La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 1 Grigliati NTv2 per la riproiezione della cartografia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 1 Grigliati NTv2 per la riproiezione della cartografia."— Transcript della presentazione:

1 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Grigliati NTv2 per la riproiezione della cartografia catastale Ing. Ernesto Sferlazza Resp. Nodo provinciale di Agrigento Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR)

2 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno L'utilizzo della cartografia catastale attualmente disponibile per la maggior parte del territorio italiano richiede la preventiva risoluzione delle problematiche relative alla trasformazione di datum tra il sistema di riferimento catastale locale e quello in cui è definita la cartografia di base di un SIT, per cui spesso per semplicità vengono preferiti metodi più o meno artigianali.

3 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Casi di studio Lo studio descrive una metodologia sperimentale, applicabile alla generalità dei sistemi catastali locali esistenti in Italia, di piccola e grande estensione, che fa uso del metodo di trasformazione basato sulle griglie di scostamenti di coordinate geografiche nel formato NTv2 (National Transformation version 2), previa acquisizione delle monografie di un congruo numero di punti doppi e definizione di un sistema ausiliario locale, non necessariamente basato sul datum originario.

4 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Obiettivo Si itende realizzare un modello di trasformazione della cartografia catastale verso il sistema cartografico nazionale (e indirettamente verso WGS84) che soddisfi i seguenti criteri: semplicità duso; efficienza (in termini di tempo e risorse di calcolo); univocità del risultato; precisione del risultato.

5 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Metodologia adottata. informatizzazione degli elementi geodetici presenti nelle monografie catastali; generazione dei temi puntuali in coordinate piane; definizione ed assegnazione dei sistemi di riferimento; calcolo delle coordinate geografiche dei punti noti; determinazione degli scostamenti di coordinate tra i due sistemi geodetici ed individuazione degli errori grossolani; definizione del modello di trasformazione ; calcolo della griglia degli scostamenti; generazione, validazione e conversione del grigliato nel formato NTv2.

6 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Metodologia adottata Informatizzazione dati da monografie

7 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Metodologia adottata. E N E N generazione dei temi puntuali in coordinate piane; definizione ed assegnazione dei sistemi di riferimento; calcolo delle coordinate geografiche dei punti noti

8 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Metodologia adottata. Sistemi di riferimento catastali SISTEMA GEOGRAFICO, basato sullellissoide Bessel 1841 orientato a Genova I.I.M. secondo la definizione astronomica del 1902 (fi = 44°25 08,235 lambda = 8°55 15,709 Est di GW, azimut su Monte del Telegrafo pari a 117°31 08,91) e con meridiano di riferimento passante per Greenwich. SISTEMA GEOGRAFICO, basato sullellissoide Bessel 1841 orientato a Genova I.I.M. secondo la definizione astronomica del 1902 (fi = 44°25 08,235 lambda = 8°55 15,709 Est di GW, azimut su Monte del Telegrafo pari a 117°31 08,91) e con meridiano di riferimento passante per Greenwich. SISTEMA PIANO, basato sul sistema geodetico definito in precedenza, utilizzando la proiezione Cassini, valori generalmente nulli delle false origini, un fattore di contrazione unitario ed, infine, assegnando i valori delle coordinate geografiche del centro di sviluppo definite nel sistema di appoggio SISTEMA PIANO, basato sul sistema geodetico definito in precedenza, utilizzando la proiezione Cassini, valori generalmente nulli delle false origini, un fattore di contrazione unitario ed, infine, assegnando i valori delle coordinate geografiche del centro di sviluppo definite nel sistema di appoggio Sistemi di riferimento catastali SISTEMA GEOGRAFICO, basato sullellissoide Bessel 1841 orientato a Genova I.I.M. secondo la definizione astronomica del 1902 (fi = 44°25 08,235 lambda = 8°55 15,709 Est di GW, azimut su Monte del Telegrafo pari a 117°31 08,91) e con meridiano di riferimento passante per Greenwich. SISTEMA GEOGRAFICO, basato sullellissoide Bessel 1841 orientato a Genova I.I.M. secondo la definizione astronomica del 1902 (fi = 44°25 08,235 lambda = 8°55 15,709 Est di GW, azimut su Monte del Telegrafo pari a 117°31 08,91) e con meridiano di riferimento passante per Greenwich. SISTEMA PIANO, basato sul sistema geodetico definito in precedenza, utilizzando la proiezione Cassini, valori generalmente nulli delle false origini, un fattore di contrazione unitario ed, infine, assegnando i valori delle coordinate geografiche del centro di sviluppo definite nel sistema di appoggio SISTEMA PIANO, basato sul sistema geodetico definito in precedenza, utilizzando la proiezione Cassini, valori generalmente nulli delle false origini, un fattore di contrazione unitario ed, infine, assegnando i valori delle coordinate geografiche del centro di sviluppo definite nel sistema di appoggio

9 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Metodologia adottata. determinazione degli scostamenti di coordinate ed individuazione degli errori grossolani; Lat_shift = (Lat_Roma40 - Lat_Catast) * 3600 Lon_shift = (Lon_Roma40 - Lon_Catast) *(-3600) Lat_shift = (Lat_Roma40 - Lat_Catast) * 3600 Lon_shift = (Lon_Roma40 - Lon_Catast) *(-3600)

10 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno definizione del modello di trasformazione Il modello di trasformazione da utilizzare in fase di calcolo del grigliato può essere suddiviso in: Il modello di trasformazione da utilizzare in fase di calcolo del grigliato può essere suddiviso in: una componente conforme, riproducibile mediante una trasformazione a 7 parametri ai minimi quadrati a partire dal set di punti doppi a disposizione una componente distorsiva, (differenze tra le coordinate note nel sistema di arrivo e quelle calcolate mediante la trasformazione conforme): può essere modellata mediante un metodo di interpolazione con scarti molto ridotti o addirittura nulli in corrispondenza dei punti doppi (ad es. una tensioned spline o un TIN).

11 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno definizione del modello di trasformazione ZONA INTERNA ALLA NUVOLA DI PUNTI: Modellazione shift mediante TIN o spline ZONA INTERNA ALLA NUVOLA DI PUNTI: Modellazione shift mediante TIN o spline ZONA ESTERNA ALLA NUVOLA DI PUNTI: Modellazione shift mediante TRASFORMAZIONE CONFORME ZONA ESTERNA ALLA NUVOLA DI PUNTI: Modellazione shift mediante TRASFORMAZIONE CONFORME Calcolo dei parametri TRASFORMAZIONE CONFORME

12 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Interpolazione mediante superficie spline delle distorsioni Andamento delle distorsioni per la provincia di Agrigento Valore massimo <11 cm Andamento delle distorsioni per la provincia di Agrigento Valore massimo <11 cm Andamento delle distorsioni per il comune di Genzano di Lucania. Valore massimo < 2 cm

13 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Il formato NTv2 (National Transformation Grid version 2. Il formato NTv2 (Junkins e Farley, 1995) è uno standard di distribuzione delle griglie di trasformazione largamente diffuso a livello internazionale e supportato da molti software GIS proprietari ed open source. Lidea alla base di questo modello di trasformazione consiste nel determinare le correzioni delle coordinate geografiche di un punto mediante interpolazione bilineare delle correzioni dei quattro nodi della griglia tra cui il punto è compreso.

14 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Dalla griglia di scostamenti al file del grigliato NTv2.

15 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno Esempio di applicazione di trasformazione con grigliato.

16 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 La sperimentazione effettuata conferma ampiamente la validità del modello di trasformazione basato sui grigliati in formato NTv2 anche in ambito catastale. Tali grigliati consentono di ottenere scarti praticamente nulli sulle coordinate dei punti nelle monografie catastali. La sperimentazione effettuata conferma ampiamente la validità del modello di trasformazione basato sui grigliati in formato NTv2 anche in ambito catastale. Tali grigliati consentono di ottenere scarti praticamente nulli sulle coordinate dei punti nelle monografie catastali. E stata riscontrata lesistenza di un limite superiore della risoluzione della griglia pari a 60, al di sopra del quale le prestazioni del grigliato sono assolutamente confrontabili con quelle della trasformazione a 7 parametri, ed un limite inferiore pari a 15, in corrispondenza del quale laccuratezza si stabilizza al suo valore massimo. E stata riscontrata lesistenza di un limite superiore della risoluzione della griglia pari a 60, al di sopra del quale le prestazioni del grigliato sono assolutamente confrontabili con quelle della trasformazione a 7 parametri, ed un limite inferiore pari a 15, in corrispondenza del quale laccuratezza si stabilizza al suo valore massimo. Risultati.

17 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 La trasformazione realizzata soddisfa i criteri di semplicità duso, efficienza e precisione del risultato, tuttavia allo stato attuale non risponde allesigenza di univocità, poiché dipende dalla configurazione dei punti doppi e dalle modalità di individuazione ed eliminazione degli outlier. Per tal motivo è opportuno che lAgenzia del Territorio o altro organismo autorevole si faccia carico di realizzare dei grigliati ufficiali Conclusioni.

18 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 Non è possibile adottare un unico grigliato che contempli tutti i sistemi catastali locali, per via della natura discreta di tale formato. In alternativa, è possibile applicare allo stesso tempo trasformazioni distinte a layer cui competono sistemi catastali diversi. Conclusioni.

19 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 Ladozione di tale metodo di trasformazione potrebbe assumere un ruolo fondamentale nelle fasi di controllo speditivo degli atti di aggiornamento, nella restituzione dei rilievi GPS, nella gestione degli strumenti di pianificazione attuativa, nel recupero di cartografia storica e nel corretto posizionamento dei limiti comunali sulle cartografie tecniche sulla base dei dati catastali Conclusioni.

20 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 Bibliografia. Collier P. A., Argeseanu V. S. e Leahy F. J. (1997), Development of a GDA94 Transformation Process – Consultants Report to Land Victoria, Department of Geomatics, The University of Melbourne, November Collier P. A., Argeseanu V. S. e Leahy F. J. (1997), Development of a GDA94 Transformation Process – Consultants Report to Land Victoria, Department of Geomatics, The University of Melbourne, November Collier P. A. (2002), Development of Australias National GDA94 Transformation Grids - Consultants Report to the Intergovernmental Committee on Surveying and Mapping, Department of Geomatics, The University of Melbourne, February Collier P. A. (2002), Development of Australias National GDA94 Transformation Grids - Consultants Report to the Intergovernmental Committee on Surveying and Mapping, Department of Geomatics, The University of Melbourne, February Junkins D.R. e Farley S.A. (1995), NTv2 Developers Guide, Geodetic Survey Division, Geomatics Canada, Junkins D.R. e Farley S.A. (1995), NTv2 Developers Guide, Geodetic Survey Division, Geomatics Canada, E. Sferlazza, E. Bellini, Conversione di coordinate con grigliati NTv2 - un'applicazione per il territorio siciliano – E. Sferlazza, E. Bellini, Conversione di coordinate con grigliati NTv2 - un'applicazione per il territorio siciliano –

21 Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 Autori dello studio Ernesto SFERLAZZA (*), Antonio FALCIANO (**) (*) Provincia Regionale di Agrigento, Piazza A. Moro, 1 - Agrigento, tel , cell , tel , cell , (**) libero professionista, Via Gabet, 20 - Potenza, cell ,


Scaricare ppt "Trasformazione della cartografia catastale mediante grigliati NTv2 GISe20 – Palermo, 23 giugno 2010 1 Grigliati NTv2 per la riproiezione della cartografia."

Presentazioni simili


Annunci Google