La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La famiglia e il disturbo mentale grave Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 20010/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La famiglia e il disturbo mentale grave Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 20010/2011."— Transcript della presentazione:

1 La famiglia e il disturbo mentale grave Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a /2011

2 la famiglia costituisce uninsostituibile risorsa sia per la persona sia per i servizi sanitari

3 prima della legge 180 il manicomio è lunica risposta al disturbo mentale. La persona affetta da disturbo mentale è fonte di pericolo e di vergogna e il suo isolamento è necessario per proteggere la società il ricovero manicomiale però non allevia il carico familiare

4 dopo la legge 180 nascono i servizi territoriali con lobiettivo di prevenire, curare e riabilitare. Le persone affette da disturbo mentale e i loro familiari possono accedere a percorsi terapeutici, riabilitativi, emancipativi, nella pienezza del loro diritto, nella concretezza della loro vita reale, allinterno dei loro contesti familiari e sociali. Il rapporto tra famiglia e servizi diventa fondamentale

5 Il carico oggettivo riguarda il costo diretto e indiretto della malattia: i costi economici, la necessità di cambiare spesso casa o di doverne acquistare una nuova,le ore e le giornate di lavoro perse e, soprattutto per le donne, la rinuncia al lavoro o alla progressione di carriera, il tempo impiegato nellassistenza, le spese per la mancata autonomia del figlio che resta in casa

6 il carico soggettivo descrive il modo in cui le singole persone vivono individualmente quel particolare evento come quel particolare problema risuona e si amplifica nella loro vita affettiva e di relazione. il disturbo mentale, soprattutto se di un/a figlio/a rimanda a sentimenti di frustrazione, fallimento, disperazione

7 carico soggettivo sviluppo di sintomi ansiosi, depressivi e/o psicosomatici sentimenti di colpa vergogna isolamento sociale disorientamento prodotto dalla disinformazione sul disturbo mentale e attribuzioni causali semplicistiche o irrazionali

8 il carico soggettivo è più difficilmente quantificabile, ma ha conseguenze di enorme portata sullequilibrio dei familiari più vicini alla persona e condiziona fortemente il percorso di guarigione

9 Alcuni genitori parlano con dolore di lutto: come se ogni giorno perdessero quel figlio ideale tanto desiderato e che invece si presenta così diverso nella realtà quotidiana.

10 effetti emotivi del carico senso di colpa sensazione di angoscia preoccupazione, paure perdita di speranza impossibilità di fare programmi a lungo termine confusione di ruoli amplificazione dei conflitti

11 effetti sociali del carico stigma e pregiudizio isolamento sociale restringimento delle attività sociali e del tempo libero

12 Caratteristiche socio-demografiche dei familiari (sesso femminile, basso livello di istruzione, essere coniugi del paziente) caratteristiche cliniche del disturbo mentale (scarso funzionamento sociale, lunga durata del disturbo, presenza di sintomi negativi come appiattimento affettivo, afinalismo, impoverimento ideativo) rete sociale e risorse personali dei familiari (isolamento e scarso supporto della rete sociale, ristretta gamma di strategie per fronteggiare la situazione) Variabili che predicono alti livelli di carico

13 risorse personali caratteristiche proprie dei vari componenti sistema di valori capacità di adattamento emotivo abilità sociali dei singoli

14 risorse della rete sociale la famiglia estesa gli amici i volontari

15 risorse della rete dei servizi distretto medico di famiglia consultorio ospedale centro di salute mentale

16 i problemi in più di una famiglia che deve affrontare il disturbo mentale salute fisica, cure mediche passaggi difficili del ciclo di vita maggiori spese recupero delle energie nel tempo libero solitudine isolamento relazione educazione informazioni rapporto con i servizi formali

17 Strategie adottate dai familiari, quando si manifesta per la prima volta la sofferenza psichica in un loro congiunto, prima di rivolgersi al CSM 1. tentano di superare le difficoltà da soli, attingendo alle proprie risorse personali o rivolgendosi a quelle della rete informale di amici, parenti, conoscenti 2. si rivolgono a quelle persone che forniscono un consiglio autorevole, come: autorità religiose, insegnanti, persone ritenute particolarmente sagge 3. cercano conforto nella magia 4. utilizzano forme di medicina alternativa 5. affidano al medico di fiducia o alla struttura ospedaliera locale la decisione su chi si debba consultare o da chi si debba essere curati

18 Psichiatria, famiglia e modelli psichiatrici modello medico biologico la malattia mentale viene vista ed interpretata in termini anatomo-fisiologici. Ad essa è attribuita una causa organica. La malattia è considerata ereditabile. Questo determina nella famiglia senso di colpa e vergogna modello psicoanalitico prende in considerazione la famiglia del paziente ma non la coinvolge fisicamente nella terapia. La cura resta incentrata sul rapporto medico-paziente

19 modello sistemico relazionale la famiglia è vista come un sistema i cui membri si influenzano a vicenda.La malattia è causata, secondo questo approccio, da disturbi relazionali modello antipsichiatrico la famiglia è colpevole del disturbo mentale esattamente come il manicomio e il carcere dato che elimina la libertà dellindividuo modello psicoeducativo fornisce alla famiglia strumenti semplici per migliorare la convivenza con la persona affetta da un disturbo mentale Psichiatria, famiglia e modelli psichiatrici

20 gruppi di self-help 1)identificare i bisogni delle famiglie, fornire sostegno sia dando informazioni sia dando aiuto concreto 2)chiarire il rapporto tra famiglie e Sevizi e migliorare la collaborazione 3)dare informazioni sul disturbo, sulle leggi, su possibili finanziamenti 4)ridurre lo stigma associato alla malattia mentale attraverso corsi di educazione sanitaria ed il coinvolgimento sia della comunità sia dei mass-media 5)dare la possibilità alle famiglie di avere momenti di pausa in cui altri servizi si occupano del loro familiare

21 modelli psicoeducativi ed emotività espressa Obiettivo dei modelli psicoeducativi è diminuire il numero e lintensità delle ricadute agendo sullambiente familiare, ossia riducendo i livelli di Emotività Espressa

22 valutazione dellEmotività Espressa (EE) critica commenti sfavorevoli verso il soggetto ostilità rifiuto o sentimento negativo rivolto conto la persona e nono contro un suo specifico comportamento ipercoinvolgimento emotivo eccessivo coinvolgimento dei familiari verso la malattia del congiunto calore affettivo sentimenti positivi verso il paziente commenti positivi approvazione verso il comportamento della persona che sta male

23 Famiglie ad alta Emotività Espressa ipercritiche ostili eccessivo ipercoinvolgimento emotivo Tutti questi fattori costituiscono un ostacolo al decorso del disturbo

24 calore affettivo commenti positivi comunicazioni chiare buona capacita di ascolto Sono fondamentali per il decorso favorevole del disturbo Famiglie a bassa Emotività Espressa

25 Studi del 1970 di Vaughn e Leff hanno chiarito che terapia farmacologica i farmaci non prevengono le ricadute come invece sembra fare un ambiente familiare a bassa emotività espressa frequenza dei contatti tra il paziente e i suoi familiari sono in stretto legame con le ricadute. Le recidive di un soggetto affetto da disturbo mentale a contatto con una famiglia ad alta EE diminuiscono se diminuisce il contatto con la famiglia

26 rete sociale reti primarie relazioni di natura familiare, parentale amicale e di vicinato reti secondarie relazioni con strutture che hanno il compito di fornire assistenza

27 Supporto sociale ed eventi stressanti le persone che possiedono una buona rete sociale e quindi dispongono di un elevato supporto sociale riescono ad affrontare meglio gli eventi della vita. Le persone che invece non hanno una buona rete sociale hanno meno difese nei confronti dello stress

28 Rete sociale e famiglie di persone affette da un disturbo mentale la rete sociale è ridotta le persone coinvolte sono poche rispetto alla norma e la qualità delle relazioni è scarsa

29 Rete sociale e carico familiare una buona rete sociale è collegata alla riduzione del carico sia oggettivo che soggettivo dei familiari ed a un miglioramento globale delle loro condizioni di vita

30 Potenziamento della rete sociale associazioni gruppi multifamiliari self-help

31 Presentazione di un progetto di lavoro con le famiglie ad alto carico promosso e sperimentato da oltre 20 anni dal DSM di Trieste

32 Modalità 1.non si pone come finalità immediata la terapia familiare, anche se infine risulta terapeutico 2.prevede incontri con gruppi multifamiliari (da 5 a 20 famiglie) 3.intende dare massima rilevanza al familiare in quanto tale, in quanto soggetto interlocutore del servizio, in quanto soggetto esso stesso bisognoso di ascolto e di aiuto 4.non prevede pertanto la presenza del paziente e presuppone che negli incontri non si parli di lui ma di noi (familiari)

33 lavoro in gruppo presenza degli altri familiari utile ad aumentare competenza ed autonomia di ciascun partecipante. l atmosfera di solidarietà che viene a crearsi attenua il senso di isolamento e permette di confrontarsi su problemi ed esperienze simili, aiutarsi reciprocamente suggerendo diversi punti di vista e strategie, giungendo spesso a trovare nuove soluzioni che realmente permettono di migliorare la qualità della vita dei familiari e del paziente

34 permettere ai familiari di sviluppare la loro autonomia ed autostima, evidenziando che loro stessi sono degli esperti nella gestione dei comportamenti disturbati del parente nella vita quotidiana. riconoscere il sapere incondizionato dei familiari ovvero quel sapere che non deriva dai libri ma dalle conoscenze sviluppate nellesperire concreto

35 lavorare con le famiglie significa instaurare innanzitutto un rapporto paritetico tra operatori e familiari. Il polo professionale deve in primo luogo abbandonare la propria tradizionale posizione di dominio

36 rinunciare a teorie sul ruolo giocato dai familiari nellinsorgere e nel persistere del disturbo psichiatrico, o almeno ammettere che si tratta soltanto di ipotesi(decolpevolizzazione)

37 riconoscere ai familiari le loro competenze, cui va dato il giusto risalto favorendo la loro partecipazione attiva (protagonismo)

38 evitare atteggiamenti da consulente esperto, valorizzando invece leperienza dei familiari

39 destinatari i familiari che convivono quotidianamente con il paziente (in primo luogo i genitori, ma eventualmente anche fratelli e sorelle) e quindi con un forte carico. Il gruppo multifamiliare, una volta costituitosi, è in linea di massima chiuso al fine di permettere una certa continuità nel percorso formativo e nel rafforzamento delle relazioni fra i partecipanti

40 obiettivi -psicoeducativi-informativi (oggettivi) -terapeutici (soggettivi) -di rete -associativi

41 obiettivi psicoeducativi-informativi (oggettivi) conoscenza della schizofrenia, informazioni su cause, decorso, cure, esiti e riabilitazione, ma anche comprensione del senso sottostante la malattia del figlio e del proprio vissuto di genitore; stimolazione di nuovi punti di vista e di approccio nei confronti del paziente, ristrutturazione di schemi concettuali e comportamentali che coinvolgono tutta la famiglia

42 obiettivi terapeutici (soggettivi) che si configura come momento di scarico emotivo in un ambiente accettante ed incoraggiante al di fuori delle mura domestiche e di confronto e scambio di esperienze con persone che vivono una situazione analoga

43 obiettivi di rete rafforzamento della rete sociale (solidarietà) attraverso la promozione dell aiuto reciproco, ma anche di momenti di tempo libero autorganizzati dai familiari

44 obiettivi associativi attivazione dei familiari al lavoro delle associazioni di auto- aiuto al fine di sensibilizzare lopinione pubblica e le amministrazioni per ottenere nuove risorse e strumenti per la cura e la riabilitazione

45 Carico oggettivo risultati

46 Carico soggettivo risultati

47 Percezione di aiuto ricevuto risultati

48 Atteggiamenti positivi risultati

49 Criticismo risultati


Scaricare ppt "La famiglia e il disturbo mentale grave Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 20010/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google