La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:IMPORT/EXPORT.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:IMPORT/EXPORT."— Transcript della presentazione:

1 IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:IMPORT/EXPORT N. 65 TI TROVI IN

2 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Import/Export Definizione Lattività di import export riguarda il commercio internazionale e si occupa di acquisto/vendita di partite di merci da/a paesi esteri. Requisiti I requisiti sono gli stessi per le normali attività di commercio: - Requisiti morali - Requisiti professionali (solo per il commercio di prodotti alimentari) Requisiti morali Non possono esercitare l'attività commerciale, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione: 1.coloro che abbiano riportato una condanna per delitto non colposo, accertata con sentenza passata in giudicato, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata in concreto una pena superiore al minimo edittale 2.coloro che abbiano riportato una condanna a pena detentiva, accertata con sentenza passata in giudicato, per uno dei delitti contro la pubblica amministrazione (da art. 314 a art. 360 c.p.: Tit. II Lb. II c. p; per uno dei delitti contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio (da art. 499 a art. 518 c.p.; Tit. VIII Lb. II c.p.); per ricettazione (art. 648 c.p.), riciclaggio (art. 648bis c.p.), emissione di assegni a vuoto (Legge 386/1990; D. Lgs. 507/1999), insolvenza fraudolenta (art. 641 c.p.), bancarotta fraudolenta (art. 216, 223, 227 L. Fall.), usura (art. 644 c.p.), sequestro di persona a scopo di estorsione (art. 630 c.p.), rapina (art. 628 c.p.) 3.coloro che abbiano riportato due o più condanne a pena detentiva o a pena pecuniaria riportate nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività, accertate con sentenza passata in giudicato, per commercio di sostanze contraffatte o adulterate (art. 442 c.p.), commercio di sostanze alimentari nocive (art. 444 c.p.), turbata libertà dellindustria o del commercio (art. 513 c.p.), illecita concorrenza in attività commerciale con minaccia o violenza (art. 513bis c.p.) frode nellesercizio del commercio (art. 515 c.p.) vendita di sostanze alimentari non genuine (art. 516 c.p.), vendita di prodotti industriali con segni mendaci (art. 517 c.p.) o per frode nella preparazione o nel commercio degli alimenti, previsti da leggi speciali IMPORT/EXPORTIMPORT/EXPORT

3 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Import/Export 4.coloro che siano sottoposto applicazione di: - una delle misure di prevenzione di cui alla L. 27/12/1956 n una delle misure di prevenzione di cui alla L. 31/05/1965, n. 575 siano stati dichiarati delinquenti abituali (artt. 102 e 103 c.p.), professionali (art. 105 c.p.) o per tendenza (art. 108 c.p.). Il divieto di esercizio permane per cinque anni a decorrere dal giorno in cui la pena è scontata o si sia in altro modo estinta o, qualora vi sia stata la sospensione condizionale della pena, da quando si è avuto il passaggio in giudicato della relativa sentenza. La riabilitazione in ambito civile o penale fa venir meno il divieto all'esercizio dell'attività. Il possesso di questi requisiti deve essere in capo : al titolare dell'impresa individuale a tutti i soci nelle società in nome collettivo ai soci accomandatari nelle società in accomandita semplice al legale rappresentante nonché ai componenti del consiglio di amministrazione nelle società di capitali, società cooperative, consorzi con attività esterna, società consortili a coloro che sono rappresentanti stabili di società estere nel territorio dello Stato ex art c.c. Requisiti professionali (solo per commercio di prodotti alimentari) 1.Aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio nel settore merceologico alimentare istituito o riconosciuto dalla regione o dalle province autonome di Trento e Bolzano 2. aver esercitato in proprio per almeno due anni nell'ultimo quinquennio l'attività di vendita di prodotti alimentari o aver prestato la propria opera, per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, presso imprese esercenti l'attività nel settore alimentare in qualità di dipendente qualificato alla vendita o all'amministrazione o di coadiutore familiare (se coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell'imprenditore), comprovata dall'iscrizione allInps Adempimenti per lesercizio dellattività Per avviare unattività di import export sono necessarie:

4 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Import/Export - Domanda di attribuzione del numero di partita iva - Dichiarazione di inizio attività all'Agenzia delle entrate - Domanda di iscrizione nel Registro delle Imprese con denuncia di inizio attività al Repertorio Economico Amministrativo (REA) - Iscrizione all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali presso l'Inail - Iscrizione nella gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali presso l'Inps Una volta registrata limpresa sarà necessario richiedere il Codice Meccanografico, un codice alfanumerico ad 8 caratteri, di carattere statistico, attribuito esclusivamente alle imprese attive, necessario per svolgere unattività commerciale abituale con lestero (si considera abitualmente operante con lestero limpresa che effettui almeno 2 operazioni allanno, il cui valore sia uguale o superiore a ,00 euro). Pertanto, se loperazione di import o export che si intende effettuare rimarrà verosimilmente lunica nel corso del tempo, non vi sarà ragione di richiedere il Codice Meccanografico. Il Codice meccanografico viene assegnato, su richiesta dellimpresa, dallufficio Documenti Estero della Camera di commercio territorialmente competente, mediante presentazione di: un apposito questionario, disponibile presso lufficio indicato oppure on-line, debitamente compilato e firmato dal legale rappresentante; una fotocopia del documento didentità del legale rappresentante; uneventuale copia della ricevuta dellufficio Registro Imprese comprovante la comunicazione di inizio attività dellimpresa richiedente. Altri adempimenti Nel caso di commercio con lestero ci sono una serie di documenti necessari che vanno ad accompagnare le merci durante il trasporto: la fattura commerciale: emessa dal venditore nella lingua richiesta dal paese destinatario della merce e nel numero di copie da esso richieste, in cui devono essere riportati: la ragione sociale dellesportatore e del destinatario; la descrizione, la quantità ed il prezzo della merce nella valuta concordata; i termini di resa della merce (vedi la pagina Incoterms2000);

5 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Import/Export il nome del vettore o spedizioniere; gli oneri accessori, se ve ne sono (imballaggi, assicurazioni, ecc.); il numero meccanografico dellesportatore; la modalità di regolamento del prezzo; il paese di origine della merce. la distinta di carico: emessa dal venditore, in cui devono essere riportati: il numero di fattura commerciale cui la distinta fa riferimento; il numero e la tipologia dei colli; la descrizione delle merci contenute in ciascun collo; eventuali estremi del container allinterno del quale vengono caricate le merci. il certificato di origine: emesso dal venditore, attesta lesatta ed ufficiale origine delle merci da sdoganare. È uno strumento indispensabile per la dogana del paese importatore che può così verificare il regime fiscale (agevolato o meno) da applicare alla merce. Tale certificato è da richiedere presso lUfficio Estero della Camera di commercio competente territorialmente, compilando lapposita domanda secondo un modello prestabilito e disponibile presso lUfficio Estero stesso. Talvolta può accadere che un determinato paese ne richieda la vidimazione anche presso il proprio consolato o ambasciata. il certificato EUR.1: è un documento che serve ad attestare lorigine comunitaria delle merci, costituendo il titolo giustificativo per lapplicazione del regime tariffario preferenziale (dazio ridotto o nullo) in base agli accordi bilaterali tra lUnione Europea ed alcuni paesi. Viene rilasciato solo su domanda scritta presentata dallesportatore e sotto la sua responsabilità. lattestato di libera vendita: richiesto da diversi paesi extra-comunitari, serve ad attestare che il prodotto esportato da una ditta dellUnione Europea ha libera circolazione sia nei paesi comunitari, sia allestero, dando prova di aver superato i controlli previsti dalla normativa comunitaria. Viene rilasciato dallUfficio Estero della Camera di commercio competente territorialmente, dietro domanda dellesportatore redatta su carta intestata. il documento di trasporto: è un documento che attesta la stipula di un contratto di trasporto tra il mittente ed il vettore e che comprova la presa in carico della merce da parte del vettore per effettuarne la spedizione nei termini convenuti tra le parti. I principali documenti di trasporto sono le lettere di vettura marittima, aerea, ferroviaria e stradale. il certificato di assicurazione: è un documento che riporta le condizioni e le clausole del contratto di assicurazione stipulato sulla merce in corso di trasferimento dal mittente al destinatario. Il Carnet ATA è un documento doganale internazionale che consente lintroduzione temporanea delle merci destinate a fiere, mostre ecc., senza dover prestare alle dogane alcuna garanzia per lammontare dei diritti relativi alle merci medesime. Il Carnet TIR è un documento doganale internazionale concepito per agevolare il trasporto di merci senza rottura di carico.;permette cioè di evitare alcuni controlli doganali intermedi sulle merci trasportate nei paesi aderenti alla Convenzione TIR.

6 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Import/Export Riferimenti Normativi Nazionali - D.M , n. 339 (G.U. n. 167 del ) - Regolamento recante disposizioni in materia di controlli dell'Azienda di Stato per gli interventi nel mercato agricolo, sull'applicazione delle norme di qualità dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari. - LEGGE N Albi nazionali degli esportatori di prodotti ortofrutticoli ed agrumari. - D.L N. 794 conv. in Legge n Modifica e proroga della legge n. 31 concernente l'istituzione di albi nazionali di prodotti ortofrutticoli ed agrumari. - LEGGE N D.M. del Comm. Estero Ricostituzione della Commissione per la tenuta degli albi nazionali degli esportatori di prodotti ortofrutticoli ed agrumari e degli esportatori di fiori e di piante ornamentali. - D.LGS N Commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali. - D.M N Regolamento recante disposizioni in materia di controlli dell'Azienda di Stato per gli interventi nel mercato agricolo sull'applicazione delle norme di qualità dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari. - D.M , n D.M N Regolamento recante modificazioni al D.M n. 339 concernente disposizioni in materia di controlli di qualità dei prodotti ortofrutticoli. Disposizioni comunitarie - Reg. CEE 2913/92 e successive modificazioni - Reg. CEE 2454 del Reg. CEE n. 2638/69 della Commissione del Reg. CEE n. 1035/72 del Consiglio del Reg. CEE n. 1450/85 della Commissione del Reg. CEE n. 2251/92 della Commissione del Comunicato del Ministero del commercio con l'estero n. 5 del Modalità sullesportazione di prodotti ortofrutticoli ed agrumari freschi. Codice Attività Economica ATECO Vari a seconda del tipo di merce importata o esportata


Scaricare ppt "IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:IMPORT/EXPORT."

Presentazioni simili


Annunci Google