La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seminario Qualyfood Cremona, 4 giugno 2010 ___________________________________________________ Claims nutrizionali e salutistici: il punto di vista dellAutodisciplina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seminario Qualyfood Cremona, 4 giugno 2010 ___________________________________________________ Claims nutrizionali e salutistici: il punto di vista dellAutodisciplina."— Transcript della presentazione:

1 Seminario Qualyfood Cremona, 4 giugno 2010 ___________________________________________________ Claims nutrizionali e salutistici: il punto di vista dellAutodisciplina Pubblicitaria Vincenzo Guggino Segretario Generale IAP Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

2 Chi riconosce il Codice di Autodisciplina AZIENDE UPA Assofin AGENZIE AssoComunicazione UNICOM TP / AICUN TELEVISIONI E RADIO MEDIASET RAI SKY Italia AERANTI/CORALLO FRT 2 STAMPA FIEG ANES CONCESSIONARIE FCP AFFISSIONI AAPI INTERNET Fedoweb IAB ITALIA PUBBLICITÀ SOCIALE Pubblicità Progresso

3 Art. 1 – La comunicazione commerciale deve essere onesta, veritiera e corretta. Art. 2 – Divieto della comunicazione commerciale ingannevole Art. 6 – Dimostrazione della verità Art. 7 – Identificazione della comunicazione commerciale Artt. 8 – 9 – 10 - Tutela del cittadino Art. 11 – Tutela bambini e adolescenti Art. 12 – Tutela salute, sicurezza e ambiente Titolo I – REGOLE DI COMPORTAMENTO (Estratto) Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria 3

4 Sistemi di Vendita Art. 17 – Vendite a credito Art 18 – Vendite a distanza Art. 19 – Forniture non richieste Art. 20 – Vendite speciali Art. 21 – Manifestazioni a premio Settori merceologici Art. 22 – Bevande alcoliche Art. 23 – Prodotti cosmetici e per ligiene personale Art. 23 bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici Art. 24 – Trattamenti fisici ed estetici Art. 25 – Prodotti medicinali e trattamenti curativi Art. 26 – Corsi di istruzione e metodi di studio o insegnamento Art. 27 – Operazioni finanziarie e immobiliari Art. 28 – Viaggi organizzati Art. 28 bis – Giocattoli, giochi e prodotti educativi per bambini Titolo II – NORME PARTICOLARI Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria 4

5 ATTIVITÀ DEL COMITATO DI CONTROLLO Segnalazione da parte di: singoli cittadini-consumatori organizzazioni di consumatori membri del Comitato di Controllo Esame del Comitato di ControlloArchiviazione Archiviazione dopo positivi contatti con linserzionista Delibera di procedimento Istruttoria ingiunzione di desistenzaistanza al Giurì Esame richieste pareri preventivi su pubblicità non ancora diffusa

6 ATTIVITÀ DEL GIURÌ Istanza del Comitato di Controllo Ricorso di parteOpposizione allingiunzione di desistenza GIURÌ Udienza con dibattito Camera di consiglio e decisione Immediata comunicazione dispositivo pronuncia Conformità al Codice Contrasto con il Codice: blocco della pubblicità

7 LE SANZIONI Se la pubblicità esaminata è contraria alle norme del Codice, il Giurì ne vieta lulteriore diffusione (art. 38) Il Giurì può ordinare che di singole decisioni venga data notizia al pubblico mediante pubblicazione di un estratto della decisione (art. 40) Analogo provvedimento viene adottato qualora chi vi è tenuto non si sia uniformato alle decisioni del Giurì (art. 42) Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

8 Principali caratteristiche dellAutodisciplina pubblicitaria Rapidità giudizio Rapidità giudizio Indipendenza Organi di controllo Indipendenza Organi di controllo Efficacia sanzione Efficacia sanzione Gratuità e facilità di accesso per il consumatore Gratuità e facilità di accesso per il consumatore Rispetto contraddittorio Rispetto contraddittorio Trasparenza decisioni Trasparenza decisioni 8

9 LA PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI E LAUTODISCIPLINA PUBBLICITARIA Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

10 Art. 2 CA Comunicazione commerciale ingannevole La comunicazione commerciale deve evitare ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche, specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto... Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria La casistica: messaggi ingannevoli sulle caratteristiche del prodotto sugli effetti del prodotto sull«origine» del prodotto

11 Tendenze giurisprudenziali Art. 2 CA – Ruolo svolto dal Giurì di Autodisciplina «Fresco» con riferimento al latte (Giurì 13/80, 312/01) «Fresco» con riferimento al latte (Giurì 13/80, 312/01) Riconoscimento della rilevanza delle certificazioni Riconoscimento della rilevanza delle certificazioni volontarie di prodotto (Giurì 166/99) volontarie di prodotto (Giurì 166/99) Attribuzione al prodotto di specifiche caratteristiche Attribuzione al prodotto di specifiche caratteristiche dietetiche (Giurì 209/95), o salutistiche (consigliato da …: dietetiche (Giurì 209/95), o salutistiche (consigliato da …: Giurì 145/04, 44/04; 157/04) Giurì 145/04, 44/04; 157/04) Eccellenza qualitativa (Giurì 47/02, 116/05) Eccellenza qualitativa (Giurì 47/02, 116/05) Indicazioni di origine (Giurì 195/04) Indicazioni di origine (Giurì 195/04) Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

12 Art. 11 CA Bambini e adolescenti Una cura particolare deve essere posta nei messaggi che si rivolgono ai bambini e agli adolescenti o che possono essere da loro ricevuti... In particolare questa pubblicità non deve indurre a: sminuire il ruolo dei genitori e di altri educatori nel fornire valide indicazioni dietetiche; adottare labitudine a comportamenti alimentari non equilibrati, o trascurare lesigenza di seguire uno stile di vita sano... Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

13 Giurisprudenza autodisciplinare Danno morale: atteggiamento ricattatorio del bambino (Giurì 29/79), atteggiamento compiacente dei genitori di fronte ai capricci (Giurì 12/81, 29/84) Danno fisico: Giurì 225/02 (I ragazzi preferiscono la frutta) Comportamenti alimentari non equilibrati: Giurì 167/05 Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

14 La comunicazione commerciale relativa agli integratori alimentari e ai prodotti dietetici non deve vantare proprietà non conformi alle particolari caratteristiche dei prodotti, ovvero proprietà che non siano realmente possedute dai prodotti stessi. Inoltre detta comunicazione commerciale deve essere realizzata in modo da non indurre i consumatori in errori nutrizionali.... Regolamento sulla comunicazione commerciale degli integratori alimentari proposti per il controllo o la riduzione del peso e di altri tipi di integratori Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria Art. 23bis CA Integratori alimentari e prodotti dietetici

15 Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria Integratori alimentari Regolamento autodisciplinare sulla comunicazione commerciale degli integratori alimentari volti al controllo o alla riduzione del peso (giugno 2003) richiamo alla necessità di seguire una dieta ipocalorica e di effettuare maggiore attività fisica (art. 4) divieto di pubblicizzare diete spersonalizzate come universalmente valide (art. 7) divieto di menzionare condizioni di peso ideale, linea ideale, ecc. (art. 10)

16 Art. 12 CA Salute, Sicurezza e Ambiente La comunicazione commerciale di prodotti suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l'ambiente, specie quando detti pericoli non sono facilmente riconoscibili, deve indicarli con chiarezza. Comunque la comunicazione commerciale non deve contenere descrizioni o rappresentazioni tali da indurre i destinatari a trascurare le normali regole di prudenza o a diminuire il senso di vigilanza e di responsabilità verso i pericoli. Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

17 Giurisprudenza autodisciplinare Art. 12 co. 1: prodotti suscettibili di presentare pericoli, obbligo di indicarli con chiarezza Prodotti e trattamenti dimagranti: Giurì 168/01, 209/01 Art. 12 co. 2: divieto di contenuti che inducano i consumatori a trascurare le normali regole di prudenza Giurì 72/07: energy drink Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

18 ART. 3 del Regolamento Claims Le indicazioni nutrizionali e sulla salute non possono: essere false, ambigue o fuorvianti; denigrare altri alimenti incoraggiare o tollerare un consumo eccessivo di un elemento; affermare, suggerire o sottintendere che una dieta equilibrata e varia non possa in generale fornire quantità adeguate di sostanze nutritive; suscitare o sfruttare timori nel consumatore, sia mediante il testo scritto, sia mediante rappresentazioni figurative, grafiche o simboliche. Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria

19 Totale6.374 Provvedimenti riguardanti alimenti e dolciumi non conformi di cui riguardanti i bambini non conformi Provvedimenti riguardanti bevande alcoliche6024 non conformi Attività organi autodisciplinari 1966 – 2009 Provvedimenti del Comitato di Controllo (ingiunzioni) e del Giurì (pronunce)

20 POSSIBILI SVILUPPI AUTODISCIPLINARI LA COMUNICAZIONE DI MARKETING RESPONSABILE AMPLIAMENTO DELLE REGOLE ESISTENTI E/O INDIVIDUAZIONE DI NUOVE IN AMBITI SETTORIALI MONITORAGGIO DELLA PUBBLICITÀ DEL SETTORE DIFFUSO RICORSO AI PARERI PREVENTIVI CENTRALITÀ DEL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLA COMUNICAZIONE COMMERCIALE Istituto dellAutodisciplina Pubblicitaria


Scaricare ppt "Seminario Qualyfood Cremona, 4 giugno 2010 ___________________________________________________ Claims nutrizionali e salutistici: il punto di vista dellAutodisciplina."

Presentazioni simili


Annunci Google