

6 Lalbero delle competenze chiave e di asse favorisce la continuità tra gli ordini di scuola perché mostra la meta cui guardare….

7 Abilità cl.V Primaria cl.III SS1°G cl.II SS2°G Conoscenze …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… …………………………… ……………………………. E così via …. Comunicazione nella madrelingua ComunicareAsse dei linguaggi Comunicazione nelle lingua straniere

8 Per promuovere le competenze chiave occorre progettare compiti significativi o compiti- prodotto o compiti- problema capaci di integrare più discipline 8 che coinvolgono gli studenti nellelaborazione di un progetto anche socialmente utile, nella soluzione di un problema, nella partecipazione a un concorso… Cfr. Linee guida della Rete Veneta Competenze In

9 Si tratta di prodotti ed esperienze di cui possono andare orgogliosi, dotati di un valore sociale, che vengono comunicati al di fuori del contesto della classe e della scuola per essere condivisi con altre persone

10 … e per la cui realizzazione si mobilitino le conoscenze e le abilità già acquisite e quelle ancora da acquisire

11 consentendo di rielaborare le conoscenze curricolari attualizzandole rispetto al presente

12 I compiti significativi sono coerenti allo spostamento del baricentro dallinsegnamento all apprendimento e cioè nellattenzione all allievo inteso come risorsa dellistituzione scolastica 12

13 Risultati di apprendimento (competenze, abilità, conoscenze) RUBRICHE PERCORSO PER UdA Strumenti di valutazione formativa in itinere Strumenti di valutazione sommativa finale Percorso formativo curricolare / Piani di Studi Selezione dei saperi essenziali elaborato da Mc Tighe J. E Wiggins G., Fare progettazione. La pratica di un percorso didattico per la comprensione significativa, LAS – Roma, 2004 Il processo di progettazione a ritroso valorizzazione dei saperi informali GRIGLIA DI VALUTAZIONE UNITARIA PROVA ESPERTA DOCUMENTAZIONE E TRACCIABILITÀ DEL PROFILO DELLO STUDENTE CERTIFICAZIONE Raccomandazione Parlamento Europeo e Consiglio

14 Accerta la competenza dello studente come capacità di fronteggiare e risolvere un compito/ problema che presenta elementi di novità LA PROVA ESPERTA mobilitando risorse personali (abilità, conoscenze e atteggiamenti) già acquisite e da acquisire nella situazione stessa…..

15 viene proposta nellimminenza del momento certificativo, UdA 1 UdA 2 UdA 3 PROVA ESPERTA «tira le fila» di più UdL o comunque di compiti significativi diversi non è un loro duplicato né una semplice applicazione di quanto esperito/appreso propone una situazione sostenibilmente sfidante Certificazione ha carattere sommativo

16 ha fulcro in una domanda/compito aperto concreto e problematico (step C) intorno alla quale si aggregano: STEP C Vvvvvvvvvvvvvv v spunti di riflessione- ricostruzione un momento di confronto in gruppo domande che saggiano abilità e conoscenze allinterno di step linguistici o matematico- scientifici….

17 di conseguenza si compone di più STEP Nota: il format presentato nelle slide seguenti è stato pensato per il secondo biennio e in prospettiva ampiamente integrata. Per il primo biennio e nella prospettiva di asse, gli step possono essere ridotti/semplificati

18 18 STEP ORE ATTIVITÀ COMPITO SIGNIFICATIVO E PRODOTTO PESO INDI CAT DIMENSIONI INTELLIGENZ A A2 Di gruppo (in alternativa a quella finale) Problem setting (brain storming e discussione di riscaldamento sulla tematica della prova), con produzione di un verbale 10% Relazionale- affettivo- motivazionale Cognitiva B1B2B1B2 B1B2B1B2 4 Individuale con focus linguistico- culturale Individuale con focus matematico Comprensione con risposta a domande e/o produzione di un testo Compito di tipo matematico collegato al prodotto (es. piano di ammortamento; calcoli strutturali; calcolo costi, ecc.) 22% 23% Cognitiva Culturale Linguistico- multimediale Matematica CC4Individuale con focus pratico- produttivo- di problem solving Progettazione/realizzazione/collau do di un prodotto o soluzione di un problema concreto o studio di caso 30%Pratica Del problem solving Tecnica Matematica

19 19 DD2 Individuale Con focus riflessivo Ricostruzione-giustificazione15% Della metacompetenza A2 Di gruppo (in alternativa a quella iniziale) Debriefing oppure Sviluppo critico di un elemento problematico relativo al prodotto, con produzione di un verbale 10% Relazionale- affettivo- motivazionale Metacognitiva EIndividualeDomanda di eccellenzalodeLinguistica e inferenziale Della metacompetenza Del problem solving

20 20

21 AUTENTICITA verifica non solo ciò che uno studente sa, ma ciò che sa fare con ciò che sa ed è fondata su una prestazione reale e adeguata dellapprendimento ATTENDIBILITA presenza di almeno un prodotto reale, significativo e adeguato svolto personalmente dal destinatario Lapproccio valutativo PLURIDIMENSIONALITA attivazione di criteri basati su pi ù dimensioni dell intelligenza/competenze chiave e conseguentemente su una variet à di strumenti di tipo quali-quantitativo INTERSOGGETTIVITA condivisione tra i diversi attori, in primo luogo docenti e allievi, di evidenze/criteri organizzati in rubriche e griglie di descrizione dei risultati di apprendimento

22 proviene dalla parola latina RUBER che si riferisce alluso della terra rossa (successivamente inchiostro rosso) per segnare qualcosa di significativo. Oggi manteniamo lo spirito del termine: Le EVIDENZE / criteri di una rubrica comunicano le importanti qualità di un prodotto, di un processo, di una prestazione. Il TERMINE RUBRICA

23 EVIDENZE Evidenziano le prestazioni e gli atteggiamenti necessari per dichiarare che una persona è competente. Hanno scopo valutativo e certificativo : vengono sgranate in livelli-standard 23

24 Valutazione Intersoggettiva (M.Pellerey) Rendono possibile la condivisione tra i diversi attori, in primo luogo docenti e allievi, di evidenze/criteri di descrizione dei risultati di apprendimento esprimono il sistema di attese, implicito od esplicito, del contesto sociale (docenti, genitori, allievi, altri docenti degli ordini di scuola successivi, rappresentanti del mondo professionale o della comunità sociale) in rapporto alla capacità del soggetto di rispondere adeguatamente al compito e dei conseguenti giudizi che vengono espressi in merito alla sua prestazione Le rubriche sono lo strumento per eccellenza della


Scaricare ppt "Le chiavi della competenza. I compiti significativi nella continuità tra gli ordini di scuola Maria Renata Zanchin Vicenza Rete Provinciale delle Competenze."

Presentazioni simili


Annunci Google