La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Qualità e risparmio in emodialisi Opportunità e soluzioni Stefano Saffioti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Qualità e risparmio in emodialisi Opportunità e soluzioni Stefano Saffioti."— Transcript della presentazione:

1 Qualità e risparmio in emodialisi Opportunità e soluzioni Stefano Saffioti

2 Premesse La dialisi è un costo ineludibile È indiscutibilmente a carico del SSN Il guadagno di anni di vita è un valore etico prioritario e non è scambiabile con un corrispettivo valore economico 1 anno di vita in più per un dializzato costa al SSN euro Una parte dellaumento della spesa va quindi scorporata da ottimizzazione delle risorse… abbattimento degli sprechi…ecc. Questo particolare aumento della spesa non può quindi essere ridotto, è in aumento e rispecchia la qualità della Sanità del Nostro Paese

3 Esiste un percorso comune tra economia ed etica in Nefrologia e che produca risparmio? Economia/risparmio Etica Qualità delle prestazioni Risparmio Principale compito del Nefrologo del SSN Delle Direzioni Sanitarie Compito di altri enti Attuale situazione economica rende necessario il risparmio

4 Prevenzione Trapianto renale da vivente Trapianto renale Pre-dialisi Dialisi peritoneale domiciliare Emodialisi di alta qualità non farà la dialisi interromperà la dialisi arriverà alla dialisi a costi ridotti Costi nettamente inferiori rispetto allemodialisi a parità di efficienza riduzione dei costi indiretti > probabilità di dialisi peritoneale

5 Esistono varie tipologie dialitiche con indicazioni differenti sulla base di fattori co-morbidi Dialisi standard Bicarbonato dialisi Dialisi ad alta efficienza AFB HDF HDF online HFR ecc. Disponibile da parte di tutte le ditte di dialisi !

6 Benefici della dialisi ad alta efficienza Riduzione 43% interventi di tunnel carpale (registro Lombardo) >qualità di vita < consumo farmaci antiinfiammatori antidolorifici Riduzione delle ospedalizzazioni (>infezioni) degenza media da 15,52 a 6,64 giorni pz/anno Aumento della stabilità cardiovascolare intra-dialitica < ipoperfusione coronarica e aritmie < ricoveri in UTIC e terapia intensiva Aumento dellHt (1996 retrospettivi su USRDS) 28% in meno consumo di EPO (1998 Congresso Nazionale SIN) (6000 UT/sett/pz) Maggiore biocompatibilità (membrane sintetiche) risposta immunitaria - recupero status nutrizionale - profilo lipidico - processo aterosclerotico Dati rilevati da 58 voci bibliografiche che vanno dal 1996 al 2004 validati ed accettati dalla comunità Nefrologica Internazionale

7

8 Personale Inferm.+ OSS EPO+Farm Materiali Costi indiretti gg.Ricovero Pz/anno Esclusi trasporti e costi indiretti sociali Valutazione sulla base della letteratura Calcolo su euro/die * -28% % 15 gg 9 gg ** Smaltimento rifiuti Ricircolo dellacqua – distribuzione dei concentrati euro + VALORE ETICO! >50% * * Su 250 emodializzati

9 Opportunità soluzioni proposte

10 Opportunità e soluzioni qualità Approvvigionamento dei materiali sulla base della qualità (linee guida della Società Italiana di Nefrologia elaborate dal collegio dei primari) possibilità di scelta del trattamento sulla base della patologia e non del lotto aggiudicato - aumento della richiesta di trattamenti ad alta efficienza = possibile riduzione dei costi Maggiore coinvolgimento a livello organizzativo e decisionale dei Nefrologi

11 Opportunità e soluzioni giorni di ricovero (spesa per cronici + spesa per acuti) Aumento delle postazioni di dialisi – area urbana in perenne affanno (rapporto fiduciario con il medico curante!) - possibili aumenti dei costi per ritardo di inserimento al trattamento e/o possibile riduzione della dose dialitica - ripercussione sullespansione della domiciliare dei pazienti non autosufficienti e/o critici - eventuale contemporaneo investimento per la dialisi vacanza (Strategie Regionali di Sviluppo della dialisi domiciliare Roma 6 luglio 2012)

12

13 Opportunità e soluzioni giorni di ricovero (spesa per cronici + spesa per acuti) Aumento delle postazioni/letti tecnici per il monitoraggio/osservazione dei pazienti nefrologici in particolare dei dializzati – spesa di medicina difensiva (la maggior parte della dialisi deve essere eseguita nella stessa sede delle altre attività nefrologiche)

14 Opportunità e soluzioni Informatizzazione (accelerazione della realizzazione) Maggior utilizzo degli automatismi Formazione continua Aumento delle mansioni (qualità e risparmio) farmaci – ottimizzazione dei trasporti Revisione dellarchitettura dei centri La spesa maggiore: il personale infermieristico Tutte realizzabili a brevissima scadenza !!!

15 1. raccogliere i dati relativi al trattamento di dialisi e trapianto dei pazienti con uremia cronica nella Regione; 2. tipizzare le caratteristiche demografiche e cliniche dei pazienti incidenti e prevalenti; 3. elaborare le curve di sopravvivenza cumulativa dei pazienti e dei loro trattamenti alla luce delle caratteristiche di cui al punto 2; 4. promuovere la rilevazione di dati clinico-epidemiologici sul territorio in riferimento ai soggetti affetti da Insufficienza Renale Cronica in fase pre-dialitica; 5. promuovere la rilevazione di dati clinico-epidemiologici sullInsufficienza Renale Acuta; sviluppare il flusso informativo anche sul carico di lavoro derivante dallInsufficienza Renale Acuta; 6. valutare gli outcome tenendo conto delle diverse modalità di trattamento; 7. monitorare ladeguatezza delle risorse disponibili alla luce delle esigenze emergenti Maggior utilizzo del personale impegnato in mansioni sostituibili dallinformatizzazione inoltre Da P.S.R Lombardia

16 Opportunità e soluzioni Informatizzazione (accelerazione della realizzazione) Maggior utilizzo degli automatismi Formazione continua Aumento delle mansioni (qualità e risparmio) farmaci – ottimizzazione dei trasporti Revisione dellarchitettura dei centri La spesa maggiore: il personale infermieristico Tutte realizzabili a brevissima scadenza !!!

17 Opportunità e soluzioni Informatizzazione (accelerazione della realizzazione) Maggior utilizzo degli automatismi Formazione e Formazione continua Aumento delle mansioni (qualità e risparmio) farmaci – ottimizzazione dei trasporti Revisione dellarchitettura dei centri La spesa maggiore: il personale infermieristico Tutte realizzabili a brevissima scadenza !!!

18 Considerazioni conclusive Analizzare le spese della dialisi a 360° valutando in quale settore devono aumentare e dove possono diminuire non è possibile dare direttive di tagli a tutte le figure economiche coinvolte senza una concertazione Lavorare sulle spese significative (non su quelle più facilmente aggredibili) e che non toccano la qualità della prestazione per non incorrere in un sicuro effetto rimbalzo La riduzione del numero dei ricoveri è punto fondamentale ed esprimerebbe oltre al risparmio un miglioramento delle prestazioni erogate Nel settore personale iniziare una programmazione che porti maggiore qualità vs quantità


Scaricare ppt "Qualità e risparmio in emodialisi Opportunità e soluzioni Stefano Saffioti."

Presentazioni simili


Annunci Google