La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Obiettivo DIPO 2011 Percorsi diagnostico terapeutici condivisi in ambito territoriale (PDTA) Criticità, problematiche e proposte Valutazione delle risorse.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Obiettivo DIPO 2011 Percorsi diagnostico terapeutici condivisi in ambito territoriale (PDTA) Criticità, problematiche e proposte Valutazione delle risorse."— Transcript della presentazione:

1 1 Obiettivo DIPO 2011 Percorsi diagnostico terapeutici condivisi in ambito territoriale (PDTA) Criticità, problematiche e proposte Valutazione delle risorse in essere nelle aziende e nuove tecnologie

2 PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE DEL TUMORE DEL POLMONE Gabriele Patrini UO Pneumologia – Azienda Ospedaliera di Crema

3 3 ACCOGLIENZA ED ACCETTAZIONE DIAGNOSI, STADIAZIONE, COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI DECISIONE COLLEGIALEFASE TERAPEUTICARIVALUTAZIONI E FOLLOW-UP

4 4 ACCOGLIENZA ED ACCETTAZIONE Laccesso del paziente pneumologico avviene tramite le seguenti modalità: – Autopresentazione in Pronto Soccorso; – Invio in Ambulatorio Specialistico da parte del Medico di Medicina Generale; – Trasferimento da reparto a reparto; – Richiesta di consulenza in caso di paziente ricoverato. – Invio diretto da parte di altri Specialisti (es.radiologo)

5 5 DIAGNOSI, STADIAZIONE, COMUNICAZIONI AL PAZIENTE Lo specialista Pneumologo – Formalizza la diagnosi, con acquisizione esame cito- istologico – Prescrive e organizza gli esami di stadiazione (in base ad età, performance status, performance status,patologie associate concomitanti, prospettive terapeutiche, ecc) – Comunica della diagnosi (supporto psicologico) – Predispone per lincontro multidisciplinare.

6 6 DECISIONE COLLEGIALE Presso il presidio di Crema avviene ogni Mercoledì utile (dalle 11 alle 13), presso il Centro Oncologico; Riunione del gruppo multidisciplinare di cura: – Pneumologo – Oncologo – Medico Centro Oncologico – Psicologa (opzionale) – Radioterapista – Chirurgo toracico – Palliativista – Radiologo – Patologo

7 7 DECISIONE COLLEGIALE 2 Discussione del caso, eventuale richiesta di marcatori molecolari per terapie ad alto costo (collaborazione fra Anatomie Patologiche di Crema e Cremona e Servizio di Genetica di Cremona); Decisioni terapeutiche e comunicazione al paziente (a cura dello Specialista di riferimento); Avvio della fase terapeutica: – Chemioterapia – Chirurgia – Radioterapia – Supporto psicologico – Cure palliative

8 8 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO Linee Guida Regionali (ROL) e Internazionali Obiettivi: – Guarigione – Aumento della sopravvivenza – Miglioramento della qualità di vita

9 9 FOLLOW-UP (il più possibile collegiale) CARCINOMA BRONCOGANO PRIMITIVO : FOLLOW-UP BASE1 mese3 mesi6 mesi9 mesi12 mesi18 mesi24 mesi30 mesi36 mesi48 mesi60 mesi PesoXXXXXXXXXXXX P.S.XXXXXXXXXXXX Rx Torace + l.l.XSXXXXXXXXXX FBSX S/TCT Citologia su escreatoX S S P.F.R. + E.G.A.S/TCT ETG AddomeX S/TCT MarkersS SS SSS SSS Routine(LDH Albumina)X TAC Toraco/Mediastinica + TAC Addome SuperioreX TAC CerebraleS Scintigrafia osseaS Legenda: X =tutti S =operati TCT =terapia alte energie (curativa)


Scaricare ppt "1 Obiettivo DIPO 2011 Percorsi diagnostico terapeutici condivisi in ambito territoriale (PDTA) Criticità, problematiche e proposte Valutazione delle risorse."

Presentazioni simili


Annunci Google