La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio comprensione testi e linguaggi fra capire e far capire Giscel Sardegna Laboratori DR 47/29 Iglesias 20 novembre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio comprensione testi e linguaggi fra capire e far capire Giscel Sardegna Laboratori DR 47/29 Iglesias 20 novembre 2008."— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio comprensione testi e linguaggi fra capire e far capire Giscel Sardegna Laboratori DR 47/29 Iglesias 20 novembre 2008

2 Lettura di un testo giornalistico complesso Lettura Autosservazione delle strategie impiegate Discussione Seconda lettura diretta al reperimento degli elementi fondamentali dellorganizzazione linguistica del testo Primo laboratorio

3 DIMENTICATA - L'impiegata X, 59 anni, era stata colta da un malore ieri nel tardo pomeriggio. Nessuno però dei suoi colleghi si era accorto del fatto, tanto meno gli uscieri. Così quando i cancelli dell'Archivio dell'Isef di piazza Lauro De Bosis al Foro Italico sono stati chiusi, la donna, che ancora evidentemente non si era ripresa, è stata letteralmente dimenticata nella sua stanza. E così per tutta la notte. Solo stamane quando è rinvenuta e si è resa conto di quello che era successo, ha chiamato la figlia, già allarmata perché non riusciva a mettersi in contatto con la madre. La ragazza ha avvisato il 112 e così una pattuglia dei carabinieri della compagnia Trionfale è arrivata negli uffici dell'archivio, ha abbattuto la porta e ha raggiunto l'ufficio della donna che poi è stata accompagnata all'ospedale Santo Spirito.

4 Secondo laboratorio Comprensione. Testi e linguaggi fra capire e far capire

5 Comprensione. Testi e linguaggi fra capire e far capire Apertura : presentazioni e brevi osservazioni (5 min) Una staffetta metaforica (5 min) Brainstorming : La comprensione. Testi e linguaggi fra capire e far capire. Idee volanti su temi e procedure (5 min.) Prima attività: Leggere da adulte/i. Percorsi di comprensione di un testo iconico –Presentazione dellattività e consegna (5-10 min) – Lettura individuale del testo per una comprensione globale (5-10 min) – Lavoro di gruppo : Confronto allinterno del gruppo, condivisione dei percorsi interpretativi individuali (15 min) – Feedback collettivo: resoconto sintetico dei gruppi (15 min) – Discussione sulle strategie (20 min)

6 Break (10 min.) Seconda attività Un testo da leggere e capire: quale approccio didattico? – Lettura silenziosa del testo in fotocopia (5-10 min) – fare ipotesi di utilizzo didattico, col focus sulla comprensione (20 min) – Rilancio dei punti emersi ( min) – Un lavoro didattico fatto in una terza media. (20 min) – Osservazioni e discussione (15 min) Riannodiamo i fili: conclusioni (20 min) Consegna materiali (5/10 min)

7 Leggere da adulte/i Percorsi di comprensione di un testo iconico di un testo iconico

8 Obiettivi specifici Ricostruzione del processo di lettura/comprensione adulta Ricostruzione del processo di lettura/comprensione adulta Metariflessione Metariflessione

9 Aspetti della ricostruzione Individuazione -delle fasi in senso cronologico -dei punti nodali sciolti (con quali strategie?) o irrisolti (per quali ragioni?) -delle problematicità -delle specificità del testo rispetto ad altri generi -degli agganci con altri generi testuali

10 I motivi della scelta di questo testo FOCUS SU: - Comprensione intuitiva - Maggiore importanza alla interpretazione del messaggio rispetto al testo - Valorizzazione delle diverse interpretazioni - Occasione di confronto paritario con il testo e con gli altri del gruppo - Trasversalità del percorso mentale

11 ? Ma chi sarà il padrone? Lo scrittore o il lettore? Denis Diderot

12 Quale ricaduta didattica A cosa serve nella mia prassi didattica?

13 Lettura di un testo scientifico Lettura con gli occhi degli alunni Autosservazione delle strategie impiegate Uso della parte iconica Reperimento di punti critici Strategie per facilitare la comprensione del testo Discussione

14 Litinerario svolto 1.Individuazione del tema: L ENERGIA 2.Ricerca (libera) di fonti sui testi di geografia, educazione tecnologica e scienze 3.Primo resoconto (interazione orale in classe) 4.lavoro per piccoli gruppi (3 ragazzi dalla differente capacità di studio) per la lettura attenta dei tre testi 5.Pratiche di lettura e analisi 6.Proposta di un questionario, con domande mirate, volte a favorire una valutazione formativa e nel contempo a fornire alcuni parametri di lettura 7.Proposta di una verifica conclusiva

15 Il lavoro è teso a … a)Far emergere la percezione che i ragazzi hanno delle proprie difficoltà di comprensione nella lettura di testi scientifici, in particolare allinterno dei libri di testo in uso b)Offrire spunti di riflessione e strumenti di decodifica capaci di favorire la realizzazione di alcuni obiettivi specifici c)Osservare quali aspetti i ragazzi individuino come significativi

16 Osservazioni quando il testo ha presentato difficoltà di comprensione si è fatto ricorso a figure, tabelle, grafici per capire meglio. le difficoltà maggiormente percepite dai ragazzi sono quelle relative alla chiarezza espositiva e più spesso al lessico Possono rendere difficili i libri alcune parole che non vengono spiegate (n°14) Rendono i libri difficili le parole complesse e i concetti non spiegati (n°6)

17 Lessico Alcune operazioni linguistiche attivate: Individuazione di termini specifici della disciplina Segnalazione (e aggregazione su tabella ) dei termini capiti subito e di quelli più difficili Spiegazione di alcuni termini Individuazione di termini diversi (sinonimi) utilizzati per esprimere lo stesso concetto Individuazione di iperonimi e iponimi

18 Testualità Selezione e individuazione, con simboli condivisi, di: idee chiave, motivazioni, commenti parole spia che legano le diverse parti del testo Inoltre rielaborazione delle informazioni acquisite produzione autonoma di un breve testo (didascalia, domanda aperta)

19

20

21 Domande Ritaglia dalla fotocopia limmagine della p. 7, risorse esauribili di energia. Incollala sul foglio, trascrivi la seguente didascalia e completa: Petrolio, metano, carbone e uranio, sono risorse _____________________ perché _____________________________ luomo le usa e le predilige perché ________ _____________________________ Ritaglia laltra parte dellimmagine, quella di sinistra, incollala sul quaderno e completa la seguente didascalia: Marea, onde, sole, vento, rifiuti urbani, acqua, energia geotermica, sono risorse ______________________________________. Tra queste le più usate risultano __________________________________, le meno usate risultano ___________________________________

22 Uno sguardo dinsieme sui risultati comprensione globale dei testi, con qualche inciampo in alcuni punti specifici alcuni punti oscuri, che a una prima ricognizione sembrano collegati a: a. Densità concettuale del segmento di testo b.Affollamento di informazioni e/o di concetti propri delle discipline c.Scarsa attenzione dellautore alle inferenze necessarie alla comprensione d.Affollamento, nello stesso capoverso, di termini del linguaggio proprio della disciplina e.Assenza di spiegazioni dei concetti e dei termini specialistici

23 Percezione delle difficoltà Domande guida Valutazione delle reali difficoltà di lettura e comprensione Osservazione e valutazione Autovalutazione Impressioni libere sui libri di testo Esercizi su lessico e testualità Verifica conclusiva

24 Sulla verifica finale Si è scelto un testo scientifico lineare dai periodi brevi dal linguaggio chiaro e non appesantito da troppi termini specialistici corredato da una figura esplicativa dunque potenzialmente accessibile almeno per una prima comprensione globale.

25 1.Leggi attentamente e più volte il testo in fotocopia. Individua i seguenti segmenti di testo: linterrogativo del sottotitolo laffermazione iniziale i riferimenti storici (quando? Chi?) la descrizione dellesperimento la dimostrazione dellesperimento scrivili a fianco al testo a cui si riferiscono 2.Esponi con parole tue in che cosa consiste la teoria della generazione spontanea 3.Descrivi con parole tue lesperimento di Francesco Redi nelle sue diverse fasi 4.Cerchia le parole difficili 5.Cè qualcosa nel testo esaminato che non hai capito? Segnalalo o trascrivi la parte di testo. 6.Quali domande faresti allinsegnante di scienze perché ti aiuti a capire?

26 Risultati tutti gli studenti presenti individuano in modo pertinente i segmenti di testo cui riferire i titoletti proposti dalla consegna la maggior parte rivela una buona comprensione globale del testo solo 3 sembrano non averlo capito nei suoi aspetti fondamentali.

27 Emerge dunque una prima differenza fra una comprensione che potremmo chiamare passiva, come quella che consente abbinamenti pertinenti fra parti di testo e titoletti una comprensione attivamente dimostrata con una riformulazione parafrastica, dunque con la produzione di un nuovo testo.

28 Le riformulazioni Grazie a questo si capì che nel vasetto aperto si potevano depositare le uova e di conseguenza si potevano poi vedere i nuovi esseri viventi, invece in quelli chiusi con della stoffa in modo da far passare lossigeno non si vide niente a dimostrazione che dalla carne (essere non vivente) non può nascere niente (Andrea) Lesperimento di Francesco Redi consiste nel prendere dei vasetti, metterci allinterno della carne, un paio di questi vasetti sono stati coperti con della stoffa e dello spago e gli altri lasciarli aperti (Alessandro)

29

30

31

32 Punti critici Perché dovrebbe essere chiara laffermazione iniziale? La teoria viene enunciata ma non spiegata Perché solo nei vasetti aperti circolano le mosche? Cosè la carne putrefatta? Perché viene scelta la carne come materia non vivente? Come viene dimostrato lesperimento? Perché non parla di ciò che succede nei vasetti chiusi?

33 Domande su punti critici 1 Perché le mosche depositano le uova nel cibo putrefatto? 2 Perché gli insetti vengono attratti dalla carne putrefatta? 9 Come mai hanno usato la carne e non unaltra materia non vivente? Domande che rivelano curiosità e interesse 4 Con quale altro materiale si riesce ad avere lo stesso risultato? 7 Mi può spiegare meglio la teoria della generazione spontanea? Perché gli antichi greci avevano sostenuto questa teoria? 12 Per questo esperimento può essere usata solo la carne come materia non vivente? 14 Secondo quali prove i greci sostenevano la teoria della generazione spontanea? 16 Perché si parla di piccoli esseri viventi ? Domande che riguardano la comprensione 3 Come potevano già esserci uova nella carne? 5 Qual è lidea finale della teoria della generazione spontanea? E corretta o no? 6 Perché dalla materia non vivente non può nascere qualcosa di vivente? 17 Vorrei sapere se le uova depositate nella carne fossero state fatte durante che la carne stava marcendo o se erano state fatte prima che la carne fosse stata messa nel barattolino


Scaricare ppt "Laboratorio comprensione testi e linguaggi fra capire e far capire Giscel Sardegna Laboratori DR 47/29 Iglesias 20 novembre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google