La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fabrizio Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007- 2008 Superfici di rivoluzione a sezione meridiana variabile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fabrizio Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007- 2008 Superfici di rivoluzione a sezione meridiana variabile."— Transcript della presentazione:

1 Fabrizio Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007- 2008 Superfici di rivoluzione a sezione meridiana variabile

2 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008 Cinematismi spaziali a due gradi di libertà e funzioni rappresentati superficie Superficie è ogni oggetto topologico localmente omeomorfo al piano; lo si può immaginare descritto dal moto di una curva (generatrice) lungo unaltra curva (direttrice) e duqneu assimilabile a un cinematismo a tre dimensioni e due gradi libertà In quanto tale (sia come luogo di punti o inviluppo di piani una superficie) una superficie può essere descritta con funzioni di tre variabili, se lequazione è algebrica la curva si dice algebrica e il suo ordine equivale al grado del polinomio. I piani sono superficie di primo ordine, le quadriche di secndo, le cubiche di terzo, le quartiche del quarto…

3 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008

4

5 PUNTO ELLITTICO PUNTO PARABOLICO PUNTO IPERBOLICO DIREZIONE ASINTOTICA

6 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31 Curve e Superfici di Lamè

32 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008

33

34

35

36

37

38 Test finale in aula 1.Si determinino le mutue intersezioni delle facce piane dei corpi rappresentati in proiezione ortogonale e centrale (assonometria o prospettiva) nella traccia consegnata. 2.Si traccino le ombre proprie e portate in almeno una delle due rappresentazioni precedenti 3.Sul retro del foglio si disegni in un sistema assonometrico a piacere il superelissoide di Lamé scelto (nella tabella proiettata successivamente) a seconda delle ultime due cifre nel proprio numero di matricola: le sezioni orizzontali siano della forma corrispondente alla penultima cifra del numero di matricola; le sezioni meridiane siano della forma corrispondente allultima cifra del numero di matricola.

39 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008 Le sezioni meridiane variano la loro foma secondo unaffinità omologica ortogonale Le sezioni parallele variano la loro forma secondo unomotetia con centro sullasse

40 F. Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007 - 2008

41 1, 23, 4 5, 67, 8 9, 0 1, 2 3, 4 5, 6 7, 8 9, 0 Penultima cifra del numero di matricola CURVA DELLE SEZIONI ORIZZONTALI Ultima cifra del numero di matricola CURVA DELLE SEZIONI MERIDIANE


Scaricare ppt "Fabrizio Gay – corso di fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva aa. 2007- 2008 Superfici di rivoluzione a sezione meridiana variabile."

Presentazioni simili


Annunci Google