La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comprensione del testo Barbara Arfé Dipartimento di Psicologia e Antropologia Culturale Università degli Studi di Verona.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comprensione del testo Barbara Arfé Dipartimento di Psicologia e Antropologia Culturale Università degli Studi di Verona."— Transcript della presentazione:

1 La comprensione del testo Barbara Arfé Dipartimento di Psicologia e Antropologia Culturale Università degli Studi di Verona

2 Chi è dellopinione che la piena espressione dellattività mentale umana dipenda dal suo legame con tutto un apparato di strumenti culturali [..] accingendosi a studiare quellattività, non potrà fare a meno di tener conto degli strumenti di cui essa si serve Jerome Bruner

3 Spirit, il robot che si trova su Marte, ha ripreso a inviare i dati. Alle 4 e 34 del mattino, alla velocità di dieci bit al secondo Spirit ha inviato dati per circa dieci minuti. Quella risposta che al centro Nasa aspettavano con ansia. La Repubblica, 24 gennaio 2004 Ha parlato [..]Dopo quasi due giorni di silenzio [..]

4 Il concetto di testo Per testo si intende un qualsiasi fatto comunicativo prodotto allinterno dellinterazione discorsiva. Lo studio del testo va affrontato secondo un approccio procedurale, che descriva i testi in relazione a come vengono usati. Si dovrebbe andare oltre la struttura del testo, ed esplorare le strategie, le operazioni ed i processi che riflettono le attività di chi utilizza i testi. E infatti in virtù di tali attività che una configurazione di segni è giudicata un testo. De Beugrande (1987)

5 Cosè un testo? Un testo o un brano è qualcosa di più che un insieme di frasi. E ununità di significato complessa, diversa dalla combinazione dei singoli significati delle frasi che lo compongono. In altri termini.. è il risultato dei collegamenti stabili- ti dal lettore tra le sue varie frasi, e delle aggiunte da esso operate per colmare i vuoti di informazione del testo (inferenze).

6 Due concetti importanti nella definizione di testo n Coesione: relazione linguistica… n Coerenza: unità concettuale…

7 Un esempio 1.Cera una volta un ragazzo chiamato Jimmy; 2. Voleva comprare una bicicletta; 3. Si rivolse ad un negozio di biciclette; 4. Contò il denaro che aveva; 5. Mise il suo salvadanaio sullo scaffale più alto del suo armadio; 6.Voleva trovare del denaro; 7.Chiese a sua madre; 8. Ma sua madre rispose no, devi guadagnartelo da te 9. Jimmy chiamò unagenzia di giornali 10. Il direttore gli fissò un colloquio [..] van den Broek (1990)

8 Un esempio 1.Cera una volta un ragazzo chiamato Jimmy; 2. [* ling.] Voleva comprare una bicicletta; 3. [* ling.] Si rivolse ad un negozio di biciclette [* conn.] ; 4. [*] Contò il denaro che aveva [*conn.] ; 5. [*] Mise il suo salvadanaio sullo scaffale più alto dellarmadio [**conn.+ elab.] ; 6. [*] Voleva trovare del denaro 7. [*] Chiese a sua madre [*conn.] ; 8. Ma sua madre rispose no, devi guadagnartelo da te 9. Jimmy chiamò unagenzia di giornali [* *conn.+ elab.] ; 10. Il direttore gli fissò un colloquio [..] [elab.] van den Broek (1990)

9 I modelli di comprensione del testo La comprensione come processo di decodifica; - La comprensione come processo di decodifica; - La teoria degli schemi; - La comprensione come processo interattivo - La comprensione come processo interattivo.

10 Cinque processi nella comprensione n Fonologici; n Ortografici; n Sintattici; n Di memoria; n Semantici.. »Siegel (2003).

11 Cosa si intende per comprensione del testo? La ri-costruzione mentale del suo significato Per significato si intende una rappresentazione mentale che deriva dallintegrazione dellinformazione (linguistica e concettuale) data dal testo con le conoscenze e/o strutture di conoscenza pre-esistenti del lettore. In altre parole..

12 ..per comprensione si intende genericamente un PROCESSO di assimilazione di conoscenze ad altre conoscenze, dato dalla costruzione di una RAPPRESENTAZIONE MENTALE, che è frutto dellintegrazione di nuove informazioni, desunte dal testo, allinterno di una struttura conoscitiva pre- esistente nel lettore.

13 Distinguere tra comprensione e memoria A partire dai primi studi sulla comprensione del testo, che risalgono agli anni 30, i concetti di compren- sione e memoria sono stati apparentemente confusi, sia sul piano della definizione, sia sul piano metodo- logico della ricerca. Oggi definiamo la comprensione come la TRASFORMAZIONE e non la RIPRODUZIONE MENTALE delle informazioni date dal testo. E definiamo la memoria del testo, il risultato di questo processo in una RAPPRESENTAZIONE MENTALE del suo significato.

14 Esempio Nel segnale pedonale comparve la sagoma dellomino verde. La gente in attesa cominciò ad attraversare la strada camminando sulle strisce bianche dipinte sul nero asfalto, non cè niente che somigli meno ad una zebra, eppure le chiamano così Cecità, José Saramago Il disco giallo si illuminò.Due delle automobili in testa accelerarono prima che apparisse il rosso.

15 Il ruolo della memoria nella comprensione La memoria ha un duplice ruolo, ed interviene in due momenti nel processo di comprensione: 1.in qualità di risultato: rappresenta la traccia mentale finale di questo processo (come rappresentazione del significato o riproduzione mnemonica di un testo); 2.in qualità di componente: nella qualità di memoria di lavoro limita le capacità di elaborazione di informazioni in parallelo (analogamente alla RAM di un computer).

16 Un po di storia: comprensione e memoria I primi studi sulla comprensione del testo vengono fatti risalire alluscita di un volume di uno psicologo inglese, Frederic Bartlett, il cui titolo è Remembering (1932). Bartlett è interessato allo studio della memoria e per studiarla utilizza testi scritti. Famoso è ad es. lo studio sulla memoria del testo indiano La guerra dei fantasmi. Al di là dellinteresse di Bartlett per lo studio della memoria le sue ricerche diventano punto di riferimento per coloro che si occupano di comprensione. Di qui la prima confusione dei due termini.

17 La guerra dei fantasmi E il più famoso degli studi di Bartlett e viene ripor- tato in Remembering. Bartlett era interessato alle trasformazioni cognitive operate dai lettori sul contenuto dei testi, e riteneva queste trasformazioni un esempio del funzionamento della memoria. The War of the Ghosts era una favola degli indiani dAmerica. Bartlett decise di utilizzarla con lettori adulti inglesi, lontani da quella cultura, e verificò come il suo ricordo variava per effetto delle trasformazioni mentali operate dai lettori inglesi.

18 Lo studio Parteciparono 20 soggetti adulti inglesi. Subito dopo la lettura del testo gli fu chiesto di riscrivere il testo, così come lo ricordavano. Dunque, dopo un considerevole periodo di tempo (a distanza di giorni) agli stessi soggetti venne nuovamente chiesto di produrre il ricordo scritto del testo. Bartlett analizzò questi testi, confrontandoli con il testo originale, per osservare le trasformazioni ad esso operate nel suo ricordo.

19 Le trasformazioni Nello studio su The War of Ghosts Bartlett descrisse vari tipi di trasformazione: a) la riduzione del contenuto: dopo un certo periodo di tempo i soggetti producevano ricordi scritti più brevi. Alcuni elementi in particolare erano eliminati (i testi presentavano un numero inferiore di dettagli e di nomi propri); b) laggiunta al contenuto (trasformazione costruttiva): i soggetti tendevano ad aggiungere nel ricordo dei testi elementi non presenti nel testo originale (pesca vs. caccia) e più conformi alle loro esperienze culturali. Altre aggiunte avevano il carattere dellinferenza, servivano a colmare i vuoti del testo.

20 Il ruolo costruttivo della comprensione Per spiegare questi risultati Bartlett ricorre al concetto di memoria schematica. Ossia: le persone dispongono di strutture mentali per riconoscere ed anticipare gli eventi (schemi). Queste strutture (prototipiche e gene- ralizzabili) governano la comprensione e costituiscono le impalcature su cui il ricordo si costruisce. Essendo esse schematiche, il ricordo non è mai completo, ma è sempre una sintesi di ciò che viene letto; Essendo esse prototipiche, il ricordo non è mai fedele, ma può riflettere aggiunte, dovute agli schemi attivati e alle inferenze che mediante essi vengono fatte.

21 Esempio Non ci facemmo pregare una seconda volta, ci mettem- mo a sedere e spiegammo i tovaglioli, rigidi di inamida- tura. Eravamo in quattro : il padrone di casa, ex avvocato, un suo cugino, ex avvocato anche lui, una cugina vedova di un ex consigliere di Stato effettivo [..] ed io. Scene moscovite Michail Bulgakov Signori, prego disse gentilmente il padrone di casa e accennò con gesto regale al tavolo.

22 Il concetto di schema Lo schema è una struttura cognitiva per linterpreta- zione della realtà e la sua rappresentazione mentale. Riproduce in modo economico (schematico) e funzionale (protitipicamente) gli elementi principali dellevento che in esso è rappresentato. Uno schema si forma attraverso la presentazione ripetu- ta di esperienze simili dalle quali è possibile astrarre caratteristiche comuni. La sua attivazione o utilizza- zione resta in gran parte inconsapevole. Es. andare al ristorante.

23 Funzioni dello schema Il ruolo svolto dagli schemi nellattività di comprensio- ne è vario: a) forniscono strutture ordinate e collegate tra loro entro cui inserire nuova informazione; b) permettono al lettore di distinguere tra informazione marginale e informazione centrale allinterno del brano; c) sulla base degli schemi vengono compiute inferenze per integrare linformazione data dal testo, con elementi mancanti; d) sono fondamentali nella memoria del testo: informa- zioni isolate risultano difficili da ricordare recuperare.

24 Il modello proposizionale n Il significato di un testo viene processato in unità semantiche (proposizioni: un concetto che funge da predicato e uno o più argomenti) Stefano regala un CD a Paolo. n I processi di inferenza servono a garantire la connessione tra le proposizioni. n Nelle loro connessioni le proposizioni formano la Base del testo. n Il risultato della comprensione è lelaborazione di un Modello della Situazione una rappresentazione mentale di ciò a cui il testo si riferisce. »Kintsch & van Dijk (1978)

25 La comprensione secondo il modello proposizionale..(van Dijk & Kintsch, 1983) n Il testo viene analizzato a livello di frasi (parsing) rappresentazione linguistica superficiale del testo; n Viene ri-costruita una rappresentazione coerente del significato del testo (Base del Testo: rete di proposizioni). La coerenza consiste nel grado di relazione tra proposizioni; n Il contenuto del testo è integrato in un sistema di conoscenza del lettore, e viene generato il Modello della Situazione.

26 Un buco nero è dotato di un'attrazione gravitazionale talmente elevata da non permettere la fuga di nulla, neanche della luce, dalla sua superficie (denominata orizzonte degli eventi). La forza gravitazionale, che prima era in equilibrio con la pressione generata dal nucleo, prevale e comprime la massa verso il suo centro. Se la massa è sufficientemente elevata, la densità del corpo raggiunge velocemente valori tali da creare un campo gravitazionale estremamente intenso, tale da non permettere a nulla di sfuggire alla sua attrazione, neppure alla luce.forza gravitazionaleequilibriomassa campo gravitazionaleluce

27 La comprensione è un processo Da Bartlett in poi si è fatto erroneamente coincidere il concetto di comprensione con quello di rappre- sentazione mentale del significato di un testo, che ne è invece il risultato. Per comprensione oggi si intende il PROCESSO lingui- stico, cognitivo e pragmatico che a quel risultato finale conduce. Questa nuova accezione del termine è assai rilevante sul piano educativo, sia in riferimento alla valutazione che in riferimento allintervento.

28 Questo processo è sequenziale, in parallelo e a ritroso Quando si dice che la comprensione è un processo non si intende che il suo svolgimento è ordinato temporalmente e spazialmente in modo lineare, così come procede la lettura (da sinistra a destra, dallinizio alla fine del testo). Al significato di una frase non si aggiunge, o viene semplicemente collegato, il significato della frase successiva, ma la prima viene rielaborata in funzione della seconda (a ritroso), né ogni parte o componente del processo di comprensione viene analizzata in ordine sequenziale rispetto ad altre. Il processamento dellinformazione sintattica e concettuale è in parallelo.

29 Spirit, il robot che si trova su Marte, ha ripreso a inviare i dati. Alle 4 e 34 del mattino, alla velocità di dieci bit al secondo Spirit ha inviato dati per circa dieci minuti. Quella risposta che al centro Nasa aspettavano con ansia. La Repubblica, 24 gennaio 2004 Ha parlato [..]Dopo quasi due giorni di silenzio [..]

30 La comprensione è multi-componenziale Dicendo che la comprensione è un processo linguistico, cognitivo e pragmatico allo stesso momento, si è messa in luce la sua natura multi-componenziale. Pur essendo unattività unitaria, la comprensione del testo comprende differenti sotto-processi (percettivi; di decodifica; di elaborazione lessicale, sintattica, seman- tica; di inferenza), il perfetto funzionamento dei quali, unito alla loro perfetta sincronizzazione e coordinamento, permette appunto di cogliere un significato unitario in ciò che si è letto.

31 Le componenti del processo di comprensione Molto sommariamente si possono distinguere tre categorie di processi: -decifrativi: riguardano la conversione dei grafemi in fonemi e simboli linguistici; -linguistici: riguardano lanalisi lessicale, sintattica e semantica; -cognitivi: riguardano lattivazione delle conoscenze pre-esistenti, le inferenze e la costruzione di una rappre- sentazione mentale.

32 Tornando allo schema di Siegel.. n Percettivi (analisi visiva); n Fonologici; n Ortografici; n Sintattici + lessicali elaborazione parole /frasi n Di memoria; n Semantici.. »Siegel (2003). decodifica Rappresentazione del significato

33 Decodifica e comprensione Questi due aspetti della lettura sono correlati soltanto in parte: è intuitivo infatti che una lettura lenta e scor- retta a livello decifrativo possa portare a qualche frain- tendimento nel significato o che il destinare molte ri- sorse attentive agli aspetti decifrativi limiti la possibili- tà di dedicare residue capacità alla comprensione del significato. Oppure, può accadere che la mancata com- prensione rallenti il ritmo di lettura o conduca a degli errori nella intonazione, nella lettura ad alta voce.

34 Relativa indipendenza di decodifica e comprensione + lettura ad alta voce - comprensione - lettura ad alta voce + comprensione Iperlessici Lettori stentati con buona comprensione Disponendo i lettori lungo una linea continua potremmo trovare:

35 Il coordinamento delle componenti Il lettore esperto è in grado di operare simultaneamen- te unanalisi del testo a più livelli: lessicale, sintattica, semantica, concettuale e pragmatica, e di elaborare in parallelo molte di queste informazioni per arrivare alla ipotesi più probabile di significato. Questo implica: a) una buona memoria di lavoro; b) lautomatizzazione di alcuni processi.

36 La comprensione è un fenomeno interattivo Mentre una visione tradizionale della lettura definiva la comprensione come un semplice processo di astra- zione del significato dal testo, il quale veniva conside- rato prioritario rispetto allattività del lettore, oggi si è maturata la consapevolezza che la comprensione è un processo dinamico di interazione tra le informazioni nuove fornite dal testo e le conoscenze presenti nella mente del lettore. Il processo di comprensione sarà quindi: il risultato dellinfluenza delle variabili inerenti al testo e delle variabili del lettore.

37 Le caratteristiche del testo Sono diverse le caratteristiche del testo che hanno uninflu- enza sul processo di comprensione: - lo scopo del testo (intrattenere, informare, convincere) o il tipo a cui il testo appartiene (espositivo, letterario, argomen- tativo); -la struttura del testo. Allinterno di ciascun tipo di testo, la struttura, ossia il modo in cui linformazione è organizzata, guida il processo di comprensione. La coerenza e la coesione del testo sono unespressione della sua struttura; - largomento del testo. Il grado in cui esso è familiare influisce sulla difficoltà/facilità di comprensione.

38 La struttura del testo espositivo La principale fonte di difficoltà nella processazione del testo espositivo è rappresentata dalla mancanza di una struttura forte di tipo causale o temporale quale quella che caratterizza il testo narrativo. La sequenza nella presentazione di idee e concetti non ha sempre un carattere vincolante, e questo, unita- mente al fatto che gli argomenti sono di regola poco familiari al lettore, rende difficile lindividuazione di eventuali incoerenze e la costruzione di una rappresentazione corretta del testo. Boscolo (2002)

39 Effetti della struttura del testo sulla comprensione Un testo può guidare o facilitare la comprensione attraverso vari mezzi: - lanticipazione dei contenuti (organizzatori anticipati): la loro funzione è fornire al lettore una breve sintesi del contenuto di un brano, per attivare le strutture cognitive adeguate; -la segnalazione dellinformazione rilevante (sintesi finali, mettere in evidenza il punto di vista dellautore, la anticipazione delle informazioni più rilevanti, etc.) -le domande (inserite nel testo), stimolano il lettore ad attivare conoscenze, stabilire connessioni, organizzare ciò che sa).

40 Gli organizzatori anticipati Il concetto di organizzatore anticipato è stato introdotto da Ausubel allinizio degli anni 60. Il principio è il se- guente: poiché la comprensione di un brano ha luogo mediante lattivazione di strutture di conoscenza adeguate e lintegrazione della nuova informazione con la vecchia, allora la funzione degli organizzatori anticipati è quella di attivare queste strutture, che forniscono una impalca- tura a cui si ancorano le idee espresse successivamente nel brano. Gli organizzatori anticipati dovrebbero fornire al lettore una sintesi del materiale, ma soprattutto delle idee più generali utili ad inquadrare il materiale stesso.

41 Esempio: gli organizzatori anticipati In the 1970s discourse researchers resurrected and summarized Bartletts work as they began studying the organizational, selective, and connective nature of meaning making in discourse understanding. This was the beginning of a constructivist tradition [..] This chapter opens with some classic studies in the constructivist tradition and then reviews work on individuals as constructive agents reading the text [..]. After that, attention is given to the work often labeled social constructivist, some coming from different traditions, that views social groups as constructive agents. [..] N.N. Spivey ( 1997)

42 Le segnalazioni Questo concetto è invece introdotto da B.F Meyer negli anni 70. Alcune parti di un testo possono essere messe in evidenza ed assumere una funzione di segna- lazione. Queste segnalazioni hanno un effetto sulla rievo- cazione del testo. Meyer individua diversi tipi di segna- lazione possibile: -la sintesi finale (riprende alcuni contenuti); -luso di espressioni che mettono in evidenza il punto di vista dellautore (purtroppo, fortunatamente, etc.), - lanticipazione dellinformazione rilevante di un brano (un problema fondamentale.., due punti su cui ci sof- fermeremo sono..).

43 Esempio: la sintesi finale This book has dealt with a number of interrelated topics, all addressing some aspects of conscructivism in disocurse theory. We began with a consideration of the underlying metaphor: its historical antecedents, its major forms [..]. Then we revisited the work of Frederic Bartlett, giving special attention to how his theory of construction on the part of individuals originated in his conception of the constructiveness of societal knowledge [..]. Next we reviewed the large body of research conducted on the reading process [..] N.N. Spivey (1997)

44 Gli effetti delle domande Le domande sono state a lungo utilizzate con funzione di verifica nella comprensione del testo (alla fine dei brani). Ma unaltra loro importante funzione nel processo di comprensione è quella di stimolare il lettore ad attivare conoscenze (Cosa cè alla base del comportamento irrequieto degli adolescenti?), stabilire connes- sioni ( Quale relazione esiste tra lo sviluppo della corteccia prefrontale in adolescenza e il comportamento irrequieto e irra- zionale dei teenagers?),organizzare ciò che si sa (Perché la regione X può essere considerata un deserto?). Le domande che richiedono di effettuare inferenze sulle informazioni del brano o di organizzare le informazioni in un concetto superordinato hanno effetti positivi sulla rievocazione delle idee più importanti del brano.

45 Coesione e coerenza Per coesione si intende luso di legami linguistici che segnalano la continuità o discontinuità di senso tra le diverse frasi del testo (subordinazione, anafora, congiunzioni, etc.); Per coerenza si intende lesistenza di legami semantici e concettuali tra le parti del testo. Essa dipende dal grado in cui sono rese esplicite o sono inferibili le connessioni concettuali tra le unità di significato del testo (le frasi, i paragrafi, i concetti). Dover rileggere per creare legami, o dover produrre un eccessivo numero di inferenze per stabilire le connessioni tra le parti del testo, porta ad uno spreco di energie cogni- tive e rende difficile lelaborazione del testo.

46 Tornando allesempio iniziale.. 1.Cera una volta un ragazzo chiamato Jimmy; 2. Voleva comprare una bicicletta; 3. Voleva trovare del denaro; 4. Si rivolse ad un negozio di biciclette; 5. Mise il suo salvadanaio sullo scaffale più alto del suo armadio; 6. Contò il denaro che aveva; 7. Chiese a sua madre; 8. Ma sua madre rispose no, devi guadagnartelo da te 9. Jimmy chiamò unagenzia di giornali 10. Il direttore gli fissò un colloquio [..] van den Broek (1990)

47 Esempio Le procedure di priming vengono utilizzate in diversi settori della psicologia sperimentale, sia in studi di psicolinguistica che in ricerche di memoria semantica. Il paradigma comprende un primo stimolo che funge da priming ed un item target a cui farà seguito la risposta del soggetto De Beni & Pazzaglia De Beni & Pazzaglia (1995)

48 Le caratteristiche del lettore Le caratteristiche del testo hanno forza in relazione alle caratteristiche del lettore: a) le conoscenze pre-esistenti (da quelle lessicali a quelle inerenti lo specifico argomento trattato); b) latteggiamento più o meno passivo del lettore: dovrebbe essere in grado di variare il ritmo della lettura a seconda degli scopi per cui legge, focalizzare lattenzione in base allimportanza attribuita alle diverse parti del brano, produrre inferenze; c) il corretto funzionamento del sistema di elaborazione (dalla trasduzione sensoriale, alla memoria a breve ter- mine, alla memoria a lungo termine); d) le abilità metacognitive: la consapevolezza che il lettore pos- siede delle proprie conoscenze sulla lettura e delle proprie strategie.

49 Conoscenza dichiarativa e conoscenza procedurale Trattando dellinfluenza delle conoscenze lessicali e con- cettuali, e delle strategie e dei meccanismi di lettura sul processo di comprensione si è indirettamente parla- to del ruolo delle: -conoscenze dichiarative. Sapere che Ossia le conoscenze pregresse del lettore sullargomento, sul compito, e sul testo (tipo di testo, struttura, etc.); -conoscenze procedurali. Sapere come La conoscenza delle strategie di lettura (lettura rapida, selezione dellinformazione nel testo, etc.) o delle moda- lità di inferenza.

50 Conoscenza condizionale Sapere quando Lacquisizione di conoscenze dichiarative e procedu- rali, da sola, non garantisce lesecuzione di una lettura strategica. Una corretta e matura esecuzione del compito di lettura richiede che il lettore sia consapevole di quando e perché adottare determinate strategie. Occorre quindi valutare anche un terzo tipo di conoscenza: la conoscenza condizionale (Paris, Lipson & Wixon,1983). Le conoscenze condizionali consentono di indicare in quali condizioni lapprendimento viene facilitato, quando va usata una certa strategia, e in quali casi si rivela efficace.

51 La metaconoscenza Nel trattare di conoscenza condizionale abbiamo assun- to implicitamente che il lettore sia consapevole delle proprie strategie, e ne sappia controllare luso. Il concetto di metaconoscenza comprende proprio que- sti due aspetti: [..] la conoscenza da parte del soggetto delle proprie attività cognitive ed il controllo che è in grado di eserci- tare su di esse. De Beni & Pazzaglia (1995)

52 Le abilità di metacomprensione Una buona abilità metacognitiva in compiti di comprensione richiede: a) sensibilità al testo: intesa come abilità di valutare la difficoltà del testo, individuare linformazione rilevante, distinguere tra informazione centrale e marginale; b) conoscenze specifiche sul compito: la lettura è unattività che varia in funzione delle consegne e degli scopi. In compiti diversi è possibile fare riferimento a diversi criteri di comprensione; c) scelta della strategia: consapevolezza delle proprie strategie e della loro diversa funzione (scorsa rapida, lettura analitica, lettura selettiva, rilettura, etc.) d) consapevolezza delle proprie caratteristiche individuali: consapevolezza del funzionamento della propria memoria, o della necessità di attivare conoscenze precedenti per migliorare la comprensione.

53 Le difficoltà di comprensione In questa categoria di disturbi rientrano tutti i cattivi lettori, i quali non possono essere né definiti dislessi- ci, né presentano difficoltà sul piano cognitivo. Vengono date due spiegazioni complementari di questa difficoltà: - una carenza nei processi di livello inferiore: dalla de- codifica semantica delle parole alla integrazione delle proposizioni in un significato unitario; -un deficit nei processi superiori, che riguarda lattiva- zione delle conoscenze precedenti, lapplicazione di schemi appropriati ed il controllo del processo di com- prensione.

54 I poli della comprensione

55 Il ruolo dellinsegnante.. n ________________________ n ….

56 Lintervento dellinsegnante nella comprensione del testo Tradizionalmente linsegnante è stato investito dellin- carico di trasmettere conoscenze dichiarative, e di questo tipo di conoscenza ci si è perlopiù occupati sino agli anni 90. Da circa un decennio almeno negli Stati Uniti sono stati avviati programmi di intervento sul piano educativo focalizzati su conoscenze procedurali e conoscenze condizionali. Questa consapevolezza è maturata in primo luogo dalla constatazione che il processo di com- prensione (e perciò lapprendimento che da esso deriva) poggia non solo sulle conoscenze pregresse del lettore, ma anche sulluso consapevole delle strategie di lettura.

57 La mediazione testo-lettore I testi sono strumenti culturali che i giovani lettori devono apprendere ad utilizzare in modo economico ed efficace. Linsegnante è un lettore esperto, con funzione di mediazione. La sua funzione è semplificare, tradurre e ri-strutturare le informazioni date dal testo, preparare la mente dei lettori ad assimilare queste informazioni, ed a selezionare quelle rilevanti per costruire una rappresentazione coerente e duratura del significato dei testi letti.

58 Le conoscenze dichiarative: il testo e gli argomenti Lintervento che si focalizza sulle conoscenze dichiarati- ve ha per oggetto principale: a) la verifica e lattivazione delle conoscenze pregresse del lettore: il lettore possiede schemi ben formati in cui integrare le nuove conoscenze? Questi schemi sono stati attivati? Possiede le conoscenze linguistiche necessarie alla comprensione? b) la verifica delle conoscenze riferite al testo: il lettore sa dove individuare linformazione centrale? Sa quali indici sottolineano linformazione rilevante? Sa quale struttura ha linformazione in quel tipo di testo? Sa valutare il testo?

59 Esempio Le procedure di priming vengono utilizzate in diversi settori della psicologia sperimentale, sia in studi di psicolinguistica che in ricerche di memoria semantica. Il paradigma comprende un primo stimolo che funge da priming ed un item target a cui farà seguito la risposta del soggetto De Beni & Pazzaglia De Beni & Pazzaglia (1995)

60 Le conoscenze procedurali Lintervento relativo alle conoscenze procedurali può comprendere: a) analisi del proprio processo di comprensione: ciò che si ricorda non è mai una rappresentazione fedele del testo, e questo ha una sua importante funzione; b) analisi delle diverse strategie di lettura (rapida, seletti- va e analitica): la lettura deve essere flessibile. c) analisi delle strategie di riparazione: la memoria pone limiti fisiologici alla comprensione. In caso di caduta della comprensione alcune strategie possono ovviare ai problemi di memoria: tener presente il punto cruciale, rileggere, consultare altre fonti, sospendere la rappresentazione, etc..

61 Cosa fare.. n ______________________________ n …..

62 Lintervento metacognitivo Può comportare: a) de-automatizzazione: uno dei maggiori problemi del cattivo lettore è il suo automatismo nella lettura. La lettura può essere resa meno automatica, ad esempio, mediante luso di domande nel corso della comprensione; b) riflessione metacognitiva sul processo di lettura e sui propri limiti di elaborazione (percettivi, mnemonici, di conoscenza) ed esercizio delle strategie di lettura in funzione dello scopo; c) sensibilizzazione alla struttura del testo: sapere utiliz- zare la struttura del testo ed i suoi indici.

63 Un esempio n Es. prato: verde = cavallo: ? –A) animale –B) criniera –C) veloce –D) galoppo

64 Diagramma dellintervento Esame del testo: codice, struttura, argomento codice, struttura, argomento Esame delle conoscenze del lettore: dichiarative e procedurali Il testo è chiaro? Largomento è conosciuto? Intervento di riformulazione sìno Lo studente possiede le conoscenze dichiarative e procedurali necessarie e sufficienti? sìno Analisi del testo Esame del lettore Intervento di mediazione

65 Riferimenti bibliografici Boscolo (2002). Psicologia dellapprendimento sco- lastico. Torino: Utet. De Beni & Pazzaglia (1995). La comprensione del testo. Torino: Utet.

66 Esempio Le procedure di priming vengono utilizzate in diversi settori della psicologia sperimentale, sia in studi di psicolinguistica che in ricerche di memoria semantica. Il paradigma comprende un primo stimolo che funge da priming ed un item target a cui farà seguito la risposta del soggetto De Beni & Pazzaglia De Beni & Pazzaglia (1995)


Scaricare ppt "La comprensione del testo Barbara Arfé Dipartimento di Psicologia e Antropologia Culturale Università degli Studi di Verona."

Presentazioni simili


Annunci Google