La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fabio De Vivo nellambito del dottorato di: eLearning and Knowledge Management in collaborazione con: Università degli Studi di Macerata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fabio De Vivo nellambito del dottorato di: eLearning and Knowledge Management in collaborazione con: Università degli Studi di Macerata."— Transcript della presentazione:

1

2 Fabio De Vivo nellambito del dottorato di: eLearning and Knowledge Management in collaborazione con: Università degli Studi di Macerata Università degli Studi di Basilicata

3 Fabio De Vivo CGI Web Community Web Semantic Web Learning Web Web 1.0Web 3.0 Web 2.0 Web 4.0 Web X.0

4 WEB 1.0 WEB 2.0 WEB 3.0 WEB 4.0 WEB X.0 Fabio De Vivo

5 WEB 1.0 WEB 2.0 WEB 3.0 WEB 4.0 WEB X.0 Fabio De Vivo Levoluzione del WEB segue un andamento piramidale rovesciato, convergente verso il basso. CGI Web Community Web Semantic Web Learning Web X Web La versione successiva include sempre la precedente espandendone le funzionalità. Levoluzione segue un andamento piramidale invertito che vede la continua espansione del web in termini numerici (utenti, portali, contenuti …) e la sua continua convergenza verso lutenza base (gli utenti della rete diventano i creatori della rete e la rete stessa).

6 Fabio De Vivo Il Web 1.0 o CGI Web è il web tradizionale così come tutti noi lo conosciamo. E il CGI Web basato sul Common Gateway Interface, un protocollo standard usato dai web server per interfacciarsi con applicazioni esterne. Il suo scopo principale è quello di veicolare i pacchetti di rete (informazioni) all'esterno della rete locale (LAN), ossia in internet. Ogni volta che un client richiede al web-server un URL corrispondente ad un documento in puro HTML gli viene restituito un documento statico (come un file di testo); se l'URL corrisponde invece ad un programma CGI, il server lo esegue in tempo reale, generando dinamicamente informazioni. E questo un web basato sulla semplice circolazione di informazioni statiche, nel quale il fruitore occupa una posizione passiva, rivestendo il ruolo di semplice lettore di contenuti. La FaD di 2° generazione (multi/pluri-mediale) e leLearning di 1° generazione (WBT) si basano su questo tipo di WEB.

7 Fabio De Vivo Il Web 2.0 o Community Web si basa sul concetto di comunità e di intelligenza collettiva e connettiva. E il Community Web, caratterizzato dallo sviluppo delle comunità on-line: blog, forum, chat, wiki, folksonomies, … Inoltre, il Web 2.0 è contraddistinto da uno sviluppo esponenziale e rizomico dei contenuti, degli hyperlink e del hypertext. Questo tipo di web, che ha interfacciato in modo socialmente produttivo e costruttivo sites e users, ha virato dalla componente tecnica-tecnologica a quella umana. E questo un web che pone il fruitore in un ruolo attivo, come partecipante, co-partecipante e costruttore di conoscenza condivisa; luogo ideale di intelligenza collettiva e connettiva. La FaD di 3° generazione (on-line education) e leLearning di 2° (apprendimento in/a rete) ne fanno efficiente uso.

8 Fabio De Vivo Da un web statico di sola lettura (Web 1.0) a un web dinamico di lettura e scrittura (Web 2.0) Evoluzione delle applicazioni. Dinamicità e crescita esponenziale.

9 Fabio De Vivo Il Web 3.0 o Semantic Web si basa su logiche e interrelazioni semantiche. E il Semantic Web, basato sul RDF Schema (RDFS) ed il Web Ontology Language (OWL). E un web che offre potenzialità eccezionali alle web-community e alla costruzione e condivisione di conoscenza dal basso. In generale lidea del web semantico è quella di fornire la flessibilità per rappresentare la conoscenza e le relative regole per dedurla e inferirla dal basso formalizzando vocabolari condivisi. Nello specifico il web semantico è caratterizzato da algoritmi che tengono conto dei significati di stringe testuali e non della loro semplice uguaglianza alfanumerica. Qui ci muoviamo nel campo dellinformal learning dove la costruzione di conoscenza avviene dal basso e sul quale leLearning di 3° generazione sta puntando con determinazione.

10 Fabio De Vivo Da un web mono-direzionale (Web 1.0) ad un web pluri-direzionale (Web 2.0) al web semanticamente direzionale (Web 3.0) = relazioni uni-direzionali = relazioni multi-direzionali = relazioni pluri-direzionali semanticamente rilevanti

11 Fabio De Vivo Il Web 4.0 o Learning Web sarà un web semantico autoconsistente. E il Learning Web o WebOS, ossia un web dove le tecnologie tipiche del Semantic Web si evolvono a tal punto da dar vita ad un sistema integrato e autopoietico di creazione di conoscenza, ossia un web dotato di intelligenza artificiale in grado di creare autonomamente conoscenza. E un web che si suppone porrà se stesso al centro del processo di creazione della conoscenza, senza necessità dellinput umano diretto. Sarà questo Learning Web probabilmente il non plus ultra di una plausibile futura 4° generazione di eLearning.

12 Fabio De Vivo Da un web sintattico (Web 1.0 e Web 2.0) ad un web semantico (Web 3.0) ad un web artificialmente intelligente (Web 4.0)

13 Fabio De Vivo WEB 1.0 WEB 2.0 WEB 3.0 WEB 4.0 WEB X.0 Comparando le due piramidi notiamo come levoluzione del web sta portando lutente da un apprendimento passivo ad un apprendimento sempre più attivo.

14 Fabio De Vivo La previsione di Google sullevoluzione del web. Google prevede che levoluzione del web porterà alla morte del web di tipo tradizionale (click & link). Per questo nella versione 10.0 la quantità di pagine visitate sarà vicina allo zero.

15 Fabio De Vivo Web 1.0 vs. Web 2.0 Web 2.0 Web 3.0 Web 3.0. the official definition Il miraggio del Web 3.0 Web 4.0: Start planning now Think Web 4.0! From semantic Web (3.0) to the WebOS (4.0) Web 3.0, Web 4.0 and Web 10.0 Intelligenza collettiva Intelligenza collettiva e connettiva RDFS OWL Kevin Kelly – Web 3.0Kevin Kelly – Web 3.0 Eric Schmidt – Web 2.0 vs. Web 3.0Eric Schmidt – Web 2.0 vs. Web 3.0 Textual Links Video Links British Journal of Educational Technology ( Vol. 37, N° 3, 2006) Textual Link Advances of the Semantic Web for e-learning: expanding learning frontiers (pp ) Semantic learning designs: recording assumptions and guidelines (pp ) Ontology mappings to improve learning resource search (pp ) eLearning for depth in the Semantic Web (pp ) Towards a semantic e-learning theory by using a modelling approach (pp ) Semantic e-learning: synthesising fantasies (pp )


Scaricare ppt "Fabio De Vivo nellambito del dottorato di: eLearning and Knowledge Management in collaborazione con: Università degli Studi di Macerata."

Presentazioni simili


Annunci Google