La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO MULINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO MULINO."— Transcript della presentazione:

1 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO MULINO 02 OTTOBRE 2008 ORE 20,45 ASSEMBLEA DEI GENITORI CON LA PARTECIPAZIONE DI: INSEGNANTI DEL DISTRETTO AMMINISTRAZIONE COMUNALE

2 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 1: Cittadinanza e Costituzione 1. A decorrere dall'inizio dell'anno scolastico 2008/2009, sono attivate azioni di sensibilizzazione e di formazione del personale finalizzate all'acquisizione nel primo e nel secondo ciclo di istruzione delle conoscenze e delle competenze relative a «Cittadinanza e Costituzione», nell'ambito delle aree storico-geografica e storico- sociale e del monte ore complessivo previsto per le stesse. Iniziative analoghe sono avviate nella scuola dell'infanzia. 2. All'attuazione del presente articolo si provvede entro i limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

3 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commento IL RITORNO DELLEDUCAZIONE CIVICA Cittadinanza e Costituzione LEducazione civica torna nelle scuole italiane sotto la denominazione di Cittadinanza e Costituzione Sperimentazione da settembre. Si tratta di un percorso sperimentale che da settembre riguarderà tutte le scuole del Paese Unora a settimana Orario scolastico inalterato. Lapprendimento verrà ricavato dalle ore dellarea storico-geografica e storico-sociale

4 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 2: Valutazione del comportamento degli studenti 1. In sede di scrutinio intermedio e finale viene valutato il comportamento di ogni studente durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica, anche in relazione alla partecipazione alle attivit à ed agli interventi educativi realizzati dalle istituzioni scolastiche anche fuori della propria sede. 2. A decorrere dall'anno scolastico 2008/2009, la valutazione del comportamento è espressa in decimi 3. La votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all'esame conclusivo del ciclo.

5 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commento la scuola, soprattutto quella dell infanzia e quella primaria che in funzione dell et à dei bambini offre maggiori azioni di recupero, dovrebbe essere un momento di socializzazione ed integrazione, non solo, dovrebbe essere l occhio vigile atto a cogliere e segnalare i casi di disagio sociale, dovrebbe essere in grado di operare azioni di recupero programmandole in collaborazione con gli enti preposti sul territorio. Assolutamente non deve diventare un luogo ulteriore di discriminazione ed emarginazione di quei bambini che, non per colpa loro, vivono gi à forti situazioni di disagio.

6 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 3: Valutazione del rendimento scolastico degli studenti 1. Dall'anno scolastico 2008/2009, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite e' espressa in decimi ed illustrata con giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dall'alunno. 2. Dall'anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria di primo grado la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite e' espressa in decimi. 3. Sono ammessi alla classe successiva, ovvero all'esame di Stato a conclusione del ciclo, gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline.

7 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commento Di certo non fa pi ù chiarezza di quanta se ne abbia con il sistema attuale. La parte che forse pi ù interessa è l abrogazione degli articoli 13 del DL 226 e 177 del DL 297, di fatto cancella nella scuola media la possibilit à di deliberare in maniera collegiale l ammissibilit à dell alunno all anno successivo, lasciando che questa possa essere pregiudicata da ogni singolo insegnante. Basta un solo 5 per non essere pi ù ammesso

8 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 5: Adozione dei libri di testo i competenti organi scolastici adottano libri di testo in relazione ai quali l'editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio, salvo le appendici di aggiornamento eventualmente necessarie da rendere separatamente disponibili. Salva la ricorrenza di specifiche e motivate esigenze, l'adozione dei libri di testo avviene con cadenza quinquennale.

9 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commento Tutto dipender à dalla frequenza degli aggiornamenti e dal loro costo, di certo non saranno le grosse case editrici che monopolizzano il mercato a rimetterci. Non sono previsti sussidi alle famiglie. E l ebook ?

10 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 6: Valore abilitante della laurea in scienze della formazione primaria 1. L'esame di laurea sostenuto a conclusione dei corsi in scienze della formazione primaria, comprensivo della valutazione delle attivit à di tirocinio previste dal relativo percorso formativo, ha valore di esame di Stato e abilita all'insegnamento, rispettivamente, nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche a coloro che hanno sostenuto l'esame di laurea conclusivo dei corsi in scienze della formazione primaria nel periodo compreso tra la data di entrata in vigore della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e la data di entrata in vigore del presente decreto.

11 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Decreto 137 (Gelmini) Art 4: Insegnante unico nella scuola primaria

12 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO è ulteriormente previsto che le istituzioni scolastiche costituiscono classi affidate ad un unico insegnante e funzionanti con orario di ventiquattro ore settimanali. Nei regolamenti si tiene comunque conto delle esigenze, correlate alla domanda delle famiglie, di una più ampia articolazione del tempo-scuola.

13 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il sistema attuale TEMPO MODULO 3 insegnanti su 2 classi a garanzia di un orario di 30 ore. A Piossasco con enormi sacrifici si è riusciti per quest anno a garantire l avvio di una sola classe prima a modulo con orario di ben 36 ore, questo grazie alla collaborazione offerta dagli insegnanti e dall amministrazione comunale che finanzia le attivit à svolte nelle 4 ore aggiuntive. In molte altre realt à i tempi modulo sono gestiti attraverso la rotazione di molti insegnanti garantendo la copertura con l utilizzo fino a 5, 6 insegnanti per classe a settimana

14 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il sistema attuale TEMPO PIENO 2 insegnanti a copertura di 40 ore settimanali, com è noto la mancanza di risorse economiche dello stato da destinare alla scuola, quest anno ci ha fatto parecchio penare per l ottenimento di 2 nuove insegnanti

15 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il sistema attuale ORARIO DI LAVORO La legge 148 fissa l attuale orario delle insegnanti a 22 pi ù 2 ore dedicate alla programmazione e 4 dedite a riunioni e lavori di team.

16 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà ORARIO DI LAVORO Nello schema di piano programmatico che accompagna il DL 137 si fissa l orario di lavoro in 24 ore. In queste ore devono essere svolte oltre la normale programmazione, anche 1 ora di educazione civica ed 1 ora di inglese. Le 2 ore di religione non si capisce se saranno a carico dello stesso insegnante e quindi comprese nelle 24 ore.

17 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà TEMPO SCUOLA Sempre nello schema di piano programmatico si cita testualmente Resta comunque aperta la possibilit à di una pi ù ampia articolazione del tempo scuola, tenuto conto della domanda delle famiglie e della dotazione organica assegnata alle scuole, nel rispetto dell autonomia delle stesse.

18 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà TEMPO SCUOLA Le relative opzioni organizzative possibili offerte nel piano programmatico sono le seguenti: 27 ore, chi coprir à le 3 ore aggiuntive? 30 ore, chi coprir à le 6 ore aggiuntive? si potr à avere un estensione delle ore di lezione pari ad un massimo di 10, comprensive della mensa, coperte da chi? Non si comprende se dal 2009 si partir à in via sperimentale solo con le nuove classi prime

19 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà Abbiamo ipotizzato per il prossimo anno il funzionamento delle future classi prime. Classi uscenti nell AS 2009/2010: 5 tempi pieni 3 tempi modulo Gli iscritti previsti per il prossimo anno saranno pi ù di 230 bambini per una richiesta totale di 10 nuove classi prime

20 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà fermo restando la conferma delle insegnanti a garanzia dei 5 tempi pieni gi à in essere, come potranno essere garantiti altri 5 tempi pieni sapendo che: ben l 85% delle scuole piemontesi adotta il tempo pieno, Nel piano programmatico si dice che la riorganizzazione dell orario libera risorse. Piemonte, Lombardia, quasi tutto il nord fruisce pesantemente del tempo pieno, ciò nonostante la copertura della totale richiesta da parte delle famiglie non è garantita. Al centro ed al sud se ne usufruisce molto meno. Se le risorse che si libereranno dovranno essere tagliate nell ottica del risparmio degli sprechi, se l organico in essere non basta per coprire le esigenze del territorio nazionale, QUALI RISORSE GARANTIRANNO I TEMPI PIENI CHE SARANNO RICHIESTI? È la Sovraintendenza Scolastica Regionale che assegna gli insegnanti resi disponibili dal ministero, distribuendoli sul territorio a seconda delle necessit à e della disponibilit à

21 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO

22 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà In questa ottica è intuitivo supporre che: Ci sar à una drastica riduzione dei programmi didattici educativi. Spariranno le ore di compresenza e contemporaneit à, e con loro la realizzazione dei percorsi di recupero individualizzati per alunni e gruppi che hanno un bisogno specifico. L insegnante dovr à insegnare nelle 24 ore tutte le materie esclusa forse religione. La necessit à di insegnare poco di tutto e in poco tempo comprometter à le competenze specifiche acquisite negli anni, la specializzazione didattica e l approccio integrato tra le discipline. Vedremo vanificata l esperienza didattica acquisita negli anni dagli insegnanti. La lingua straniera sar à anch essa affidata al maestro unico previo corsi di formazione.

23 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà Non sar à pi ù possibile avviare le attivit à di ricerca e di gioco finalizzate all apprendimento, alla socializzazione ed alla integrazione Non sar à pi ù possibile avviare i laboratori (scienze, pittura, musica, teatro, cinema,) Non vi saranno pi ù uscite sul territorio, musei e gite scolastiche formative. Non sar à pi ù possibile offrire aiuto ai bambini diversamente abili o a quelli che hanno pi ù carenze e vivono ai limiti dell emarginazione. Non sar à pi ù garantita la copertura, da parte delle insegnanti, dell orario mensa e delle attivit à educative ad essa correlate

24 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Cosa Cambierà certo lo schema del piano programmatico del Ministero dell Istruzione lascia la possibilit à di una pi ù ampia articolazione del tempo scuola Tutto questo con l insegnante unico sar à destinato a sparire e con esso IL TEMPO PIENO NON CONSIDERANDO L ENORME DISAGIO CHE SI ARRECHER À ALLE FAMIGLIE INCIDENDO PESANTEMENTE SUL BILANCIO FAMIGLIARE, OBBLIGANDO A SPECIFICHE SCELTE LAVORATIVE CHE POTREBBERO DISCRIMINARE NUOVAMENTE L UNIVERSO FEMMINILE.

25 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO I vantaggi dell attuale modello di tempo pieno a Piossasco Uso del tempo di compresenza per un lavoro individualizzato (SCRITTURA DEI PRIMI TESTI,RISOLUZIONE DI PROBLEMI ECC ) o in piccolo gruppo (ATTIVITA DI LABORATORIO) Specializzazione nelle discipline (PARTECIPAZIONE A CORSI DI AGGIORNAMENTO, FORMAZIONE DI GRUPPI DI LAVORO) Possibilit à di confrontare diversi punti di vista sui bambini, specie quelli pi ù problematici

26 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il piano programmatico cita anche: Tutto Il nostro sistema d istruzione vive da anni una preoccupante crisi i cui effetti sono evidenziati da ricorrenti indagini nazionali ed internazionali: a fronte di una spesa per allievo superiore alla media OCSE, di un rapporto insegnanti studenti decisamente pi ù alto rispetto alla media europea, si riscontrano consistenti divari tra gli esiti scolastici degli studenti italiani e quelli degli altri paesi OCSE e ritardi significativi nei livelli di conoscenza e di competenza relativi agli apprendimenti di base ed in particolare della matematica e della comprensione linguistica

27 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commenti I dati OCSE PISA classificano la scuola secondaria (15 enni tanto per intenderci) tra le ultime nel mondo, mentre i dati IEA PIRLS classificano la scuola primaria tra le prime al mondo come qualit à formativa (6°posto). Il Ministro cita come riferimenti i soli dati COMPLESSIVI relativi al costo procapite per studente e il rapporto n° insegnanti/n°studenti. Non analizza nel dettaglio le situazioni per ogni ordinamento scolastico. I dati sui costi indicano che l Italia spende poco pi ù della media europea per la scuola primaria ( è forse per questo che siamo tra i primi); mentre spende sempre meno della media europea man mano che si sale come ordinamento scolastico. Altro dato che forse varrebbe analizzare è il divario dei risultati della scuola nel suo complesso. I dati dicono che la media nazionale è abbassata dalle medie regionali del sud e isole. In ultimo lo stato spende meno degli altri paesi europei rispetto al PIL.

28 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI OCSE.Education at a glance Aumento spesa istruzione 1995/2005

29 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO

30 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO

31 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il piano programmatico cita anche: Nella scuola dell infanzia l orario obbligatorio delle attivit à educative, nell ottica di una progressiva generalizzazione e tenendo conto delle diversificate esigenze rappresentate dalle famiglie, si svolge anche solamente nella fascia antimeridiana, impiegando una sola unit à di personale docente per sezione e riorganizzando il pi ù possibile il funzionamento delle sezioni di una medesima scuola sulla base di tali opzioni Commento Si prevede il maestro unico anche qui???..... Tenendo conto delle diversificate esigenze della famiglia … Questa apparente preoccupazione per le famiglie, contrasta con il DL 137 Art dall attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.....

32 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il piano programmatico cita anche: E reintrodotto con apposito intervento normativo, l istituto dell anticipo di cui alla legge 53/2003 e al decreto leg.vo 59/2004, nei limiti delle disponibilit à finanziarie esistenti. Ulteriori risposte alle esigenze relative alla medesima fascia di et à potranno essere soddisfatte anche attraverso la prosecuzione e dallo sviluppo delle c.d. sezioni primavera. Con quali risorse? E quali stanziamenti? Commento

33 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Il piano programmatico cita anche: … escludendo dal computo le scuole dell infanzia per la loro particolare natura di servizio capillarmente diffuso, su poco pi ù di 28 mila punti di erogazione del servizio circa il 15% ha meno di 50 alunni e un altro 21% ha meno di 100 alunni. In effetti, la polverizzazione sul territorio di piccole scuole non risulta funzionale al conseguimento degli obiettivi didattico pedagogici, in quanto non consente l inserimento dei giovani in comunit à educative culturalmente adeguate a stimolarne le capacit à di apprendimento e di socializzazione. Si rende pertanto necessario non solo eliminare le numerose situazioni non conformi ai parametri dell attuale normativa, ma anche ripensare il sistema nel suo complesso al fine dell ottimizzazione … Il dimensionamento delle istituzioni scolastiche dovr à procedere pertanto attraverso la verifica delle situazioni in atto finalizzata al rispetto dei parametri previsti dalla normativa vigente per il funzionamento delle scuole autonome, anche attraverso il progressivo superamento delle attuali situazioni relative a plessi e a sezioni staccate con meno di 50 alunni. È opportuno, tuttavia, che l intervento sia gradualmente realizzato dalle Regioni e dagli Enti Locali, col supporto di azioni mirate quali, ad esempio, l attivazione di trasporti, l adeguamento delle strutture edilizie ecc.. e provvedendo contestualmente alla realizzazione di servizi in rete. L istituzione, la soppressione o l aggregazione delle scuole ……….

34 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commenti PECCATO che una riforma di tale portata non nasce, come molti di noi si potrebbero aspettare, dalla necessit à di rendere il sistema scuola pi ù adeguato alle esigenze sociali, culturali e pedagogiche migliorandone ulteriormente la qualit à. Considerata l importanza e la quantit à degli argomenti contenuti nel documento programmatico, non è pensabile che le innovazioni possano attuarsi se non in condizioni di reale coinvolgimento, non solo delle Istituzioni politiche ma anche di quelle scolastiche, non meno che degli insegnanti, degli studenti, dei genitori.

35 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commenti IN REALT À NON SI PONE MINIMAMENTE L ATTENZIONE SUI REALI PROBLEMI DELLA SCUOLA, PI Ù SEMPLICEMENTE CI SI PIEGA ALLA NECESSIT À DI DOVER RIDURRE GLI INVESTIMENTI ……………………………………………………

36 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Razionalizzazione risorse umane FINANZIARIA : 8 MILIARDI DI EURO IL RISPARMIO PREVISTO Alla fine del triennio 2009/ /2012: cattedre di insegnante posti di personale amministrativo, tecnico e ausiliario Il rapporto alunni/docente dovr à crescere di una unit à Maestro unico, soppressione di specialisti di Inglese alle elementari contrazione delle ore in tutti gli ordini di scuola, compressione del Tempo prolungato alla scuola media (Fonte: schema di piano programmatico del Ministero dell Istruzione)

37 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO

38 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Disegno di legge Aprea Ogni istituzione scolastica può, nel rispetto dei requisiti, delle modalit à e dei criteri fissati con regolamento adottato ai sensi dell articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro della pubblica istruzione, costituirsi in fondazione, con la possibilit à di avere partner che ne sostengano l attivit à, che partecipino a suoi organi di governo e che contribuiscano a raggiungere gli obiettivi strategici indicati nel piano dell offerta formativa e a innalzare gli standard di competenza dei singoli studenti e di qualit à complessiva dell istituzione scolastica.

39 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Disegno di legge Aprea 2. I partner previsti dal comma 1 possono essere enti pubblici e privati, altre fondazioni, associazioni di genitori o di cittadini, organizzazioni non profit. Le istituzioni scolastiche che sono trasformate in fondazioni devono prevedere nel loro statuto l obbligo di rendere conto alle amministrazioni pubbliche competenti delle scelte effettuate a livello organizzativo e didattico e svolgere una costante azione di informazione e di orientamento per genitori e studenti. 3. Le istituzioni scolastiche trasformate in fondazioni definiscono gli obiettivi prioritari di intervento, prevedono le necessarie risorse economiche e individuano, mediante appositi regolamenti interni, le funzioni e gli strumenti di indirizzo, di coordinamento e di trasparenza dell azione didattica e finanziaria.

40 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO Commento Le scuole costituendosi in FONDAZIONI non risponderanno pi ù al dettato costituzionale, ma ad un consiglio di amministrazione privatizzato autoregolamentato che finalizzer à le attivit à e sceglier à gli insegnanti. Sar à la fine della scuola che opera secondo un unico indirizzo su tutto il territorio nazionale e forma i futuri soggetti cittadini italiani. Le scuole di fatto diventeranno private. Le offerte formative saranno indirizzate a finalit à specifiche del territorio e dei partner, i quali, oltre a finanziare le scuole, faranno parte del consiglio di amministrazione. Si andr à verso una classificazione delle scuole, in funzione dei partner che le gestiranno: pi ù ricche e pi ù evolute al nord, pi ù povere e meno evolute al sud. Comunque appannaggio delle famiglie pi ù benestanti a discapito di quelle meno abbienti.

41 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI La divisa copritagli Fonte: LA STAMPA 10/09/08

42 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI Per la scuola si spende troppo Per la scuola si spende troppo La scuola funziona male La scuola funziona male Ci sono troppi insegnanti Ci sono troppi insegnanti La scuola fallisce perché non premia i meritevoli e non punisce i colpevoli La scuola fallisce perché non premia i meritevoli e non punisce i colpevoli Per i bambini piccoli è necessaria una sola figura di riferimento Per i bambini piccoli è necessaria una sola figura di riferimento Gli slogan (non dimostrati) del ministro

43 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI La scuola funziona male perché è troppo egualitaria e permissiva? Come deve essere la scuola per il governo (Dall intervista del ministro TREMONTI a La Padania del 12/8/08) il voto è necessario perché….la mente umana è semplice e risponde a stimoli semplici Ogni voto deve mettere capo ad una classifica. Se non cè classifica non cè neanche valutazioneE tempo che ci si rivolga ai valori e alle tradizioni di un passato che deve ritornare La stragrande maggioranza dei contenuti della matematica, della storia e della letteratura resta stabile per lunghi periodi. A livello di scuola elementare media, e superiore la matematica è quella di sempre, quella dellOttocento e del Novecento (Dall articolo del ministro GELMINI sul Corriere della seradel 22/8/08) Voto in condotta, divisa scolastica,ritorno al maestro unico….Autorevolezza, autorità, gerarchia, insegnamento, studio, fatica, merito. Sono queste le parole chiave della scuola che vogliamo ricostruire …

44 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI Il maestro unico Le motivazioni date: Le motivazioni date: Le ragioni del no Le ragioni del no Associazioni professionali e universitarie Associazioni professionali e universitarie

45 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI Due concezioni opposte della scuola Semplificare la realtà Semplificare la realtà Trasmettere nozioni Trasmettere nozioni Competere individualmente Competere individualmente Selezionare Selezionare Imporre la disciplina Imporre la disciplina -Capire gradualmente la complessità del mondo -Costruire competenze -Migliorarsi usando le risorse proprie e degli altri -Arrivare al traguardo il più numerosi possibile -Costruire un sistema di regole condivise da rispettare

46 02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI LE VERE RAGIONI DI CRISI DELLA SCUOLA I risultati sono peggiori dove si investe meno (6835 /6252$ 7648/7804$) (Fonte OCSE- 2008) I risultati sono peggiori dove si investe meno (6835 /6252$ 7648/7804$) (Fonte OCSE- 2008) La scuola non è più in grado di garantire un futuro lavorativo adeguato e certo ( contratti di lavoro precario: 45% di tutti i nuovi contratti). (Fonte ministero del lavoro, 2007). La scuola non è più in grado di garantire un futuro lavorativo adeguato e certo ( contratti di lavoro precario: 45% di tutti i nuovi contratti). (Fonte ministero del lavoro, 2007). Piu del 40% di: architetti, avvocati, farmacisti, medici, ingegneri esercita lo stesso mestiere già esercitato dal padre (Fonte: X rapporto Alma Laurea – 2008) Piu del 40% di: architetti, avvocati, farmacisti, medici, ingegneri esercita lo stesso mestiere già esercitato dal padre (Fonte: X rapporto Alma Laurea – 2008) 80 anni senza riforme pesano 80 anni senza riforme pesano


Scaricare ppt "02 ottobre 2008 RIFLESSIONI SUI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO PER LA SCUOLA COMPONENTE GENITORI ANALISI PROVVEDIMENTI GOVERNATIVI IN AMBITO SCOLASTICO MULINO."

Presentazioni simili


Annunci Google