La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti ASSISTENZA AL PARTO ED OUTCOME MATERNO-INFANTILE IN REGIME OSPEDALIERO: TOSAMAGANGA, TANZANIA RELATORE LAUREANDA Dott.ssa Isabella Neri Nicole Porro CORRELATORE Dott.ssa Giulia Pedrielli Anno Accademico 2012/2013

2 Scopo dello studio: Analizzare la realtà tanzaniana ponendo particolare attenzione alla salute materna ed infantile. Delineare il profilo delle donne che accedono allOspedale della Diocesi di Tosamaganga nella Regione di Iringa, Repubblica Unita della Tanzania. Valutare loutcome della diade madre- bambino in relazione alla modalità di parto ed ai fattori di rischio.

3 La Repubblica Unita della Tanzania: uno sguardo dinsieme 21 regioni continentali 5 regioni Zanzibar Tasso di crescita - 0,6% Speranza di vita 55 anni

4 Piano di politica demografica nazionale: 1992 Aumentare la consapevolezza a tutti i livelli delle interrelazioni tra popolazione, risorse,ambiente e sviluppo. Ridurre la fertilità e i tassi di mortalità infantile per accrescere la speranza di vita alla nascita. Raggiungere alti livelli di consapevolezza nei confronti dellHIV e dellAIDS. Formare professori universitari ed insegnanti nella scuola secondaria con conseguente coinvolgimento delle famiglie nei processi di educazione e formazione dei figli. Eliminare con urgenza le pratiche di mutilazione dei genitali femminili e altre dannose pratiche tradizionali. Investire sulle organizzazioni non governative (ONG) e sulle organizzazioni basate sulla religione che si impegnano in attività legate alla costruzione di edifici, fornitura di servizi alla popolazione, compresa la difesa e garanzia del parto sicuro Rafforzare la preparazione del personale impiegato nei progetti di sviluppo. Attuare dei piani di sviluppo socio-economici. Coordinare e influenzare altre politiche. Garantire uno sviluppo sostenibile con conseguente eradicazione della povertà. Promuovere la parità di genere, luguaglianza, la giustizia di genere e lemancipazione delle donne. Migliorare l'utilizzo delle risorse e dell'ambiente. Rendere i servizi sociali disponibili, accessibili per ogni individuo e di buona qualità. COSTANTE NECESSITA DI OTTIMIZZARE LE RISORSE

5 Salute materno-infantile Tasso di fecondità, livelli di fertilità e contraccezione Visite prenatali, assistenza al parto e puerperio Mortalità infantile e neonatale Mortalità materna La maggior parte delle donne della Tanzania non esegue il numero consigliato di visite prenatali Solo il 15% effettua almeno un controllo nel primo trimestre di gravidanza. 1/3 delle donne non cerca personale sanitario per valutare il decorso della gravidanza fino al termine del secondo trimestre. Il 97% dei bambini sono allattati al seno. La metà dei bambini sotto i 3 anni di vita è allattata esclusivamente al seno per i soli primi 2,4 mesi. Il 14% dei bambini tra i due ed i tre mesi riceve liquidi diversi dal latte materno ed 1/3 riceve alimenti complementari.

6 Piano strategico per la tutela della salute riproduttiva ed infantile La buona salute è un importante risorsa essenziale per l'eliminazione della povertà e lo sviluppo economico. OBIETTIVO : ridurre la morbilità e la mortalità materna, neonatale ed infantile, realizzando gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OMS).

7 Materiali e metodi: LONG Medici con lAfrica Cuamm ha iniziato nel 2012 il programma quinquennale Prima le mamme e i bambini, che è attivo anche nellOspedale della Diocesi di Tosamaganga in Tanzania. Raccolta dati nellOspedale della Diocesi di Tosamaganga. Sono state visionate e selezionate 500 cartelle cliniche relative ai parti dei mesi di gennaio, febbraio, marzo e metà aprile Per ogni cartella clinica sono state raccolte informazioni relative allanamnesi della paziente, modalità del parto ed outcome materno e fetale.

8 Risultati Il campione analizzato nella quasi totalità dei casi si avvicina alla realtà ospedaliera nel III trimestre di gestazione. Il bacino dutenza è vasto: ingressi ospedalieri da tutti i Distretti della Regione di Iringa.

9 > 20 anni 1,3% anni 9,6% > 18 anni 10% anni 47,8% Profilo materno Ospedale della Diocesi di Tosamaganga Dati CedAP Emilia-Romagna 2011

10 5,8%

11 Gravidanze fisiologiche

12 25% VO non eseguita 26,% VO > = 5 cm 31,2% TC vs 5% TC media nazionale

13 Peso alla nascita > 4000 gr 37,5% Indice Apgar I minuto di vita ,3% V minuto di vita ,7%

14 Assistenza attiva del secondamento: 10 UI Ossitocina IM. Clampaggio precoce del funicolo. 22,4% trazione controllata del funicolo.

15 TC 71,4% Feti macrosomi 14,3% TC 100% Feti macrosomi 50%

16 Da gennaio a metà aprile 2013 sono stati registrati: 16 decessi neonatali peri-partum 23 neonati rianimati Indice Apgar > = 7 I minuto 65,2% V minuto 91,3%

17 Conclusioni I Il tasso dei parti cesarei potrebbe indicare un interventismo determinato da una scarsa preparazione del personale presente nella Sala Parto. Un intervento chirurgico aumenta lutilizzo di risorse umane ed economiche e determina maggiori rischi per la paziente ed il nascituro, legati al parto o ad una prossima gravidanza, soprattutto nelle pluripare. Il personale medico e sanitario locale necessita di formazione ed incentivi per lavorare con maggiore determinazione ed attenzione.

18 Conclusioni II Semplificare le linee guida dellOMS per meglio adattarle a questa realtà nella quale spesso le tecnologie sono ridotte. Strumenti quali lauscultazione del battito cardiaco fetale e lassegnazione del punteggio Apgar dovrebbero essere maggiormente accreditati per lavorare con consapevolezza, nonostante ciò la scarsa preparazione ed esperienza del personale porta a vederli come un limite o non proficui. Probabilmente la formazione e laggiornamento potrebbero risultare il giusto investimento per ottimizzare lutilizzo delle risorse, diminuire gli sprechi e favorire il benessere della diade madre e bambino.

19 ASANTE SANA


Scaricare ppt "UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."

Presentazioni simili


Annunci Google