La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TEORIA DELLA PERCEZIONE LA VISIONE E' UN PROCESSO ESSENZIALMENTE MENTALE IN CUI L'OCCHIO HA UNA FUNZIONE PURAMENTE MECCANICA I Percetti Riconscimento delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TEORIA DELLA PERCEZIONE LA VISIONE E' UN PROCESSO ESSENZIALMENTE MENTALE IN CUI L'OCCHIO HA UNA FUNZIONE PURAMENTE MECCANICA I Percetti Riconscimento delle."— Transcript della presentazione:

1 TEORIA DELLA PERCEZIONE LA VISIONE E' UN PROCESSO ESSENZIALMENTE MENTALE IN CUI L'OCCHIO HA UNA FUNZIONE PURAMENTE MECCANICA I Percetti Riconscimento delle forme La memoria visiva Introduzione Teoria classica della Percezione Ricerche recent i Psicologia della Gestalt

2 TEORIA DELLA PERCEZIONE INTRODUZIONE Si distingue di solito dalla sensazione, che si riferisce al risultato immediato e relativamente non elaborato della stimolazione dei recettori sensoriali. La psicologia della percezione si occupa da un lato dei processi più semplici di differenziazione sensoriale e, dall'altro, dei meccanismi attraverso i quali il cervello traduce in forme complesse stimoli semplici Percezione è dunque un fenomeno non riducibile alla pura recezione degli stimoli da parte del cervello, essa è il risultato della elaborazione di quegli stimoli riconosciuti e collocati in un sistema di riferimento. Attenzione, leggi queste definizioni con cura: nella pagina seguente si verificherà la comprensione di questi concetti

3 TEORIA DELLA PERCEZIONE TEORIA DELLA PERCEZIONE VERIFICA DELLA TERMINOLOGIA LA SENSAZIONE E': Uno stimolo sensoriale che viene elaborato dal cervello il quale riconosce forme di cui ha esperienza ed elabora risposte Uno stimolo sensoriale che viene elaborato dal cervello il quale riconosce forme di cui ha esperienza ed elabora risposte Uno stimolo sensoriale che tramite l'organo di senso raggiunge il cervello il quale produce una risposta immediata Uno stimolo sensoriale che tramite l'organo di senso raggiunge il cervello il quale produce una risposta immediata Uno stimolo sensoriale che raggiunge il cervello il quale non elabora risposte Uno stimolo sensoriale che raggiunge il cervello il quale non elabora risposte Clicca sulla risposta che ritieni giusta

4 La risposta è errata rileggi la definizione di sensazione Percezione Processo attraverso il quale l'informazione che proviene dagli organi di senso viene organizzata in un'esperienza utilizzabile dal soggetto. Si distingue di solito dalla sensazione, che si riferisce al risultato immediato e relativamente non elaborato della stimolazione dei recettori sensoriali.... e torna al questionarioe torna al questionario... e torna al questionarioe torna al questionario

5 La definizione di sensazione come E' ESATTA rileggi comunque la definizione di sensazione Uno stimolo sensoriale che tramite l'organo di senso raggiunge il cervello il quale produce una risposta immediata Percezione Processo attraverso il quale l'informazione che proviene dagli organi di senso viene organizzata in un'esperienza utilizzabile dal soggetto. Si distingue di solito dalla sensazione, che si riferisce al risultato immediato e relativamente non elaborato della stimolazione dei recettori sensoriali. Lo stimolo sensoriale raggiunge in ogni caso il sistema nervoso centrale (cervello) il quale elabora una risposta immediata, "relativamente non elaborata".

6 Psicologia della Gestalt Scuola di psicologia, nota anche come psicologia della forma, che si occupa prevalentemente dello studio della percezione e delle sue leggi. Secondo gli psicologi della Gestalt (parola tedesca che può essere approssimativamente tradotta con "configurazione"), le immagini vengono percepite come configurazioni globali più complesse della somma delle loro singole parti: ad esempio, la forma di una spirale inserita nella veduta panoramica di una città viene percepita generalmente come la sagoma di una cattedrale. La psicologia della Gestalt nacque in polemica con l'associazionismo imperante in psicologia nei primi anni Venti, secondo cui la percezione è il risultato di una sorta di "montaggio" individuale di singoli elementi. Intorno al 1910 Max Wertheimer, Wolfgang Köhler e Kurt Koffka rigettarono questa concezione e proposero un nuovo approccio che, sempre rispettando i criteri di scientificità, si rivelasse più adeguato all'oggetto studiato dalla psicologia e desse maggior conto dell'influenza del contesto sulla percezione. Anche se la percezione rimane il settore maggiormente influenzato dalla psicologia della Gestalt, tale approccio si è successivamente esteso ad altre aree come il pensiero, la memoria e l'estetica. Molti problemi di psicologia sociale (ad esempio le dinamiche di gruppo studiate da Kurt Lewin) sono stati affrontati dal punto di vista strutturalista della teoria della Gestalt e molte tecniche di psicoterapia vengono pertanto definite gestaltiste. L'approccio che esse adottano è derivato da quello impiegato nello studio della percezione: se l'essere umano interagisce in modo globale con l'ambiente, qualsiasi separazione tra mente e corpo risulta arbitraria. Contrariamente alla psicoanalisi, che privilegia le prime esperienze infantili, la terapia gestaltista è finalizzata al recupero della naturale armonia tra individuo e ambiente e all'acquisizione da parte del paziente di una maggiore consapevolezza delle problematiche ed esperienze correnti. "Psicologia della Gestalt," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online © Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

7 TEORIA DELLA PERCEZIONE TEORIA DELLA PERCEZIONE...

8 TEORIA DELLA PERCEZIONE TEORIA DELLA PERCEZIONE VERIFICA Clicca sulla risposta che ritieni giusta


Scaricare ppt "TEORIA DELLA PERCEZIONE LA VISIONE E' UN PROCESSO ESSENZIALMENTE MENTALE IN CUI L'OCCHIO HA UNA FUNZIONE PURAMENTE MECCANICA I Percetti Riconscimento delle."

Presentazioni simili


Annunci Google