La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FONTE: Diritto Privato, Vincenzo Franceschelli - Terza edizione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FONTE: Diritto Privato, Vincenzo Franceschelli - Terza edizione."— Transcript della presentazione:

1 FONTE: Diritto Privato, Vincenzo Franceschelli - Terza edizione

2 CONTRATTO CONTRATTI ATIPICI 2 IV libro, TITOLO III CAPO XII, art c.c. CONTRATTI TIPICI DEPOSITO nei MAGAZZINI GENERALI DEPOSITO in ALBERGO DEPOSITO

3 3 Il deposito è il contratto con il quale una parte (depositario) riceve dallaltra (depositante) una cosa mobile con lobbligo di custodirla e restituirla in natura FUNZIONE consentire al detentore di affidare la custodia della cosa ad altri, che dovrà restituilra a richiesta o alla scadenza del termine.

4 Presunzione di gratuità (art c.c.) per vincere tale presunzione è necessario che il depositario eserciti unattività abituale e professionale di custodia. 4

5 DEPOSITO CAUSA CUSTODIA della COSA OGGETTO COSA MOBILE INFUNGIBILE La cosa deve essere conservata, custodita e restituita in natura Se il deposito ha per oggetto una cosa fungibile, si parla di DEPOSITO IRREGOLARE. Art c.c. deposito irregolare: se il deposito ha per oggetto una quantità di denaro o di altre cose fungibili, con facoltà per il depositario di servirsene, questi ne acquista la proprietà ed è tenuto a restituirne altrettante della stessa specie e qualità. 5

6 OBBLIGAZIONI dei SOGGETTI 6

7 Il depositario è responsabile della conservazione della cosa. Egli risponde per la perdita o il danneggiamento della cosa depositata. PERDITA non IMPUTABILE della DETENZIONE della COSA (art c.c.) Se la detenzione della cosa è tolta al depositario in conseguenza di un fatto a lui non imputabile, egli è liberato dall obbligazione di restituire la cosa, ma deve, sotto pena di risarcimento del danno, denunciare immediatamente al depositante il fatto per cui ha perduto la detenzione. 7

8 LUOGO di RESTITUZIONE e SPESE RELATIVE (art 1774 c.c.) La restituzione della cosa deve farsi nel luogo in cui doveva essere custodita, salvo diversa convenzione. Le spese per la restituzione sono a carico del depositante. PERSONA a CUI DEVE ESSERE RESTITUITA la COSA (art c.c.) Il depositario deve restituire la cosa al depositante o alla persona indicata per riceverla e non può esigere che il depositante provi esserne proprietario. OBBLIGO del DEPOSITANTE di RITIRARE la COSA a RICHIESTA del DEPOSITARIO (art c.c. -2° comma) in qualunque tempo, salvo che sia convenuto un termine nellinteresse del depositante. PLURALITA di DEPOSITANTI e di DEPOSITARI (art c.c.) Se più sono i depositanti di una cosa ed essi non si accordano circa la restituzione questa deve farsi secondo le modalità stabilite dallautorità giudiziaria Eredi Se più sono i depositari, il depositante ha facoltà di chiedere la restituzione a quello tra essi che detiene la cosa 8

9 DEPOSITO IN ALBERGO (art c.c.) La disciplina del deposito in albergo vuole proteggere il consumatore-viaggiatore dal deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose seco portate, imponendo un obbligo di custodia e una responsabilità oggettiva allalbergatore. 9

10 Gli albergatori sono responsabili di ogni deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo (art c.c.) Sono considerate cose portate in albergo: 1.Le cose che vi si trovano durante il tempo nel quale il cliente dispone dellalloggio. 2.Le cose di cui lalbergatore o chi per lui assume la custodia, fuori dallalbergo durante il periodo di tempo in cui il cliente dispone dellalloggio. 3.Le cose di cui lalbergatore o chi per lui assume la custodia sia nellalbergo, sia fuori dallalbergo, durante un periodo di tempo ragionevole, precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dellalloggio. Sono considerate cose portate in albergo: 1.Le cose che vi si trovano durante il tempo nel quale il cliente dispone dellalloggio. 2.Le cose di cui lalbergatore o chi per lui assume la custodia, fuori dallalbergo durante il periodo di tempo in cui il cliente dispone dellalloggio. 3.Le cose di cui lalbergatore o chi per lui assume la custodia sia nellalbergo, sia fuori dallalbergo, durante un periodo di tempo ragionevole, precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dellalloggio. 10

11 RESPONSABILITA dellALBEGATORE LIMITATA al valore di quanto sia deteriorato, distrutto o sottratto, sino allequivalente di cento volte il prezzo di locazione dellalloggio per giornata. ILLIMITATA - quando le cose gli sono state consegnate in custodia. - quando ha rifiutato di ricevere in custodia cose che aveva lobbligo di accettare. Lalbergatore non è responsabile quando il deterioramento, la distruzione o la sottrazione sono dovuti al cliente, o a forza maggiore o alla natura stessa della cosa. 11

12 DEPOSITO nei MAGAZZINI GENERALI È un contratto con il quale i magazzini generali ricevono dallaltra una cosa mobile con lobbligo di custodirla e restituirla in natura, verso un corrispettivo. È un contratto REALE, ONEROSO, a PRESTAZIONI CORRISPETTIVE, ad EFFETTI OBBLIGATORI di DURATA. 12 I magazzini generali sono delle le infrastrutture con la funzione di custodire e conservare le merci depositate. Per listituzione del magazzino generale è necessaria unautorizzazione del Ministero dellindustria R.d.L. del 01 Luglio 1926 n con lo scopo di facilitare ed organizzare gli scambi di merci.


Scaricare ppt "FONTE: Diritto Privato, Vincenzo Franceschelli - Terza edizione."

Presentazioni simili


Annunci Google