La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roberto Bonomi Seminario di studio – Pescara 10 Novembre 2012 La forza e i giovani Carichi naturali o sovraccarichi ? Metodi tradizionali ed innovativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roberto Bonomi Seminario di studio – Pescara 10 Novembre 2012 La forza e i giovani Carichi naturali o sovraccarichi ? Metodi tradizionali ed innovativi."— Transcript della presentazione:

1 Roberto Bonomi Seminario di studio – Pescara 10 Novembre 2012 La forza e i giovani Carichi naturali o sovraccarichi ? Metodi tradizionali ed innovativi

2 Penso che ciascuno di noi allenatori, andando avanti nel tempo, si sia formato unidea della velocità che corrisponde alle proprie esperienze e conoscenze. Io, da sempre, ho un concetto della velocità che si traduce nel significato fisico del termine cioè dello spazio nel tempo che in unattività ciclica, quale quella della corsa, sono funzione di due parametri: la frequenza e lampiezza del passo Il loro prodotto, infatti, definisce il valore della velocita di avanzamento del soggetto e volenti o nolenti, sapendo o ignorando, sono questi due parametri quelli su cui cerchiamo di incidere attraverso il training. Essi dipendono da unaltra qualità fisica che è la forza, che, a sua volta, dipende da un elemento della fisiologia umana che è fondamentale per la prestazione di un atleta: il Sistema Nervoso Centrale (S.N.C.) Roberto Bonomi

3 C.N.S. FORZARITMICA Nessuno di noi allenatori, ormai da molti anni, pensa più ad allenare i muscoli, ma rivolge la propria attenzione alla ricerca di strategie capaci di migliorare la funzionalità di tale sistema (S.N.C.) essendo perfettamente coscienti che le future riserve di prestazione vanno cercate proprio in questo campo. Purtroppo, ancora oggi siamo lontani dalla comprensione e dalla messa a punto di metodologie, scientificamente fondate, che permettano di migliorare i fattori di prestazione legati ai processi coordinativi e di regolazione dellazione.

4 Ne deriva che è il meccanismo nervoso di regolazione della funzione contrattile del muscolo che permette di utilizzare, in forme più o meno complete o evidenti, il potenziale motorio riferito ad uno sforzo volontario. In tali studi è evidente che soggetti di più scarsa qualificazione producono maggiori differenze tra i parametri derivanti dallimpegno di forza volontaria e quelli della stimolazione artificiale. Se ne deduce che un allenamento pluriennale ben strutturato migliora il meccanismo nervoso di regolazione della funzione contrattile del muscolo. A supporto di tale affermazione trovo interessante uno studio condotto da Yury Verchoshansky nel 1988 su atleti di diverse età che ha evidenziato come si modifica rispetto ad una contrazione volontaria (B) la curva forza/tempo quando, attraverso stimolazione artificiale, viene prodotta una contrazione tetanica (A)

5 La corsa veloce è lunica specialità sportiva le cui prestazioni sono legate allutilizzazione di tutte le espressioni di forza di cui la muscolatura è capace, e per questo richiede una articolazione ed unorganizzazione assai complessa dei mezzi dellallenamento anche rispetto alle strategie metodologiche adottate dalle altre discipline di forza. (Ivet Lalova Rieti May 14, 2011) Personalmente, sono affascinato da molti degli aspetti che entrano in gioco nellallenamento dello sprinter, il primo dei quali è legato alla contradizione in termini esistente tra velocità e la fisiologia neuromuscolare. Sappiamo, infatti, che la forza prodotta da un muscolo diminuisce drasticamente al crescere della sua velocità di accorciamento. Ugualmente sappiamo che per correre veloci abbiamo bisogno di quantità elevate di forza espresse in tempi sempre minori. (Hill 1938) Le tante difficoltà sono accresciute dal fatto che il training si sviluppa in periodi assai lunghi e che contiene molti e differenziati elementi che si realizzano in tempi diversi. La soluzione consiste nel suddividere la capacità di base nelle tante componenti elementari da cui è formata e nel sollecitare separatamente ciascun elemento, in modo da ottenere il risultato ipotizzato per effetto di sommazione dei micro miglioramenti di ciascuna unità. Tale organizzazione si concretizza nella "ciclizzazione" che è l'operazione con cui si rendono organici tutti gli interventi, disponendo i singoli elementi scelti in un rapporto di reciproca ed ordinata connessione per ottenere la maggiore accumulazione degli effetti del training. (C. Vittori) Roberto Bonomi

6 Lallenamento dello sprinter deve conciliare esigenze diverse che coinvolgono una vasta gamma di capacità, quali quelle relative: alle tante espressioni di forza coinvolte nella prestazione alla scioltezza e souplesse muscolari, alle abilità tecnico-ritmiche e di rapidità. Oggi vorrei esporvi il mio punto di vista sullallenamento della forza, fattore caratterizzante lallenamento dello sprinter, analizzando, prima, la capacità di adattamento dell'organismo e la sua allenabilità nell'età prepuberale. Infine, se lo permetterà il tempo, vorrei raccontare una esperienza che da circa 12 anni conduco sullutilizzo della vibrazione nelle esercitazioni di forza con sovraccarico Roberto Bonomi

7 Per rendere più efficace il processo di allenamento e non nuocere alla salute dellatleta, è indispensabile tenere conto delle particolarità dellorganismo, dei principi che regolano la sua attività vitale e delle norme essenziali di organizzazione del processo di preparazione. A tal fine occorre domandarsi: come è possibile conciliare un allenamento sportivo specifico, diretto all'adattamento del muscolo scheletrico, con il processo di sviluppo individuale considerando anche che, proprio in questa fase, l'apparato di sostegno e di appoggio può diventare un fattore limitante della prestazione ? (Duda 1988; Herm e al. 1981; Lathan e al. 1979) Roberto Bonomi La capacità di adattamento dell'organismo e la sua allenabilità nell'età prepuberale

8 lo sviluppo corporeo del soggetto in crescita I dati riferibili a questa problematica riguardano soprattutto: il sistema cardio-polmonare ed il suo metabolismo la formazione della sua motricità Le capacità di adattamento dellorganismo Roberto Bonomi I processi di adattamento della muscolatura scheletrica, compresa la sua forza, hanno un andamento cronologico, qualitativamente e quantitativamente diverso da soggetto a soggetto. Risulta, infatti, che giovani atleti della stessa età cronologica, soprattutto nel periodo compreso tra 13 e 14 anni, mostrano una grande differenziazione nella loro età di sviluppo biologico con un range di variabilità che può anche essere di 3 – 4 anni Età cronologica ed età biologica

9 Soggetti a sviluppo normale, accelerato, ritardato Occorre, dunque, analizzare i presupposti chiaramente diversi dei soggetti a: sviluppo normale biologicamente accelerati biologicamente ritardati Roberto Bonomi

10 La crescita ultrastrutturale muscolare Roberto Bonomi Nella crescita del muscolo scheletrico, occorre distinguere una crescita in lunghezza, strettamente connessa alle variazioni di lunghezza dello scheletro con conseguente aumento del numero dei sarcomeri, ed una crescita in diametro conseguente alla formazione di nuovi filamenti di actina e miosina nella miofibrilla. Questi processi rappresentano le basi per lo sviluppo della forza muscolare, la cui entità viene essenzialmente determinata dalla attivazione nervosa del muscolo

11 Sollevamento del CG ottenuto durante un salto con il contromovimento da soggetti maschi e femmine,praticanti attività e discipline sportive è presentato in funzione delle varie età (da Bosco, 1992 ) Sollevamento del CG nel CMJ Età (anni) donne uomini Roberto Bonomi Oltre ai fattori citati, sulla crescita ultrastrutturale muscolare esercitano una importante azione gli ormoni (tirossina, l'ormone somatotropo, ed il testosterone) (tirossina, l'ormone somatotropo, ed il testosterone) che promuovono la differenziazione dei tessuti si possono ottenere notevoli miglioramenti nello sviluppo della forza muscolare solo dopo l'aumento della produzione e della liberazione di testosterone (Komi, Hakkinen 1988; Prader 1975)

12 Roberto Bonomi Un lungo periodo di allenamento intensivo stimola il controllo nervoso producendo una notevole ipertrofia soprattutto delle fibre FT Distribuzione delle fibre FT nel muscolo estensore delle coscia in funzione dell'età (Bolte et al. 1983)

13 Le ricerche di Janda (1967) hanno messo in rilievo che i muscoli che svolgono prevalentemente una funzione statica tendono a diminuire la loro lunghezza, mentre i muscoli che svolgono soprattutto lavoro dinamico tendono ad un indebolimento della loro forza. Simili squilibri muscolari, osservabili già in età giovanile precoce interessano più i soggetti biologicamente accelerati che quelli ritardati. Roberto Bonomi Gli squilibri morfologici funzionali

14 Ulteriore scarico viene prodotto dall'uso di una cintura di cuoio che non soltanto impedisce una protusione dell'addome, ma è di ausilio alla muscolatura addominale. L'uso della cinta permette alla pressione intraddominale di aumentare più rapidamente, raggiungendo generalmente valori più elevati. (Bartelink 1957; Hama et al. 1989; Troup et al. 1973) E' quindi fondamentale, oltre all'apprendimento di una corretta tecnica di carico, sulla colonna vertebrale, dedicare un'attenzione particolare al rafforzamento dei muscoli estensori delle estremità inferiori e della muscolatura addominale. Una muscolatura addominale potente contraendosi aumenta notevolmente la pressione intraddominale, producendo una azione di scarico della pressione sui dischi intervertebrali del tratto lombare della colonna e della zona di transizione lombosacrale. Roberto Bonomi

15 Il tessuto tendineo, formato da collagene rigido, scarsamente elastico, si adatta gradualmente all'azione della forza muscolare che deve trasmettere allo scheletro. Esso, inizialmente, reagisce ai carichi riducendo la lororesistenza alla trazione e si stabilizza solo dopo alcuni giorni aumentando la resistenza alla trazione (fino 1500 kg/cm2). Nonostante l'elevata adattabilità del tessuto tendineo, i tendini restano il "punto debole" del sistema funzionale, soprattutto nel punto immediato di giunzione con il muscolo. Le articolazioni, prevalentemente sollecitate da forze trasversali e di pressione, soprattutto negli adulti, rispondono molto sensibilmente agli stimoli di allenamento. La sua ultrastruttura si forma completamente con la pubertà. Il tessuto osseo, con il suo intenso metabolismo ed il crescente carico di pressione, trazione, torsione si contraddistingue per numerosi adattamenti strutturali, anche se rilevabili solo dopo anni di attività, (Tittel 1990). Gli squilibri morfologico-funzionali Roberto Bonomi

16 Occorre dedicare speciale attenzione alla piena funzionalità della colonna vertebrale. Tale funzionalità può essere compromessa, anche, e soprattutto, per squilibri muscolari particolarmente per ciò che riguarda i dischi intervertebrali. E noto che i vasi sanguigni che li interessano regrediscono già a 4 anni d'età, per cui in essi i processi metabolici si realizzano quasi esclusivamente per diffusione che viene favorita dal continuo alternarsi tra carico e scarico. Si tratta di un presupposto essenziale per la capacità di adattamento e di carico dei dischi intervertebrali, e perché essi possano svolgere la loro azione ammortizzante. Bisogna fare molta attenzione alla posizione di lavoro che deve permettere di mantenere la curva fisiologica della colonna distribuendo le forze di pressione, quanto più possibile sulla loro intera superficie. Gli squilibri morfologico-funzionali Roberto Bonomi

17 Il periodo puberale dello sviluppo è caratterizzato da maggiori o minori spinte d'accrescimento che differiscono da soggetto a soggetto. Conclusioni Atleti di diversa età biologica mostrano differenze sia nell'adattabilità che nella capacità di carico del tessuto connettivo e di sostegno. Per evitare danni e lesioni è necessario insegnare quanto prima possibile una tecnica di esecuzione corretta, e dedicare molta attenzione a possibili squilibri muscolari, che sono una delle cause più importanti di alterazioni, ritardi ed interruzione nella costruzione a lungo termine della prestazione. Le spinte di accrescimento sono collegate all'aumento della capacità di prestazione fisica e sportiva, ma ciò non vuol dire che, necessariamente, il tessuto connettivo e di sostegno siano già preparati ad affrontare, senza possibilità di danni, elevati carichi di allenamento Roberto Bonomi

18 Risulta, quindi, chiara quella che deve essere la differenza sostanziale dei contenuti dellallenamento tra i giovani che si trovano nel periodo dello sviluppo fisico e gli atleti che lo stanno concludendo o, meglio ancora, che lo hanno già completato. Ciò definisce bene il concetto di diversificazione degli interventi, funzione del periodo di vita e dello sviluppo del soggetto; i contenuti che definiscono lattività dellatleta devono sempre essere caratterizzati da elementi di novità e di originalità capaci di stimolarne la reazione e quindi la crescita. Una progressiva variazione dei contenuti (mezzi ed esercitazioni), dei parametri del carico (intensità e volume), della loro organizzazione (metodi di distribuzione e ciclizzazione), da attuare nel lungo arco di tempo dellattività dellatleta, rappresentano loperazione più difficile ed importante, giacché compongono il presupposto metodologico che assicura la continuità dei miglioramenti. (Vittori) Lo sviluppo pluriennale dellallenamento della forza muscolare Roberto Bonomi

19 Occorre, per ciò, tener ben presenti le differenti categorie di atleti appartenenti alla fascia di età compresa tra i 12 ed i 30 anni, per poter incidere con continuità e variazione di contenuti onde poter assicurare la costanza dei miglioramenti. In riferimento alla forza veloce si debbono prevedere, nel tempo, interventi differenziati, capacidi impegnare sia la componente muscolare (trofismo proteico) che quella neuro-endocrina (aumento frequenza di stimolo), la quale ultima, funzione coordinata delletà, ha effetti diretti sulla capacità di forza. Lo sviluppo pluriennale dellallenamento della forza muscolare Roberto Bonomi

20 In questa fascia di età, tutta lattività che si svolge è rivolta alla conoscenza di quelle che sono le attitudini e le capacità dellallievo, serve a valutare, attraverso lentità dei miglioramenti, la bontà delle esercitazioni proposte. Le esercitazioni mirano soprattutto alla costruzione equilibrata di tutti i settori corporei ponendo particolare attenzione ad una corretta esecuzione ed al miglioramento della mobilitazione articolare. Gli esercizi sono tutti a carico naturale, tuttavia lesecuzione è sempre finalizzata alla massima velocità possibile per indurre il miglioramento delle abilita legate a dinamismi elevati. Oltre alla componente metabolica, i settori maggiormente interessati sono: braccia e cingolo scapolo-omerale; Dai 12 ai 15 anni dorso ed addome; glutei, arti inferiori e piedi. Roberto Bonomi Questa è anche letà (13/15 anni) in cui dare inizio allinsegnamento della tecnica degli esercizi di forza mediante bastoni di legno di peso molto basso (2-10kg funzione delletà e dello sviluppo) con lunico scopo di preparare lallievo mediante una corretta esecuzione, a quelli che saranno gli interventi futuri.

21 Dai 16 ai 17 anni Roberto Bonomi Questa è la fascia di età in cui si usufruisce degli interventi e dei presupposti costruiti e pianificati in precedenza. Il carico naturale viene mano mano sostituito da esercitazioni con carichi aggiuntivi capaci di stimolare ulteriormente la capacità contrattile del muscolo che rappresenta il fondamento fisiologico della forza volontaria. Diventa fondamentale luso del bilanciere di vario peso funzione delletà e delle caratteristiche dellatleta e quindi della capacità di eseguire con sufficiente dinamicità gli esercizi classici dellalterofilia oltre agli esercizi specifici per il miglioramento dei muscoli antigravitazionali. Inoltre molti altri esercizi che venivano eseguiti, nella precedente fascia di età a carico naturale, vengono ora eseguiti con lutilizzo con sovraccarichi aggiuntivi (cavigliere-cinture)

22 Questa è letà in cui le spinte proprie della crescita si affievoliscono o, per alcuni, spariscono del tutto. Si rendono quindi necessari, per quanto riguarda lallenamento della forza, interventi nuovi e specifici capaci di stimolare il sistema ormonale e che coinvolgano tutte le espressioni della forza interessate nella prestazione dello sprinter (con particolare riguardo agli arti inferiori) e cioè la forza: massima relativa (o della capacità contrattile) Dai 18 ai 19 anni esplosiva esplosivo-elastica reattivo-riflessa presupposto dinamico della stiffness Roberto Bonomi Gli esercizi vengono eseguiti in serie e le serie in successione facendo sempre precedere lesercizio maggiormente proiettato verso la forza (meno dinamico perché il sovraccarico è alto) a quello più dinamico in modo da esprimerla a livelli sempre più veloci. Si continueranno, sempre, a curare i settori muscolari complementari come braccia, addome ed altro

23 Questa è letà in cui finisce la crescita fisica naturale ed è quindi necessario ricorrere ed organizzare soluzioni metodologiche più evolute e sofisticate. Si comincerà a comporre più esercizi (2-3) che rispondono a diverse espressioni della forza e che prenderanno il nome di Modulo Tale metodo, definito a velocità variabile, permette molteplici combinazioni che sono in grado di supportare miglioramenti nel training specifico per molti anni Dai 20 anni in poi Ciascuna combinazione, in questo caso, si chiamerà modulo e conterrà una serie per ogni esercizio scelto, che verranno ripetuti per un numero sufficiente di moduli. Questa metodologia, definita a velocità variabile, consente la costituzione di una grande numero di moduli per ottemperare, per diversi anni alle esigenze di un training variabile nei contenuti di cui la ricchezza e la novità dei mezzi e delle soluzioni rappresentano il fondamentale presupposto della sua efficacia.(Vittori) Roberto Bonomi

24 È, quindi evidente, che l allenamento della forza, oltre a sollecitare aspetti biochimici e conseguenti modificazioni morfologiche, attiva anche risposte neurogene specifiche. Il sistema nervoso gioca un ruolo determinante soprattutto nella coordinazione della risposta all azione stressante e cioè sull attivazione dell asse ipotalamo-ipofisi- surrene. I primi miglioramenti che si riscontrano in risposta agli interventi di training, sono proprio dovuti a fattori neuromuscolari quali il reclutamento e sincronizzazione delle unità motorie, coordinazione intra ed intermuscolare, miglioramento dei riflessi da stiramento e di inibizione degli organi tendinei del Golgi. A questa prima risposta, fase autonoma, segue una risposta ormonale molto più complessa detta fase metabolica legata ai processi di incremento della sintesi proteica ed in particolar modo all aumento della sezione trasversa del muscolo. Tutte queste modificazioni sono accompagnate da variazioni ormonali (Guezenec et al. 1986) che sono correlate sia al tipo di lavoro che alla velocità di esecuzione (Bosco et al. 1999). Inoltre i tempi di recupero tra le serie, così come il numero delle serie effettuate, sono di fondamentale importanza per la creazione di adattamenti specifici Roberto Bonomi La forza muscolare è anche un prodotto dellallenamento; esso come effetto produce un adattamento nellorganismo. Questa capacità di adattamento dellorganismo deriva da un particolare equilibrio generale che coinvolge fenomeni neuro-endocrini molto complessi. È quello che Hans Selye ha definito Sindrome Generale di Adattamento, chiarendo che se veniamo sottoposti ad azioni stressanti (freddo, caldo, rumore, emotività, fatica, ecc.), il nostro organismo reagisce e oltre a dare risposte specifiche relativamente ai settori sollecitati, risponde sempre con un adattamento aspecifico tendente a riportarlo in equilibrio con l'ambiente.

25 Il fondamento dell allenamento Questa capacità dell organismo di rispondere con un incremento delle proprie disponibilità energetiche e funzionali alle sollecitazioni stressanti rappresenta anche il fondamento del training il cui significato complesso è difficilmente riassumibile in sintesi che ne colgano tutti gli aspetti che sono di ordine pedagogico, psicologico, didattico, bioenergetico, tecnico nonché filosofico. (Vittori) È opportuno ricordare che molti dei complessi meccanismi fisiologici che sono alla base di queste variazioni, non sono ancora chiari così come poco ancora si conoscono i fenomeni collegati all insorgere della fatica conseguente ad un periodo prolungato o alla singola seduta di allenamento (mesociclo) (p.e. Hakkinen e Pakarinen, 1985; Bosco et al. 1999)

26 NEURALETESSUTALEORMONALE Testosterone Coordinazione intra e intermuscolare Alcune ore o giorni Alcuni giorni o settimane Alcune settimane o mesi Ipertrofia selettiva delle fibre Roberto Bonomi Tempi necessari per ladattamento Bisogna distinguere diversi tipi di adattamento che, oltretutto, necessitano di tempi diversi e precisamente:

27 Da ciò risulta evidente che per ottenere i migliori risultati, è opportuno che i regimi di lavoro vengano combinati, cioè il carico in regime concentrico sia integrato con un carico in regime eccentrico, così come risulta chiaro che la dominanza percentuale di un regime di lavoro rispetto all altro sposta l effetto del attività o sul versante della forza o su quello della velocità dei movimenti. la classificazione dei diversi tipi di contrazione muscolare fatta in funzione della forza massima trova: al primo posto il lavoro muscolare eccentrico al secondo quello isometrico al terzo quello concentrico In funzione, invece, dell attività di regolazione del sistema nervoso centrale il ruolo dominante è rappresentato dal regime di lavoro muscolare concentrico Roberto Bonomi Sapete che esistono tre tipologie di espressione della forza che sono: isometrica – concentrica - eccentrica. La contrazione muscolare può essere classificata sia in funzione della sua espressione massimale che dell attività del S.N.C.

28 Origine della forza nella contrazione muscolare È noto uno dei principi fondamentali riguardanti la contrazione muscolare e cioè la prerogativa del muscolo di sviluppare forze di intensità variabile. A questa capacità, che può essere volontariamente regolata, si dà il nome di graduazione o modulazione della forza muscolare. Tale fenomeno avviene fondamentalmente attraverso due meccanismi: 1) variando il numero di unità motorie attive ad ogni istante, fenomeno cui si dà il nome di sommazione di unità motorie in sincronia. 2) variazione della frequenza di contrazione delle singole unità motorie, fenomeno detto sommazione di scosse. È il fenomeno mediante il quale è possibile far variare la forza di un muscolo attivando una sola unità motoria, oppure parecchie simultaneamente. Lesaurimento di tale fenomeno permette soltanto sviluppi relativi della capacità massima di esprimere forza, più precisamente esso si esaurisce per tensioni uguali al 70% della Fmax mentre il restante 30% risulta essere funzione del secondo meccanismo, cioè Roberto Bonomi Questo è solo un richiamo ad un fenomeno noto e serve ad sottolineare la necessità di utilizzare strategie ben precise da seguire nella definizione rispettivamente del carico e della velocità di esecuzione. Infatti l entità della tensione muscolare è funzione di questi due parametri e se si vuole essere certi che le unità motrici vengano tutte attivate, realizzando la tensione massima che non differisce, per valore, nei due casi, è necessario porre come massimi o l uno o l altra.

29 I limiti della forza volontaria Tutti i metodi di allenamento classici si basano sull impegno della forza volontaria e sulla capacità dell atleta di mobilitare al massimo il suo potenziale motorio. Ciò sta a significare che maggiore è l impegno della forza volontaria durante il sollevamento di un sovraccarico, maggiore sarà la velocità con la quale esso sarà spostato, fin quando, aumentando gradualmente l entità del carico da sollevare, si arriverà ad un punto in cui, per quanto elevata sarà la forza di volontà, il carico non sarà più sollevabile. Ne consegue che il limite dell effetto allenante di un tale metodo è determinato dai limiti della forza che il soggetto è in grado di esprimere volontariamente in quel determinato momento. Sappiamo, però, che in determinati stati di necessità estrema o di ipnosi, l uomo riesce ad esprimere capacità straordinarie. E conseguente pensare che in tali situazioni estreme la natura permetta di mobilitare possibilità nascoste o di riserva. Roberto Bonomi

30 Hollmann e Hettinger (1976) hanno analizzato e classificato tali possibilità definendo in particolare quelle del sistema nervoso e muscolare come segue: Capacità nascoste o di riserva riserve utilizzate nei movimenti automatici = 15% riserve fisiologica = 20% riserve speciali caratterizzate da intensità e durata elevata = 35% riserve automaticamente protette = 30% I limiti della forza volontaria Roberto Bonomi

31 Obiettivo programma di allenamento Un altro sistema è quello di utilizzare la memoria che ogni stimolo che aumenta l intensità dell attività muscolare, anche se di breve durata, lascia nel sistema nervoso. Queste "tracce", che durano per un determinato periodo di tempo dopo la sospensione dell azione dello stimolo, possono influire notevolmente sull attività muscolare successiva, ed in particolare possono aumentarne l effetto. (Iliev 1970; Kodikin 1976; Tatian 1974; Verchoshansky 1970) Seguendo tale principio è possibile utilizzare una maggiore eccitabilità del sistema nervoso centrale prodotta da precedenti tensioni muscolari massimali di breve durata allo scopo di aumentare la potenza del lavoro specifico successivo. Roberto Bonomi Quanto detto per evidenziare che un programma pluriennale di allenamento deve realizzare un migliore utilizzo delle capacità funzionali dell organismo conseguenti alla possibilità di utilizzare la categoria delle riserve speciali o protette. Ciò è possibile facendo uso di strategie che comprendono esercitazioni in cui uno stimolo meccanico esterno "costringe" il sistema nervoso centrale ad aumentare l intensità della corrente di impulsi inviata alla periferia muscolare. Un esempio di ciò è rappresentato da esercizi che riutilizzano a tale scopo l energia cinetica, accumulata dal corpo o da un attrezzo durante la caduta libera da una certa altezza. (Y. Verchoshansky 1961;1963;1967;1969). Se nel lavoro classico con sovraccarichi la tensione muscolare dipende soprattutto dalla forza contrattile volontaria, in tali esercitazioni la mobilitazione dell attività muscolare ha un carattere forzato determinato da fattori esterni.

32 Tutta la serie di esercitazioni che prevedono contromovimento e rimbalzi sia con che senza sovraccarico permettono in maniera più o meno determinante di: Le esercitazioni a carattere forzato elevare la forza a livelli superiori di quanto possibile con lavoro volontario diminuire i processi d inibizione dovuti ai recettori del Golgi sul riflesso miotatico migliorare la sensibilità del fuso muscolare migliorare il tempo restituzione (inversione eccentrico-concentrico) E importante sapere che tutte le esercitazioni adatte a produrre tali effetti si basano sulla capacità dell atleta di resistere a forze esterne elevate. Ciò comporta dei rischi che possono essere, in parte, evitati attraverso una costruzione attenta ed efficace che tenga conto dello sviluppo temporale dell allenamento e sia, quindi, capace di creare i presupposti funzionali necessari alle fasi successive. Roberto Bonomi

33 Abbiamo sottolineato che le forze di maggior intensità si sviluppano nel muscolo quando forze esterne superano quelle prodotte dal muscolo stesso e si sommano allallungamento producendo una contrazione eccentrica. Tale tipo di contrazione spesso produce danno alle componenti contrattili e citoscheletriche delle fibre muscolari stesse, con conseguente sensazione di debolezza e percezione di indolenzimento (DOMS - delayed onset muscle soroness). I muscoli si adattano sia strutturalmente che funzionalmente alle costanti contrazioni in allungamento eccentrico elevate e questi adattamenti possano aiutare sia a prevenire infortuni muscoloscheletrici, sia per incrementare la prestazione sportiva. In ogni caso il danno muscolare non sembra essere una conseguenza obbligata a seguito di contrazioni eccentriche elevate. Essa, quindi, più correttamente deve essere considerata come un adattamento di protezione e come una stimolazione con effetti positivi per il muscolo (e il tendine). Esistono dati è dimostrano che perfino i protocolli di allenamento eccentrici più leggeri che non producono nemmeno il più piccolo danno muscolare sono sufficienti a garantire questo tipo di protezione. La contrazione eccentrica Roberto Bonomi

34 Il delta di forza contrazione eccentrica-isometrica F ECC - F IC = F reclutamento di nuove unità motrici aumento della frequenza di stimolo miglioramento della stifness e delle componenti elastiche del muscolo protegge il muscolo da danni produce un veloce adattamento neurale ed inoltre, in risposta al danno cellulare, stimola la formazione di nuovi sarcomeri Durante tale tipo di contrazione si riscontrano livelli di forza decisamente più elevati di quelli che si rilevano in altri tipi di contrazione stimola lipertrofia delle fibre veloci I vantaggi del lavoro eccentrico Il lavoro eccentrico, quindi, offre determinati vantaggi perchè La differenza di forza che si evidenzia tra lavoro eccentrico ed isometrico è spesso molto elevata ed è dovuta: Roberto Bonomi

35 Le esercitazioni a carico naturale da sole non sono sufficienti a sviluppare i grossi effetti prodotti dall allenamento con carichi massimali sia dal punto di vista della coordinazione che delle modificazioni ormonali. Il carico naturale non permette livelli di consolidamento temporale della forza altrettanto rapidi e duraturi di quelli che si ottengono lavorando con sovraccarico; le alte velocità di esecuzione, spesso non producono miglioramenti della forza massimale dato il loro breve tempo di esplicazione. Da ciò deriva che carichi intensivi hanno un carattere di sviluppo e di stimolo diretto e quelli estensivi invece assumono il carattere di consolidamento, cioè diretto a stabilizzare trasformazioni funzionali adattive dell organismo dell atleta. Perché il sovraccarico Roberto Bonomi Da ciò deriva che le condizioni che influiscono sulla crescita dell ipertrofia muscolare sono legate: tempo di mantenimento della tensione muscolare entità della tensione muscolare

36 cioè al lavoro fatto su di un solo arto Contrazione unilaterale La forza, così come lattività elettrica, ottenuta dalla contrazione bilaterale di muscoli omologhi è inferiore rispetto alla somma della forza ottenuta contraendo unilateralmente i due muscoli (Coyle e coll. 1981, Ohtsuki 1981, Howard e coll. 1987) In una esercitazione di ½ squat esplosivo un atleta del peso di 80 kg che lavora con il 200% del proprio peso corporeo, utilizzando entrambe gli arti, deve sollevare un carico di 160kg (quindi solleva = 240 kg cioè 120 per gamba), al contrario, lavorando su un solo arto, sarà sufficiente sollevare solo 40 kg per avere le stesso carico sul singolo arto (80 kg P.C kg sovraccarico) Roberto Bonomi

37 Come influiscono i tempi di recupero I tempi di recuperi più ampi influiscono di più sullaspetto neurogeno (Kramer, 1990) I tempi di recupero brevi influenzano maggiormente le modificazioni ormonali Roberto Bonomi regime eccentrico arrivano fino a tre mesi regime concentrico vanno dalle cinque settimane legate ai metodi di contrasto a due settimane o meno del metodo volontario concentrico puro Tempi di utilizzazione

38 Roberto Bonomi Grande attenzione va posta nel fatto che non debbono essere vanificati gli effetti della supercompensazione seguenti il periodo di recupero attraverso esercitazioni o carichi che ne soffochino l effetto. E da ricordare che solo metodi speciali di preparazione della forza adeguati o molto vicini all esercizio di gara possono garantire l efficace miglioramento dei meccanismi neuro-motori specifici necessari. Che cosa è importante sapere La preparazione speciale di forza richiede un grande dispendio di energie nervose quindi gli esercizi che la riguardano debbono essere eseguiti in stato di riposo con una seduta separata di allenamento iniziata in condizioni di freschezza o addirittura dividendo la seduta di forza in due periodi distanziati tra loro di alcune ore onde evitare l affaticamento del sistema nervoso È consigliabile un riscaldamento mediante utilizzo di piastre e bilancieri. Al termine di tale fase vanno sempre introdotti esercizi di alzata classica (slancio o strappo o tirate) Durante il periodo di allenamento della forza si registra, nei test, un decremento della potenza che viene ampiamente recuperata nei successivi periodi di ripristino o di scarico

39 come espressione di base della capacità contrattile tecnica corsa ritmica corsa La capacità di correre velocemente è influenzata da vari fattori quali: forza muscolare come espressione di forza speciale come espressione di forza specifica come perfezionamento della tecnica della corsa, della partenza dai blocchi e della decontrazione come perfezionamento della tecnica della corsa, della partenza dai blocchi e della decontrazione come ottimizzazione del rapporto tra la lunghezza e la frequenza dei passi, in funzione della distanza e, quindi, della velocità. come ottimizzazione del rapporto tra la lunghezza e la frequenza dei passi, in funzione della distanza e, quindi, della velocità. Roberto Bonomi

40 Questa alternanza è regolata dalla frequenza dei passi e dalla loro lunghezza, su cui gioca un ruolo fondamentale la forza e la capacità di di escursione articolare dei segmenti degli arti inferiori. Questo ultimo fattore, cioè la ritmica, mi permette di trattare un argomento che costituisce il fondamento dinamico della corsa in generale e di quella veloce in particolare. Essa si può definire come: una successione regolare nel tempo di forme di movimento, e la frequenza con cui le varie fasi di tale movimento si succedono. Nella corsa tale successione riguarda lordine dei movimenti combinati e coordinati degli arti superiori ed inferiori, che si ripetono omologhi ed alternati (C. Vittori). Roberto Bonomi La ritmica di corsa

41 Fra questi due indicatori, dal punto di vista biomeccanico, esiste un rapporto di proporzionalità inversa, cioè, allaumento delluno corrisponde una diminuzione dellaltro e viceversa, quindi, non è possibile, oltre certi limiti, far crescere contemporaneamente entrambe i parametri. Ciò sta a significare che la massima frequenza possibile è raggiungibile soltanto riducendo lampiezza del passo e viceversa. La causa di questo comportamento risiede nel fatto che la muscolatura dellatleta non è più in grado di esprimere le punte di forza necessarie e, contemporaneamente, diminuire i tempi della loro espressione. È, quindi, necessario scegliere strategie in grado di contenere i livelli di forza da utilizzare, cosa che si verifica quando si riduce molto limitatamente la lunghezza del passo favorendo, così, la crescita della frequenza. Se tale crescita è più grande di quanto si perde per la diminuzione della lunghezza, la velocità crescerà ancora. Il momento in cui avviene questa inversione corrisponde alla velocità di equilibrio, definita così giacché fino a quel punto la crescita dei due indicatori è stata continua, simultanea ed equilibrata. È possibile realizzare un modello prestativo in base alle caratteristiche fisiche del soggetto che può essere utilizzato per giudicare il comportamento tecnico-ritmico dellatleta in competizione, ma anche per valutare e controllare lo sviluppo dellallenamento e la sua incidenza sui due parametri, da realizzare durante i periodi di rigenerazione, a conclusione di ciascun ciclo funzionale, quando le spinte supercompensative fanno sentire maggiormente i loro effetti positivi, elevando la condizione fisica e psichica dellatleta.

42 La corsa rapida permette di quantizzare la frequenza dei passi (cioè il numero di passi per secondo) e ci dà la misura della capacità dellatleta di alternare rapidamente stati di eccitazioni ed inibizioni (contrazioni e decontrazioni muscolari), e della capacità di estrinsecare un buon livello di espressione eccentrico-riflessa della forza la corsa ampia permette di conoscere le capacità, dello stesso atleta, di esprimere elevate punte di forza esplosiva ed eccentrico riflessa, in tempi brevi ed anche di valutare lottimale articolabilità delle anche e del rachide lombare che governano lampiezza della divaricazione delle cosce sul bacino, (passo pelvico) Roberto Bonomi Costruzione di un modello di comportamento ritmico in una corsa veloce di 100 m A tale scopo vengono utilizzati due esercizi speciali di corsa sulla distanza di 100 m. la corsa rapida e la corsa ampia

43 Dal confronto dei dati del modello ipotizzato e quelli ottenuti dall' atleta nella sua migliore prestazione dell'anno precedente, si ricavano le indicazioni utili per scegliere i contenuti della preparazione che permetteranno di colmare i deficit e le lacune per raggiungere i livelli di comportamento previsti nel modello. È il caso però di chiarire che, una volta raggiunta e consolidata la lunghezza ottimale del passo (che dovrebbe verificarsi entro il 20° anno d'età), gli ulteriori miglioramenti della velocità saranno ad esclusivo carico della frequenza. È chiaro che, dipendendo tale fattore direttamente dalla lunghezza dell'arto inferiore dell'atleta, una volta raggiunta lampiezza ottimale prevista nel modello prestativo ipotizzato, essa non può più aumentare. Sarebbe, tuttavia, un errore eliminare le esercitazioni che riguardano tale parametro nel momento in cui si va a stimolare la crescita della frequenza che con l'ampiezza ha un rapporto di proporzione inversa. È importante sottolineare che la costruzione di suddetto modello deve avvenire soltanto quando lo sviluppo staturale è quasi completo a la forza muscolare ha raggiunto un buon livello in tutte le espressioni utilizzate nella prestazione, cioè verso i 19/20 anni. Solo allora esso può diventare un riferimento importante per la definizione di una ritmica adeguata. Roberto Bonomi Costruzione di un modello di comportamento ritmico in una corsa veloce di 100 m

44 Esiste una contraddizione tra l'entità del sollevamento del ginocchio indispensabile per sviluppare un'ampiezza ottimale, e la diminuzione del tempo di contatto che condiziona il crescere della frequenza. In questa attività, oltre gli aspetti tecnici esecutivi, esiste una componente muscolare che riguarda essenzialmente la muscolatura flessoria ed estensoria degli arti inferiori. Roberto Bonomi I parametri frequenza e ampiezza A tale scopo sono stati selezionati due gruppi di esercitazioni che impegnano direttamente e selettivamente la muscolatura flessoria e quella estensoria. I balzi sono comuni ai due gruppi per l'alta correlazione che hanno con le due capacità, soprattutto nella fase di accelerazione, dovuta all'alto livello di forza e della rapidità della sua espressione, che essi richiedono.

45 Esercizi di "corsa ampia" e "corsa rapida I due esercizi debbono essere usati sia come mezzi per allenare la capacità di esprimere forza veloce specifica e rapidità sia come elementi di controllo o di test. Durante il periodo di rigenerazione, quando è possibile utilizzare una condizione migliore, frutto della drastica riduzione del lavoro da svolgere, le due esercitazioni si qualificano ed assumono valenza di sintesi di quanto è stato preparato nei cicli precedenti, mentre nei periodi di forte carico, questi esercizi sono sistematizzati soprattutto per svolgere una funzione a carattere addestrativo e tecnico-ritmico. I due esercizi in numero di 4/6 prove ciascuno possono essere eseguiti nella stessa unità se le condizioni di tenuta nervosa dell'atleta lo consentono, altrimenti si distribuiscono in due unità separate. Roberto Bonomi

46 Esercizi per lo sviluppo dell ampiezza Roberto Bonomi 1.Multibalzi orizzontali, con ritmica alternata. 2.Esercizi di potenziamento dei muscoli flessori delle cosce sul bacino con scarpe zavorrate o con cavigliere da chilogrammi 3-4 in serie di 30 rip. al massimo della rapidità. 3.Skip con o senza cavigliere, a ginocchia alte, in serie di 100 ripetizioni, fino a 200 per i 400isti. Come test si eseguono invece 50 ripetizioni cronometrate e senza sovraccarico. 4.Corsa balzata su 100 m. rilevando il tempo ed il numero di balzi. 5.Corsa ampia su 100m. si rilevano il numero dei passi ed il tempo. 6.Sprint con cavigliere da 1-2 kg, su distanze di 10/20 m. 7.Andature del marciatore a passi lunghi e veloci su 100 m. almeno, con una evidente ampia torsione del rachide lombare, per una marcata diagonalità delle anche.

47 Roberto Bonomi 1.Multibalzi orizzontali, con ritmica alternata. 2.Esercizi con la funicella, nelle più svariate forme ritmiche, valorizzando il rapido rimbalzo dei piedi a terra a ginocchia distese. 3.Flessione successive rapide degli arti inferiori con cosce orizzontali, e con veloce rimbalzo dei piedi a terra in 3 o 4 serie di 50 ripetute. 4.Movimento circolare rapido da fermo di un arto inferiore alla volta da eseguire in serie di 25 rip. per arto. 5.Skip con e senza cinture zavorrate del peso pari al 10% del corporeo, in serie fino a 100 rip. e fino a 200 per i 400isti. Come test si eseguono, invece, 50 toccate cronometrate senza sovraccarico. 6.Sprint con traino su 30 m. 7.Progressivi su 60 m. con cinture del 10% del peso corporeo, cronometrando gli ultimi l0 m. 8.Corsa rapida circolare su 100 m. cronometrando il tempo e rilevando il numero dei passi Esercizi per lo sviluppo della frequenza

48 Skip Con e Senza Cavigliere o Cintura Zavorrata Una corretta esecuzione dello skip deve prevedere il sollevamento delle ginocchia sopra l'orizzontale affinché insieme al sartorio, tensore della fascia lata e retto del quadricipite sia impegnato in misura consistente anche l'ileo- psoas, come grande flessore. L'arto inferiore si deve distendere completamente prima di prendere contatto a terra con il metatarso avampiede per evitare, oltre ad un abbassamento del bacino, anche un allungamento dei tempi di contatto con conseguente diminuzione del "rimbalzo" del piede a danno del miglioramento del il momento "eccentrico-riflesso del tricipite surale e sinergici. Il sovraccarico, determinato dalla cintura, fa sentire il suo effetto sul momento dinamico e sulla muscolatura che lo determina (quella del polpaccio); essa, infatti, essendo posizionata al di sopra del punto di appoggio, influisce sul contatto migliorando il momento "eccentrico-riflesso del tricipite surale e sinergici. Le cavigliere, invece, sollecitano i muscoli flessori delle cosce per sollevare le ginocchia (soprattutto "l'ileo-psoas) sopra l'orizzontale. Gli altri muscoli, infatti, cessano la loro funzione (specialmente il retto del quadricipite) pressoché intorno ai 25° di flessione. I due artifizi, sollecitano, separatamente, i settori muscolari (flessori ed estensori o anti-gravitazionali) che vengono impegnati "nell'impulsione". (Vittori) Roberto Bonomi

49 Vengono trattati insieme perché troppo spesso le loro esecuzioni non hanno come invece dovrebbero avere, significative differenziazioni. Basta osservare i due disegni a fianco per notare quanto lontane siano le loro configurazioni e quanto, soprattutto, diversi i loro dinamismi che non sono difficili da immaginare se nei secondi si deve dare valore non solo alla lunghezza dei passi ma anche al tempo di percorrenza della distanza di 100 m. (C. Vittori) Multi-balzi orizzontali e Corsa Balzata Balzi alternati (da Vittori) Corsa balzata (da Vittori)

50 Balzi alternati (da Vittori) Nei balzi alternati l'accorgimento cui porre l'attenzione riguarda l'appoggio a terra dei piedi che deve avvenire con tutta la pianta, senza la precedenza del tallone ma tanto meno della punta del piede che solleciterebbe pericolosamente "l'iperstiramento" del tendine achilleo. Balzi Alternati Nella corsa balzata, invece, proprio per la ricerca di una sufficiente velocità, il contatto del piede deve avvenire con il metatarso e con la caviglia ben tesa e compatta, a sostenere il tallone che, in nessun modo deve franare a terra ad impedire il rapido rimbalzo. Corsa balzata (da Vittori)

51 I multibalzi vengono utilizzati per stimolare lo sviluppo della "forza veloce" qualità molto correlata alla fase di accelerazione iniziale, mentre la corsa balzata è correlata con le capacità di ampiezza. I due esercizi risultano essere un valido supporto per il trasferimento degli effetti relativi all'uso del sovraccarico per lallenamento della forza, in movimenti sempre più rapidi. Insieme ad altri esercizi (sprint con traino e con cinture) rappresentano gli anelli di congiunzione, tra l'allenamento di forza con sovraccarichi e l'esercitazione più specifica quali gli sprint in piedi, dai blocchi e la corsa ampia. Roberto Bonomi Multi-balzi Orizzontali e Corsa Balzata

52 I due esercizi vengono utilizzati fin all'inizio del periodo preparatorio per una durata di due cicli i tre cicli secondo la programmazione sia semestrale o annuale e normalmente vengono eseguiti al pomeriggio nelle sedute in cui la mattina si è sviluppato un allenamento con sovraccarico. I due esercizi vengono, inoltre, utilizzati quale test nel periodo di rigenerazione per valutare la sufficienza o meno dei miglioramenti ottenuti per il raggiungimento della prestazione ipotizzata Roberto Bonomi Multi-balzi Orizzontali e Corsa Balzata

53 Roberto Bonomi Grande è la diversità tecnica e dinamica tra i balzi alternati e la corsa balzata: servono ad ottenere risposte per il miglioramento di capacità diverse. L'obiettivo dei balzi alternati è quello di migliorare la loro lunghezza, avendo il significato di esprimere più forza più velocemente, raggiungendo la massima distanza. Nella corsa balzata, lobiettivo è di raggiungere il miglior compromesso tra la lunghezza dei passi e il tempo impiegato a percorrere la distanza prefissata. Multi-balzi Orizzontali e Corsa Balzata

54 Grazie per la Vostra attenzione Roberto Bonomi

55 Vengono presi in considerazione gli esercizi e le loro combinazioni limitatamente ai muscoli antigravitazionali degli arti inferiori. Gli esercizi di forza speciale e specifica e di ritmica arricchiscono, poi, il piano di preparazione con una incisività crescente a misura che ci si avvicina al periodo competitivo costituendo gli anelli di congiunzione tra le esercitazioni con sovraccarichi e le vere e proprie prove di velocità. Gli obiettivi del metodo sono quelli di assolvere il doppio compito: 1)elevare le punte delle varie espressioni di forza e rapidizzare i tempi della loro estrinsecazione, finché è possibile; 2)oppure, far crescere le punte di forza, facendo rimanere invariati i tempi della loro manifestazione; 3)o, ancora, diminuire i secondi, ferme restando le prime, al fine di costruire la maggiore base di efficienza necessaria allo sviluppo di propulsioni di elevata potenza Vittori - Bonomi Quanto segue è frutto di anni di esperienze condotte da me ed il Prof. Vittori, ed è servito alla definizione di un metodo per allenare la forza veloce ciclica che va sotto il mone di: Metodo a velocità variabile – Vittori-Bonomi ed anche se non fa riferimento al vostro sport, pur tuttavia, è indice di una filosofia operativa che oltre a risultare interessante è anche facilmente traslabile su altre realtà.

56 I mezzi ed il metodo I mezzi utilizzati si rifanno a tre esercizi: 1)Squat = piegamento massimo degli arti inferiori, 2)Squat orizzontale = piegamento parziale con cosce orizzontali, 3)½ Squat = semipiegamento con cosce a 90° al ginocchio. Facilmente si comprende come, il solo passaggio dalles. 1) agli altri, mantenendo lo stesso carico, permetta una maggiore velocità desecuzione purché, nellesecuzione, si mantenga sempre massima lintensità dello sforzo. Si fa eccezione per les. di squat, giacché, avendo questo esercizio come unico obiettivo lincremento della forza massima relativa, determinante sarà soltanto lentità del carico da spostare e non la velocità del suo spostamento. Per favorire un perfetto equilibrio e linearità della catena cinetica dei segmenti corporei interessati, assicurando così una esecuzione più veloce possibile, si utilizza un multi-power, sul quale va applicato una delle apparecchiature elettroniche in circolazione in Italia, per il rilevamento di dati importanti anche ai fini di stabilire, per ciascun esercizio, il sovraccarico da usare per la realizzazione della massima potenza. Comunque, anche se soltanto indicativamente, verranno anche proposti i carichi da utilizzare, scaturiti in base alle tante esperienze e, quindi, piuttosto attendibili, e verosimili. Vittori - Bonomi

57 La doppia esigenza, dell incremento della forza e della velocità della sua manifestazione, viene soddisfatta, all interno della stessa unità di allenamento e per ciascuna delle diverse espressioni, scegliendo, di volta in volta ed a seconda delle esigenze dell atleta, una delle due opzioni: a)eseguire il medesimo esercizio o movimento due volte, a seguire, una, con il carico massimo previsto e, l altra, pari alla metà. b)effettuare due esercizi diversi, uno, con angolo di lavoro chiuso e, l altro, con angolo più aperto, utilizzando lo stesso carico, cioè quello massimo previsto; in modo che a fare la differenza metodologica, per favorire una maggiore velocità, sarà, una volta, la diminuzione del carico e, l altra, la difformità del piegamento al ginocchio. MODULO Quale che sia la scelta operata le due esecuzioni si alternano, eseguendo prima quella con carico elevato che influenza di più la forza e, dopo l altra che stimola di più la velocità. Questa alternanza concomitante, costituente un MODULO, offre il vantaggio di abbreviare i tempi della traduzione delle capacità di forza in capacità di compiere movimenti veloci, rispetto all esecuzione in successione. Vittori - Bonomi I mezzi ed il metodo

58 Per limitare l ipertrofia muscolare, mirando più alla stimolazione del S.N.C. come presupposto per la crescita della forza, quasi tutte le serie sono composte da tre ripetizioni, poiché, come potrà osservarsi dai riscontri delle apparecchiature elettroniche, la eventuale quarta, sarebbe la più lenta, e, quindi la meno efficace, se l atleta si è espresso, sin dalla prima, alla intensità massima di sforzo (è possibile anche portare a quattro le ripetizioni qualora l atleta dimostrasse bassa potenza nella prima per una difficoltà ad innervarsi potentemente). Si ribadisce, ancora una volta, che i movimenti dello Squat orizzontale e del ½ Squat vanno eseguiti alla più alta velocità possibile, per ottenere la massima efficacia. Vittori - Bonomi I mezzi ed il metodo Analizziamo ora gli esercizi per le diverse espressioni di forza Forza massima relativa. Si utilizzano tutti e tre gli es. anche se soltanto i primi due vengono considerati i più appropriati, per i più lunghi tempi di sviluppo delle tensioni muscolari. Il carico da usare, nei tre esercizi, si stabilisce con l esercizio di squat e sarà quello che permette soltanto tre ripetizioni, e riadeguato, di volta in volta, quando, per effetto dei miglioramenti, diventerà troppo agevole.

59 Forza massima relativa - moduli Le combinazioni o miscele possono costituire diversi moduli, da utilizzare a seconda le necessità ed esigenza dell atleta e della ciclizzazione scelta. Vengono qui riportati, solo ad esempio, alcuni moduli riguardanti lo sviluppo della forza massima relativa, mentre troverete, sulle dispense che vi sono state consegnate, ampia descrizione di tutti i moduli riguardanti le varie espressione di forza 1)Modulo. Si alternano, con due minuti di pausa: lo squat, lo squat orizzontale ed il ½ squat, da ripetere in 6/8 moduli con tre minuti di pausa. Il sovraccarico deve consentire soltanto 3 rip. soltanto. 2)Modulo. Si alternano lo squat e lo squat orizzontale con carico massimo. 3)Modulo. Si alternano lo squat ed il 1/2 squat, con carico massimo. 4)Modulo. Si alternano lo squat orizzontale ed il ½ squat, con carico max. 5)Modulo. Si alternano lo squat orizzontale con carico max e con carico pari alla sua metà. 6)Modulo. Si alternano il ½ squat con carico max e con carico dimezzato, ottenendo una miscela più efficace per la componente velocità Vittori - Bonomi

60 Forza esplosiva. E quella espressione che, dalla immobilità e con le gambe più o meno piegate, determina una loro potente estensione. Si usano i due es. di squat orizzontale e di ½ squat, con partenza da fermo. Il carico da usare deve raggiungere, al massimo, il 150% del peso del corpo, le ripetizioni sono soltanto tre da effettuare in 8 moduli, con 2 e 3 di pausa, rispettivamente tra i due es. e fra le serie o moduli. 7)Modulo. Si alternano lo squat orizzontale ed il ½ squat, con carico max. 8)Modulo. Si alterna lo squat orizzontale con carico max e con carico dimezzato. 9)Modulo. Si alterna il ½ squat con carico max e con carico della metà. Questa ultima é la combinazione che favorisce lesecuzione più veloce. Per facilitare ancor più la velocità, ora la rapida estensione si conclude con un balzo, da ripetere dopo aver riassunto la immobilità. I carichi da usare, come massimali, si riducono fino al 100% di quello del corpo, con il quale si eseguono sempre 3 ripetizioni in 8 moduli con le stesse pause di cui sopra. Se non si disponesse delle apparecchiature elettroniche, laltezza del volo può essere ricavata segnando su uno dei montanti del multi-power laltezza di partenza della barra del bilanciere e quella di arrivo, per misurare, poi, lo spazio effettivamente percorso. Forza esplosiva - moduli

61 10) Modulo. Si alternano lo squat orizzontale ed il ½ squat, tutti e due con balzo e con carico max. 11) Modulo. Si alternano due esercizi di ½ squat, con carico max e della metà. 12) Modulo. Si alternano due esercizi di squat orizzontale, con carico max e con carico dimezzato. L esecuzione senza balzo, in conseguenza del più elevato carico usato, ha un più lungo tempo di sviluppo ed applicazione della forza, mentre l esercizio con balzo, a causa del minor carico e del più completo sfogo che l atleta conferisce all azione impulsiva, non dovendo arrestare l estensione delle gambe, favorisce la istantantaneità di un maggior reclutamento di unità motorie e, quindi, la velocità finale. Forza esplosivo-elastica Forza esplosivo-elastica Rappresenta quella particolare espressione della forza muscolare che si evidenzia a seguito di un rapido piegamento-estensione degli arti inferiori, quando dalla stazione eretta si scende verso il basso velocemente per attivare la muscolatura estensoria o antigravitazionale in una contrazione di tipo eccentrico, che, proseguendo rapidamente in una contrazione concentrica, determinerà la fase attiva dell impulso. Vittori - Bonomi Forza esplosiva - moduli

62 Gli esercizi sono di due tipi: a)successione continua di piegamenti-estensioni e b)successione continua di piegamenti-estensioni-balzi. Per l esercizio del primo tipo si utilizza il solo ½ squat, con un carico massimo del 150% di quello corporeo, poiché l angolo di lavoro al ginocchio più aperto favorisce una esecuzione più veloce da consentire una più rapida inversione del movimento e, quindi, una maggiore restituzione di energia (va posta attenzione proprio a questa fase di stiramento e conseguente riflesso). Per la seconda soluzione si usa, invece, oltre al ½ squat anche lo squat orizzontale, con carico alto, che ora, però, deve raggiungere al massimo il 75% del peso corporeo. In questi esercizi con il balzo le ripetizioni possono essere anche 4, giacché il recupero stesso dell energia da stiramento, a costo zero, consente un autonomia maggiore del S.N.C. Naturalmente la partenza in tutti gli esercizi avviene dall in-piedi. I moduli sono sempre 8, con 2 e 3 di pausa, rispettivamente tra i due es. e fra le serie o moduli. Si precisa che l aumento del carico agisce soltanto sul potenziamento della fase concentrica, giacché non necessita per il rafforzamento della fase eccentrica, sulla quale agisce la più grande energia cinetica conseguente alla maggiore velocità acquisita nella fase di discesa per una caduta da più in alto Vittori - Bonomi Forza esplosiva elastica

63 13) Modulo. Si alternano il ½ squat continuo can carico max e con carico dimezzato. 14) Modulo. Si alternano lo squat orizzontale continuo con balzo, con carico elevato e con carico della metà. 15) Modulo. Si alternano il ½ squat continuo-balzo, con carico max e con carico della metà. 16) Modulo. Si alternano il ½ squat continuo con carico elevato e lo squat orizzontale continuo-balzo con carico alto e della metà. 17) Modulo. Si alternano il ½ squat continuo con carico max e della metà, ed il ½ squat continuo-balzo,con carico dimezzato. 18) Modulo. Si alternano il ½ squat continuo con carico max con lo squat orizzontale continuo-balzo, con carico dimezzato ed il ½ continuo- balzo, con carico uguale. Vittori - Bonomi Forza esplosiva elastica - moduli

64 reattiva E l altra particolare accezione della espressione reattiva della forza prodotta, però, in tempi brevissimi, in conseguenza della ridottissima deformazione muscolare che si può desumere, verosimilmente, dall impercettibile piegamento alle ginocchia Si impiegano soltanto i due esercizi di ½ squat continuo e di ½ squat continuo-balzo, ma con l aggiunta di un molleggio da effettuare a seguire, il più rapidamente possibile, il primo piegamento. Il molleggio che segue il primo piegamento e tanto veloce da poter essere assimilato ad un vero e proprio rimbalzo, che, nel caso del ½ squat continuo, si conclude con una estensione degli arti inferiori fin sulla punta dei piedi, mentre nell altro caso termina con un balzo. Riassumendo le due soluzioni sono: a)la prima: ½ squat-molleggio-estensione; b)la seconda: ½ squat-molleggio-balzo. Se la seconda soluzione viene eseguita correttamente produce un effetto di elevazione pressoché simile a quella che si raggiunge con l es. di ½ squat continuo-balzo, con lo stesso carico, nonostante, nel secondo caso, i più brevi tempi di sviluppo della forza. Vittori - Bonomi Forza eccentrico-riflessa

65 I carichi da usare nei due es. di ½ squat continuo molleggiato e di ½ squat continuo con molleggio-balzo, si utilizzano, rispettivamente carichi del 100% e del 75% del peso corporeo, e si eseguono anche 5 ripetizioni per la brevità del tempo d impiego dell energia nervosa, soprattutto nella fase di molleggio, per l utilizzazione della stiffness muscolo-tendinea. In tutti e due gli esercizi si raccomanda di tenere i talloni leggermente staccati da terra in modo che tutto il peso del corpo graviti sulla parte metatarsale dei piedi, per attivare maggiormente i muscoli del tricipite surale, quelli che vengono impegnati maggiormente ad alte velocità. Si eseguono 6/8 moduli con 3 di pausa. 19)Modulo. Si alternano il ½ squat continuo molleggiato con carico max ed il ½ squat continuo molleggiato con balzo, con carico pure max. 20)Modulo. Si alternano il ½ squat continuo molleggiato con carico max ed il ½ squat molleggiato continuo-balzo con carico della metà del max. 21)Modulo. Si alternano i due es. di ½ squat molleggiato continuo-balzo uno carico max del 75% del peso del corpo e l altro con carico della metà. Vittori - Bonomi Forza eccentrico-riflessa - moduli

66 Altre combinazioni Ma il metodo offre l opportunità di arricchirsi di ulteriori soluzioni, combinando anche esercizi di espressione differenti di forza, in un assemblaggio più complesso ed articolato, a costituire una più doviziosa, quanto funzionale, gamma di moduli che risponda al meglio ad una attività di competizione pluriennale in atleti dalle tante e diverse esigenze e biotipologie. Questa é la risposta che ci si attende da un metodo che si vuole definire tale: contenere, cioè, i requisiti e le soluzioni che assicurino la reiterabilità e la continuità, negli anni, degli effetti di miglioramento dovuti al training, e necessari, anche soltanto, per ritornare, dopo un congruo periodo di preparazione, alle prestazioni precedenti o assai vicino ad esse. Una tale irrinunciabile caratterizzazione di un metodo viene rispettata soltanto se anno dopo anno o macrociclo dopo macrociclo, vengono determinate le necessarie condizioni di variazione e trasformazione dei contenuti del training, del loro sviluppo e della loro organizzazione. La ripetizione pedissequa di allenamenti uguali, senza spunti di novità ed originalità, nella convinzione che ciò che ha fatto bene una volta, farà bene all infinito, comporta, al contrario, inevitabilmente, la stagnazione delle prestazioni, prima, e la loro recessione, poi, nell immediato futuro. Vittori - Bonomi

67 Periodi competitivi Roberto Bonomi Nei periodi competitivi ci si può anche astenere dall eseguire allenamenti di forza con sovraccarichi, lasciando il compito di sollecitare il dinamismo muscolare ed il sistema neuro-endocrino, ai soli esercizi speciali e specifici, quali i multi balzi alternati, gli sprint con traino e con cinture che vanno però esclusi dal programma almeno 15gg. prima di competizioni importanti. Si può, però, con quegli atleti piuttosto abulici ed indolenti che hanno difficoltà ad innervarsi e che abbisognassero di mantenere attiva la loro produzione ormonale, prevedere un ridotto lavoro di muscolazione con sovraccarichi, una o due volte alla settimana, per tutto il periodo competitivo, scegliendo quegli esercizi che si confanno alla congenia1ità e necessità dell atleta, in modo da non rappresentare un intermezzo fastidioso e stressante. Anche questi impegni verrebbero esclusi, almeno 15 gg prima competizioni importanti. Si sconsiglia, invece assolutamente l inserimento, nel bel mezzo del periodo competitivo, di un ciclo di lavoro di forza, definito di ripresa, con l aspettativa di riportare le capacità di forza, nel frattempo scese ai valori iniziali. Niente di più insensato e distorto si potrebbe pensare. Accadrebbe esattamente l opposto, di debilitare ancor più l atleta frustrandone la condizione neuro-ormonale e, quindi, la forza, diminuita momentaneamente soltanto per stanchezza psico-nervosa conseguente alle tante competizioni cui a preso parte.

68 Periodi competitivi Roberto Bonomi Un congruo lasso di tempo di pochi giorni di riposo distraente, basterebbe per una rigenerazione completa ed efficace quindi per la risalita del livello della forza. Di contro, qualsiasi impegno muscolare, in quei frangenti, aggiungerebbe fatica a stress con la conseguenza di dissipare anche le ultime energie, lasciando l atleta in uno stato di profonda prostrazione. A conclusione ci si augura sia stato sufficientemente chiaro ed esauriente la esposizione del procedimento concettuale da seguire per sostanziare ulteriori combinazioni e moduli di esercizi per più specifiche e particolari esigenze e necessita al fine di conferire al metodo quella maggiore autonomia e continuità di effetti, proponendo, per diversi anni, soluzioni sempre diverse. Questo dipenderà dalla passione ed interesse che ciascun allenatore proverà per la sua professione, necessarie per lasciarsi coinvolgere da questa attraente e qualificante operazione speculativa.


Scaricare ppt "Roberto Bonomi Seminario di studio – Pescara 10 Novembre 2012 La forza e i giovani Carichi naturali o sovraccarichi ? Metodi tradizionali ed innovativi."

Presentazioni simili


Annunci Google