La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Centro Studi Erickson CORSO DI FORMAZIONE: Processi di Apprendimento ed Educazione Cognitiva: Quali competenze per una nuova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Centro Studi Erickson CORSO DI FORMAZIONE: Processi di Apprendimento ed Educazione Cognitiva: Quali competenze per una nuova."— Transcript della presentazione:

1 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Centro Studi Erickson CORSO DI FORMAZIONE: Processi di Apprendimento ed Educazione Cognitiva: Quali competenze per una nuova professionalità docente II° INCONTRO: Empowerment e stili cognitivi Dr.ssa Maria Luisa Boninelli

2 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Empowerment Cognitivo Cosa intendiamo? Acquisizione di un senso personale di potere, allo scopo di sentirsi responsabili del proprio apprendimento (Carter, 2000). Saper automotivare anche dopo linsuccesso Sviluppare la conoscenza, lautomonitoraggio e luso regolato di strategie di apprendimento; Possedere convinzioni e percezioni adeguate di sé che sostengano lintero processo di apprendimento e la capacità di affrontare il fallimento.

3 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Modello di apprendimento ABILITA DI BASE AttenzioneMemoria Lettura e Comprensione COMPETENZE METACOGNITIVE Riflessione/ Autocontrollo COMPETENZE EMOTIVO-RELAZIONALI Attribuzioni/Teorie del sè

4 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli

5 Cosa significa essere abile? ABILITAEXPERTISE

6 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Definizione di Abilità Concezione rigida Le abilità sono poco modificabili e poco controllabili: le persone sono strategiche e motivate solo nelle attività in cui si sentono abili. Concezione flessibile Le abilità sono predisposizioni sviluppabili, anche se con dei limiti massimi per ogni persona.

7 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Definizione di Expertise Un insieme di abilità sviluppate in ambiti specifici attraverso una lunga pratica nel compito

8 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Essere Esperti in un ambito Porta ad acquisire: 1. Comprensione più approfondita 2. Maggiore velocità nello svolgere i compiti inerenti 3. Maggiore controllo sul compito

9 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Metacognizione Cosa Intendiamo: Linsieme delle conoscenze sul funzionamento della mente e le varie forme di controllo esercitate durante un compito cognitivo CONOSCENZE: ciò che la persona pensa su di sè, sul compito, sulle strategie, sugli scopi CONTROLLO: pianificazione, previsione, monitoraggio, verifica

10 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Strategia consapevole Procedura potenzialmente consapevole controllabile e controllabile avente scopi specifici, quali lapprendimento.

11 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Esempio di Applicazione di Strategie Vi chiederò di imparare 2 liste di nomi utilizzando ogni volta una diversa strategia

12 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli BaffoCordaCalzaDenteSpaghettoPennaPalcoSpadaSacchettoTortaCassettoPanchinaCassonettoBorsettaTaschinoPacchettoBarbaRuotaScodellaSasso

13

14 Tenda Scala Palla Radio Medaglia Disco Gomma Pozzo Colletto Trono Puntina Ponte Tetto Barca Villa Forno Portafoglio Banco Tazzina Culla

15 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli

16 Discussione in Intergruppo Qual è stata la strategia che avete utilizzato? Perché? Qual è stata la strategia più efficace? Quali altre strategie potevate utilizzare? In quali contesti di vita quotidiana e scolastica posso utilizzare queste strategie?

17 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Considerazioni Luso di strategie e di mnemotecniche: 1. migliora le capacità cognitive 2. accresce la conoscenza dei propri processi di memoria (metacognizione) 3. aumenta la fiducia nella propria capacità mnestica (motivazione) (Higbee, 1981)

18 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Programmi strategici OBIETTIVO: insegnare luso corretto di strategie semplici o complesse atte a migliorare la memoria, lo studio, ecc. IMPORTANTE: sono più efficaci se inseriti in un contesto metacognitivo Lapproccio metacognitivo facilita il mantenimento e il trasferimento di quanto appreso

19 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli MNEMOTECNICHE E METODI DI STUDIO MNEMOTECNICHE Metodo dei loci Parola-chiave METODI DI STUDIO SQ4R Murder

20 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Metodo SQR4 (Robinson 1970) Si articola in 6 fasi: SSURVEY: sfogliare il materiale QQUESTION: porsi delle domande RREAD: leggere il materiale una prima volta RREREAD: rileggere analizzando il testo RRECITE: ripetere RREVIEW: ripassare

21 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Survey= preview Affinchè si acquisisca familiarità con largomento proposto e prima che questultimo venga letto, si suggeriscono alcune strategie: a. Guardare con attenzione la copertina, la tavola dei contenuti e lintroduzione del libro e lindice. b. Sfogliare il capitolo assegnato. Guardare i titoli e i sottotitoli per ciascun paragrafo. c. Guardare in che modo il capitolo è stato organizzato e di quante pagine è composto. d. Leggere velocemente il capitolo o paragrafo introduttivo, la prima frase di ogni paragrafo e il paragrafo riassuntivo per vedere quale materiale verrà discusso e in che modo verrà presentato

22 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Question= domande La lettura che ha come scopo il rispondere alle domande, incrementa la concentrazione, lattenzione, reiterazione, ed interesse nel risolvere il problema. Le domande per poter studiare in modo adeguato largomento possono essere date: a. dallinsegnante b. Compiti per casa c. Domande che si trovano a conclusione di ogni capitolo Cambiare il titolo di ogni paragrafo con una domanda. Ad esempio: ridurre lo stress di studiare. Come posso ridurre lo stress per lo studio? Successivamente dopo aver letto il paragrafo, si potrà rispondere alla domanda precedentemente redatta, o in fondo al paragrafo oppure ai margini di esso.

23 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli R= read (lettura) Leggere il paragrafo una volta per capire il contenuto e rispondere alle domande che si è posti in precedenza. Sul quaderno scrivere i titoli dei paragrafi Non prendere appunti mentre si legge Effettuare associazioni o connessioni per ricordare meglio il contenuto Mentre si legge utilizzare una matita per segnare alcune cose importanti. (vedi ad. Esempio date, nomi, formule). Interrompere la lettura dopo circa un ora o 1 e ½, qualora il compito risultasse piuttosto complesso. Se necessario rileggere in modo attivo.

24 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli R=record Dopo aver letto ogni sezione e ogni pagina, si riflette e si riassume il lavoro utilizzando il quaderno degli appunti. Il riassunto devessere scritto con parole proprie, per rinforzare la comprensione e capire cosa si è letto. Il prendere appunti in questo momento, e non prima, assicura, che si stanno riassumendo le parti più importanti del testo. A questo punto è necessario tornare indietro nel paragrafo e sottolineare attraverso un evidenziatore, o un colore, le parti o idee più importanti. La sottolineatura deve riguardare al max il 10%-15% del testo. E necessario scrivere gli esempi a matita a lato del foglio, in modo tale da separare lidea principale dagli esempi.

25 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli R= Recite La memoria a breve e a lungo termine viene di gran lunga aiutata attraverso lascolto e la ripetizione orale ad alta voce. Lideale: ripetere a qualcuno. Se questultimo è assente, occorre registrare la propria esposizione ed ascoltarla. Farsi delle domande e rispondere sempre ad alta voce. Studiare con un amico o in piccolo gruppo, per rinforzare e discutere largomento appreso.

26 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli R= Recite Il ripetere ad alta voce, consente di ricordare l 80% dellargomento. I concetti appresi verranno mantenuti intatti nella memoria per circa due settimane. Il NON ripetere ad alta voce, provoca una perdita dell 80% per largomento studiato dopo circa due settimane. Fate leggere e ripetere ad alta voce tutti i vostri allievi, qualsiasi materia essi stiano studiando.

27 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli R=Reflect/review E una fase metacognitiva. Essa lavora e supporta la memoria a lungo termine.

28 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Metodo SQ4R Vantaggi: 1. Motiva lapprendimento 2. Stimola la riflessione personale 3. Permette di rivedere e rielaborare il materiale appreso attraverso il ripasso.

29 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Metodo Murder Dansereau (1985; 1988 ) Si articola in 6 fasi: M MOOD: Atteggiamento mentale ed emotivo positivo verso il materiale di studio UUNDERSTAND: leggere, cercando di capire R RECALL: riassumere e ricordare senza guardare il testo DDETECT: controllare lesattezza e la completezza del ricordo E ELABORATE: mettere in atto strategie per fissare il materiale R REVIEW: ripassare

30 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Metodo Murder Dansereau (1985; 1988 ) Ogni fase propone due tipi di strategie: DIRETTE AL TESTO Costruzione di reticoli Analisi di concetti-chiave. DIRETTE AL SOGGETTO Sottolineano il ruolo attivo del soggetto, migliorando la concentrazione e linteresse per lo studio.

31 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Studiare Lo studio implica diverse abilità cognitive, come: a. Attenzione b. La lettura c. La comprensione d. La memoria Che insieme concorrono allapprendimento di nuove informazioni.

32 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Studiare Le componenti che contribuiscono a spiegare le differenti prestazioni di studio degli studenti riguardano: 1. Le abiltà di studio 2. Le strategie 3. La metacognizione 4. La motivazione

33 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Studiare Un ulteriore elemento di differenza è rappresentato dagli STILI COGNITIVI

34 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stili Cognitivi La ricerca sugli stili cognitivi è iniziata negli anni 50 con i lavori: di Bruner sulla scoperta dei concetti, di Guilford sulla creatività dellintelligenza di Witkin sulla percezione.

35 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Cosa sintende per Stile Cognitivo Modalità di elaborazione che il soggetto adotta in modo prevalente, che permane nel tempo e che si generalizza a compiti diversi.

36 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo (Boscolo e Cornoldi, 1991) Lo Stile Cognitivo è una caratteristica del soggetto che influenza non solo lelaborazione cognitiva, ma anche aspetti che riguardano: a. La personalità, b. Gli atteggiamenti, c. Le relazioni sociali

37 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo Tende a stabilizzarsi nel tempo attraverso un processo circolare. Ladozione dello stile preferito conduce a risultati migliori che, a loro volta, stimolano la motivazione, e portano a riutilizzare in compiti simili le stesse strategie.

38 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo Non è qualcosa di rigido. Ci possono essere situazioni che si affrontano meglio con uno stile cognitivo diverso dal proprio. La capacità di riconoscere le situazioni come più o meno confacenti al proprio stile dipende dal livello metacognitivo dello studente.

39 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo Nellapprendimento è perciò importante che gli studenti conoscano e adottino preferibilmente il loro stile, ma che facciano esperienza con stili differenti, imparando a riconoscere le caratteristiche del compito e del materiale in cui è più opportuno usare un stile piuttosto che un altro.

40 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stili Cognitivi Gli stili su cui esiste una maggiore convergenza tra gli studiosi sono i seguenti: a.Stile Globale/analitico b.Stile dipendente/indipendente dal campo verbale c.Verbale/visuale d.Convergente/divergente e.Sistematico/intuitivo f.Impulsivo/riflessivo.

41 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stili Cognitivi: Globale/Analitico Preferenza di una persona per una percezione del dettaglio o dellinsieme. F avoloso Qualcuno può percepire di primo acchito una F, mentre un altro può percepire una serie di lettere piccole. La modalità di rielaborazione percettiva influenzerà poi il successivo recupero dellinformazione.

42 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo: Globale/Analitico A scuola uno studente dallo stile Globale, di fronte ad un testo o ad una immagine tenderà a cogliere inizialmente laspetto generale. Al contrario uno studente dallo stile Analitico punterà inizialmente lattenzione sui particolari.

43 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Lo Stile Cognitivo: dipendente/ Indipendente Si riferisce principalmente allelaborazione percettiva, ma anche alla soluzione dei problemi e alle caratteristiche di personalità. Il soggetto dallo stile dipendente possiede una percezione poco differenziata e fortemente dominata dallorganizzazione del campo, Il soggetto dallo stile Indipendente si lascia poco influenzare dal contesto ed ha un atteggiamento più autonomo.

44 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Lo Stile Cognitivo: dipendente/ Indipendente Uno dei compiti proposti per identificare tale stile consiste nel fare riconoscere allo studente velocemente alcune figure geometriche semplici inserite in figure più complesse. Lo studente campo-indipendente a scuola, e forse anche nella vita è portato ad avere un suo punto di vista, è flessibile nellaffrontare le varie situazioni stimolo. Lo studente campo-indipendente si basa maggiormente sui dati che gli vengono forniti, è più legato alla situazione stimolo.

45 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo: Verbale/Visuale Si base sulla distinzione tra soggetti che prediligono il codice linguistico ed altri che preferiscono un codice di tipo visuo- spaziale. Questo stile esplica maggiormente a livello di memoria: le informazioni si codificano, si organizzano e si recuperano in funzione dello stile preferito.

46 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo: Verbale/Visuale La modalità più semplice per valutarne la preferenza di un individuo è presentare un compito in cui si richiede: una elaborazione verbale una elaborazione visiva Confronto della prestazione mnestica fornita nelle due modalità. Lo studente verbalizzatore utilizzerà preferibilmente strategie di apprendimento come il riassunto o le associazioni verbali,

47 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo: Verbale/Visuale Lo studente verbalizzatore utilizzerà preferibilmente strategie di apprendimento il riassunto le associazioni verbali. Lo studente visualizzatore punterà su strategie come: a. Immagini mentali b. I legami grafici c. La rappresentazione grafica

48 Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Stile Cognitivo: convergente/divergente Lo studente dallo stile convergente, procede seguendo una linea logica e convenzionale e convergeverso una risposta unica e prevedibile. Lo studente dallo stile divergente, parte dallinformazione data per procedere in modo autonomo e creativo, generando una quantità e varietà di risposte, di buona qualità, originali e flessibili.


Scaricare ppt "Dr.ssa Maria Luisa Boninelli Centro Studi Erickson CORSO DI FORMAZIONE: Processi di Apprendimento ed Educazione Cognitiva: Quali competenze per una nuova."

Presentazioni simili


Annunci Google