La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Concimazione dellOlivo Indicazioni pratiche. Caratteristiche chimico fisiche del terreno Particelle del terreno: >di 2 mm >scheletro >2 mm e maggiore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Concimazione dellOlivo Indicazioni pratiche. Caratteristiche chimico fisiche del terreno Particelle del terreno: >di 2 mm >scheletro >2 mm e maggiore."— Transcript della presentazione:

1 La Concimazione dellOlivo Indicazioni pratiche

2 Caratteristiche chimico fisiche del terreno Particelle del terreno: >di 2 mm >scheletro >2 mm e maggiore di 0,2 mm sabbia grossa >0,2 mm e <0,05 mm sabbia fine >0,05 mm e < di 0,002 mm limo >0,002 mm Argilla

3 Fertilità dei terreni I terreni naturali, non concimati debbono la loro fertilità alla sostanza organica contenuta e in minor misura allorigine delle rocce: Terreni ciottolosi trattengono poca acqua e hanno pochissima S.O. Terreni sabbiosi, poveri in S.O. trattengono poca acqua Terreni limosi, poveri di elementi e non strutturati tendono a formare una crosta superficiale Terreni argillosi: buona fertilità ( K) ma deve essere lavorato altrimenti diviene asfittico

4 Altri elementi della fertilità pH, CSC, Calcare tot. e Attivo, S.O. Azoto (N) Fosforo (P) Potassio (K) Calcio (Ca) Magnesio (Mg) Ferro (Fe), Boro, (B)

5 5 Principi della concimazione Funzioni degli elementi nutritivi principali Azoto: stimola la crescita e la produzione della pianta (la forma di N è Importante) Fosforo:elemento che interviene nella divisione cellulare,nella crescita delle radici, nello sviluppo dei tessuti meristematici Potassio:elemento che regola il metabolismo degli zuccheri, favorendone laccumulo sotto forma di amido, e controlla la lipogenesi

6 Il principio della restituzione Il principio della restituzione si applica alle piante adulte e produttive Si basa sul concetto che dobbiamo restituire al terreno tutto quello che abbiamo asportato con le varie operazioni colturali (raccolta, potatura ecc.) In caso di nuovi impianti la restituzione non è a regola sufficiente, bisogna portare il terreno alle condizioni migliori per accogliere la pianta (concimazione di fondo)

7 Analisi del terreno In qualsiasi caso è comunque consigliata una analisi del terreno

8 Quanto integrare? Consideriamo nel caso precedente il fosforo Bisogna sapere quanto terreno dobbiamo considerare e che tipo di terreno. Consideriamo un terreno di medio impasto D.A. = 1,3 Profondità del terreno 0,4 Per Ha sono m3 x 1,3 = 5,2 mil. di kg/ha Abbiamo 2 ppm dobbiamo averne 20 differenza 18 Per reintegrare dobbiamo moltiplicare 18 *5,2 mil. Ovvero 93,6 kg di fosforo espresso come P 2 O 5 Pari a 2 ql circa di perfosfato triplo

9 Asportazioni della pianta Nella concimazioni di produzione con terreni ben dotati bisogna tenere invece in considerazione le asportazioni della pianta In generale un oliveto di 400 piante potato regolarmente asporta in produzione 30 Kg di Azoto 20 Kg di P Kg di K 2 O E più in particolare un ql di olive asporta 0,9KgN, 0,2 P, 1,o di K, dunque sapendo la produzione effettuata e aggiungendo un % per le potature si può calcolare i concimi da restituire

10 Esempio di calcolo di una concimazione Il calcolo di una concimazione si effettua sapendo la differenza tra dotazione del terreno e livelli ottimali degli elementi nel suolo, sommando a questi le asportazioni dovute alla produzione e potature. In formula: Kg elemento= M * (Ts-Ta) *C+(ql prod+ql prod*0,3)*asp. spec.el. Da considerare apporti e perdite in funzione dellambiente

11 Carenze ed eccessi Macroelemen ti FunzioniEccessiCarenze Azoto (N) Elemento importante per la crescita della pianta. Svolge azione determinante nella sintesi di amminoacidi, proteine, acidi nucleici e clorofilla. Interviene indirettamente alla sintesi degli elaborati. Diagnosticati visivamente: lunghezza dei rami; dimensioni, colore e durata delle foglie. Le foglie risultano di colore verde intenso. Può ritardare la maturazione e limitare la fruttificazione. Deprime lassorbimento del potassio. Diagnosticati visivamente: sviluppo dei rami stentato, limitata differenziazione delle gemme a fiore, colore verde pallido delle foglie, frutti poco sviluppati. Fosforo (P) Elemento importante per la fisiologia della pianta coinvolto in molti processi biochimici e fisiologici (respirazione, metabolismo dei glucidi, organicazione dellazoto, trasporto energetico, ecc.). entra nella composizione degli acidi nucleici, nucleotidi, fosfolipidi, proteine, ecc. E costituente delle membrane cellulari. Non sono stati riscontrati casi di eccesso; eventuali problemi di antagonismo possono insorgere sullassorbimento di alcuni microelementi (ferro, boro, zinco, rame, ecc.). Non compaiono in coltivazione; eventuali carenze riducono la crescita, determinano produzioni ridotte per limitata differenziazione e allegagione, foglie piccole, necrosi fogliare, filloptosi. Potassio (K) Interviene nella sintesi delle proteine e dei glucidi, nello scambio ionico, nella traspirazione (nel determinare il potenziale osmotico), funge da catalizzatore in reazioni enzimatiche. Determinano antagonismi nellassorbimento del magnesio e del ferro. Limitano produttività e qualità dei frutti. Provocano disseccamento alle foglie e agli apici vegetativi, formazione di piccoli frutti. Calcio (Ca) Partecipa alle attività enzimatiche, entra nella formazione delle proteine, favorisce la lignificazione dei germogli migliorandone la resistenza al freddo. In terreni molto ricchi di carbonato di calcio induce la clorosi ferrica Rara; provoca minore sviluppo radicale, ritardi nella maturazione, decolorazioni (verde chiaro) delle foglie apicali, tacche decolorate sui frutti, abscissione delle gemme e modifiche strutturali delle foglie. Magnesio (Mg) È costituente della molecola della clorofilla. Interviene nellassorbimento dellazoto, nella fotosintesi, nella formazione di amminoacidi e vitamine. È essenziale per la sintesi di grassi e zuccheri. Molto rari. Possono provocare clorosi e caduta delle foglie ad eccezione di quelle apicali. Le carenze sono dovute anche ad eccessi di Ca e K. Zolfo (S) Costituente essenziale di alcuni amminoacidi, coenzimi e vitamine. Partecipa ai processi relativi al ciclo dellazoto e alla sintesi dei carboidrati. Non conosciuti Rare e determinano clorosi degli apici fogliari e minori sviluppi.

12 Sintomi di carenza Microel ementi FunzioniEccessiCarenze Boro (B) Interviene nellinduzione autogena, terminabilità del polline, nellallegagione e nellallungamento del tubetto pollinico. Partecipa al trasporto degli zuccheri e al metabolismo dei fenoli. Lolivo risulta meno sensibile al boro rispetto ad altre piante. Si rilevano malformazioni gli apici vegetativi. Necrosi del floema, bassa terminabilità del polline, deformazione del frutto, apici vegetativi con internodi accorciati, clorosi fogliari. Rame (Cu) Partecipa al metabolismo dei carboidrati e nella lignificazione. Cofattore in enzimi ossidoriducenti. Apportato con trattamenti può determinare danni ai tessuti corticali. Si accumula di preferenza nelle radici ove può determinare necrosi. Poco studiate nellolivo. Possono determinare sterilità del polline, sviluppo stentato, arrossamenti e necrosi delle foglie. Ferro (Fe) Partecipa alle reazioni di ossidoriduzione. È costituente di enzimi e proteine. Non conosciuti I sintomi da carenza sono associati ad elevati contenuti di calcare attivo o alla reazione alcalina della soluzione circolante (clorosi ferrica). Lolivo è specie tollerante a tale evidenza. Manganese (Mn) La sua funzione è legata alla fotosintesi e al controllo della respirazione (ad alcuni processi di ossidoriduzione). Non studiati nellolivo, potrebbero determinare in terreni acidi e/o asfittici fenomeni di tossicità. Carenze studiate in vitro provocano clorosi simili a quelle ferriche. Molibdeno (Mo) È costituente della nitrato-riduttasi ed è indispensabile nel metabolismo dellazoto. Non determinatiNon determinate Zinco (Zn) È coinvolto nel metabolismo dei carboidrati e della sintesi proteica. Non determinati Carenze possono provocare effetti simili alle deficienze di azoto, germogli a rosetta e frutti mal conformati e soggetti a cascola. Cloro (Cl) Importante nellosmoregolazione per levoluzione fotosintetica dellossigeno e nei movimenti stomatici. Tossicità possono verificarsi nei suoli salini. Non determinate

13 Tipi di concimi Concimi semplici Concimi complessi Organo Minerali Ammendanti Letame

14 Chiarimenti sulla potatura

15 Le branche fruttifere


Scaricare ppt "La Concimazione dellOlivo Indicazioni pratiche. Caratteristiche chimico fisiche del terreno Particelle del terreno: >di 2 mm >scheletro >2 mm e maggiore."

Presentazioni simili


Annunci Google