La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Leconomia come disciplina autonoma Nasce nel Settecento Una disciplina giovane Economia - Introduzione Unidea per risolverlo: I Fisiocratici Adam Smith.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Leconomia come disciplina autonoma Nasce nel Settecento Una disciplina giovane Economia - Introduzione Unidea per risolverlo: I Fisiocratici Adam Smith."— Transcript della presentazione:

1 1 Leconomia come disciplina autonoma Nasce nel Settecento Una disciplina giovane Economia - Introduzione Unidea per risolverlo: I Fisiocratici Adam Smith (1776) Capitalismo e proletariato La popolazione Le città Un problema: la povertà di massa Una delle grandi domande di tutta la storia del pensiero economico: esiste la mano invisibile? il mer- cato come mano invisibile Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

2 2 Economia politica Oggi si preferiscono altre espressioni: Qualunque termine usiamo, cè bisogno di una definizione E non è una cosa facile scienza economica teoria economica semplicemente economia (Economics – allinglese) è unespressione vecchia Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

3 3 Una definizione Proviamo con un elenco? Ecco degli argomenti sicuramente rilevanti: lavoro, imprese, produzione; consumatori, risparmiatori; acquisti, vendite, merci, prezzi; mercato, concorrenza, monopolio; disoccupazione, inflazione; spesa pubblica, tasse, debito pubblico, pensioni; moneta, euro, dollaro; azioni, borsa; recessione, espansione, sviluppo e sottosviluppo; multinazionali, globalizzazione; ecc. Sembra convincente però non va bene Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

4 4 Perché lelenco non va Sono argomenti di cui non si occupa solo la scienza economica Cosa hanno in comune gli argomenti dellelenco? Qual è il metodo con cui li studia? Qual è il punto di vista da cui li guarda leconomista? Tre domande: Se ne occupano anche: i sociologi; gli aziendalisti; i giuristi; i sindacati; i partiti politici; il governo; le istituzioni (locali, nazionali, internazionali); ecc. Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

5 5 Una parola-chiave: scarsità Definizione provvisoria: leconomia studia i problemi che hanno a che fare con la scarsità Cosa vuol dire scarsità? Una cosa è scarsa se si verificano due circostanze: 1) qualcuno la vuole (gli serve, la desidera, gli è utile); 2) non ce ne è abbastanza per tutti. SINTETIZZANDO : una cosa è scarsa – è un bene economico – quando non è disponibile in quantità sufficiente rispetto al fabbisogno; la scarsità è una proprietà relativa dei beni. Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

6 6 Implicazioni della scarsità Le cose scarse suscitano immediatamente un interesse economico: ha senso appropriarsene; ha senso pagare per averle, ossia comprarle; ha senso (ove possibile) produrle, e venderle. Le cose scarse diventano oggetto di attività economica Solo le cose scarse hanno un valore (un prezzo) Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

7 Risorse e Ricchezza Il possesso di una cosa scarsa consente diverse possibilità: consumo (suo utilizzo per soddisfare un bisogno); scambio (vendita per acquistare altro); impiego come mezzo di produzione. Le cose scarse sono risorse Una risorsa è appunto ogni mezzo scarso impiegabile per scopi alternativi. Linsieme delle risorse di un soggetto costituisce la sua ricchezza. 7 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

8 La definizione di Robbins Leconomia studia i problemi che hanno a che fare con lutilizzo di mezzi scarsi suscettibili di impieghi alternativi. Quali sono questi problemi? Sono tantissimi, ma rientrano tutti in due categorie principali: I problemi di scelta I problemi di coordinamento 8 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

9 Punto di vista e metodo Leconomia studia problemi di scelta e di coordi- namento ponendo laccento non sul caso specifico ma sulla dimensione generale dei problemi. Tre caratteristiche del metodo della teoria economica: La rappresentazione con modelli Lipotesi di razionalità Lipotesi di equilibrio 9 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

10 Che cosa è un modello? È una rappresentazione semplificata (e stilizzata) del pezzo di realtà che si vuole studiare. Ci sono tanti modi per fare un modello: descrizione verbale (a parole) descrizione con grafici rappresentazione formale (matematica) Un modello elimina tutti i particolari che vengono giudicati non importanti in modo da mettere a fuoco lessenziale 10 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

11 La razionalità Un soggetto prende una decisione (economica) in modo razionale se: (b) formula una graduatoria completa e coerente delle alternative sulla base delle sue preferenze; (c) sceglie lalternativa (tra quelle realizzabili) più alta in graduatoria. (a) prende in considerazione tutte le alternative possibili (e solo quelle); Lipotesi di razionalità presenta alcuni aspetti problematici, ma è utile. 11 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

12 Equilibrio (b) le scelte dei vari soggetti coinvolti sono compatibili tra loro (cond. oggettiva); (a) ciascun soggetto economico non ha motivo di cambiare la propria scelta (cond. soggettiva); Come la razionalità, anche lequilibrio non è una caratteristica della realtà, ma è una ipotesi che serve per costruire i modelli economici. Lipotesi di razionalità è rilevante soprattutto per i problemi di scelta; quella di equilibrio per i problemi di coordinamento. Un sistema economico è in equilibrio quando sono soddisfatte due condizioni: 12 Economia - Introduzione Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

13 13 Il problema del consumatore Situazione semplificata (modello!): una somma di denaro data (200 euro) va spesa (tutta) nellacquisto di due beni, libri (1) e dischi (2) i cui prezzi sono dati (rispettivamente 10 e 20 euro). Come viene distribuita la somma? modello Il modello della scelta del consumatore Notare quante semplificazioni sono state fatte: denaro e prezzi sono dati; la somma va spesa tutta; solo due beni. Hanno lo scopo di semplificare il modello mettendo a fuoco il problema: Applichiamo quel che abbiamo imparato a un particolare (ma importante) problema di scelta. Costruiamo Come viene effettuata la scelta? Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

14 Le possibilità di scelta Come può essere spesa la somma di denaro? PRIMO PASSO : dobbiamo definire Linsieme delle alternative possibili Per risolvere il problema applichiamo lipotesi di razionalità 1. Comprando solo libri : indichiamo il numero di libri col simbolo y 1 ; otteniamo y 1 = 200/10 = Comprando solo dischi : indichiamo il numero di dischi col simbolo y 2 ; otteniamo y 2 = 200/20 = Comprando un po di libri e un po di dischi. I casi 1 ( y 1 = 20 e y 2 = 0) e 2 ( y 1 = 0 e y 2 = 10) rap- presentano le situazioni limite. Come possiamo rappresentare i casi intermedi? 14 Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

15 15 Il vincolo di bilancio 1) si fissa la quantità di un bene (non superiore a quella massi- ma); 2) si calcola la spesa corrispondente; 3) si ottiene la spesa per laltro bene per differenza; 4) se ne calcola la quantità. Calcolare un singolo caso intermedio è facile: ESEMPIO : quanti dischi si possono acquistare se si com- prano 6 libri? Il costo di 6 libri è 10 ; restano di- sponibili 140 euro, con cui si possono comprare 140/20 = 7 dischi; la risposta è perciò y 1 = 6 e y 2 = 7. Cè una formula generale per calcolare tutti i casi? Sì. È questa: 10 y 1 20 y 2 OVVERO : la spesa per i libri più quella per i dischi non può superare la somma disponibile per la spesa Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

16 Il vincolo di bilancio (segue) Dove ciascuna componente della spesa è data dalla quantità acquistata moltiplicata per il suo prezzo Spesa = Reddito Per questo la formula viene chiamata Vincolo di bilancio Spesa Reddito La formula che abbiamo scritto ha due addendi al primo membro: prezzo dei libri (dato) per quantità di libri acquistata (variabile) più prezzo dei dischi (dato) per quantità di dischi acquistata (variabile). Il totale dà appunto la Spesa. Al secondo membro abbiamo la somma disponibile (data). Dora in poi la chiameremo Reddito (per fare prima). Il significato della formula è perciò: 16 Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

17 Il vincolo di bilancio (segue ancora) Applicando questa formula si ottiene subito il valore di y 2 che può essere acquistato per ogni dato valore di y 1 rispettando il vincolo di bilancio La formula del vincolo di bilancio può essere letta come unequazione con due variabili, ossia le due quantità y 1 e y 2. Se si fissa il valore di una variabile (per esempio y 1 ), la formula permette di trovare il valore dellaltra (ossia y 2 ). Diventa una normale equazione con una incognita (appunto y 2 ) che può essere facilmente risolta con i metodi imparati a scuola. Controllare che la soluzione è y 2 = 6 )(per es. quando y 1 = 8, la formula dà 17 Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

18 18 Il vincolo di bilancio (una formulazione più generale) Nelle formule del vincolo di bilancio compaiono due varia- bili, le quantità dei beni y 1 e y 2, e tre dati, i due prezzi e il red- dito. Tutto quel che abbiamo detto finora può essere ripetuto anche quando i tre dati sono diversi (cambiano i risultati nu- merici ma non il modo con cui vengono ottenuti). Riscriviamo le formule in termini generali usiamo i simboli p 1 e p 2 per i prezzi e il simbolo M per il reddito Formula implicitaFormula esplicita Economia - Consumatore Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

19 La retta del bilancio Sappiamo che per rappresentare i modelli si possono usare anche i grafici. Facciamo il grafico del vincolo di bilancio con i numeri dellesempio precedente: B y2y2 y1y A C PANIERI: A = (6 ; 10) B = (11 ; 3) C = (6 ; 7) I panieri che si ricavano dalla formula si allineano sulla retta Economia - Consumatore Ogni pallino verde rappresenta un PANIERE 20 Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano

20 è del tipo: La formula del vincolo di bilancio,, 20 Un po di matematica: Lequazione della retta Economia - Matematica y x 0 Equazione di una retta: a termine noto b coefficiente angolare a a misura lintercetta : b misura linclinazio- ne : b > b b < 0 b a > a un valore più grande sposta la retta in alto (parallela) un valore più grande ruota la retta verso lalto (più ripi- da); se b < 0, la retta è decrescente Corso di economia politica - lezioni del prof. Giorgio Rodano


Scaricare ppt "1 Leconomia come disciplina autonoma Nasce nel Settecento Una disciplina giovane Economia - Introduzione Unidea per risolverlo: I Fisiocratici Adam Smith."

Presentazioni simili


Annunci Google