La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

–Gruppo 1: Maurilio Fava, Chiara Maranò, Marina Pellegrino, Michela Ponzo. –Gruppo 2: Amelia Caretto, Giorgia De Virgiliis, Elisa Iaia, Elisa Magrì, Noemi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "–Gruppo 1: Maurilio Fava, Chiara Maranò, Marina Pellegrino, Michela Ponzo. –Gruppo 2: Amelia Caretto, Giorgia De Virgiliis, Elisa Iaia, Elisa Magrì, Noemi."— Transcript della presentazione:

1 –Gruppo 1: Maurilio Fava, Chiara Maranò, Marina Pellegrino, Michela Ponzo. –Gruppo 2: Amelia Caretto, Giorgia De Virgiliis, Elisa Iaia, Elisa Magrì, Noemi Ognibene.

2 La luce, secondo la teoria corpuscolare, è composta da particelle dotate di energia e impulso che si propagano in linea retta nello spazio vuoto. Secondo la teoria ondulatoria, invece, la luce è composta da onde, simili alle onde del mare. La teoria ondulatoria ottenne il massimo riconoscimento nel XIX secolo, grazie alla sistemazione teorica operata da J.C. Maxwell a una spettacolare previsione: l'esistenza delle onde radio. La caratteristica fondamentale delle onde elettromagnetiche è quella di "sommare" i loro effetti; tale proprietà prende il nome di principio di sovrapposizione. Dal principio di sovrapposizione discendono tutti i fenomeni caratteristici dei moti ondulatori: i più significativi sono la diffrazione e linterferenza. La luce possiede inoltre una curiosa proprietà, fonte di numerose applicazioni tecnologiche:la polarizzazione.

3 Lassorbimento. La polarizzazione. Diffrazione e interferenza.Diffrazione e interferenza.

4 ESPERIMENTO SULLASSORBIMENTO Obbiettivo dellesperimento è valutare la relazione tra lintensità della sorgente (I 0 ) e lintensità della sorgente filtrata (I t ) e misurare lintensità di ogni frequenza emessa dalla sorgente luminosa con e senza filtri.

5 SORGENTE: emette radiazioni luminose in tutte le lunghezze donda MONOCROMATORE: grazie ad un reticolo di diffrazione separa la luce nelle diverse lunghezze donda CAMPIONI: vetrini di diversi colori usati da filtro FIBRA OTTICA: trasmette la luce al sensore rilevatore SENSORE-RILEVATORE: rileva e misura lintensità della luce trasmessa

6 GRAFICI SULLASSORBIMENTO

7

8 La Polarizzazione La polarizzazione consiste nellintervento sulla propagazione di un fascio di luce obbligandolo a viaggiare in ununica direzione con laiuto di un filtro polarizzatore; diversamente, le onde verrebbero emesse in tutte le direzioni.

9 Osservazioni sulla natura vettoriale della luce A determinare la propagazione della luce polarizzata sono i filtri polaroid caratterizzati da un asse specifico: infatti solo la componente parallela a questo sarà in grado di propagarsi. 100% 0% 50%

10 Legge di Malus Utilizzando due polarizzatori, un fotodiodo, un fotometro ed una sorgente luminosa abbiamo dimostrato la relazione esistente tra lintensità di luce trasmessa (=I t ) e lintensità di luce incidente (=I 0 ). A seconda dellangolo di inclinazione dellasse di polarizzazione lintensità di luce trasmessa varia rispetto a quella di luce incidente: t = I 0 t = 0 da questi dati si deduce che landamento della funzione I t =I 0 *cos 2 sarà cosinusoidale.

11 I t = I 0 *cos 2

12 Sono due fenomeni che evidenziano la natura ondulatoria della luce Linterferenza si verifica fra due sorgenti di luce poste ad una breve distanza e se ne distinguono due tipologie: La diffrazione è linterferenza tra infinite sorgenti di luce puntiformi INTERFERENZA COSTRUTTIVA quando le due onde luminose giungono allo schermo in fase e si sommano INTERFERENZA DISTRUTTIVA quando le onde luminose sono in opposizione di fase e si annullano

13 LASER, MONOCROMATICO E COERENTE DISCO CON DIVERSE FENDITURE RILEVATORE INTERFACCIA Strumenti per lesperienza di misura della lunghezza donda della luce laser

14 Condizione per il primo massimo: lambda= (y·d) / D lambda= lunghezza donda d= ampiezza della fessura D= distanza tra le fessure e il rilevatore y= distanza media tra i picchi ESEMPIO: fenditura= mm D= 900 mm d= 0.25 mm y= 2.23 mm lambda= (2.23 mm·0.25mm)/ 900 mm= mm= nm

15 Interferenza e diffrazione sono fenomeni legati alla natura ondulatoria della luce; ma passando nel campo della fisica quantistica si possono osservare frange dinterferenza create dai fotoni; è interessante notare come anche gli ELETTRONI possano dare luogo a fenomeni dinterferenza : nonostante abbiano una massa propria possono avere comportamento ondulatorio.


Scaricare ppt "–Gruppo 1: Maurilio Fava, Chiara Maranò, Marina Pellegrino, Michela Ponzo. –Gruppo 2: Amelia Caretto, Giorgia De Virgiliis, Elisa Iaia, Elisa Magrì, Noemi."

Presentazioni simili


Annunci Google