La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un modello linguistico per le istituzioni non (solo) linguistiche? Emanuele FADDA Università della Calabria Cercle Ferdinand de Saussure Logo ISR Logo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un modello linguistico per le istituzioni non (solo) linguistiche? Emanuele FADDA Università della Calabria Cercle Ferdinand de Saussure Logo ISR Logo."— Transcript della presentazione:

1

2 Un modello linguistico per le istituzioni non (solo) linguistiche? Emanuele FADDA Università della Calabria Cercle Ferdinand de Saussure Logo ISR Logo UNICAL

3 Schema I.Da Brancati a Barthes (e ritorno) II.Prassi e poiesi III.Una classe di pragmatismi I.Una definizione quasi-pragmatista dellarbitrarietà in Saussure IV.Su alcuni possibili modelli quasi- linguistici di istituzione politica 03/05/13La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA3

4 I.1 – Brancati a Piazza S. Pietro Siamo ormai espertissimi nel calcolo di quanto perde una persona nellatto in cui si unisce ad altre duecentomila. Mettete in colonna sopra un foglio i duecentomila esseri umani, che hanno riempito una piazza, sottraete luno dallaltro, e avrete lidea esatta di quello che sarà rimasto di umano nella piazza stessa, al momento delladunata. (DR, p. 1268) Dalle parole di Brancati sembra doversi evincere una legge quasi matematica: più una comunità è numerosa e indifferenziata, meno essa è libera 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 4

5 II.2 – Barthes: La lingua fascista la lingua non è né reazionaria, né progressista, ma semplicemente fascista Leçon, p. 14 (ed. franc.) La lingua ha come primo carattere che ci si impone, e in tal modo ci omologa (cfr CLG,Immutabilità) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 5

6 I.3 – Barthes: La democrazia del segno la lingua, nel suo stesso divenire, non è più una signoria ma una democrazia Saussure, il segno, la democrazia (in: Lavventura semiologica, p. 74) Qui le posizioni sembrano ribaltate. Ma lo sono per davvero? 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 6

7 I.4 – Brancati: Elogio (paradossale) della Svizzera Un minuto prima di addormentarsi: ecco la Svizzera (DR, p. 1507) Tetraggine e noia accompagnano lattivismo ovunque esso corra o fugga. Il sentore di noia che arriva dagli attivistici Paesi totalitari, ove si crea, si rinnova, si capovolge il mondo, è pari allinfernale sbadiglio che a Roma, nel 37, abitando in una cameretta in via Pinciana, sentivo salire dal poliziotto impalato presso lo spigolo della casa per sorvegliare i suoi e i miei concittadini. (DR, p. 1507) La Svizzera sembra essere simile a una lingua: in essa non sono prevedibili stravolgimenti 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 7

8 II.1 Due definizioni semplici PRASSI = agire non determinato da uno scopo POIESI = agire determinato da uno scopo – il quale, una volta ottenuto, si presenta come un prodotto, sostanzialmente autonomo dal produttore (ed eventualmente a lui ostile) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 8

9 II.2 – Poiesi prototipica e poiesi linguistica POIESI PROTOTIPICA – PUNTUALE – LOCALIZZATA POIESI LINGUISTICA – DIFFUSA – LOCALIZZANTE La POIESI PROTOTIPICA è NON PRASSICA 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 9

10 II.3 – Poiesi prassica e prassi poiesica La POIESI LINGUISTICA è dunque una POIESI PRASSICA …ma allora, è anche una PRASSI POIESICA (e in modo direttamente proporzionale) …in un certo senso, poiesi prassica e prassi poietica sono la stessa cosa, vista da due punti di vista opposti 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 10

11 II.4 – Perché è meglio distinguere (sive, lanti-Searle) …ma allora, a che serve distinguere? Se non distingui, NON CAPISCI – Es. J. R. Searle: il suo peccato non è solo quello di non distinguere lingua e linguaggio, ma anche quello di non distinguere prassi e poiesi 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 11

12 III.1 - Pragmatismi Possiamo chiamare pragmatismi (in senso lato) tutte le teorie compatibili con una qualche versione della MASSIMA PRAGMATICA formulata da Peirce nel 1872: La definizione di una cosa (e anzitutto di unidea) è data dai suoi effetti concepibili (e anzitutto quelli sul comportamento) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 12

13 III.2 – Una classe di pragmatismi (a): Bourdieu e Wittgenstein Cè una classe di pragmatismi che si concentra maggiormente su quella prassi che ha ricadute poietiche. Il campione di questa classe è Pierre Bourdieu. La sua nozione di HABITUS definisce tipicamente una prassi poietica Anche Wittgenstein può esservi ricompreso – (non è un caso se molti autori – soprattutto di area francese, da Bouveresse in giù – accostano i due, ed entrambi a Peirce) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 13

14 III.2 – Una classe di pragmatismi: Mead e Saussure …Peirce stesso, però, non fa parte di questa classe (o vi occupa un luogo marginale). Il pragmatista più attento allaspetto poietico (e dunque istituzionale, giacché è la prassi poietica ciò che mantiene in vita le istituzioni) della prassi è George Herbert Mead ( ). …per questo, egli si presta particolarmente a un confronto con Saussure. 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 14

15 III.I.1 – Una definizione quasi pragmatista dellarbitrarietà saussuriana Larbitrarietà, in senso saussuriano, è quella condizione di perpetua creazione e mantenimento – in questo caso, i due aspetti si saldano – delle istituzioni che richiede prassi poiesica (o poiesi prassica) pura, assoluta In essa né laspetto poietico né laspetto pratico possono prendere il sopravvento, ma si rinforzano a vicenda 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 15

16 III.I.2 – Saussure, tra lo strutturalismo e il confronto con Wittgenstein Saussure, però, è forzato da sue ragioni epistemologiche a definire la lingua sotto laspetto poietico, concentrandosi su quello Molto strutturalismo (e anzitutto Bally e Sechehaye) ha per questo creduto che laspetto prassico non avesse un posto …ecco perché non possiamo leggere Saussure senza leggere Wittgenstein, e viceversa) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 16

17 IV.1 – La Svizzera (e la democrazia referendaria in genere) Alcuni stati (p. es. la Svizzera) fanno un uso dello strumento referendario frequente, generalizzato e capillare, delegando la rappresentanza il meno possibile. Così, però, non si fa che moltiplicare la puntualità della poiesi. La si sfuma, ma certamente non la si annulla 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 17

18 IV.2 – La democrazia digitale Molti esaltano il web non solo come mezzo di informazione democratico e interattivo, ma come (almeno potenziale) strumento decisionale: non solo luogo per pressioni lobbistiche, ma possibile mezzo desercizio del potere esecutivo tout court. Ma la rete è un sistema molto più regionale rispetto a una lingua: essa ti rimanda la prospettiva dalla quale la osservi molto più di quanto non ti si imponga in toto – (nel caso di M5S, poi, cè anche il problema analogo a quello di Brancati (cfr supra I.1)) 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 18

19 IV.3 – Elogio del bizantinismo (anti machiavellismo? weimarismo?) E preferibile un conclave di cardinali che si azzuffano; è preferibile un concilio bizantino che litiga su inezie mentre il nemico bussa alle porte della città (DR, p. 1570) Una lingua è fatta esattamente così. Ma in che misura possiamo riportare questa forma nelle istituzioni politiche? 03/05/13 La lingua come modello di ogni altra istituzione? - Spazio ESC - Emanuele FADDA 19


Scaricare ppt "Un modello linguistico per le istituzioni non (solo) linguistiche? Emanuele FADDA Università della Calabria Cercle Ferdinand de Saussure Logo ISR Logo."

Presentazioni simili


Annunci Google