La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario."— Transcript della presentazione:

1 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato Mariano Bruno, Presidente Sezione Terziario Avanzato Unione Industriali Napoli

2 Il contesto di riferimento

3 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Sistema finanziario italiano banco-centrico Le tensioni sul mercato del credito hanno posto laccento sulla principale debolezza del sistema finanziario e sul ruolo del sistema bancario in Italia. Lattuale assetto del sistema finanziario italiano, fortemente dipendente dalle banche, privo di mercati obbligazionari e azionari sviluppati, di fatto incapace di fornire al sistema produttivo risorse alternative al credito, è particolarmente penalizzante nellattuale congiuntura. In particolar modo per le imprese più piccole, in quanto rende difficile far fronte alla restrizione creditizia sostituendo i prestiti bancari con altri mezzi di finanziamento. Ma altresì per le banche, in quanto pone sulle loro spalle oneri e rischi assai elevati. Inoltre, le tensioni nella disponibilità di finanziamenti acuiscono le difficoltà delle imprese, finendo per ripercuotersi sugli stessi bilanci bancari attraverso laumento del rischio di credito e delle insolvenze. 3 Qual è il contesto di riferimento? Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

4 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Sistema finanziario italiano banco-centrico Nel nostro paese, come noto, le banche rivestono un ruolo preminente nel finanziamento alle imprese: il credito bancario rappresenta infatti più di due terzi dei debiti finanziari complessivi delle aziende, valore superiore a quello che si riscontra in Germania (53%), in Francia (37%) e soprattutto nei paesi anglosassoni dove si attesta attorno al 29%. La presenza in borsa è circoscritta a poche grandi imprese: nel 2012 in Italia erano quotate solo 230 aziende (finanziarie escluse) contro le 700 circa di Francia e Germania. Il valore di mercato complessivo delle società non finanziarie quotate è inferiore al 20% del PIL a fronte del 50% e del 35%, rispettivamente, in Francia e in Germania. 4 Qual è il contesto di riferimento? Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

5 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Fonti finanziarie 5 2% 12 57% 23% 14% 7% 07 64% 20% 12% 12 41% 35% 21% 3% 07 47% 32% 19% 50% 31% 15% 4% 07 54% 29% 15% 2% 12 45% 40% 12 55% 14% 16% 07 58% 16% 17% 07 47% 28% 22% 2% 12 55% 27% 5% 07 57% 29% 5% 12 14% 07 49% 34% 17% 0% 12 44% 29% 24% 3% Prestiti Debiti commerciali e altre passivitàDebiti commerciali e altre passivitàDebiti commerciali e altre passivitàDebiti commerciali e altre passività Obbligazioni e altri titoliObbligazioni e altri titoliObbligazioni e altri titoliObbligazioni e altri titoli Azioni e altre partecipazioniAzioni e altre partecipazioniAzioni e altre partecipazioniAzioni e altre partecipazioni Mix funding delle imprese ItaliaFranciaGermaniaSpagnaArea Euro U.K. U.S.A. Fonte: Dati Banca dItalia e BCE U.S.A.U.K.Area EuroSpagnaGermaniaFranciaItalia Quota di debiti di natura bancaria (valori percentuali) In Italia, circa il 70% del debito è rappresentato da finanziamenti di natura bancaria Le obbligazioni emesse rappresentano ancora una componente molto bassa Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

6 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Sistema finanziario italiano banco-centrico e limiti culturali Anche sul fronte del debito il ricorso al mercato è particolarmente limitato: nellambito delle aziende non finanziarie lincidenza dei prestiti obbligazionari sul totale dei debiti finanziari non raggiunge il 3%. Solo poche aziende italiane emettono obbligazioni sul mercato dei capitali (in media 10 allanno nellultimo decennio) e anche in questo caso, nel confronto internazionale si registra un ritardo significativo. Tutto ciò spiega lesistenza di un ostacolo anche di tipo culturale nella diffusione di nuovi strumenti. 6 Qual è il contesto di riferimento? Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

7 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Andamento dellautofinanziamento 7 Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento -10% del rapporto MOL/Valore aggiunto nellultimo triennio Tassi di interesse su nuovi prestiti bancari alle imprese Decremento della capacità delle imprese di autofinanziarsi Divario sui tassi di interesse applicati piuttosto ampio rispetto ai principali Paesi europei Variazione percentuale del credito alle imprese Prestiti < 1 mln Prestiti > 1 mln Fonte: Dati Banca dItalia e BCE Napoli, 4 dicembre 2013

8 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential 8 Non si intravedono però forti segnali di recupero degli investimenti Per molte imprese la ripresa della domanda è stata, tuttavia, inferiore alle attese; ciò ha contribuito a frenare la spesa per investimenti rispetto a quanto programmato a inizio anno. Le decisioni di investimento sono ostacolate anche dalla persistenza di vincoli finanziari, in parte attenuati dallerogazione delle prime quote di rimborso dei crediti arretrati verso la Pubblica Amministrazione. Per i prossimi mesi, le aspettative delle imprese sullandamento delle vendite, pur contraddistinte da una elevata variabilità dei giudizi espressi, sono mediamente ottimistiche. Nei primi nove mesi del 2013 la fase recessiva si è attenuata Nei primi nove mesi del 2013 si è attenuato il calo dellattività economica in Campania. Secondo le indagini di Banca di Italia, lo scarto tra la quota di imprese che rileva un aumento del fatturato e quella che ne segnala una diminuzione, si è ridotto, pur restando negativo. Andamenti migliori della media si sono manifestati per le imprese industriali di maggiori dimensioni, per quelle esportatrici e per i comparti dei servizi meno dipendenti dalla domanda delle famiglie. La situazione in Campania Fonte: Leconomia della Campania_Aggiornamento congiunturale Novembre 2013 Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

9 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential 9 Il credito alleconomia ha continuato a ridursi La riduzione dei prestiti bancari alle imprese, avviatasi nella primavera del 2012, è proseguita nei primi otto mesi dellanno. Lofferta di credito ha mantenuto unintonazione restrittiva, risentendo anche del peggioramento del rischio. È infatti ulteriormente cresciuta lincidenza delle insolvenze; nel settore delle costruzioni, in particolare, i crediti deteriorati nel loro complesso hanno superato la metà del totale. Il credito al consumo concesso alle famiglie è rimasto pressoché stabile mentre sono lievemente calati i prestiti per lacquisto di abitazioni. La situazione in Campania Loccupazione è rimasta stabile; la disoccupazion e ha raggiunto un nuovo picco Nel primo semestre del 2013 il numero di occupati è rimasto sostanzialmente stabile. La crescita rilevata nei settori dellindustria e dei servizi è stata compensata dal forte calo del comparto edilizio. La ricerca attiva di lavoro continua a estendersi a fasce sempre più ampie di popolazione: le persone in cerca di occupazione hanno superato le 400 mila unità, circa il doppio del livello precedente lavvio della crisi. Fonte: Leconomia della Campania_Aggiornamento congiunturale Novembre 2013 Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

10 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Esiste un mercato per i mini bond in Italia? Da unanalisi condotta dal Cerved è emerso che vi è una platea di circa 35 mila società con le carte in regola per emettere mini bond. Trattasi di imprese che possono essere considerate, in base al Cerved Group Rating, del tipo «investment grade» ovvero con un rating in una delle prime 8 classi – vale a dire imprese che si trovano nellarea di solvibilità e sicurezza (redditività positiva e con tassi di crescita, poco vulnerabili e con bassa esposizione al rischio). 10 Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

11 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Esiste un mercato per i mini bond in Italia? Qualche anno fa tale platea sarebbe stata evidentemente più numerosa in assenza dellimpoverimento del nostro sistema industriale - che avanza inesorabile da qualche tempo e che si sta caratterizzando per un tasso assolutamente rilevante di mortalità e di declino di numerose imprese. Per effetto della crisi, luniverso di società non finanziarie che in base ai bilanci desercizio hanno realizzato un fatturato superiore a 2 milioni di euro, si è ridotto tra 2007 (ultima annualità che non ha risentito in alcun modo della crisi) e 2011 (ultima annualità per cui si dispone della totalità dei bilanci d'esercizio) di oltre 12 mila unità, passando da quasi 127 mila a circa 115 mila. 11 Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

12 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Esiste un mercato per i mini bond in Italia? Delle 35 mila società (su un totale di 52 mila circa*) circa sono nel sud e isole (su un totale di 7.730*). Di queste sono in Campania (su un totale di 2.693* – 52,4%). * Fonte: Cerved. Trattasi del numero complessivo di imprese con un fatturato superiore a 5 milioni di Euro. Il Cerved esclude le imprese con un fatturato tra 2 mn e 5 mn ritenendo poco probabile che possano emettere obbligazioni. 12 Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

13 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Il Mid Market «Motore delleconomia» Una ricerca* sul Mid Market ha permesso di approfondire andamenti e tendenze in Italia e in Europa. Circa 600 le aziende italiane coinvolte oltre 20 settori di attività rappresentati 13 Napoli, 4 dicembre 2013 * Fonte: Ricerca Deloitte Terziario Avanzato

14 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Cosa è emerso da tale Ricerca? 14 Globalizzazione delle vendite e necessità di maggiore visibilità Nuova finanza per supportare sfide e sviluppo Adeguatezza dei processi e sistemi di reporting I primi 3 bisogni percepiti dalle aziende intervistate 50% 47% 40% Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato * Fonte: Ricerca Deloitte

15 Elementi innovativi introdotti con il Decreto sviluppo: i mini bond e altri

16 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Normativa 16 Normativa di riferimento Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, recante misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in Legge con modificazioni il 7 agosto Successivamente modificato con il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n.179 (Decreto Sviluppo II) convertito in Legge con modificazioni il 17 dicembre 2012 Obbligazioni (cosiddetti «mini bond») Sono strumenti di debito a medio termine; consentono alle società non quotate di emettere obbligazioni beneficiando dello stesso regime legale nonché dello stesso regime fiscale previsto per le società quotate Cambiali finanziarie Sono titoli di credito allordine emessi in serie e a breve termine con taglio minimo di Euro 50 mila; per le PMI non quotate lemissione deve essere assistita da uno sponsor (che si impegna a mantenere nel proprio portafoglio fino a scadenza) Gli strumenti finanziari introdotti Obbligazioni subordinate partecipative Sono strumenti di debito a medio termine (uguale o superiore a 36 mesi) indirizzati principalmente ad investitori istituzionali; sono caratterizzati da clausole di partecipazione agli utili e di subordinazione rispetto agli altri creditori dell'emittente Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

17 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Destinatari 17 Piccole imprese * Organico inferiore a 50 unità o attivo di bilancio annuale/fatturato non superiore ai 10 milioni di Euro (no micro imprese – organico inferiore a 10 unità e fatturato o attivo di bilancio inferiore a 2 milioni di Euro) Medie imprese* Organico inferiore a 250 unità e fatturato non superiore ai 50 milioni di Euro ed il cui attivo di bilancio annuale non sia superiore ai 43 milioni di Euro. Napoli, 4 dicembre 2013 * Parametri UE Terziario Avanzato In linea generale la normativa in esame si applica alle società non quotate diverse dalle società finanziarie e dalle microimprese.

18 Le opportunità per le PMI

19 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Le opportunità per le PMI 19 I nuovi strumenti favoriscono il ricorso a canali alternativi e complementari a quello bancario, mediante accesso diretto agli investitori istituzionali. Trattasi di fonti di finanziamento altamente stabili coerenti con i piani di sviluppo e le esigenze finanziarie dellimpresa Fonti di finanziamento Deducibilità degli interessi entro il 30% del Reddito Operativo Lordo (in passato gli interessi sui bond, emessi da società non quotate, erano deducibili nella misura pari al doppio del tasso ufficiale di riferimento - oggi lEuribor - per i titoli quotati e nella misura del tasso unico di riferimento aumentato dei 2/3 per i titoli non quotati, ai sensi della Legge 549/95 articolo 3, comma 115). Deducibilità oneri e costi di emissione nellesercizio durante il quale sono sostenuti, indipendentemente dal criterio di imputazione a bilancio (principio di cassa). Ad oggi stando alla norma permane ambiguità sul fatto che ciò possa applicarsi anche ai titoli non quotati. Fiscalità Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

20 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Le opportunità per le PMI 20 La nuova formulazione dellart.2412 del codice civile consente di superare il limite ivi previsto (doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio approvato) estendendo la deroga prevista per le società quotate anche agli emittenti di mini bond quotati in mercati regolamentati/sistemi multilaterali di negoziazione Dallanalisi del manuale emesso da BankIt (Centrale dei Rischi – Istruzioni per gli intermediari creditizi) emerge che lammontare emesso da unimpresa in bonis non è incluso nella posizione debitoria che le banche inviano a BankIt ai fini Centrale dei Rischi Invece, in caso di segnalazione a sofferenza della controparte, lintera esposizione verso la stessa (inclusi pertanto i titoli di debito e i titoli di capitale emessi dalla controparte e detenuti dalla banca in portafoglio) è oggetto di segnalazione a sofferenza in Centrale dei Rischi Limiti di emissione Centrale Rischi Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

21 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Le opportunità per le PMI 21 Adempimenti previsti per il rilascio di un rating pubblico; Verifica dello statuto dellemittente; Stesura del regolamento del prestito; predisposizione documentazione di sottoscrizione; Adempimenti connessi con la richiesta di ammissione alla negoziazione sul segmento ExtraMOT PRO di Borsa Italiana (Prospetto informativo); Due bilanci redatti secondo ITA GAAP o IFRS di cui lultimo assoggettato a revisione contabile Altri adempimenti documentali (certificati di solvenza, vigenza e fallimentare) Adempimenti previsti – TITOLI OBBLIGAZIONARI QUOTATI Obbligo di pubblicazione del bilancio (ITA GAAP o IFRS) sottoposto a revisione contabile Obbligo di comunicazione di ogni informazione sullemittente che possa avere impatto sul prezzo dei mini bond Lemittente dovrà fornire al mercato informazioni economico – finanziarie ed il business plan Laddove presenti, lemittente dovrà fornire evidenza dei ratios previsti come covenant dellemissione Obblighi legati allemissione dei Mini Bond Obblighi successivi allammissione alla negoziazione Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

22 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Le opportunità per le PMI 22 Esiste anche la possibilità di procedere allemissione di obbligazioni mediante collocamenti riservati e non attraverso unofferta pubblica. Si tratta di accordi privati, generalmente sottoscritti da un limitato gruppo di investitori professionali. Queste forme di collocamento sono diffuse negli Stati Uniti (US Private Placement), dove i fondi pensione e le assicurazioni stipulano privatamente accordi riservati con le società emittenti. In Europa, il mercato dei collocamenti riservati è ancora in divenire. In Italia non esiste al momento un mercato sviluppato per i collocamenti riservati. E tuttavia interessante evidenziare le esperienze di aziende italiane come Illycaffè, Luxottica, Piaggio e Barilla che hanno collocato proprie obbligazioni tramite private placement con fondi e assicurazioni americane. Questi collocamenti privati di solito attirano gli investitori esteri interessati a società italiane che possono vantare un brand riconosciuto. Adempimenti previsti – TITOLI OBBLIGAZIONARI NON QUOTATI Obblighi legati allemissione dei Mini Bond Verifica dello statuto dellemittente; Stesura del regolamento del prestito; predisposizione documentazione di sottoscrizione; Due bilanci redatti secondo ITA GAAP o IFRS di cui lultimo assoggettato a revisione contabile Altri adempimenti documentali richiesti dagli investitori nellambito del collocamento riservato Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

23 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Le opportunità per le PMI 23 Adempimenti previsti – TITOLI OBBLIGAZIONARI NON QUOTATI Bilancio (ITA GAAP o IFRS) sottoposto a revisione contabile Laddove presenti, lemittente dovrà fornire evidenza dei ratios previsti come covenant dellemissione Altri adempimenti previsti nellambito del collocamento riservato Obblighi successivi allemissione Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

24 Principali caratteristiche delle emissioni

25 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Principali caratteristiche delle PMI emittenti 25 Area geografica e settori/mercati Nessun vincolo rispetto allarea geografica di riferimento dellemittente Non vi sono specifici settori esclusi dalla normativa (l'unica eccezione non ammessa è rappresentata della banche) Tendenza a prediligere società con vocazione allexport; privilegiata la connotazione "Made in Italy" da intendersi come caratteristica distintiva di alcuni settori tra i quali meccanica di precisione, manifatturiero di qualità, food & beverage, turismo, infrastrutture, local utilities, "branded company" Utilizzo delle finanza ottenuta attraverso l'emissione degli strumenti a sostegno di nuovi investimenti e al finanziamento del circolante connesso a progetti di sviluppo Sono, invece, escluse, le società in cui l'emissione rappresenta la sostituzione, il rifinanziamento e/o il rimborso dei debiti finanziari esistenti (non possono essere considerati strumenti di ristrutturazione del debito esistente) Finalità dellemissione Aspetti qualitativi e quantitativi Tra i parametri rilevanti: fatturato, redditività, posizione finanziaria netta Assetto proprietario chiaro, governance solida e trasparente, management credibile, struttura costi flessibile, buona stabilità flussi di cassa Natura del progetto strategico Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

26 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Principali caratteristiche delle emissioni già effettuate 26 Durata tra 3 e 7 anni Bullet Amortizing (anche con possibile periodo di pre-ammortamento di 24/36 mesi) Costo del funding Generalmente compreso tra il 5% e il 7% annuo. Modalità di rimborso Importo emissione concentrazione tra Euro 5-20 milioni Tipologia di Emittenti Società di capitali diverse da banche e dalle micro imprese, anche non quotate Rating Generalmente compreso tra BB- e B+ (possibile emissione anche di strumenti unrated) Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

27 Le criticità

28 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Quali sono le criticità? I costi accessori delloperazione 28 Limpresa deve avviare un percorso difficile e costoso - per la necessità, specie per le piccole e medie imprese, di assoldare consulenti - che al momento appare uno dei più rilevanti ostacoli alla diffusione dei mini bond. Trattasi di un processo complesso in quanto bisogna far interagire tanti attori (aziende, sponsor, advisor, revisore, studi legali, agenzie di rating, investitori). Costi accessori delloperazione Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

29 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Quali sono le criticità? I costi accessori delloperazione. Quali sono? 29 Tipologie di costi accessori delloperazione Napoli, 4 dicembre 2013 Quali sono i costi accessori? Trattasi per lo più di costi di natura «advisory» necessari anche per il conseguimento dei requisiti richiesti dalla practice dei fondi mini mond. -Predisposizione del piano industriale -Predisposizione del regolamento del prestito obbligazionario -Predisposizione del documento di ammissione alla eventuale quotazione -Ottenimento del rating -Interventi organizzativi (ad es. modello 231, investor relator – questultimo in caso di quotazione) -Interventi sui sistemi di reporting (situazioni contabili periodiche) -Consulenze legali -Consulenze fiscali -Certificazione del bilancio annuale (obbligatorio ex lege) e semestrale – non si richiede la transizione agli IAS/IFRS Tali costi si stimano per le PMI approssimativamente in una cifra nellintorno di 250/300 mila Euro (da adeguare alle singole realtà), cui si debbono aggiungere i costi finanziari della provvista e del collocamento (che possono stimarsi nellintorno del 1,5% del prestito emesso). Nel caso di titoli non quotati potrebbero esservi minori attori coinvolti (minor costo accessorio) ma sarà richiesto un premio per la mancanza di liquidità (tasso di interesse più elevato). Terziario Avanzato

30 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Quali sono le altre criticità? 30 Limpresa deve dotarsi di una governance manageriale – passaggio dalla family business alla impresa manageriale CASO TITOLI QUOTATI - Borsa Italiana richiede la presenza di due figure allinterno delle imprese quali interlocutori del mercato (investor relator) Governance Processi aziendali e Sistemi di reporting Limpresa deve dotarsi di processi aziendali efficaci ed efficienti, di un controllo di gestione che consenta di individuare rapidamente la necessità di cambiare rotta, ove necessario, che si caratterizzi per la predisposizione di budget e previsioni - che andranno a comporre i piani di sviluppo ed i business plan, quale biglietto da visita per i soggetti terzi potenziali investitori. Il sistema di reporting presuppone la predisposizione di bilanci, magari anche situazioni infrannuali, che contengano uninformativa esauriente che vada oltre i dettati minimi del codice civile e che sia assoggettato a revisione contabile, come richiede la normativa. Gli investitori richiedono normalmente semestrali certificate e situazioni trimestrali Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

31 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Quali sono le altre criticità? 31 Sviluppo in tempi rapidi dei fondi dedicati di cui hanno bisogno gli investitori istituzionali, ovvero dei cosiddetti fondi di debito, strumenti specializzati nellinvestire in mini bond. Le tempistiche di autorizzazione non sono brevissime. Le imprese hanno bisogno delle risorse per lo sviluppo in tempi rapidi per evitare il declino (tempi medi per autorizzazione fondi). Tempi di operatività dei fondi La raccolta da parte dei fondi Gli investitori istituzionali devono sottoscrivere il patrimonio dei fondi mini bond. Asset allocation Tempi delloperazione I tempi per la chiusura delloperazione di emissione (nel caso di titoli oggetto di quotazione) sono mediamente stimati in 5/6 mesi. Lasset allocation dei fondi (ovvero la quota destinata ai mini bond) è inferiore al 100%. I fondi sottoscrivono mini bond quotati (non guardano al mercato dei titoli non quotati) Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

32 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Quali sono le altre criticità? 32 Non cè obbligo normativo di rilasciare specifiche garanzie (unsecured) Nel caso di titoli non quotati, sebbene sono richiesti minori adempimenti, linvestimento non è liquido. Pertanto il prezzo includerà un premio per la mancanza di liquidità. Garanzie Titoli non quotati Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

33 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Opportunità e criticità in sintesi 33 Nuova finanza per lo sviluppo Diversificazione delle fonti finanziarie Globalizzazione delle vendite Maggiore visibilità e, quindi, valore aziendale Governance manageriale e sviluppo di know how delle figure apicali (in particolare per la necessità di confrontarsi con professionalità esterne) Benefici fiscali Costi accessori delloperazione Passaggio da unimpresa familiare ad una manageriale Adeguamento processi aziendali e sistemi di reporting Tempi di operatività dei fondi Tempi delloperazione La raccolta da parte dei fondi Asset allocation Titoli obbligazionari non quotati (mercato illiquido) Garanzie non obbligatorie (opportunità per le imprese ma limite per lo sviluppo del mercato) Opportunità Criticità Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato

34 Come favorire lo sviluppo del mercato dei mini bond

35 © 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Come favorire lo sviluppo del mercato dei mini bond: la nostra proposta 35 La disponibilità di fondi regionali destinati a finanziare strumenti di affiancamento e sostegno al sistema delle imprese – sotto forma di voucher di servizio – per rendere «sopportabili» i costi accessori delloperazione. Voucher che consentano di finanziare al 50% i costi accessori delloperazione nel limite di Euro 200 mila e, pertanto, nel rispetto della normativa inerente gli aiuti di stato. Infatti, la norma de minimis prevede che gli aiuti concessi su un periodo di tre anni e che non superano la soglia dei Euro (in precedenza il limite era di Euro) non vengono considerati aiuti di Stato ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 1, TFUE e, quindi, sono oramai dispensati dall'obbligo di notifica preventiva alla Commissione europea. Anche la natura di tali costi (a fronte di prestazioni non continuative) è compatibile con la normativa comunitaria. Tale intervento consentirebbe di superare quello che rappresenta attualmente una barriera rilevante per lo sviluppo del mercato dei minibond. Costi accessori delloperazione Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario Avanzato


Scaricare ppt "© 2013 Deloitte Touche Tohmatsu Limited - Private and confidential Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese Napoli, 4 dicembre 2013 Terziario."

Presentazioni simili


Annunci Google