La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Lapprendimento di conoscenze è un processo costruttivo: i nuovi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Lapprendimento di conoscenze è un processo costruttivo: i nuovi."— Transcript della presentazione:

1 1 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Lapprendimento di conoscenze è un processo costruttivo: i nuovi contenuti sono elaborati sulla base di quelli esistenti che agiscono da filtro, in quanto i nuovi dati vengono interpretati dal soggetto e non semplicemente registrati La mente interpreta e organizza le esperienze, disponendole allinterno di una struttura più generale: in questo modo semplifica e ordina e dà senso alle nostre esperienze nel mondo 2 attività organizzatrici: costruzione di COPIONI e CONCETTI

2 2 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Un concetto è la rappresentazione mentale dellinsieme di entità diverse, raggruppate in base ad una somiglianza o ad una proprietà comune Riducono la complessità del mondo a dimensioni cognitivamente maneggevoli, consentendone così la comprensione consenso culturale Riflettono il consenso culturale circa la formazione delle categorie concettuali utili a raggruppare le entità ed i fenomeni del mondo condivisione e lo scambio linguaggio Consentono la condivisione e lo scambio dei significati tra gli individui dello stesso gruppo culturale, favorendo la nascita del linguaggio

3 3 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Anche se generalmente legati a definizioni verbali, i primi concetti si formano in bambini preverbali, nei quali si è osservata una buona capacità di categorizzazione Categorizzazione su base funzionale percettiva astratta Con sviluppo i concetti subiscono una organizzazione gerarchica Livello funzionale – sovraordinato - subordinato

4 4 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione LE TEORIE DELLO SVILUPPO CONCETTUALE Piaget Secondo Piaget, lo sviluppo concettuale ha luogo a partire dallinterazione del bambino con lambiente e determina il raggiungimento di forme superiori e più efficienti di organizzazione mentale Vygotskij Secondo Vygotskij la formazione dei concetti non avviene esclusivamente nella mente del singolo, ma nellambito di una rete di relazioni sociali e mediazioni culturali Nelson Recentemente Nelson ha sottolineato il ruolo delle componenti contestuali ed episodiche: i concetti si formano a partire dalla rappresentazione primitiva dellintero evento in cui sono inseriti

5 5 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione LE TEORIE DELLO SVILUPPO CONCETTUALE più recentemente altri autori, tra i quali Susan Carey (1985),a seguito dellinfluenza dellapproccio HIP, hanno postulato la presenza di un numero limitato di teorie: strutture, pertanto specifiche per dominio

6 6 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione A SCUOLA Una delle funzioni principali della scuola è trasmettere sapere consolidato Apprendere concetti e conoscenza = apprendimento dichiarativo (sapere cosa) Processo costruttivo, di interpretazione I concetti appresi a scuola sono concetti complessi, ricchi e articolati: si parla di strutture concettuali, modelli mentali o teorie. Possono essere appresi attraverso istruzione oltre che esperienza

7 7 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Vygotskij Concetti spontanei: si sviluppano dal basso allalto, dal concreto allastratto (es, nonna) preparano lacquisizione di quelli scientifici appresi nel contesto Concetti scientifici si sviluppano dallalto al basso, dallastratto al concreto (es. borghese, comunista) aiutano a rendere consapevoli quelli spontanei appresi in astratto, nel modo verbale

8 8 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione conoscenza intuitiva Attraverso lesplorazione della realtà il bambino si costruisce una conoscenza intuitiva del mondo. insieme di credenze organizzate, visione coerente del mondo Le teorie infantili possono essere definite come un insieme di credenze organizzate, o una visione coerente del mondo, e rappresentano un utile strumento per denotare le emergenti idee del bambino (Gardner, 1991). LE TEORIE INGENUE DEI BAMBINI

9 9 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione strumenti per spiegarsi quello che accade un senso ai fenomeni Le teorie intuitive, se da un lato sono utili al bambino come strumenti per spiegarsi quello che accade attorno a lui e dare temporaneamente un senso ai fenomeni del mondo,… potenti mezzi di conoscenzaresistere alla scolarizzazione … dallaltro possono strutturarsi come potenti mezzi di conoscenza e resistere alla scolarizzazione, riemergendo con tutta la loro forza, una volta che lindividuo lasci lambiente scolastico (Gardner, 1991). LE TEORIE INGENUE DEI BAMBINI

10 10 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione cambiano Le teorie che il bambino si costruisce gradualmente cambiano, in funzione del progressivo arricchimento della sua conoscenza del mondo. interpretazioni grossolane modelli di spiegazioneculturalmente mediati e complessi. Dapprima basate su interpretazioni grossolane, basate su aspetti vistosi ed esteriori, tali teorie si avvicinano mano a mano a modelli di spiegazione culturalmente mediati e complessi. LE TEORIE INGENUE DEI BAMBINI

11 11 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione IN DOMINI SPECIFICI: LA BIOLOGIA La teoria biologica intuitiva emerge dalla teoria psicologica intuitiva: il bambino piccolo vede gli animali come esseri che hanno un comportamento, mentre ladulto li concettualizza in termini biologici (Carey, 1985) Anche i bambini più piccoli possiedono una teoria biologica distinta da quella psicologica dal suo costituirsi (Keil, 1994)

12 12 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Le due teorie intuitive, quella psicologica e quella biologica coesistono, ma quella psicologica risulta essere più facilmente recuperabile dalla MLT (Hatano e Inagaki, 1997) Sono stati osservati due tipi di cambiamento nelle concezioni biologiche infantili: - da inferenze basate sulla similarità ad inferenze basate sullappartenenza categoriale - da un tipo di causalità vitalistica ad un tipo di causalità meccanica ESEMPI DI TEORIE INFANTILI: LA BIOLOGIA

13 13 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Vosniadou e Brewer (1992) Modelli mentali di Terra come corpo celeste ESEMPI DI TEORIE INFANTILI: LASTRONOMIA

14 14 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Età Concezioni riscontrate Non cè relazione tra lavorare, fare acquisti e pagare. Idee irrealistiche sullorigine del denaro. 6-7 Il prezzo è il denaro da spendere per acquistare la merce. Non si comprende la funzione del resto. Non cè relazione tra le fabbriche e la produzione delle merci 7-10 Comprensione più articolata della compravendita e del lavoro. Si comprende il resto Coordinazione dei vari ruoli economici conosciuti in un unico quadro di scambi Comprensione del funzionamento di istituzioni come la banca ESEMPI DI TEORIE INFANTILI: LECONOMIA

15 15 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Età Concezioni riscontrate I personaggi politici visti in tv sono indistinti dagli altri. I concetti di regola, autorità e sfera personale sono appresi in maniera implicita attraverso la relazione con gli adulti. 6-7 Conoscenza delle principali cariche pubbliche. Consapevolezza delle leggi/regole come divieti punibili con il carcere (a discrezione dei poliziotti) Lo Stato è un ampio territorio che si distingue per una lingua e i modi di vivere (non sono nominati leggi e Governo) Comparsa di una politica ingenua che collega le varie nozioni. Lo Stato ha un Governo, è organizzato gerarchicamente ed esercita il proprio potere attraverso le Leggi Comprensione della funzione delle Leggi. Comparsa della nozione di Democrazia. ESEMPI DI TEORIE INFANTILI: LASTRONOMIA

16 16 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione MISCONCEZIONI E CAMBIAMENTO CONCETTUALE Il termine misconcezioni si riferisce a rappresentazioni scorrette dal punto di vista del sapere disciplinare consolidato, ma che allo stesso tempo costituiscono anche un aspetto fondamentale e inevitabile dellapprendimento (Alexander,1998) Lespressione cambiamento concettuale, riferita allambiente scolastico, sta ad indicare che le concezioni iniziali, preesistenti allintervento di istruzione, sono state modificate con successo in modo da permettere lintegrazione delle nuove informazioni Cambiare le concezioni, tuttavia è molto difficile, anche quando vengono svolte ottime lezioni in classe.

17 17 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione CAMBIAMENTO CONCETTUALE Sono stati proposti spiegazioni del cambiamento concettuale in due diversi ambiti di ricerca, in ciascun dei quali sono stati avanzati diversi modelli di spiegazione: psicologia dello sviluppo Carey Vosniadou Caravita e Halldén Kelly e Green psicologia delleducazione scientifica Nussbaum e Novick Postner e colleghi diSessa

18 18 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Carey Carey ha descritto due tipi di cambiamento nelle conoscenze: ristrutturazione debole - la ristrutturazione debole, che si manifesta con un incremento delle relazioni tra i concetti ed il loro inserimento in schemi più complessi (aumento delle conoscenze in un certo ambito) ristrutturazione radicale - la ristrutturazione radicale (o cambiamento concettuale) che invece implica la modificazione dellintera struttura e delle relazioni che legano una serie di concetti tra loro (cambiamento delle conoscenze in un certo ambito)

19 19 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione IL CAMBIAMENTO CONCETTUALE NELLA RICERCA IN PSICOLOGIA EVOLUTIVA E COGNITIVA Il cambiamento concettuale nel dominio delle scienze fisiche avviene alla luce di alcune teorie-cornice fondamentali, che derivano dallesperienza quotidiana e determinano le teorie- specifiche con le quali il bambino si spiega le proprietà ed il funzionamento delle cose che osserva (Vosniadou, 1994) Le teorie-cornice conducono ad una serie di modelli sintetici, o misconcezioni, attraverso i quali il bambino cerca di coordinare tra loro, informazioni contraddittorie La costruzione del modello scientifico è un processo lungo e graduale proprio perché implica che mutino presupposizioni e credenze radicate da tempo (Mason, 2006)

20 20 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Vosniadu e Brewer (1994) Spiegazioni infantili del ciclo giorno-notte IL CAMBIAMENTO CONCETTUALE NELLA RICERCA IN PSICOLOGIA EVOLUTIVA E COGNITIVA

21 21 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Molte delle misconcezioni individuate negli studenti nel dominio delle scienze fisiche, paragonabili a quelle accreditate dagli scienziati in epoche passate, sono riconducibili al fatto che si attribuiscono i concetti alle categorie ontologiche errate - Categorie ontologiche: quelle poche categorie alle quali il bambino riconduce la realtà (sostanze, processi, stati mentali) - Cambiamento concettuale: lo spostamento di unentità da una categoria ad unaltra - Ipotesi di incompatibilità, tra la rappresentazione categoriale posseduta dagli studenti e le categorie ontologiche alle quali i concetti scientifici realmente appartengono IL CAMBIAMENTO CONCETTUALE NELLA RICERCA IN PSICOLOGIA EVOLUTIVA E COGNITIVA

22 22 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione CARAVITA E HALLDEN Il pensiero scientifico non deve soppiantare il senso comune: lo studente progredisce concettualmente nella misura in cui impara a distinguere quali concetti sono adeguati alle diverse situazioni Le difficoltà nella comprensione di concetti scientifici costituiscono un problema di contestualizzazione su tre piani: - contestualizzazione di un concetto (in un quadro concettuale) - contestualizzazione di spiegazioni (in situazioni differenti) - contestualizzazione di descrizioni o spiegazioni (allinterno di un determinato genere di discorso)

23 23 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione KELLY e GREEN Da una prospettiva socioculturale, non sono le rappresentazioni individuali ad essere oggetto di analisi, ma le costruzioni collettive di significato nellambito di determinate pratiche (Kelly e Green, 1998) Il cambiamento concettuale va inteso quindi come cambiamento nel corpo collettivo e condiviso di concetti, e va compreso in relazione alle opportunità di sviluppo concettuale rese possibili allinterno del gruppo, che ha una ecologia concettuale locale (frutto dellinterazione tra i membri). Esso ha pertanto una forte connotazione sociale

24 24 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Alcuni studi hanno indicato le condizioni che dovrebbero favorire la ristrutturazione di conoscenze. Il modello elaborato da Nussbaum e Novik (1982) mette in evidenza il ruolo giocato dal conflitto concettuale 1. far esplicitare agli studenti le proprie concezioni 2. promuoverne la consapevolezza attraverso discussioni di gruppo 3. creare conflitto cognitivo 4. stimolare laccomodamento cognitivo e lelaborazione di un nuovo modello concettuale coerente con la concezione scientifica accreditata NAUSSBAUM e NOVIK

25 25 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione La ricerca sul ruolo dei dati anomali ha mostrato come si possano mutare in maniera superficiale solo aspetti marginali delle proprie rappresentazioni. Talvolta le concezioni profonde dello studente non sono intaccate dal cambiamento. Sono state rilevate da Chinn e Brewer (1993) 8 reazioni alle anomalie: - ignorare i dati anomali; - rifiutare i dati anomali; - escludere i dati anomali dalla teoria; - tenere in sospeso i dati anomali (ritenendoli esatti); - reinterpretare i dati anomali (per renderli compatibili) - manifestare incertezza, senza propria valutazione - cambiamenti periferici nella teoria - cambiamenti radicali nella teoria

26 26 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Il modello più conosciuto nel campo delleducazione scientifica per lesplicitazione delle condizioni sottostanti alla revisione di conoscenze mette in luce 4 condizioni che favoriscono il cambiamento concettuale - le proprie rappresentazioni della realtà appaiono inefficaci - la nuova concezione deve apparire comprensibile - deve apparire vera e plausibile rispetto alle conoscenze possedute - deve apparire utile a risolvere ulteriori problemi rimasti aperti POSNER

27 27 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Di conseguenza nellistruzione linsegnante ha il compito di favorire la consapevolezza dei limiti delle concezioni ingenue dei bambini per attivare un processo di revisione POSNER

28 28 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Critica al modello di Posner e sostiene invece la natura frammentaria delle concezioni riguardanti la fisica le concezioni ingenue sarebbero date da un insieme di diversi elementi intuitivi derivate da semplici operazioni di astrazione delle esperienze quotidiane di conseguenze, assegna allistruzione il compito di far collegare in modo corretto i vari elementi intuitivi tra loro e con concetti riferiti a entità e processi non osservabili, oggetto di insegnamento diSESSA

29 29 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA DELLE CONOSCENZE Non si perde alcuna informazione. Si può condurre la discussione verso i temi critici. Colloqui clinici Interviste semistrutturate Si fissano soltanto alcune domande principali. Si sceglie quale tipo di domanda utilizzare Mappe concettuali Mettono in evidenza le connessioni tra i concetti. Possono misurare lefficacia dellintervento didattico. Protocolli di ricordo libero Rivelano le conoscenze apprese. Utili per osservare labilità di elaborazione posseduta ed i processi inferenziali. TIPO DATI FORNITI

30 30 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA DELLE CONOSCENZE Pensiero ad alta voce Non intrusivo per eccellenza. Dà informazioni sulle concezioni possedute e sulla competenza metacognitiva. TIPO DATI FORNITI Discussione tra pari Fornisce informazioni sulla consapevolezza metaconcettuale. Mostra i diversi punti di vista, il loro approfondimento e critica razionale, e le interazioni discorsive che conducono al cambiamento concettuale. Portfolio Raccolta sistematica, guidata da obiettivi e criteri dei lavori svolti da uno studente lungo un itinerario educativo. Fornisce informazioni sullefficacia dellintervento.


Scaricare ppt "1 LA FORMAZIONE DEI CONCETTI Psicologia dello Sviluppo - Prof. P. Perucchini 13 a Lezione Lapprendimento di conoscenze è un processo costruttivo: i nuovi."

Presentazioni simili


Annunci Google