La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

(Environmental Biology). Lobiettivo precipuo della Laurea Magistrale in Biologia dell'Ambiente (LMBA) consiste nella formazione di soggetti che, avendo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "(Environmental Biology). Lobiettivo precipuo della Laurea Magistrale in Biologia dell'Ambiente (LMBA) consiste nella formazione di soggetti che, avendo."— Transcript della presentazione:

1 (Environmental Biology)

2 Lobiettivo precipuo della Laurea Magistrale in Biologia dell'Ambiente (LMBA) consiste nella formazione di soggetti che, avendo acquisito un'eccellente preparazione in biologia di base e applicata, possano ovviare alla scarsità sul mercato del lavoro di una figura professionale che abbia specifiche competenze nel campo del controllo e della tutela dell'ambiente nelle sue diverse componenti biologiche. Le competenze, in particolare, potranno riguardare: la conservazione della biodiversità animale e vegetale; lo studio e l'applicazione di indicatori biologici in campo ambientale ed ecologico; la prevenzione primaria della salute umana e della qualità degli ambienti di vita e di lavoro. La LMBA, traendo spunto dalle competenze maturate con il precedente percorso didattico (D.M.509), è articolata in tre curricula: Biologia dell'Ambiente (LMBA)

3 Curriculum in Ecologia Vegetale

4 Biologia dell'Ambiente (LMBA) Curriculum in Conservazione e Biodiversità Animale

5 Biologia dell'Ambiente (LMBA) Curriculum in Igiene dellAmbiente e del Lavoro

6 Biologia dell'Ambiente (LMBA) SSD Semestre comune CFU TOT CFU Anno Gestione dei dati biologici7 1 BIO/05Analisi dei dati 4 MED/42Epidemiologia 3 Biomonitoraggio12 1 BIO/03Bioindicatori vegetali 4 BIO/07Bioindicatori ecologici 4 MED/42Bioindicatori in campo umano 4 BIO/18Genetica ecologica6 1 BIO/05 BIO/03Conservazione Biologica TOTALE CFU corsi comuni32

7 Biologia dell'Ambiente (LMBA) Curriculum Ecologia Vegetale CHIM/12Chimica dell'Ambiente6 1 BIO/01 BIO/02Biodiversità Vegetale BIO/03Micologia6 1 Biologia Vegetale Applicata7 2 BIO/01 Conservazione e propagazione del germoplasma vegetale 3 BIO/03 Organismi geneticamente modificati e ambiente 4 BIO/03Ecologia Vegetale e Gestione Vegetazione6 1 BIO/04Ecofisiologia vegetale6 2 BIO/01Biologia delle Simbiosi6 2 TOTALE CFU corsi curriculum EV47

8 Biologia dell'Ambiente (LMBA) Curriculum Conservazione e Biodiversità Animale Metodi di campionamento9 1 BIO/05Campionamento zoologico 6 BIO/05Zoocenosi 3 BIO/07Valutazione d'impatto ambientale6 2 BIO/05Biodiversità entomologica6 2 BIO/05Zoogeografia6 1 Ecologia e gestione della fauna8 2 BIO/07Ecologia animale 4 BIO/07Gestione della fauna 4 VET/02Etologia applicata6 1 BIO/05Conservazione della fauna marina6 2 TOTALE CFU corsi curriculum CBA47

9 Biologia dell'Ambiente (LMBA) Curriculum Igiene dellAmbiente e del Lavoro MED/44Medicina del lavoro7 1 Economia e comunicazione8 2 SECS P/06Economia ambientale4 MED/42Valutazione e comunicazione del rischio4 Patologia e tossicologia7 2 MED/04Fisiopatologia4 BIO/14Tossicologia3 Igiene dellambiente di lavoro7 1 MED/42Igiene del lavoro4 BIO/08Ergonomia3 Igiene dellambiente di vita6 2 MED/42Igiene dell'ambiente 3 MED/42Igiene degli alimenti 3 Fisica e chimica6 1 FIS/07Fisica3 CHIM/12Chimica dellambiente3 BIO/10Biochimica6 1

10 Biologia dell'Ambiente (LMBA) A completamento…. Crediti liberi12 TESI24 2 Stage5 2 Come si nota, la quantità di crediti formativi attribuiti alla tesi e allo stage è piuttosto elevata. Ogni studente avrà quindi modo di fare ricerca afferendo ai vari gruppi che conducono indagini di biologia ambientale (con ottimi risultati, che si traducono in pubblicazioni internazionali con Impact Factor). Alcune linee di ricerca:

11 ECOLOGIA VEGETALE Effetti di trattamenti di biorisanamento su suoli Effetti di trattamenti di biorisanamento su suoli inquinati (M. Girlanda, S. Perotto, C. Siniscalco) inquinati (M. Girlanda, S. Perotto, C. Siniscalco) Lefficacia, nei confronti dellinquinamento del suolo, di trattamenti di rhizoremediation basati sul sinergismo tra piante e funghi autoctoni, nonchè limpatto di tali trattamenti sulle comunità microbiche residenti vengono indagati sia in condizioni (semi)controllate sia attraverso esperimenti in campo. - GIRLANDA M., FAVERO-LONGO S.E., LAZZARI A., SEGRETO R., PEROTTO S. & SINISCALCO C Indigenous microfungi and plants reduce soil nonylphenol contamination and stimulate resident microfungal communities. Applied Microbiology & Biotechnology 82: BARNI E., FREPPAZ M., SINISCALCO C Interactions between vegetation, roots and soil stability in restored high altitude ski runs on the Western Alps, Italy Arctic, Antarctic and Alpine Research, 39 (1): Impatto delle attività antropiche sulla biodiversità vegetale e restoration ecology (E. Barni, C. Siniscalco) Da molti anni studiamo gli effetti del disturbo antropico sulla vegetazione delle Alpi, in particolare nelle piste da sci, lungo il gradiente altitudinale. La riduzione della biodiversità vegetale può essere mitigata con interventi di ripristino che tengano conto dei criteri della restoration ecology. Fenologia delle piante e global change (C. Siniscalco) La variazione delle fasi fenologiche delle specie vegetali in risposta ai cambiamenti climatici viene studiata attraverso analisi in campo, applicazione di modelli bioclimatici e intrepretazione di immagini telerilevate. MIGLIAVACCA M., CREMONESE E., COLOMBO R., BUSETTO L., CARAMIELLO R., GALVAGNO M., GANIS L., MERONI M., PARI E., ROSSINI M., SINISCALCO C., MORRA DI CELLA U European Larch phenology in the Alps: can we capture the role of ecological factors combining field observations and inverse modelling? International Journal of Biometeorology, 52 (7) :

12 Diversità della componente fungina Diversità della componente fungina coltivabile e non coltivabile (M. Girlanda) coltivabile e non coltivabile (M. Girlanda) Tecniche proprie dell environmental microbiology sono applicate alla descrizione della risposta delle comunità fungine indigene allimpatto antropico (ad esempio la produzione di rizosfere transgeniche). ECOLOGIA VEGETALE Biologia delle simbiosi micorriziche ericoidi e di Biologia delle simbiosi micorriziche ericoidi e di orchidee (S. Perotto) orchidee (S. Perotto) Le simbiosi radicali tra queste piante e funghi del suolo sono indagate al fine di chiarire i meccanismi di interazione cellulare tra i due partners, nonché di indagarne le potenzialità in un'ottica di agricoltura sostenibile e nei processi di risanamento ambientale. -GIRLANDA M., BIANCIOTTO V., CAPPELLAZZO G.A. et al Interactions between engineered tomato plants expressing antifungal enzymes and non-target fungi in the rhizosphere and phyllosphere. FEMS Microbiology Letters, 288 (1): GIRLANDA M., PEROTTO S., MOENNE-LOCCOZ Y., et al Impact of biocontrol Pseudomonas fluorescens CHA0 and a genetically modified derivative on the diversity of culturable fungi in the cucumber rhizosphere. Applied & Environmental Microbiology, 67: Responsabili di una varietà di processi indispensabili per garantire la vita sul pianeta, i funghi manifestano una diversità genetica e versatilità ecofisiologica che li pongono al centro di ricerche in ecosistemi diversi. - VALLINO M., MARTINO E.., BOELLA F., MURAT C., CHIAPELLO M. & PEROTTO S Cu, Zn superoxide dismutase and zinc stress in the metal-tolerant ericoid mycorrhizal fungus Oidiodendron maius Zn. FEMS Microbiology Letters, 293: GIRLANDA M., SELOSSE M.A., CAFASSO D., BRILLI F., DELFINE S., FABBIAN R., GHIGNONE S., PINELLI P., SEGRETO R., LORETO F., COZZOLINO S. & PEROTTO S Inefficient photosynthesis in the Mediterranean orchid Limodorum abortivum is mirrored by specific association to ectomycorrhizal Russulaceae. Molecular Ecology, 15:

13 CONSERVAZIONE E BIODIVERSITA ANIMALE Ecologia riproduttiva degli animali ermafroditi e loro determinazione genetica (G. Sella) Ecologia riproduttiva degli animali ermafroditi e loro determinazione genetica (G. Sella) Vengono studiati i sistemi riproduttivi di animali ermafroditi o a sessi separati esaminando principalmente in che modo le risorse dedicate alla riproduzione vengono allocate a ciascun sesso. I modelli di studio sono rappresentati dal polichete ermafrodita simultaneo Ophryotrocha diadema e dal polichete gonocorico Dinophilus gyrociliatus. Ecologia e conservazione di Lepidotteri Ecologia e conservazione di Lepidotteri (E. Balletto) (E. Balletto) La fauna italiana comprende 279 specie di farfalle diurne (Lepidoptera Papilionoidea), di cui 21 minacciate d'estinzione su tutto il territorio europeo. Queste specie richiedono designazione di aree protette e opportuni piani di gestione. Da diversi anni studiamo la biologia di alcune delle specie minacciate tramite un approccio eto- ecologico al fine di valutarne le dinamiche di popolazione e i fattori biotici e abiotici che possono incidere sulla loro sopravvivenza. BALLETTO E., BONELLI S., CASSULO L., MEREGALLI M., TONTINI L., GRILL A., In: Prime Butterfly Areas in Europe: Priority sites for conservation. van Swaay C. A. M., Warren M. S.. National Reference Centre for Agricolture, Nature and Fisheries, The Netherlands, BARBERO F., THOMAS J.A., BONELLI S., BALLETTO E., SCHÖNROGGE K., Queen ants make distinctive sounds that are mimicked by a butterfly social parasite. Science. 323, Erebia christi Euphidryas maturna - LORENZI M.C. & SELLA G A measure of sexual selection in hermaphroditic animals: parentage skew and the opportunity for selection. Journal of Evolutionary Biology 21(3):

14 Ecologia, biogeografia ed evoluzione dei Coleotteri Scarabaeoidea (C. Palestrini) Ecologia, biogeografia ed evoluzione dei Coleotteri Scarabaeoidea (C. Palestrini) Gli scarabeidi vengono impiegati come modello per studi di biogeografia ed evoluzione. Il differenziamento biogeografico- evolutivo viene studiato a livello biomolecolare (DNA mitocondriale, AFLP), in un contesto filogeografico nonché a livello morfologico, in un contesto di morfometria geometrica. CONSERVAZIONE E BIODIVERSITA ANIMALE Impatto antropico sulla biodiversità ornitica ed entomatica (A. Rolando) Impatto antropico sulla biodiversità ornitica ed entomatica (A. Rolando) Le comunità di passeriformi, micromammiferi e quelle di alcuni gruppi di atropodi (carabidi, scarabeidi e ragni) sono impiegate come indicatori dei cambiamenti ambientali indotti dalluomo. E stato dimostrato, in particolare, che le piste da sci, rappresentano una grave minaccia alla conservazione e alla funzionalità dellecosistema alpino. - ROLANDO A., CAPRIO E., RINALDI E. & ELLENA I The impact of high-altitude ski-runs on alpine grassland bird communities. Journal of Applied Ecology, 44: NEGRO M., CASALE A., MIGLIORE L, PALESTRINI C. & ROLANDO A The effect of local anthropogenic habitat heterogeneity on assemblages of carabids (Coleoptera, Carabidae) endemic to the Alps. Biodiversity & Conservation 16: NEGRO M., ISAIA M., PALESTRINI C. & ROLANDO A The impact of forest ski-pistes on diversity of ground-dwelling arthropods and small mammals in the Alps. Biodiversity & Conservation. In press. - PIZZO A., ROGGERO A., PALESTRINI C., MOCZEK A.P. & ROLANDO A Rapid shape divergences between natural and introduced populations of a horned beetle partly mirror divergences between species. Evolution & Development 10:


Scaricare ppt "(Environmental Biology). Lobiettivo precipuo della Laurea Magistrale in Biologia dell'Ambiente (LMBA) consiste nella formazione di soggetti che, avendo."

Presentazioni simili


Annunci Google