La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Spazio di piacere, di gioco e di scoperta LA STANZA MAGICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Spazio di piacere, di gioco e di scoperta LA STANZA MAGICA."— Transcript della presentazione:

1 spazio di piacere, di gioco e di scoperta LA STANZA MAGICA

2 La scuola accoglie alunni dai 6 ai 18 anni detà Popolazione scolastica di 70 alunni a fronte di 45 docenti Gli alunni presentano gravi disabilità fisiche, psichiche, sensoriali, relazionali Gli interventi educativi sono prevalentemente rivolti allo sviluppo della sensorialità, delle autonomie di base, delle dinamiche relazionali, della comunicazione La scuola primaria speciale Don Gnocchi D.D. G.L. Radice è situata allinterno della Fondazione Don Gnocchi S. Maria Nascente

3 Nella scuola sono attivi vari progetti che vanno ad ottimizzare lofferta formativa Il progetto Stanza Magica nasce dallesigenza di realizzare proposte specifiche in uno spazio protetto e strutturato, finalizzate alle stimolazioni plurisensoriali per alunni con pluridisabilità

4 I soggetti pluridisabili vedono compromesso il rapporto con il mondo esterno giacché possiedono soltanto in modo limitato gli strumenti per acquisire e rielaborare le informazioni provenienti dall'ambiente vedono compromesso il rapporto con il mondo esterno giacché possiedono soltanto in modo limitato gli strumenti per acquisire e rielaborare le informazioni provenienti dall'ambiente

5 Un intervento plurisensoriale è caratterizzato da interventi di stimolazione globale tesi al raggiungimento delle diverse tappe di sviluppo, attraverso lutilizzo di strategie specifiche e mirate

6 Specificità dellintervento: sviluppare nel bambino la capacità di entrare in relazione e conoscere il mondo esterno attraverso i canali sensoriali in un contesto impostato su dinamiche ludiche e rilassanti in un spazio strutturato e protetto.

7 Lintervento plurisensoriale deve considerare - potenziamento compensativo: aumento quantitativo di stimolazioni sensoriali - adattamento dellambiente: predisposizione dellambiente in relazione alle esigenze del singolo. Ambiente come facilitatore nel processo di appropriazione della realtà circostante - contesto relazionale: atteggiamento di ascolto, disponibilità, partecipazione, fiducia, attesa. Comunicazione verbale di tipo anticipatorio, descrittivo, informativo-contestuale per essere ponte tra i bisogni del bambino e le risposte dellambiente

8 Per la crescita di… - sensazione di fiducia nelle proprie potenzialità, - benessere interiore - attaccamento-apertura verso lambiente.

9 - impoverimento percettivo - isolamento in un proprio spazio vitale circoscritto e deprivato - comportamenti di difesa auto e/o eterolesionistici - atteggiamenti stereotipati autostimolatori Per ridurre il rischio di…

10 magia della Stanza è la possibilità di essere… - autori di eventi e scelte - protagonisti di scoperte - beneficiari di rilassamento, piacere e benessere.

11 PROGETTO DELLA STANZA

12 La stanza… Lo spazio è completamente oscurabile; tre pareti sono dipinte in azzurro, una parete è di colore blu intenso La stanza è organizzata in zone specifiche secondo luso: Spazio scuro : tappeto, tenda e pannello via lattea Spazio interattivo : tubo a bolle, cupola suono-luce, fibre ottiche, bacchette e fibre di linelite, oggetti magici Spazio del rilassamento : cuscino musicale-posturale, coperta frusciante, tubi e cuscini vibranti Nella scelta del materiale si tenuto presente limportanza di una sufficiente quantità e varietà di stimoli Nella stanza è inoltre presente impianto stereo, diffusore di aromi, globo a specchi, proiettori

13 AREA SCURA

14 AREA INTERATTIVA

15 AREA RELAX

16 La Stanza Magica offre la possibilità di acquisire delle competenze sperimentando una serie di stimoli sensoriali semplici, basilari e pianificati Obiettivi di possibile sviluppo nellarea sensoriale con lutilizzo degli strumenti presenti nella stanza - Ambito visivo: reazione visiva, ricerca, fissazione, inseguimento, percezione e memorizzazione dellinformazione visiva. - Ambito tattile: accettazione del contatto, sviluppo di strategie tattili di scoperta, desensibilizzazione riflessa, resensibilizzazione selettiva, prensione manuale, scoperta di oggetti usuali - Ambito uditivo: reazione uditiva, localizzazione, associazione uditiva, adattamento, memorizzazione, identificazione uditiva - Ambito olfattivo: percezione olfattiva, identificazione, memorizzazione dellinformazione olfattiva Non esistono obiettivi a priori ma esistono solo obiettivi ad hoc, creati ad personam

17 Nel promuovere esperienze senso-percettive vengono considerate e stimolate in sinergia più aree di sviluppo oltre a quella tipicamente sensoriale Area neuropsicologica: - stimolare attenzione e memoria - sperimentare la capacità di modificare lambiente attraverso il proprio agire (causa/effetto) proprio agire (causa/effetto) Area affettivo relazionale: - promuovere il piacere di sperimentare e di giocare - favorire il rilassamento - vivere la sensazione di sicurezza, curiosità, ricerca e stupore - facilitare il rapporto partecipativo e paritario Area comunicazionale: - possibilità di comunicare accettazione, rifiuto, scelte, desideri - comunicare emozioni e stati danimo Area motorio prassica: - sperimentare il movimento nella sua globalità - stimolare la coordinazione oculo-manuale Area dellautonomia: - potenziare la possibilità di scelta, di controllo e desplorazione degli stimoli - promuovere liniziativa personale

18 MATERIALE ATTUALMENTE PRESENTE NELLA STANZA MAGICA

19 IL TUBO A BOLLE… Aree maggiormente coinvolte: -sensoriale visiva, tattile uditiva, cinestesica uditiva, cinestesica - motorio/prassica - affettivo/relazionale - neuropsicologica - comunicazionale Tubo di plastica trasparente, contenente acqua ed oggetti. Azionato crea effetti visivi (colori-bolle-oggetti) e tattili (vibrazioni) Premendo i pulsanti posti sulla centralina interattiva, è possibile controllare i colori ed il flusso delle bolle.

20 IL CUSCINO POSTURALE Cuscino con imbottitura granulare che permette di adattarsi al corpo; è dotata allinterno di speciali altoparlanti che creano vibrazioni tattili e sonore. Il cuscino posturale offre una stimolazione tattile ed uditiva, oltre ad una sensazione corporea di sostegno e contenimento fisico. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale - affettivo/relazionale - comunicazionale

21 LA CUPOLA SUONO LUCE… Cupola sensibile al suono; è dotata di ununità CD audio e reagisce alla voce. Produce unemissione luminosa ed una vibrazione in risposta allo stimolo fornendo un feedback per vista, tatto ed udito. Quando non risponde ad un input specifico, i colori cambiano ad una frequenza regolabile Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale (visiva, uditiva, tattile) - comunicazionale - motorio/prassica - affettivo/relazionale - neuropsicologica - comunicazionale

22 IL TAPPETO, LA TENDA E IL PANNELLO VIA LATTEA… Sono intessuti con fibre ottiche Il tappeto è visivamente stimolante e promuove il senso del movimento. Premendo sulla superficie, il colore della fibra ottica cambia. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale (visiva, tattile) - affettivo/relazionale - motorio/prassica

23 IL GLOBO A SPECCHI Utilizzato insieme al proiettore, crea effetti di luce Il globo è appeso al soffitto e fissato allunità motrice Il proiettore crea lampi di luce che si muovono lentamente Può essere utilizzato con effetti di luce fissa Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale (visiva) - neuropsicologica - comunicazionale

24 IL FASCIO DI FIBRE OTTICHE… Il fascio di fibre ottiche stimola la percezione visiva e tattile, la capacità attentiva e promuove un senso di rilassamento. Aree maggiormente coinvolte: - Sensoriale (visiva-tattile) - motorio/prassica - affettivo/relazionale - neuropsicologica - comunicazionale

25 IL PROIETTORE A DISCHI Proietta forme, colori ed immagini sulla parete. Crea effetti di movimento gradevoli. E possibile personalizzare la scelta Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale (visiva) - neuropsicologica - comunicazionale

26 IL TUBO DI LUCI… Tubo di gomma con allinterno delle piccole lampadine che si illuminano ad intermittenza. Possibilità di colori differenti. E di facile utilizzo. Favorisce liniziativa personale. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale - motorio/prassica - neuropsicologica - affettivo/relazionale - comunicazionale

27 PANNELLI TATTILI Quadrati colorati che si possono separare e attaccare sui quattro lati per creare forme diverse. Ogni quadrato da una sensazione tattile diversa E può essere esplorato con le diverse parti del corpo. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale (visiva, tattile) - affettivo/relazionale - motorio/prassica

28 DIFFUSORE DI AROMI Diffonde efficacemente gli oli essenziali in modo naturale Un kit di oli essenziali permette di variare aroma in base alle esigenze di ogni alunno. Può essere usato come rilassante, stimolante, per reminescenze… Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale - neuropsicologica - affettivo/relazionale - comunicazionale

29 COPERTA FRUSCIANTE Il movimento sotto o sopra la coperta produce un sonoro fruscio. E dotata di una fodera che consente di aggiungere oggetti diversi nella coperta per creare suoni diversi. Aree maggiormente coinvolte: - Sensoriale (tattile, visiva, uditiva) - affettivo/relazionale - comunicazionale - motorio/prassica - neuropsicologica

30 BACCHETTE E FIBRE LINELINE Brillano con colori vivaci e fluorescenti quando vengono tenuti sotto la luce UV Possibilità di colori differenti. E di facile utilizzo. Favorisce liniziativa personale. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale - motorio/prassica - neuropsicologica - affettivo/relazionale - comunicazionale

31 OGGETTI MAGICI OGGETTI MAGICI Materiali strutturati e non, facilmente reperibili in commercio. Sono di dimensioni contenute e possono essere agevolmente maneggiati. Offrono stimolazioni sensoriali di vario genere. Aree maggiormente coinvolte: - sensoriale - motorio/prassica - neuropsicologica - affettivo/relazionale - comunicazionale

32 Paradigmi dellintervento - divertire e divertirsi, star bene e provare piacere. - essere causa - poter scegliere Strategie di intervento: - sensazioni singole e/o combinate in sequenza, offerte in funzione delle specifiche esigenze dellalunno: diete sensoriali - creazione di unatmosfera di condivisione - avventure sensoriali basate sullaccessibilità degli strumenti (comandi ed ausili pensati per il livello di comprensione degli alunni)

33 - spazio aperto a tutti, salvo diversa indicazione medica. - accesso, inizialmente, in rapporto 1/1, per permettere una tranquilla, serena, scoperta dellambiente e delle sue possibilità di uso - tempo di permanenza calibrato in base alle possibilità ed esigenze del soggetto. - uso degli spazi e possibilità di ambientazione nei limiti del possibile personalizzata per rendere agibile lo spazio al singolo utente.

34 Aspetti metodologici - inizio e termine della sessione con un RITUALE (struttura CIRCOLARE della seduta) - applicazione di 3 principi base: SIMMETRIA - CONTRASTO e RITMO - scelta e proposta del materale in base ad interessi, preferenze, bisogni dellalunno. - proposta di uso del materiale graduale - proposta di uso di uno strumento alla volta per evitare rischio di sovrastimolazione - tempi e successione di proposte di materiale in sintonia con le esigenze e risposte di ogni singolo individuo.

35 Gli alunni hanno tratto beneficio dallattività in vari ambiti - potenziamento ed uso qualitativamente migliore dei canali sensoriali residui - aumento dellattenzione verso lambiente - aumento della concentrazione sul compito - incremento dellinterazione ludica/sociale - maggior interesse allesplorazione e manipolazione - aumento delliniziativa personale - riduzione delle stereotipie - aumento degli indici di rilassatezza, piacere e benessere.

36 Pensata prioritariamente per gli alunni che presentano gravi disabilità sensoriali, la Stanza Magica, di fatto, si è rivelata unottima opportunità per la maggior parte della popolazione scolastica.

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48 Processo per favorire la comunicazione emergente (earling comunication) in soggetti che esprimono segnali non codificati o utilizzano suoni non consapevoli o indirizzati. Percorso per 10 unità di lavoro PROTOCOLLO STANZA MAGICA

49 Loperatore che lavora con soggetti che presentano una grave disabilità, frequentemente ha difficoltà ad individuare i segnali comunicativi connessi ad un significato e contestualizzabili.

50 verificare se, in un ambiente protetto, Stanza Snoezelen, i segnali comunicativi possano emergere più chiaramente, essere significativi e perdurare nel tempo. OBIETTIVO:

51 Obiettivi del protocollo: - osservare, identificare i segnali che utilizza lalunno, che possono essere associati ad un significato (codifica); - isolare tali segnali da disturbi esterni o da altri stimoli per associarli a un significato specifico e generalizzabile (categoria) e perdurabile nel tempo; - fissare tali segni/segnali associandoli a comportamenti di richiesta o di risposta e/o di scelta, come vocabolario non verbale; - decontestualizzare o trasferire luso di questi segnali a contesti differenti. E auspicabile che tali segnali rientrino nel bagaglio comunicativo duso corrente fra interlocutori dello stesso contesto.

52 Prima di iniziare il lavoro, loperatore avrà cura di compilare la scheda riassuntiva dei dati anagrafici, clinici dellutente. - servizio di provenienza - dati anagrafici - diagnosi - descrizione della disabilità - visione - udito - funzione motoria - movimento della mano SCHEDA ALUNNO:

53 E compito delloperatore predisporre lambiente prima dellinizio della seduta. La Stanza deve presentare le seguenti caratteristiche: Penombra Musica in sottofondo Aroma in diffusione: olio essenziale di lavanda AMBIENTE:

54 Il percorso si articola in 10 sedute con frequenza bisettimanale Ogni seduta ha la durata di 1 ora e vede la presenza di un operatore ed un soggetto in rapporto 1/1. TEMPO:

55 Losservazione e la registrazione dei segnali riguarda: - ingresso nella Stanza - proposta di attività con tipologie di offerta differenti. E opportuno offrire al soggetto tre offerte intercalate. - uscita dalla Stanza. Quanto registrato viene tabulato nella griglia di osservazione che prevede lanalisi di canali non verbali. Qualora durante l offerta dellattività si riscontri il disinteresse o il rifiuto verso una proposta rispetto ad unaltra si procede con lofferta che raccoglie interessi e risposte positive. Registrare, in caso di scelta continua di uno stimolo, se non si tratti di reazione stereotipata o coazione. FASE OPERATIVA:

56 - Tubo a bolle - Fascio di fibre ottiche - Cupola suono /luce. Il materiale deve essere proposto secondo lordine indicato. MATERIALE:

57 Tutte le attività devono essere proposte in forma ludica. In ogni attività devono essere garantiti tre momenti: - presentazione dello strumento spento - presentazione dello strumento acceso - uso dello strumento da parte dellutente. Loperatore farà in modo che lalunno, a seconda del suo bisogno, abbia la postura più adeguata e favorevole allagire. ATTIVITA:

58 - TONO - POSTURA - MOVIMENTO DEL CAPO - MOVIMENTO ARTI SUPERIORI (comprese mani) - MOVIMENTO ARTI INFERIORI - ESPRESSIONE DEL VISO - SGUARDO - EMISSIONE DI SUONI - ESPRESSIONI EMOTIVE (registrazione in modo discorsivo/descrittivo) - ATTENZIONE - MEMORIA GRIGLIA DI OSSERVAZIONE

59 FASE DI VALUTAZIONE: - Analisi dei dati seduta per seduta - Analisi comparativa delle sedute - Identificazione dei segnali maggiormente utilizzati e dei materiali scelti - Fissazione dei segnali usati come comportamento di risposta - Codifica di tali segnali/comportamenti; valutazione di possibile trasferibilità in altri contesti - Valutazione dei risultati - Declinazione di nuove ipotesi di lavoro


Scaricare ppt "Spazio di piacere, di gioco e di scoperta LA STANZA MAGICA."

Presentazioni simili


Annunci Google