La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINDUSTRIA DOLCIARIA Presentazione realizzata dallalunna: Annalisa Duro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINDUSTRIA DOLCIARIA Presentazione realizzata dallalunna: Annalisa Duro."— Transcript della presentazione:

1 LINDUSTRIA DOLCIARIA Presentazione realizzata dallalunna: Annalisa Duro

2 ELENCO PER LA NAVIGAZIONE Presentazione Informazioni Servizi offerti Dove siamo Prodotti e specialità gastronomiche Listino prodotti Informazione sulligiene alimentare.

3 PRESENTAZIONE E situata nella magnifica SICILIA. Benvenuti nel sito internet dellAzienda CIOCCOLANDIA Il nostro obiettivo è quello di commerciare dei prodotti di produzione propria garantiti di altissima qualità al miglior prezzo possibile. Il sito Web della nostra azienda fornisce a tutti i clienti un servizio innovativo per poter agevolare lacquisto on-line. La nostra attività è a conduzione familiare tramandata di generazione, che vanta una elevata tradizione nel servizio alla clientela.La nostra politica è la soddisfazione del cliente. Link navigazione

4 INFORMAZIONI Il nostro sito Web fornisce ai propri clienti e visitatori uno strumento semplice e di facile utilizzo.. L azienda si trova a PALERMO, in Sicilia. Per info. Più dettagliate selezionate DOVE SIAMO La nostra azienda è aperta al pubblico nel seguente orario: Mattina: dalle ore 8:30 alle ore 13:00 Pomeriggio: dalle ore 16:00 alle ore 20: Link navigazione

5 Contatti Personale dazienda Sig. Laganà DomenicoTitolare azienda Sig.Duro AntoninoRagioniere Sig. Messina GiovanniWebMaster Link navigazione

6 SERVIZI OFFERTI Servizi di acquisti on-line Servizi a domicilio pronta consegna Link navigazione

7 DOVE SIAMO La nostra Azienda si trova a PALERMO Siamo qui Link navigazione

8 PRODOTTI E SPECIALITA GASTRONOMICHE SPECIALITA GASTRONOMICHE PRODOTTI ALIMENTARI Link navigazione

9 LISTINO PRODOTTI ArticoliTipo prodottoUnità di misura Importo 1 Uova pasquali 1 kg 2 Torrone 1 kg 3 Cioccolatini farciti 1 kg 4 Cioccolato fondente 1 kg Link navigazione

10 INFORMAZIONE SULLIGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE SULLE FASI DI LAVORAZIONE DEGLI ALIMENTI. Fasi della lavorazione Controlli effettuati dai Servizi Veterinari di Igiene di origine animale e dai Servizi di Igiene degli alimenti e della nutrizione del Dipartimento di Prevenzione. LAVORAZIONE DISTRIBUZIONE SOMMINISTRAZIONE Igiene alimentare IGIENE ALIMENTARE IGIENE ALIMENTARE GLI ALIMENTI A RISCHIOGLI ALIMENTI A RISCHIO Link navigazione

11 LAVORAZIONE Sopralluoghi per lautorizzazione delle strutture Valutazione piani di autocontrollo e loro applicazione Vigilanza sulligiene della lavorazione Ricerca di contaminanti microbiologici (patogeni indicatori di contaminazione) o chimici (additivi) nelle materie prime o nei prodotti in lavorazione Info igiene Link navigazione

12 DISTRIBUZIONE Sopralluoghi per lautorizzazione delle strutture Valutazione piani di autocontrollo e loro applicazione Vigilanza sulle attività di distribuzione (conservazione, trasporto, ecc…) Ricerca di contaminanti microbiologici (patogeni indicatori di contaminazione) o chimici (additivi) nelle materie prime o nei prodotti in lavorazione Info igiene Link navigazione

13 SOMMINISTRAZIONE (ristorazione collettiva e commerciale) Sopralluoghi per lautorizzazione delle strutture Valutazione piani di autocontrollo e loro applicazione Vigilanza sulle attività di preparazione dei pasti e sulla loro somministrazione Valutazione della formazione del personale riguardo alle buone pratiche di lavorazione Ricerca di contaminanti microbiologici (patogeni indicatori di contaminazione) o chimici (additivi) nelle materie prime o nei prodotti in lavorazione Info igiene Link navigazione

14 IGIENE ALIMENTARE Ligiene alimentare viene regolarmente citata e spesso chiamata in causa quando si verificano intossicazioni alimentari. Tali intossicazioni sono in costante aumento. Tale aumento è determinato: Da una migliore diagnosi delle contaminazioni da batteri; Da una migliore quantità dei prodotti coinvolti, dovuta allindustrializzazione della produzione agroalimentare e alla centralizzazione dei sistemi di distribuzione. Il rischio per il consumatore rimane minimo, ma potrebbe diminuire ancora di più se venissero applicate delle semplici ed efficaci norme igieniche. Info igiene Link navigazione

15 Tali pratiche di igiene alimentare riguardano naturalmente i produttori e i distributori, ma anche ogni singolo consumatore. Ligiene alimentare ha registrato grandi progressi negli Ultimi decenni, ma molto deve ancora essere fatto in questo campo per migliorare i livelli igienici ed avere un impatto significativo sulla salute. Si possono fare passi avanti con una buona educazione delle pratiche corrette a tutti i livelli della catena alimentare. Bisogna fare attenzione alle seguenti regole: IGIENE ALIMENTARE Info igiene Link navigazione

16 CONTROLLO SULLA PREVENZIONE Il consumatore deve accertarsi del paese dorigine degli alimenti che utilizza. La provenienza non è sempre garanzia di sicurezza alimentare, ma fornisce informazioni utili in caso di epidemie nelle zone da cui proviene il prodotto; Info igiene Link navigazione

17 CONTROLLO DELLA DATA DI SCADENZA Tutti gli alimenti, o quasi tutti, hanno una data di scadenza. Il rispetto di tale data è il minimo che il consumatore può fareper limitare il rischio di intossicazione. Oltrepassare la data di scadenza rappresenta un rischio per il consumatore, più o meno alto a seconda dellalimento. E ben definito per quanto riguarda la carne, il pollame e le uova, in altri casi può portare alla modificazione del gusto senza costituire un rischio per la salute. Tuttavia, è consigliabile adottare una posizione ferma rispetto alla data di scadenza e rispettarla scrupolosamente. Info igiene Link navigazione

18 CONTROLLO DURANTE LA PREPARAZIONE Alcune regole semplici ed efficaci devono essere rispettate in ogni circostanza per avere la completa sicurezza in cucina: –La cucina e gli utensili da cucina devono essere perfettamente puliti e lavati tra una ricetta e laltra –Gli alimenti devono essere conservati nelle condizioni ottimali (alcuni in frigorifero, altri a temperatura ambiente….), ma bisogna sempre evitare che siano in contatto tra loro, per eliminare il rischio di una contaminazione incrociata, particolarmente quando alcuni si consumano crudi ed altri cotti Info igiene Link navigazione

19 CONTROLLO SULLA CONSERVAZIONE Rispettare sempre le indicazioni per la conservazione riportate sulla confezione e la catena del freddo. In caso di dubbio, non esitate a gettare nella spazzatura lalimento. Info igiene Link navigazione

20 GLI ALIMENTI A RISCHIO Le uova e i suoi derivati, che costituiscono circa 1/3 delle cause di intossicazione (miliardi di uova prodotte ogni anno sono contaminate dalla Salmonella); Il pollame ed in particolare il pollo (è portatore della salmonella, che di per se non è un rischio particolare, poiché il polo si mangia quasi sempre cotto. La salmonella introdotta in cucina può però contaminare altri alimenti che vengono consumati crudi; Tra le principali cause di contaminazione troviamo: Info igiene Link navigazione

21 Gli alimenti mangiati crudi o poco cotti Il pesce: mangiare il pesce crudo può comportare dei rischi per la salute dovuta alla presenza di parassiti vivi, alcuni di questi parassiti possono riprodursi o sopravvivere nellintestino umano dopo avere mangiato il pesce crudo. Il pesce deve essere cotto a 70° o surgelato per qualche giorno a -20°C prima di essere consumato crudo. Frutta e verdura: Raramente sono responsabili di intossicazioni alimentari. In effetti gli alimenti che mangiamo di solito non sono nocivi in sé, nonostante alcuni frutti esotici siano spesso allergici. La carne: La contaminazione della superficie non comporta alcuna conseguenza per la carne non tritata poiché la cottura la elimina facilmente. Nella carne tritata, invece, la contaminazione viene distribuita anche allinterno e solo una cottura a fondo permette leliminazione dei batteri. Info igiene Link navigazione

22 LE ALLERGIE Le allergie alimentari rappresentano circa il 2% del numero totale delle allergie. Tuttavia la gravità di alcuni crisi, in particolare il rischio anafilattico potenzialmente letale, incita ad una grande prudenza. E necessario usare grande cautela con i prodotti esotici (kiwi, papaia, mango…) che hanno spesso proprietà allergiche, oltre che con gli altri allergeni nascosti. Info igiene Link navigazione


Scaricare ppt "LINDUSTRIA DOLCIARIA Presentazione realizzata dallalunna: Annalisa Duro."

Presentazioni simili


Annunci Google