La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE RISERVE CLASSE IV ITC. 2 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Parlando di destinazione dellutile desercizio abbiamo visto che una parte di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE RISERVE CLASSE IV ITC. 2 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Parlando di destinazione dellutile desercizio abbiamo visto che una parte di."— Transcript della presentazione:

1 LE RISERVE CLASSE IV ITC

2 2 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Parlando di destinazione dellutile desercizio abbiamo visto che una parte di esso può essere risparmiata, alimentando in tal modo la formazione di una o più riserve. Le riserve costituiscono un risparmio di utili che potenzia il capitale proprio dellimpresa e, se non vengono utilizzate somme di denaro per ridurre i suoi debiti, potenzia anche il capitale complessivo di cui essa può disporre per le produzioni future. Se le riserve hanno per effetto di potenziare il capitale proprio dellimpresa, non è detto però che lo scopo della loro costituzione sia sempre quello di raggiungere tale effetto. Lo scopo di certe riserve, quelle occulte ad esempio, può essere diverso.

3 3 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Daltra parte, il potenziamento del capitale proprio attraverso la costituzione di riserve può servire a raggiungere vari scopi particolari, quali il rinnovo di più costosi investimenti produttivi, lampliamento delle dimensioni aziendali, la riduzione di debiti, la salvaguardia dellintegrità del capitale contro possibili perdite, la stabilizzazione degli utili distribuiti. Poiché laumento del capitale proprio conseguente alla formazione di riserve si produce nellambito delleconomia dellimpresa, si parla anche di autofinanziamento dellimpresa. Questo termine indica il processo di risparmio, ovvero di reinvestimento di redditi che si attua nellimpresa attraverso la costituzione di riserve.

4 4 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Lautofinanziamento costituisce lunica fonte interna di finanziamento, la quale si distingue dalle fonti esterne di finanziamento dellimpresa, cioè dai finanziamenti da essa ottenuti ricorrendo vuoi al credito di banche, fornitori, clienti e risparmiatori, vuoi ad apporti di capitale proprio da parte dellimprenditore o dei soci.

5 5 La natura astratta delle riserve Quando si afferma che le riserve costituiscono una delle forme di finanziamento dellimpresa, non si deve supporre che limpresa venga ad avere a sua disposizione capitali liquidi (denaro o crediti di pronto e sicuro realizzo), corrispondenti allammontare delle riserve costituite. Tanto meno si deve supporre che determinate somme di denaro o altri beni (titoli) di valore corrispondente allimporto delle riserve siano distolti dagli investimenti caratteristici della produzione dellimpresa per essere conservati in qualche scrigno, in attesa di essere utilizzati. Riflettiamo un momento, non è difficile liberarsi da queste idee.

6 6 La natura astratta delle riserve Giova in primo luogo osservare che anche le forme di finanziamento esterno dellimpresa non consistono tutte nel mettere a disposizione capitali sotto forma monetaria o di crediti prontamente realizzabili. Si pensi agli apporti in natura di capitale proprio ed al credito di fornitura. Perciò il termine di finanziamento, in senso lato, denota una provvista di capitale, qualunque forma essa assuma. Ora, la costituzione di riserve, risolvendosi in un minor prelevamento del reddito conseguito, evita allimpresa unuscita di denaro e consente ad essa di acquisire, più o meno durevolmente, una parte del maggior capitale corrispondente a quel reddito, di consolidare, dunque, un autofinanziamento già avutosi.

7 7 La natura astratta delle riserve Le riserve, dunque, il più delle volte non si materializzano in somme di denaro o in specifici beni del patrimonio dellimpresa, né allatto della loro costituzione, né in un tempo successivo. Allo stesso modo del reddito da cui traggono origine e, più in generale, del patrimonio netto di cui fanno parte, esse costituiscono valori astratti, diffusi nei valori attivi che compongono il capitale dellimpresa. In effetti, se consideriamo un qualunque stato patrimoniale, sia limporto di ogni singola riserva, sia il loro importo totale, sia lutile desercizio, non corrispondono né ai valori delle attività liquide, né a quelli di altre specifiche attività.

8 8 Riserve proprie e improprie In senso proprio le riserve sono parti ideali di patrimonio netto. Esse scaturiscono dalla differenza tra il patrimonio netto e il valore nominale del capitale sociale. Esistono tuttavia delle riserve in senso improprio che non sono parti ideali di patrimonio netto. Esse sono istituite per far fronte a rischi specifici, legati a particolari operazioni o avvenimenti (ad esempio per far fronte a rischi per imposte). Si tratta di fondi alimentati da accantonamenti effettuati in sede di scritture di assestamento, prima della definizione del risultato economico desercizio. Sono quindi accantonamenti di utili lordi e i conti a essi intestati sono di natura finanziaria. La definizione di riserva è pertanto tecnicamente impropria.

9 9 Scopi delle riserve proprie Gli scopi assegnati alla costituzione delle riserve propriamente dette sono in primo luogo riconducibili: alla salvaguardia dellintegrità del capitale sociale dalle eventuali perdite desercizio; allautofinanziamento. Tuttavia, in alcuni casi, nel rispetto dei vincoli imposti dalla legge, le riserve possono essere distribuite tra i soci a sostegno dei dividendi negli anni in cui la redditività conseguita dallimpresa non è ritenuta soddisfacente.

10 10 Riepilogando…. Accantonamento di quote di utili nelle riserve Copertura di perditaAutofinanziamento Sostegno dei dividendi

11 11 Classificazione delle riserve CRITERICLASSIFICAZIONE Origine Riserve di utili, alimentate da utili conseguiti e non distribuiti. Riserve di capitale, costituite con versamenti dei soci a titolo di sopraprezzo, di conguaglio utili in corso o a seguito di versamenti in conto capitale. Riserve di rivalutazione, sorgono quando determinati beni dellattivo vengono valutati a un prezzo superiore al costo e accolgono, in contropartita, detto maggior valore. Nella nostra legislazione, le rivalutazioni si distinguono in: rivalutazioni monetarie (consentite da specifiche leggi per adeguare i valori di alcune attività dopo periodi di elevata inflazione); rivalutazioni economiche (si effettuano in casi eccezionali quando, per fornire uninformazione veritiera e corretta, gli amministratori derogano alle norme di valutazione stabilite dal codice civile, dandone le opportune motivazioni nella Nota integrativa e iscrivono gli eventuali maggiori valori derivanti dalla deroga in una riserva non distribuibile).

12 12 Classificazione delle riserve CRITERICLASSIFICAZIONE Investimento Riserve a investimento generico: in quanto parti ideali del patrimonio netto sono investite in modo diffuso nel complesso delle attività. Riserve a investimento specifico: in corrispondenza di particolari riserve, si possono identificare nellattivo specifiche poste (ad esempio la riserva azioni proprie a cui corrispondono le azioni sociali in portafoglio). Indicazione in bilancio Riserve palesi: sono esplicitamente iscritte in bilancio tra le parti ideali del patrimonio netto e corrispondono alla differenza positiva tra il capitale proprio (esclusi gli utili e le perdite desercizio) e il capitale sociale risultante dalla situazione patrimoniale. Riserve occulte: non sono esposte in bilancio. Rappresentano una ricchezza nascosta che deriva da sottovalutazioni di attività e/o sopravvalutazioni di passività. Spesso derivano dal tentativo di occultare utili nei confronti di soggetti interessati al bilancio (soci di minoranza, uffici fiscali, personale dipendente, ecc.). In tal caso il bilancio, oltre a non risultare attendibile, non rispecchia il principio della neutralità né quello della rappresentazione veritiera e corretta.

13 13 Classificazione delle riserve CRITERICLASSIFICAZIONE Possibilità di utilizzo Riserve disponibili: sono riserve non obbligatorie che possono essere liberamente utilizzate portandole in aumento del capitale sociale. È una riserva disponibile per esempio la riserva soprapprezzo azioni, a condizione che la riserva legale abbia raggiunto il 20% del capitale sociale. Riserve distribuibili: sono le riserve liberamente utilizzabili per erogare utili o dividendi ai soci. È per esempio distribuibile la riserva straordinaria, purchè in bilancio non siano presenti costi dimpianto e di ampliamento, di ricerca, sviluppo e pubblicità non ancora ammortizzati. Riserve indisponibili: sono vincolate dalla legge o dallo statuto (come per esempio la riserva legale e quella statutaria). Non possono essere liberamente utilizzate, se non a determinate condizioni e per gli scopi per i quali sono state costituite (per esempio la riserva azioni proprie è indisponibile fino a quando le azioni sociali permangono nel portafoglio dellimpresa).

14 BIBLIOGRAFIA 14 Astolfi, Rascioni & Ricci Entriamo in azienda 2 Forme e strutture aziendali Tomo 1 Edizione Tramontana Albezzano G. Le riserve appunti di economia aziendale 1996

15 15 FINE rron, rron …riserve autofinanziamento, …rron rron....occulte…rrron utile.. rronn


Scaricare ppt "LE RISERVE CLASSE IV ITC. 2 Il concetto di riserva e di autofinanziamento Parlando di destinazione dellutile desercizio abbiamo visto che una parte di."

Presentazioni simili


Annunci Google