La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I lavori di implementazione in alcune aziende sperimentatrici Enrico Marchiani Pediatra- Pediatria di Comunità- AUSL Forlì e APeC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I lavori di implementazione in alcune aziende sperimentatrici Enrico Marchiani Pediatra- Pediatria di Comunità- AUSL Forlì e APeC."— Transcript della presentazione:

1 I lavori di implementazione in alcune aziende sperimentatrici Enrico Marchiani Pediatra- Pediatria di Comunità- AUSL Forlì e APeC

2 Gruppo multidisciplinare Ausl di Forlì Prof.ssa Paola DallacasaPediatra - Coordinatore del Gruppo Dott. Enrico MarchianiPediatra di Comunità Dott.ssa Laura BorghesiPediatra di Comunità Dott.ssa Angela LanzoniPediatra Ospedaliero Dott. Gabriele BelosiPediatra di famiglia Dott.ssa Angela BandiniGinecologo Ospedaliero Dott.ssa Alessia AlbonettiGinecologo del Consultorio Luciana BiagiottiOstetrica Ospedaliera Valentina MambelliOstetrica Ospedaliera Roberta TumideiOstetrica del Consultorio Lisa MilanesiInfermiera professionale neonati Marna CorzaniInfermiera professionale pediatria comunità Dott. Claudio BartoliniMedico di medicina generale Alga RuscelliAssistente sociale territorio Dott.ssa Antonella LiveraniPsicologa Ospedaliera Dott.ssa Stefania SiboniPsicologa del Distretto Dott.ssa Elena VetriReferente Direzione Sanitaria Ospedale PRIMO PASSO (22 Novembre 2007)

3 Azienda USL di Forli Curva di persistenza dellallattamento al seno

4 Azienda USL di Forli Curva di persistenza dellallattamento al seno La priorità di intervento sembra quindi relativa sia al quadro del I scenario (Basso inizio allattamento al seno) sia al II scenario (interruzione precoce dellallattamento al seno) 87.2% 83,8 % 58,8 %

5 Insufficiente od inappropriato sostegno nel periodo perinatale Identificazione delle condizioni di vulnerabilità : Precedente esperienza negativa Stanchezza alla dimissione Scarsa autonomia alla dimissione MAGGIORI CRITICITA RILEVATE NEL NOSTRO CONTESTO

6 Stili di vita fumo Fattori clinici Anamnesi ostetrica Primipara Parto cesareo

7 Fattori socio-demografici Necessità di riprendere il lavoro Solo se precocemente

8 Insufficiente od inappropriato Sostegno nel periodo perinatale Organizzazione dellassistenza Supplementazione di soluzione glucosata Efficacia di uno strumento Corsi di preparazione alla nascita (non efficace nel sostegno a medio e lungo termine)

9 Sulla base delle criticità individuate: analisi e selezione delle raccomandazioni utili a produrre il cambiamento (per ogni scenario individuato ) Eseguiti 10 incontri nel 2008 ( cadenza mensile ) TERZO PASSO

10 Scenario 1: Basso Inizio Raccomandazione selezionate: 8/14 Raccomandazione n° 1, 2, 3, 5, 6, 8, 11, 12 Fattori di ostacolo Motivazionali n°6 Attitudinali n° 5 Clinici n° 2 Organizzativi n° 4 Gestionali n° 4

11 Scenario 2: Interruzione Precoce Raccomandazione selezionate 15/23 Raccomandazione n° 1, 4, 5, 8, 9, 10, 11, 13, 14, 15, 16, 18, 19, 20, 21 Fattori di ostacolo Motivazionali n° 9 Attitudinali n° 7 Clinici n° 4 Organizzativi n° 5 Gestionali n° 4

12 Sulla base delle RACCOMANDAZIONI individuate: analisi e selezione sia dei fattori di ostacolo che delle azioni e strumenti proposti, per definire un piano di implementazione specifico per il nostro contesto ( per ogni scenario individuato ) Eseguiti 8 incontri nel 2009 ( cadenza mensile ) QUARTO PASSO

13 Sintesi degli strumenti Formazione dei professionisti Competenze nella comunicazione Conoscenze di base sullallattamento al seno (Corso OMS) Informazione alla donna/famiglia Materiale informativo condiviso su offerta dei servizi/consigli Facilitazione alla partecipazione ai Corsi di accompagnamento alla nascita Momenti informativi rivolti a chi non frequenta corsi di accompagnamento alla nascita (comprese donne straniere) Offerta di incontri individuali (prima e dopo il parto) Protocolli dintesa o accordi di programma tra pubblico e privato ( terzo settore )

14 SINTESI DELLE AZIONI Offerta attiva della definizione del piano di allattamento individuale Offerta di supporto accessibile e competente

15 QUINTO PASSO Il gruppo aziendale ha proposto: discussione del piano di allattamento individuale nellambulatorio della gravidanza a termine apertura di un ambulatorio per lallattamento La definizione del piano di implementazione e la sua valutazione è attualmente è in corso

16


Scaricare ppt "I lavori di implementazione in alcune aziende sperimentatrici Enrico Marchiani Pediatra- Pediatria di Comunità- AUSL Forlì e APeC."

Presentazioni simili


Annunci Google