La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unità didattica: Le soluzioni Esperienza di laboratorio: Preparare soluzioni a concentrazione nota per pesata e per diluizioni Classe: IV Scuola: Liceo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unità didattica: Le soluzioni Esperienza di laboratorio: Preparare soluzioni a concentrazione nota per pesata e per diluizioni Classe: IV Scuola: Liceo."— Transcript della presentazione:

1 Unità didattica: Le soluzioni Esperienza di laboratorio: Preparare soluzioni a concentrazione nota per pesata e per diluizioni Classe: IV Scuola: Liceo Scientifico

2 Prerequisiti Miscele omogenee e eterogenee Concetto di mole e peso molecolare Saper convertire il numero di moli di una sostanza in massa e viceversa Concetto di equivalente e peso equivalente Saper convertire il numero di equivalenti di una sostanza in massa e viceversa Saper utilizzare la cappa chimica Saper utilizzare la bilancia tecnica Obiettivi didattici Definizione di soluto, solvente, soluzione satura e insatura Definizione di solubilità e dei fattori che la influenzano Definizione di concentrazione di una soluzione e metodi più usati per indicarla Distinzione fra solventi polari e non polari; regola empirica il simile scioglie il simile Obiettivi formativi Saper risolvere problemi relativi alle concentrazioni delle soluzioni Saper preparare una soluzione a concentrazione nota per pesata e per diluizione effettuando i relativi calcoli Formulare ipotesi relative alla solubilità di alcuni soluti in diversi solventi

3 Le soluzioni Una soluzione è una miscela omogenea di sue o più sostanze Si possono presentare in diversi stati di aggregazione: *stato solido: le leghe (bronzo=rame+stagno) *stato gassoso: miscela gassosa o soluzione gassosa (aria) *stato liquido: soluzione (solido-liquido zucchero o sale nellacqua; liquido-liquido; liquido-gas) In una soluzione a due componenti è definito solvente il componente presente in quantità maggiore (mezzo disperdente) e soluto quello presente in quantità minore (sostanza che viene sciolta) Le soluzioni il cui solvente è lH 2 O sono chiamate soluzioni acquose e sono le più diffuse in natura

4 Solubilità La quantità di soluto che si può dissolvere in un determinato volume di solvente è limitata (es. quantità di zucchero che è possibile sciogliere in una tazza di tea) Una soluzione si dice satura quando nel solvente è disciolta la massima quantità possibile di soluto La solubilità indica la quantità di soluto disciolta, ad una data temperatura, in una quantità di solvente prestabilita, dando origine ad una soluzione satura (espressa in g soluto / 100 g solvente)

5 Applicabilità del concetto di solubilità: ai solidi in un liquido: se ad una soluzione satura si aggiunge una quantità di soluto, anche piccolissima, questo si deposita sul fondo come corpo di fondo ai gas in un liquido: esiste una quantità massima solubile di gas che si può dissolvere in un liquido pur non formandosi un corpo di fondo. ai liquidi in un liquido: si parla di miscibilità. Esistono liquidi che si mescolano tra di loro in qualsiasi proporzione (etanolo e acqua), altri si mescolano solo parzialmente e altri per nulla e sono detti immiscibili La solubilità aumenta allaumentare della temperatura nel caso dei solidi e dei liquidi, mentre diminuisce per i gas (aumenta lenergia cinetica delle particelle di gas in soluzione)

6 La solubilità di un gas in un liquido dipende dalla pressione esercitata dal gas stesso Legge di Henry A una data temperatura la quantità di gas che si scioglie in un liquido è direttamente proporzionale alla pressione che il gas esercita sul liquido

7 Se il soluto è presente in quantità inferiore alla sua solubilità, la soluzione è insatura concentratadiluita vicina alla soluto presente in saturazione quantità lontana dalla saturazione

8 Concentrazione delle soluzioni La concentrazione (o titolo) di una soluzione è la quantità relativa di ciascun componente rispetto alla totalità della soluzione Può essere espressa in diversi modi: Concentrazione percentuale riferita alla massa (%m/m): Concentrazione percentuale riferita al volume (%V/V): Concentrazione percentuale riferita al rapporto massa/volume (%m/V): Concentrazione in parti per milione (p.p.m.) o in parti per miliardo (p.p.b.) Esercizi guidati 1

9 Concentrazione molare o molarità (M): Concentrazione normale o normalità (N): Concentrazione molale (m): Frazione molare (X): Esercizi guidati 2

10 Esperienza di laboratorio Parte prima: preparazioni di soluzioni a concentrazione nota per pesata 1.1 preparazione di soluzioni molari 1.2 preparazione di soluzioni normali Parte seconda: preparazione di soluzioni a concentrazione nota per diluizione da soluzioni più concentrate Protocollo

11 Come deve essere svolta la relazione: Prima parte Obiettivo 1.1: evidenziare tutti i passaggi che permettono di calcolare i grammi necessari per entrambi i soluti (saccarosio e acido ossalico); Obiettivo 1.2: evidenziare i passaggi che permettono di determinare lesatto volume da prelevare della soluzione concentrata di HCl Seconda parte Obiettivo 1.3: evidenziare i passaggi che permettono di determinare gli esatti volumi da prelevare delle soluzioni concentrate di saccarosio e acido ossalico e come si è proceduto per ottenere le diluizioni seriali di HCl partendo dalla concentrazione iniziale 0.1 N. Relazione

12 Processi di solubilizzazione Dipendono dalle interazioni tra le particelle di soluto e le particelle di solvente, determinate dalla loro natura chimica solventi apolari solventi polari costituiti da molecole costituiti da molecole unite apolari unite da legami da legami secondari relati- secondari molto deboli vamente forti (a idrogeno - (dipolo istantaneo – dipolo-dipolo) dipolo indotto) non sono in grado di rompere sono in grado di solubilizzare i legami presenti nei composti soluti polari o ionici, perchè ionici e polari (più forti) e con essi formano legami perciò in essi si sciolgono solo secondari (dipolo-dipolo, sostanze apolari dipolo-ione) forti quanto quelli esistenti tra le moleco- le del solvente puro

13 Lo iodio (non polare) si scioglie più facilmente nel tetracloruro di carbonio (solvente non polare, sotto) che nellacqua (solvente polare, sopra) è, in genere, rispettata la regola il simile scioglie il simile


Scaricare ppt "Unità didattica: Le soluzioni Esperienza di laboratorio: Preparare soluzioni a concentrazione nota per pesata e per diluizioni Classe: IV Scuola: Liceo."

Presentazioni simili


Annunci Google