La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI FOMAZIONE PER MEDICI VETERINARI ISCRITTI ALLORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA (Come previsto dalla L.R. 59/09 e Regolamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI FOMAZIONE PER MEDICI VETERINARI ISCRITTI ALLORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA (Come previsto dalla L.R. 59/09 e Regolamento."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI FOMAZIONE PER MEDICI VETERINARI ISCRITTI ALLORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA (Come previsto dalla L.R. 59/09 e Regolamento Attuativo 38/R 04/08/2011) Legge Regionale 59/09 e Regolamento Attuativo: RICADUTE OPERATIVE PER LA PROFESSIONE VETERINARIA

2 Basi normative Legge Regionale 59 del 20 ottobre 2009 Norme per la tutela degli animali. Abrogazione della legge regionale 8 aprile 1995, n. 43 (Norme per la gestione dellanagrafe del cane, la tutela degli animali daffezione e la prevenzione del randagismo) Regolamento 38/R Regolamento di attuazione della L.R. 59/09

3 Legge 59/09 Premesse e finalità Riorganizzare ed adeguare la normativa vigente (legge 43/95) Assicurare il benessere degli animali che interagiscono con luomo (non solo cani e gatti) Evitarne utilizzi riprovevoli combattendo le forme di maltrattamento Controllare il randagismo canino e felino tramite identificazione, controllo riproduzione, etc. È in vigore dal 10 novembre 2009

4 Regolamento 38/R Premesse e finalità Specificare da un punto di vista tecnico alcune disposizioni della L.R. 59/09, in particolare quelle contenute negli articoli 5, 6, 9, 12, 13, 15, 16, 21, 24, 25, 26, 28, 30, 33, 38 È in vigore dal 5 agosto 2011 ma per ladeguamento ai requisiti dimensionali minimi cè tempo fino al 5 agosto 2013 (art.15) Dalla sua entrata in vigore la L.R. 43/95 ed il Regolamento 33/R sono definitivamente abrogati

5 Legge 59/09 Ambito di applicazione (art. 3) Animali che vivono sul territorio regionale in rapporto di interazione e convivenza con luomo Sono esclusi animali già oggetto di specifica disciplina: –allevamento zootecnico, caccia e pesca –sperimentazione –derattizzazione e disinfestazione –giardini zoologici, bioparchi e centri recupero –animali selvatici, feti ed embrioni animali Rientrano in ambito legge se in interazione e convivenza con luomo Attività economiche concernenti animali, comprese cura e toelettatura

6 Legge 59/09 Art.4 – Definizioni Interazione rapporto tra animale e uomo per finalità daffezione, sociali, terapeutiche ed economiche, senza sfruttamento per finalità alimentari Convivenza situazione di fatto in cui si realizza una forma di interazione tra animale e uomo Responsabile di un animale: –il proprietario o chiunque conviva con animali –chiunque accetti di detenere un animale non di sua proprietà per un periodo determinato –il rappresentante legale se il proprietario è persona giuridica –il sindaco per quanto previsto da D.P.R. 03/03/79 (animali randagi)

7 Legge 59/09 Art.5 – Obblighi del responsabile Garantire la salute e il benessere dellanimale: –cibo e acqua in quantità e periodicità adeguate –cure sanitarie –equilibrio fisico mediante possibilità di movimento –equilibrio comportamentale e psicologico (no paura, no stress, etc.) –misure idonee a prevenire allontanamento –ricovero idoneo e pulito –controllo costante dellanimale per evitare rischi per la pubblica incolumità

8 Regolamento 38/R Art.2 – Modalità di custodia (art.5 L.R.) Gli animali sono custoditi in luoghi idonei e con modalità tali da assicurare adeguate condizioni di sicurezza, spazio, temperatura, ventilazione ed illuminazione I requisiti dimensionali per la custodia di esemplari delle specie più diffuse sono elencati nellallegato A* Le necessità di eventuali deroghe a tali requisiti è attestata da un medico veterinario *i regolamenti comunali possono prevedere dimensioni più ampie (art.15)

9 Regolamento 38/R Allegato A (…tra le altre cose) Cani e gatti: –in casa non confinati permanentemente in locali di servizio o terrazze –in recinto (spazio confinato allaperto con fondo non impermeabilizzato) –in box (spazio confinato con fondo impermeabilizzato con adeguato smaltimento reflui) –ricambio aria, spazi esposti al sole ed ombreggiati –cuccia lavabile, sollevata da terra, di dimensioni adeguate per ogni animale

10 Regolamento 38/R Allegato A (…tra le altre cose) Cani e gatti: –se custoditi in recinti adeguati ad impedire la fuga –se custoditi in box possibilità movimento giornaliero –8 mq/cane fino a 3 cani –4 mq/cane per 4-5 cani –detenzione alla catena in via eccezionale per non oltre 6 ore al giorno catena non superiore al 10% peso corporeo lunga almeno 6 metri fissata a cavo aereo lungo almeno 3 metri e non più alto di 2 con moschettoni rotanti alle estremità

11 Legge 59/09 Art.6 – Trasporto di animali È consentito il trasporto di animali in contenitori o vani a condizione che vi siano: –sufficiente circolazione daria –spazio sufficiente a consentire allanimale la stazione eretta quadrupedale e la possibilità di sdraiarsi –misure idonee a proteggere gli animali da urti, intemperie e rilevanti escursioni termiche È vietato il trasporto nei vani portabagagli chiusi degli autoveicoli per qualsiasi periodo di tempo

12 Regolamento 38/R Art.3 – Modalità di trasporto (art.6 L.R.) Nei casi non disciplinati dal regolamento CE 1/2005 (trasporto a fini commerciali) Frequenti interruzioni del viaggio in caso presenti segni di stress, al fine di garantirne il riposo, lalimentazione e la sgambatura Contenitori idonei a garantire la massima sicurezza

13 Nuovo Codice della Strada Art Ad eccezione dei veicoli autorizzati per il trasporto professionale di animali, è vietato il trasporto di più di un animale e comunque in condizioni tali da costituire un impedimento o pericolo per la guida Possono essere trasportati animali domestici in numero superiore solo se in gabbia o contenitori o nel vano posteriore separato da rete o altro mezzo idoneo Sui veicoli a due ruote, è consentito il trasporto di animali in gabbia o contenitore

14 D.M. 217 del 9 ottobre 2012 Ambulanze veterinarie Regolamento di attuazione dellarticolo 117, comma 1, del decreto legislativo 30/04/1992, n° 285, come modificato dallarticolo 31, comma 1, della legge 29/07/2010, n° 120, in materia di trasporto e soccorso di animali in stato di necessità Entrerà in vigore 27/12/2012 Sono previste successive linee guida da parte del Ministero della Salute

15 Legge 59/09 Art.7 – Controllo della riproduzione Considerare le caratteristiche fisiologiche e comportamentali dellanimale per preservare la salute e il benessere della progenie, della femmina gravida o allattante e la pubblica incolumità Sterilizzazione eseguita solo da medici veterinari

16 Legge 59/09 Art.8 – Amputazioni Vietate le amputazioni finalizzate unicamente a modificare laspetto di un animale o ad altri scopi non terapeutici; in particolare sono vietati: –taglio coda –taglio orecchie –recisione corde vocali –asportazione speroni e artigli –asportazione o limatura dei denti

17 Legge 59/09 Art.8 – Amputazioni Qualora siano necessari interventi suddetti per situazioni patologiche: –effettuati solo da veterinari su animali identificati –certificato che giustifichi necessità terapeutica dellintervento (1 copia al responsabile dellanimale e 1 copia alla ASL di riferimento entro 15 giorni) Taglio preventivo della coda consentito per razze riconosciute dalla FCI con caudotomia prevista dallo standard ed eseguito da un veterinario entro la prima settimana di vita dellanimale

18 Convenzione di Strasburgo Recepita con Legge 201 del 4 novembre 2010 Larticolo 10 vieta gli interventi chirurgici destinati a modificare laspetto di un animale per scopi non curativi ma con eccezioni: –per ragioni di medicina veterinaria –nellinteresse di un determinato animale –per impedire la riproduzione

19 Parere CSS del 13 luglio 2011 Caudotomia preventiva consentita solo se: Effettutata da medico veterinario nella prima settimana di vita dellanimale in sedazione e anestesia locale Rilascio apposito certificato Solo per le seguenti razze: –Bracco ungherese a pelo corto- Cane da ferma tedesco a pelo duro (Drahthaar) –Bracco francese tipo Gascogne - Cane da ferma tedesco a pelo corto (Kurzhaar) –Bracco francese tipo Pirenei - Bracco italiano –Epagneul breton- Griffone a pelo duro (Korthals) –Spinone italiano- Cocker spaniel –Springer spaniel Solo cani dichiarati ad attività sportivo-venatoria

20 Legge 59/09 Art.9 – Divieto di soppressione È consentito sopprimere animali solo se: –gravemente malati ed incurabili –soggetti ritenuti di comprovata pericolosità per lincolumità delle persone secondo procedura definita dal regolamento 38/R –da parte di medici veterinari in modo eutanasico con rilascio certificato dove è specificata la causa della soppressione

21 Regolamento 38/R Art.4 – Accertamento della pericolosità dellanimale (art.9 L.R.) Attestata da una commissione composta da 3 medici veterinari, tra cui 1 veterinario comportamentalista, ove presente allinterno della ASL

22 Legge 59/09 Art.10 – Sperimentazione su animali La Regione promuove la diffusione di metodologie sperimentali che non prevedano luso di animali vivi I cani e i gatti vaganti catturati e quelli ospitati nei canili non possono essere destinati alla sperimentazione

23 Legge 59/09 Art.11 – Addestramento ed educazione È vietato –addestrare animali con violenze, percosse o costrizione fisica, in ambienti che gli impediscano di manifestare i comportamenti tipici della specie –uso collari con punte, elettronici o elettrici –ogni forma di addestramento teso ad esaltare laggressività –addestrare animali appartenenti a specie selvatiche Gli addestratori a qualunque titolo devono comunicare inizio attività al comune dove intendono praticare e alla ASL di riferimento

24 Legge 59/09 Art.12 – Esposizione e vendita Non consentita la vendita di cani sotto 3 mesi di età e gatti sotto 2 mesi Esposizione non oltre 5 ore giornaliere Se ambulanti non oltre 12 ore Permanenza in negozio non oltre 30 giorni Obbligo di fornire istruzioni su mantenimento Competenza documentata su gestione tecnica ed igienico-sanitaria degli animali (titolare) Obbligo garantire certificazione di provenienza degli animali ed identificazione se obbligatoria

25 Legge 59/09 Art.13 – Canili privati e pensioni per animali Regolamento 38/R Art.5 – Modalità di detenzione negli esercizi commerciali, nei canili privati e nelle pensioni per animali (art L.R.) Devono essere rispettati i requisiti dimensionali dellallegato A Le strutture di cui allart. 13* della L.R. devono avere un registro di carico e scarico e assicurare lassistenza di un medico veterinario referente

26 Legge 59/09 Art.14 – Mostre e spettacoli Sono consentite, tra le altre, le manifestazioni storiche e culturali autorizzate (art.15), le manifestazioni agricolo-zootecniche e lattività circense La detenzione di animali impiegati in attività circensi è sottoposta a controllo CITES Vietata esposizione cani e gatti di età inferiore a 4 mesi

27 Legge 59/09 Art.16 – Attività e terapie assistite da animali È vietato utilizzare animali selvatici e cuccioli di età inferiore a 6 mesi Art.17 – Divieto di accattonaggio con animali È vietato utilizzare animali con ruoli attivi nella pratica dellaccattonaggio Art.18 – Divieto di offrire animali in premio o vincita È vietato offrire animali in premio o vincita di giochi nellambito di attività ed iniziative commerciali, fieristiche e pubblicitarie

28 Legge 59/09 Art.19 – Accesso ai giardini, parchi ed aree pubbliche Cani accompagnati da proprietario o altro detentore e muniti di guinzaglio e museruola se previsto dalle norme statali Non possono accedere ad aree destinate a particolari scopi (ad es. aree giochi per bambini) se chiaramente delimitate e dotate di strumenti atti alla custodia dei cani allesterno delle stesse

29 Legge 59/09 Art.20 – Aree e percorsi destinati ai cani Individuati dai comuni nellambito di giardini, parchi, spiagge ed aree verdi ed opportunamente delimitati e segnalati con cartelli I cani vi possono circolare senza guinzaglio e museruola, sotto la sorveglianza del responsabile, senza danneggiare piante o strutture presenti

30 Legge 59/09 Art.21 – Accesso negli esercizi pubblici, commerciali e nei locali ed uffici aperti al pubblico Cani accompagnati da proprietario o altro detentore e muniti di guinzaglio e museruola se previsto dalle norme statali, avendo cura che non sporchino o arrechino disturbo o danno Il responsabile degli esercizi pubblici, etc., può adottare misure limitative allaccesso, previa comunicazione al sindaco

31 Regolamento 38/R Art.8 – Modalità di accesso negli esercizi pubblici, commerciali e nei locali ed uffici aperti al pubblico (art.21 L.R.) Ai fini della sicurezza è consentito laccesso di 1 solo cane per proprietario o detentore con museruola o guinzaglio se previsto dalle norme statali

32 Legge 59/09 Art.22 – Norme igieniche Il responsabile deve: –disporre di idonei strumenti per rimuovere le deiezioni –raccogliere le deiezioni solide negli spazi pubblici –se allinterno di locali deve pulire e risarcire gli eventuali danni

33 Legge 59/09 Art.23 – Cani morsicatori Tutte le morsicature e le aggressioni di cani devono essere segnalate al servizio veterinario della ASL di riferimento I veterinari ASL: –controllano i cani morsicatori –se rischio potenziale elevato stabiliscono misure di prevenzione ed eventuale intervento terapeutico da parte di veterinario comportamentalista a spese del proprietario o detentore –…–…

34 Legge 59/09 Art.24 – Istituzione dellanagrafe canina Istituita in ogni comune e gestita dalla ASL Il responsabile provvede ad iscrivere e a far identificare il cane entro il 60° giorno di vita Il responsabile segnala per iscritto al servizio veterinario della ASL: –La scomparsa dellanimale entro il 3° giorno dallevento –La morte*, la cessione e il trasferimento della propria residenza entro 30 giorni dallevento *con la nuova anagrafe la morte potrà essere inserita direttamente dal veterinario libero professionista che lha constatata con rilascio di apposito certificato

35 Regolamento 38/R Art.9 – Procedure di anagrafe canina (art.24 L.R.) Il responsabile del cane provvede alla iscrizione e alla contestuale identificazione del cane tramite microchip Tale operazione può essere svolta da veterinari ASL e da veterinari liberi professionisti secondo disposizioni allegato B Ai veterinari liberi professionisti viene assegnato un codice di riconoscimento previa frequenza di un corso di formazione di almeno 6 ore con test finale

36 Regolamento 38/R Allegato B (…tra le altre cose) Chiunque rinviene un cane vagante, di qualsiasi età, lo segnala senza indugio alla PM del luogo dove è avvenuto il ritrovamento Cani già identificati sono iscritti in banca dati a cura del veterinario ASL dopo verifica microchip (cani di provenienza estera o comunque non registrati in anagrafe) Chi acquista la proprietà a qualsiasi titolo di un cane di oltre 60 giorni di età verifica se già identificato e registrato in anagrafe; in caso contrario provvede ad identificarlo e registrarlo

37 Legge 59/09 Art.25 – Identificazione elettronica dei cani iscritti allanagrafe canina Mediante inoculazione di microchip nel terzo craniale del lato sinistro del collo Effettuata solo da medici veterinari che devono darne comunicazione alla ASL entro 5 giorni* *con la nuova anagrafe solo conservazione documentazione (copia scheda firmata, documento identità, etc.) I vecchi tatuaggi ASL rimangono validi ai fini dellidentificazione dellanimale

38 Legge 59/09 Art.26 – Cani provenienti da altre regioni I responsabili di cani già iscritti allanagrafe canina di altre regioni provvedono alla sola iscrizione entro 30 giorni dalla data di ingresso dellanimale nel territorio regionale (presso il servizio veterinario della ASL di riferimento)

39 Legge 59/09 Art.27 – Esenzioni e norme particolari per liscrizione allanagrafe canina Le norme relative ad iscrizione ed identificazione non si applicano a: –cani appartenenti alle forze armate e ai corpi di polizia –cani al seguito del responsabile in soggiorno temporaneo inferiore a 90 giorni sul territorio regionale a scopo di lavoro, caccia, addestramento, turismo

40 Legge 59/09 Art.28 – Rinuncia alla detenzione e cessione a canile rifugio Può essere richiesta, in presenza di gravi motivi, dal responsabile del cane regolarmente iscritto allanagrafe, al sindaco del comune di residenza Il comune definisce i limiti e le eventuali forme di partecipazione alle spese di mantenimento Il sindaco è tenuto a rispondere entro 15 giorni; decorsi i 15 giorni la domanda si intende accolta

41 Legge 59/09 Art.29 – Servizio cattura Lo attivano i comuni a proprie spese servendosi, dove possibile, dei servizi veterinari delle aziende USL In caso di inadempienza del comune, i servizi veterinari delle ASL devono attivare servizi sostitutivi nei casi di manifesta pericolosità I comuni provvedono alla rimozione dal suolo pubblico ed alla successiva distruzione delle carcasse animali di qualunque specie

42 Legge 59/09 Art.30 – Canili sanitari e rifugio I comuni provvedono a costruirli o risanarli Possono avvalersi anche di strutture private Devono essere accreditati dalle ASL

43 Legge 59/09 Art.31 – Organizzazione, compiti e caratteristiche strutturali del canile sanitario Vi affluiscono i cani catturati/recuperati Periodo di osservazione e profilassi sanitaria da parte dellASL per 60 giorni al massimo Dopo 60 giorni canile rifugio Il responsabile del cane dopo 60 giorni ne perde la titolarità se non lo reclama o, qualora sia individuabile e reperibile, dimostri di non poterlo tenere presso di sé I cani sono sottoposti a sterilizzazione obbligatoria

44 Legge 59/09 Art.32 – Organizzazione, compiti e caratteristiche strutturali del canile rifugio Vi afferiscono i cani al termine del periodo di osservazione non restituiti ai proprietari, i soggetti di cui allarticolo 28 ed altri soggetti bisognosi di custodia temporanea È garantita in maniera continuativa lassistenza sanitaria per i cani custoditi Il titolare delle funzioni di assistenza è un medico veterinario che provvede anche allaggiornamento del registro di carico e scarico ed è responsabile della gestione dei farmaci

45 Legge 59/09 Art.34 – Colonie di gatti Colonia gruppo di gatti che vive in libertà, composto da maschi e femmine, legato stabilmente al territorio e alluomo, dipendente dal punto di vista alimentare e dei rapporti sociali tra cospecifici I comuni provvedono a controllo popolazione con interventi di cattura e reimmissione ed interventi di sterilizzazione effettuati dalle ASL con oneri proprio carico Le colonie feline possono essere spostate solo per gravi necessità delle colonie stesse, dietro autorizzazione del sindaco e previo parere ASL

46 Legge 59/09 Art.35 – Custodi delle colonie di gatti È riconosciuto il ruolo delle persone che, nel rispetto dei regolamenti comunali, provvedono allalimentazione e alla cura delle colonie di gatti Devono garantire la pulizia e il decoro delle aree adibite alle attività necessarie alla tutela delle colonie

47 Legge 59/09 Art.40 – Sanzioni Chiunque violi le disposizioni di cui agli articoli 8 (amputazioni) e 9 (soppressione) è soggetto a sanzione amministrativa da euro 100 a euro 600 Il medico veterinario che viola le disposizioni di cui: –articolo 8, commi 2 e 3 (amputazioni e relativa certific.) –articolo 9, comma 3 (eutanasia e relativa certificazione) –articolo 25, comma 2 (invio scheda anagrafica allASL entro 5 giorni)* è soggetto a sanzione amministrativa da euro 150 a euro 900

48 IN BOCCA AL LUPO!!!


Scaricare ppt "CORSO DI FOMAZIONE PER MEDICI VETERINARI ISCRITTI ALLORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA (Come previsto dalla L.R. 59/09 e Regolamento."

Presentazioni simili


Annunci Google