La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MIGRANTI TRA SOGNI E BISOGNI Crollati i sogni, restano i bisogni F.Muscià A.U.S.L. n°4 Enna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MIGRANTI TRA SOGNI E BISOGNI Crollati i sogni, restano i bisogni F.Muscià A.U.S.L. n°4 Enna."— Transcript della presentazione:

1

2

3 MIGRANTI TRA SOGNI E BISOGNI Crollati i sogni, restano i bisogni F.Muscià A.U.S.L. n°4 Enna

4 Quattro milioni e mezzo di immigrati presenti in Italia che costituiscono il 5% dellintera popolazione residente, rappresentano non più un fenomeno occasionale ma stabilizzato.

5 Estremo Oriente: perverso matrimonio tra capitale e tradizione (sfruttamento lavorativo).

6 Sud America: la fabbrica dei perseguitati.

7 Comunità sub sahariana: storie di guerre e di rapine

8 Curdi, Bosniaci: labile confine fra migrazione ed esilio politico

9 Marocchini, Tunisini, Algerini: la nostra e laltrui eredità coloniale

10 Levento non è mai prevedibile

11 Miti da sfatare: sono sani gli immigrati. Solo lo 0,6% è affetto da TBC, epatite virale ed HIV.

12 Muoiono per: > violenze > traumatismi > infortuni > ferite > ustioni

13 Effetto migrante sano: la popolazione che emigra è selezionata tra quella in buona salute

14 La proiezione demografica apre una forbice: la forbice della solitudine

15 Nessuno ha in tasca la soluzione di tutti i problemi. Bisogna avere la capacità di provare a risolverli.

16 La fragilità e la solitudine dellimmigrato sono il risultato di una cultura.

17 Il segreto della cura probabilmente sta nel prendersi cura di lui

18 Il sistema non può essere lasciato allimprovvisazione

19 Cosa abbiamo visto: -rifugiati, spesso di età imprecisata -militanti politici che qualche volta hanno subito torture -migranti senza permesso di soggiorno -nomadi

20 La confusione in noi: un simbolo non necessariamente accolto affettivamente e simbolicamente uguale

21 Cancro: fenomeno per noi apocalittico La diarrea: per chi arriva dal Camerun

22 Molti non hanno guaritori ma sciamani, il che si traduce in malattia determinata da volontà esterna.

23 Nuove povertà si assommano a vecchie malattie

24 Paura, diffidenza, cinismo, tolleranza alla diversità

25 Adattare lorganizzazione del lavoro

26 Attenzione allascolto Sovraccarico di lavoro ( burn-out )

27 Aspettative magiche legate al processo migratorio: vita reale in comunità specifiche.

28 Domanda aperta: Inclusione o esclusione ?

29 Assimilazione, integrazione, inserimento

30 Lintegrazione è un concetto pericoloso. Non si può cancellare la cultura dorigine

31 La diversità va accettata e rispettata

32 Il disagio e la sindrome da disadattamento del paziente immigrato

33 Immigrato: uno che qualche volta ha patito sorprusi, violenze, torture

34 La stazione: terminale dal quale sperano di partire.

35 Il senso di colpa di chi lascia la famiglia, il suo ambiente

36 Immigrato: stress da transculturazione.

37 Precarietà nelle condizioni di vita

38 Non sono portatori o diffusori di nuove malattie

39 La differenza culturale e lo stress fanno si che il migrante sviluppi disturbi a ridosso o subito dopo il momento migratorio.

40 Si muovono in maniera ibrida: vogliono la nostra medicina biotecnica occidentale ( miracoli immediati ) ma conservano un grado di affezione alla medicina sciamanica autoctona che è la loro

41 Sono spaventati da un qualsiasi disturbo ( non in grado di potersi assentare dal lavoro). Mancanza totale di capacità di autocura.

42 Fase di scetticismo: assenza di un modello della malattia culturalmente condiviso

43 Fase di criticismo: la specificità e la diversa percezione del corpo, della salute e della malattia

44 Nulla è ovvio !

45 Quello che è certo è che si avvera un incontro pluridisciplinare dove dentro ci sono antropologia, psicologia, sociologia che si muovono tra ritualità e sigillo

46 Patologie maternoinfantili pratiche ascissorie e mutilanti, infibulazione, clitoridectomia, circoincisione, impongono percorsi formativi che ci conducono dalle motivazioni religiose alla procreazione e maternità responsabili Patologie maternoinfantili pratiche ascissorie e mutilanti, infibulazione, clitoridectomia, circoincisione, impongono percorsi formativi che ci conducono dalle motivazioni religiose alla procreazione e maternità responsabili

47 La platea migratoria è cambiata. Il viaggio è più stressante, laccoglienza è più imperfetta, lintervallo di benessere dallingresso al primo consulto medico si è ridotto a sei mesi.

48 Limportanza delle trame di significato, costituite attraverso i codici della malattia, diagnosi e terapia è smarrita nei nuovi orizzonti.

49 Ne consegue il disorientamento dei corpi e dello spirito del migrante rispetto alla nuova rete di significanti non immediatamente utilizzabili.

50 Mancata coesione al gruppo, perdita didentità culturale, perdita del posto nel lignaggio, desocializzazione, dis-affiliazione, dissociazione mentale.

51 Il non credere più alla magia, il non credere ancora alla medicina.

52 Quale sapere o quale malattia?

53 E cè da chiedersi: come risponde la psiche?

54 Probabilmente depauperando, isterilendo e alienando il soggetto. Il soggetto spesso è perdente, il soggetto perde !

55 Tornare indietro per andare avanti

56 La migrazione è il teatro dove si svolge la dialettica tra memoria, oblio, trauma e identità.

57

58

59

60

61 Non cè scelta in chi parte, non cè gioia. Vieni scacciato da casa tua, dai luoghi che riflettono ricordi.

62

63 Il MARE tanti migranti sono sepolti tra i flutti Uomini, Donne, Bambini, di cui non conosciamo i volti, né li abbiamo visti sorridere né sentiti parlare. Né ascoltammo le loro grida al momento della discesa né ci chinammo a raccogliere le loro mani protese tra le onde. Il MARE tanti migranti sono sepolti tra i flutti Uomini, Donne, Bambini, di cui non conosciamo i volti, né li abbiamo visti sorridere né sentiti parlare. Né ascoltammo le loro grida al momento della discesa né ci chinammo a raccogliere le loro mani protese tra le onde.

64

65 Si fa cagna feroce per uccidere non lui, Polimestore. Aiutata dalle donne troiane, acceca lui e ne scanna i figli.

66 Ecco la rabbia, ecco che nessuno si salva più!

67 Esser madre comporta un tanto di onnipotenza.

68 Al suo interno, tra le sue braccia il figlio è al sicuro.

69 LONNIPOTENZA CROLLA MISERAMENTE DI FRONTE ALL EVENTO IMPREVISTO

70 Ed ecco il sentimento di frustrazione della madre.

71 I MIGRANTI: uomini e donne spezzate, persone a metà, che hanno accettato il vestito che le circostanze hanno cucito loro addosso.

72 Hanno abbandonato mogli e figli, fratelli, il padre e la Madre, e si, anche loro hanno una MADRE…

73 GIOCASTA La madre iperdisponibile

74 Clitemnestra : la madre psicotica Caotica Imprevedibile

75 ECUBA : la madre umiliata Resa schiava e annullata che conserva la sua grandiosità

76 Quale prole o città? Né sposo più né figli più. Dove andrò? Dovè che un dio maiuta, o un demone

77 CASSANDRA : variante di madre onnipotente-impotente La madre inascoltata Inascoltata per il rifiuto pulsionale (Apollo) Il fallimento della grandiosità Il monologo nelle Troiane: eccitata, confusa, aggressiva, prevede odi e sciagure

78 MEDEA La madre trionfante Onnipotenza (magia – iperdeterminismo) Distruttività (figlicidio) MEDEA La madre trionfante Onnipotenza (magia – iperdeterminismo) Distruttività (figlicidio)

79

80 O cara bocca, che tante volte pronunciasti infantili parole di vanto, sei chiusa per sempre; e mi mentivi, quando, attaccandoti alla mia veste, mi dicevi: Nonna mi taglierò per te molti riccioli dalla chioma, e guiderò le schiere dei miei coetanei presso la tua tomba, per darti un caro saluto. E ora non tu me, ma io te, tanto più giovane, io, una vecchia senza patria e senza figli, seppellisco te, povero morto

81 Senso catartico di trasformare tutto in poesia. Tutto si sublima e alla fine, i genitori seguono i funerali dei figli.

82 Il non poter più proteggere il figlio è il tremendo dramma!

83 Non abbiamo imparato niente, non impareremo mai niente

84 ALLA COSCIENZA NON GIUNGONO LE GRIDA

85 FRAGILITA SOCIALE

86 Un diverso senso del pudore, una diversa rappresentazione corporea, una diversa espressione sintomatologica nonché un bisogno di accoglienza, il dividere o condividere spazi e risorse, significa quasi sempre per loro SOPRAVVIVENZA

87 Soccombere o servire popoli che posseggono maggiori conoscenze come le bestie fan con gli uomini Soccombere o servire popoli che posseggono maggiori conoscenze come le bestie fan con gli uomini

88 La domanda aperta è : inclusione o esclusione?, in quelli che Alain Tarrius- sociologo- definisce spazi circolatori, senza avere la pretesa di cancellarne la loro cultura dorigine.

89 La diversità va accettata e rispettata

90 Italo Fontana, medico psicoanalista di Torino in un libro dal titolo Non sulle mie scale, asserisce che: lincontro dentro ciascuno di noi di questa società multiculturale e multietnica finisce con il determinare UNA PARANOIA IMMUNIZZANTE PSICOLOGICA

91 Le TROIANE: lumiliazione al femminile, perdita del proprio destino, distacco del genere ( gli uomini fanno storia a sé)

92 Nei migranti non è raro nella nostra esperienza assistere a raptus dapatia, chiusura autistica, dal momento che dietro ci sono la mortificazione, lumiliazione ( umus=terra=ti pesto con i piedi).

93 Nelle parole cè sempre un grosso surrogato delle azioni. Vivo il dolore e la rabbia in qualche modo nella parola.

94 LA CADUTA DI TROIA

95 IL MONDO E UNA NOTTE DI TREGENDA IL MONDO E UNA NOTTE DI TREGENDA

96 Gli Americani che pretendono di regolare la Storia

97

98 ECUBA la Madre umiliata, resa schiava e annullata

99 Il crollo e la perdita totale (lutto e melancolia) Essicamento dellIo Rinuncia alla femminilità attraverso Polissena: sacrificio del sé ad Achille, ad un ombra

100 LUNIVERSO DELLE INFINITE OPPORTUNITA VISTE GRAZIE AD UNANTENNA PARABOLICA.

101 Le TROIANE, Cassandra: variante di Madre onnipotente-impotente, delira con gli Dei e delira giusto. La Madre inascoltata, inascoltata per il rifiuto pulsionale ( aveva rifiutato Apollo, che le sputò in bocca, dandole la possibilità di sapere il futuro e non essere creduta). Il fallimento della grandiosità. Nel monologo è eccitata, confusa, aggressiva, prevede odi e sciagure. Ed Ecuba dice: fate tacere quella povera folle!

102 Ecuba e Polidoro, Ecuba e il Cristianesimo, la MATER DOLOROSA a lacrimare ai piedi del figlio in croce. E vedrai, dei due figli, due cadaveri….

103 Stabat mater dolorosa Juxta crucem lacrimosa Dum pendebat Filius

104 I fantasmi ci sono: nella testa, ma ci sono.

105 UMANITA IN CAMMINO: Nomadi per fato: rincorsi fino al pontile da cani feroci sbavanti sul collare chiodato che di ognuno di loro porta il nome: Fame, Carestia, Inedia, Abbandono.

106 Era forse questo, nel pazzo disegno di Dio, il Paradiso Terrestre?

107


Scaricare ppt "MIGRANTI TRA SOGNI E BISOGNI Crollati i sogni, restano i bisogni F.Muscià A.U.S.L. n°4 Enna."

Presentazioni simili


Annunci Google