La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL METODO STORICO-CLINICO IN PSICOLOGIA Marco CASTIGLIONI Università di Milano - Bicocca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL METODO STORICO-CLINICO IN PSICOLOGIA Marco CASTIGLIONI Università di Milano - Bicocca."— Transcript della presentazione:

1 IL METODO STORICO-CLINICO IN PSICOLOGIA Marco CASTIGLIONI Università di Milano - Bicocca

2 Il problema della validità scientifica dei resoconti soggettivi in prima persona è antico quanto la psicologia (cfr. polemica behaviorista contro il metodo dellintrospezione di Wundt) Paradosso: la psicologia (per lo meno quella clinica), che dovrebbe occuparsi della soggettività umana sembra da sempre influenzata da un ideale epistemologico che induce a trascurare la dimensione soggettiva a favore di forme (più o meno radicali) di oggettività scientifica Filo rosso che collega la black-box agli attuali evidence based approach : tentativo di escludere tutti quegli aspetti non suscettibili di rilevazione empirica secondo gli standard delle scienze naturali. Classico dilemma sullo statuto epistemologico della psicologia: scienza umana o scienza naturale? 1. Statuto epistemologico del metodo storico-clinico

3 Metodo storico-clinico (Battacchi, 1987): modalità di conoscenza basata sulla relazione interpersonale e sulla condivisione di vissuti e significati. La prospettiva in prima persona è modalità per attribuire senso a se stessi e al mondo. Essa è per definizione privata e in quanto tale non è intersoggettivamente verificabile Il metodo clinico è una modalità privilegiata di accesso allesperienza in prima persona, attraverso resoconti (racconti) dellaltro (seconda persona) Problema Problema Il metodo clinico è tacciato di essere inadeguato e scarsamente scientifico in quanto mera estensione del senso comune; Tuttavia esso è ineludibile non solo per la psicologia, ma per tutte le scienze cliniche (es. medicina).

4 Aneddotica di senso comune sulla medicina A cena in casa di amici, una brillante cardiologa racconta alquanto esasperata la sua faticosa giornata di lavoro. In particolare ce lha con la moglie di un suo paziente infartuato, la quale pretende sempre di saperne un po di più di suo marito e si sostituisce a lui nel rispondere alle domande del medico. Allora oggi – racconta infervorata la cardiologa - a quella tizia ho detto: Senta signora, lasci parlare suo marito! Se lui non mi dice cosa sente, io non posso capire che cosha! La sensazione soggettiva del paziente è una parte integrante della diagnosi cardiologica.

5 In quanto scienziato sperimentale, era – ed è tuttora – mia ferma convinzione che il resoconto che una persona fa di unesperienza consapevole debba essere considerata come una evidenza di capitale importanza […] I filosofi hanno chiamato qualia le esperienze sensoriali come il dolore, i colori, le armonie, gli odori. Esperienze di questo genere rappresentano fenomeni non spiegabili con la natura fisica degli stimoli che li producono o con le corrispondenti attività neurali, il che crea difficoltà alle teorie materialistiche sulle esperienze coscienti. A mio modo di vedere non vi sono ragioni per considerare questi qualia come un problema fondamentalmente differente da quello di altri generi di consapevolezza: le teorie materialistiche non riescono a spiegare neanche tutti gli altri generi di consapevolezza (Libet, 2007, passim, trad. it. pp ; primo corsivo aggiunto). Dal senso comune alla (filosofia della) scienza …

6 Il garantire unesperienza fenomenica agli altri è la sola possibilità che abbiamo di imparare indirettamente qualcosa sulla coscienza quando studiamo le conseguenze dei danni cerebrali (Bisiach, 1992, p. 115). Lutilizzo dei resoconti soggettivi pone sicuramente dei problemi metodologici, ma, se attraverso di essi si ottiene una presa sul significato dei contenuti dellesperienza cosciente, gli scienziati dovranno accettare di estendere il paradigma della scienza oltre i limiti imposti dalla fisica tradizionale (Berti, 2010, p. 24, corsivo aggiunto). … e alla neuroscienza

7 METODO STORICO – CLINICO METODO STORICO – CLINICO (Battacchi, 1987) Vale anche per le scienze storiche Assume forma narrativa (Ri)costruzione di unintrigo Raccontare è spiegare (Ricoeur, 1983) Vale per varie scienze cliniche (non solo per la psicologia) È una modalità di conoscenza, non solo dintervento

8 Confronto tra metodi in psicologia Confronto tra metodi in psicologia (Battacchi, 1987) METODO SPERIMENTALE Psicologia come scienza naturale in terza persona rigore, oggettività, esattezza, controllabilità, ripetibilità Approccio quantitativo, misurazione Neutralizzazione del rapporto tra osservatore e osservato Soggettività è elemento spurio, fonte di disturbo METODO CLINICO Psicologia come scienza umana in prima persona pregnanza semantica e sensatezza… Approccio olistico- qualitativo Coinvolgimento e insieme distanziamento dellosservatore nella relazione con losservato Soggettività è insieme oggetto e fonte di conoscenza

9 Confronto tra metodi in psicologia Confronto tra metodi in psicologia (Battacchi, 1987) METODO SPERIMENTALE Assunto antropologico: Uomo-macchina neutralizzazione degli aspetti soggettivi in una prospettiva a-contestuale (laboratorio) Probl: validità ecologica ? Carattere nomologico Spiegazione causale Riferimento a leggi o a forme di regolarità generale Alto valore previsionale Si oppone al senso comune METODO CLINICO Assunto antropologico: Uomo costruttore di significato (sé/ mondo) e comunicatore Componenti epistemiche, intenzionali, emotive dellagire umano in riferimento a un contesto Carattere idiografico Comprensione storico-clinica Doppia interpretazione Modelli narrativi e teleologici (spiegazioni miste o quasi causali) Basso valore previsionale (spiegazioni retrospettive) Estensione del senso comune

10 Teoria dei due tipi di pensiero (Bruner 1986, 1990) PENSIERO LOGICO- SCIENTIFICO Nomotetico mira a rinvenire leggi Criteri di validità: falsificazione (esperimento scientifico) Verità A-contestuale PENSIERO NARRATIVO Idiografico mira a costruire storie Criteri di validità: coerenza, persuasione Verosimiglianza (funzione pragmatica) Contestuale

11 Ricerca sperimentale ed elaborazione clinica costituiscono due livelli che debbano interagire, ma luno non può sostituire laltro, né proporsi gli stessi obiettivi. metodologicoautoriflessivo Due opposti rischi di ripiegamento nella ricerca in psicologia clinica: metodologico e autoriflessivo La preoccupazione metodologica, se diventa esclusiva, specialmente in un campo come la psicologia clinica e la psicoterapia, annienta il proprio oggetto. Ma anche le nuove consapevolezze sul ruolo dellosservatore possono dilatare la coscienza autoriflessiva dei terapeuti fino a far perdere loro il proprio oggetto (Ugazio, 1998, p.14). Rischi di assolutizzazione di un solo metodo Rischi di assolutizzazione di un solo metodo (Ugazio, 1998)

12 Ma il problema dei problemi è quello di trovare un accettabile punto di equilibrio epistemologico tra un metodo sperimentale, rigoroso ma spesso inadeguato alloggetto- mente e un metodo clinico totalmente idiosincratico, soggettivo e artigianale (unicità, irripetibilità, complessità dei fenomeni psicologici) Problema della demarcazione scienza / non-scienza: esistono dei criteri sufficientemente consolidati e condivisi in base ai quali distinguere teorie psicologico-cliniche (che si auto-dichiarano scientifiche) da forme di conoscenza non scientifiche, come ad es. lastrologia? generalizzabilità: Il criterio della generalizzabilità: è davvero del tutto inapplicabile in psicologia clinica?

13 COSTRUTTIVISMO Metodo CLINICO Modelli NARRATIVI Interconnessione tra

14 Sulla psicologia di senso comune Una delle accuse che spesso si fanno al metodo clinico e alla psicologia mentalistica è di fare uso di categorie della psicologia del senso comune (o psicologia ingenua) Dizione vagamente spregiativa (come scienze speciali) e alquanto ambigua almeno 2 accezioni (da prendere entrambe seriamente) Psicologia di senso comune Studio scientifico dei processi di pensiero (Heider, 1958; teoria dellattribuzione causale) Everyday thinking forme di vita (costruzionismo sociale) Le teorie della fisica non diventano meno scientifiche perché nel linguaggio ordinario si adoperano termini come corpo, forza, atomo, neutrino… Le teorie scientifiche permeano il senso comune: come oggi nessuno pensa più che il sole giri intorno alla terra, così concetti psicologici (inconscio, neurone…) sono entrati nel linguaggio comune Argomenti tratti dal senso comune vengono fatti valere nei confronti di tesi scientifiche e filosofiche controintuitive(es. Noë, 2009, p. 133 e segg. contro la tesi dellagrande illusione del cervello che crea la realtà)

15 Si pongono diversi aspetti problematici: Come le teorie scientifiche si trasformano in patrimonio del senso comune ( Moscovici, 1961: Rappresentazioni sociali) Nelle scienze umane Bidirezionalità tra teorie scientifiche e senso comune (Brofenbrenner, 1979) Teorie psicologiche influenzano vita quotidiana (es. pratiche di allevamento, …) I mutamenti sociali retroagiscono sulle teorie psicologiche (es. attaccamenti multipli, famiglie ricomposte …) Le scienze umane hanno a che fare con generi interattivi (Hacking, 1999) Le scienze umane hanno a che fare con generi interattivi (Hacking, 1999) i loro oggetti sono soggetti, capaci di produrre idee e di concorrere alla co- costruzione della conoscenza: al contrario dei quark nella fisica, pazienti psichiatrici, bambini iperattivi ecc. possono essere consapevoli di come sono percepiti e quindi possono essere influenzati e influenzare sulle idee usate per classificarli es. labelling, profezia che si autodetermina ecc.


Scaricare ppt "IL METODO STORICO-CLINICO IN PSICOLOGIA Marco CASTIGLIONI Università di Milano - Bicocca."

Presentazioni simili


Annunci Google