La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 QUATTRO CHIACCHIERE LO STUDIO LEGALE BELLAZZI – BORGOGNA – CACCIALI E LIETO DI INVITARTI ALLINCONTRO DRIN, DRIN: CHI E: GUARDIA DI FINANZA Quello che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 QUATTRO CHIACCHIERE LO STUDIO LEGALE BELLAZZI – BORGOGNA – CACCIALI E LIETO DI INVITARTI ALLINCONTRO DRIN, DRIN: CHI E: GUARDIA DI FINANZA Quello che."— Transcript della presentazione:

1 1 QUATTRO CHIACCHIERE LO STUDIO LEGALE BELLAZZI – BORGOGNA – CACCIALI E LIETO DI INVITARTI ALLINCONTRO DRIN, DRIN: CHI E: GUARDIA DI FINANZA Quello che serve sapere quando bussa la Guardia di Finanza in Azienda. Aspetti pratici e giuridici

2 DRIN, DRIN: CHI E: GUARDIA DI FINANZA Ma chi è la Guardia di Finanza? La Guardia di Finanza, qualificata dall'art.1 del D.M. 16 luglio 1926, come Polizia Tributaria è organo ausiliario degli uffici finanziari, cui spettano ampie funzioni investigative rispetto all'accertamento e alla repressione delle violazioni delle imposte e delle tasse. Le sono conferiti tutti i poteri e idiritti dindagine, di accesso, di ispezione, di controllo e di richiesta di informazioni che spettano ai singoli uffici finanziari incaricati per l'accertamento dello specifico Tributo. Detti poteri sono potenziati dalla qualifica permanente conferita agli appartenenti della Guardia di Finanza di ufficiali ed agenti di Polizia Giudiziaria, come previsto dall art. 57 cpp, che consente loro di eseguire verifiche e controlli con carattere di globalità e con notevoli effetti indotti in campo tributario. Giova a tal proposito evidenziare che, in virtù di quanto dettato dall'art. 30 della legge 7 gennaio 1929 nr. 4, l'accertamento delle violazioni tributarie costituenti reato spetta agli ufficiali ed agli agenti della polizia tributaria ed agli ufficiali ed agenti della polizia giudiziaria ordinaria. 2

3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Con la legge 27 luglio 2000 n.212 è stato approvato Lo Statuto Dei Diritti del Contribuente che, all'art. 12, primo comma, ha compiutamente regolamentato l'istituto dell'accesso ai fini fiscali sia in termini temporali che in rapporto ai destinatari dell'attività di controllo. In relazione al tempo di esecuzione dell'accesso, tale articolo ha espressamente codificato che lo stesso, salvo casi eccezionali ed urgenti, deve svolgersi durante l'orario ordinario di esercizio delle attività e con modalità tali da arrecare la minore turbativa possibile. Il decreto legge n.70/2011,in vigore dal 14 maggio 2011 allart.7, comma 1, ha codificato la prassi, prevedendo che la Guardia di Finanza, negli accessi di propria competenza presso le imprese, opera, per quanto possibile, in borghese. In materia di IVA e di imposte sui redditi i poteri attribuiti agli organi preposti al controllo sono quasi analoghi e sono previsti rispettivamente dagli articoli da 51 a 66 e 75 del DPR nr. 633 e successive modificazioni ed integrazioni, e dagli articoli da 31 a 43 e 70 del DPR 29 settembre 1973, nr.600., che disciplinano altresì le regole procedimentali. imposta di registro: art. 1 del R.D.L , n. 63, sostituito dallart. 1 del R.D.L , n. 1290;artt. 10, comma 1, lettera d), 15, 5l, comma 4, e 63 del D.P.R , n. 131; imposta sulle successioni e donazioni: art. 1 del R.D.L , n. 63, sostituito dallart. 1 del R.D.L , n. 1290; artt. 34, comma 4, e 47 del D.Lgs , n. 346 (per limposta sulle successioni); art. 60 del D.Lgs , n. 346 (per limposta sulle donazioni); accise: art. 18 del D.Lgs , n. 504; artt. 33 e 35 della legge , n. 4; 3

4 imposta di bollo: artt. 34, 35 e 36 del D.P.R , n. 642, e successive modificazioni; legge , n. 4; imposte ipotecarie e catastali: art. 1 del R.D.L , n. 63, sostituito dallart. 1 del R.D.L , n. 1290; lart. 13 del D.Lgs , n. 347; imposta sugli spettacoli: artt. 18 e 37 del D.P.R , n. 640; legge , n. 4; tasse sulle concessioni governative: art. 10 del D.P.R , n. 641; legge , n. 4; tasse sulle radioaudizioni: art. 24 del R.D.L , n. 246, convertito in legge , n. 880; art. 11 della legge , n. 996; legge , n. 4; tasse automobilistiche: art. 2 della legge , n. 27;art. 38 del D.P.R. 5.2.l953, n. 39; D.L , n. 953, convertito nella legge , n. 53; legge , n. 4; tasse sui contratti di borsa: art. 100 del R.D , n. 1068; art. 13 del R.D , n. 3278;legge , n. 4; art. 20 del D.M ; imposta sulle assicurazioni private: art. 28 della legge , n. 1216; legge , n. 4; settore doganale: art. 25 del D.P.R , n. 43; art. 32, commi 1 e 4, e 64 del D.L , n. 331, convertito, con modificazioni, nella legge , n. 427, in combinato disposto con lart. 11, comma 9, del D.Lgs , n. 374; artt. 33 e 35 della legge , n. 4; 4

5 L'ACCESSO AI FINI FISCALI DELLA GDF La legge non disciplina la verifica in sé, ma i singoli poteri attraverso i quali la stessa si esegue: laccesso presso i locali in cui viene esercitata una determinata attività; la ricerca presso detti locali dei documenti contabili; il raffronto, attraverso lesame dei predetti documenti, fra realtà contabile, realtà economica finanziaria e posizione fiscale del soggetto verificato (artt. 32 e 33 del D.P.R. nr. 600 del 29 settembre 1973 e art. 52 del D.P.R. nr. 633 del 26 0ttobre 1972). Prima di iniziare la trattazione sulle verifiche fiscali, è necessario affrontare listituto attraverso il quale ha inizio lattività ispettiva, l'accesso. L'accesso è un intervento ispettivo presso la sede del contribuente o presso il suo domicilio privato, lo stesso deve essere effettuato sulla base di effettive esigenze dindagine e controllo sul luogo e nellosservanza del principio di contestualità. L'attività deve comunque essere posta in essere con modalità tali da arrecare la minor turbativa possibile allo svolgimento delle attività stesse, nonché alle relazioni commerciali o professionali del contribuente. Tali esigenze ricorrono, di norma allorquando lintervento ispettivo richieda: o La necessità di procedere a ricerche di documentazione contabile o extracontabile, compresa quella accessibile per il tramite di apparecchiature informatiche; o Leffettuazione di rilevamenti materiali che possono eseguirsi esclusivamente presso la sede dellattività ovvero in altri luoghi a questa riconducibili, come nel caso delle verificazioni dirette o delle altre rilevazioni. Difettando queste ultime la verifica fiscale non potrà essere avviata mediante laccesso presso la sede del contribuente, bensì convocando il contribuente presso gli Uffici ai sensi degli artt. 51 del DPR 633/72 e 32 del DPR 600/73. 5

6 6 L'attività investigativa delle forze armate sopra citate ha natura amministrativa e non risulta retta dal principio del contraddittorio, proprio invece del procedimento giurisdizionale. Con Sentenza 16 febbraio 2010, n. 3569, la Corte di Cassazione ha stabilito che, qualora in sede di ispezione gli agenti della Guardia di Finanza non provvedano a contestare al contribuente le violazioni rilevate, il conseguente accertamento fiscale è regolare e, pertanto, legittimo. Il contribuente ha comunque la facoltà di delegare per l'assistenza- rappresentanza esperti in materia tributaria, avvalendosi di quanto disposto dall' art. 63 del D.P.R 600/1973. Nell'ipotesi in cui il titolare o il delegato si trovino nella convinzione che taluni comportamenti posti in essere dai verificatori non siano legittimi, o per errata interpretazione della norma o per convincimenti derivanti da una diversa configurazione di fatti di gestione, sono legittimati a fare attestare il proprio dissenso nel verbale quotidianamente redatto o nell'atto definitivo, fermo restando i diritti riconosciuti al contribuente dagli artt. 12/13 dello specifico Statuto.

7 GLI ATTI DELLA VERIFICA Foglio di servizio ed ordine di accesso: è latto firmato dal Comandante del Reparto della GDF(o da altro ufficiale di PT competente) nel quale è data indicazione dei seguenti elementi: indicazione del reparto operante, luogo e data delle operazioni, nome e grado dei verificatori, tipo di verifica e norme di richiamo, dati identificativi del contribuente nei cui confronti viene eseguita la verifica (nome cognome ovvero denominazione o ragione sociale, sede ecc…). Lordine deve essere datato e firmato. (opposizione accesso, intervento degli organi di polizia il contribuente si espone allart. 337 cpp e art. 53 comma 1 n. 4 DPR 600/1973) Processo verbale di verifica: è latto avente valore giuridico di atto pubblico, nel quale vengono descritte in modo sintetico ma significativo le operazioni giornaliere compiute comprese le procedure e le metodologie di controllo nonché le richieste rivolte alla parte e le risposte ricevute. E sottoscritto dai militari della GDF e dalla parte (ovvero da un suo rappresentante munito di procura speciale). E redatto in tre copie una delle quali deve essere consegnata alla parte. Piano di verifica: E il documento interno nel quale vengono decisi gli indirizzi strategici della verifica. Processo verbale di accesso domiciliare: E latto che viene redatto allorquando, su autorizzazione del magistrato, la GDF procede allaccesso presso i locali del domicilio. Una copia dellatto va consegnata insieme allautorizzazione dellAG debitamente notificata, alla parte che subisce laccesso. Processo verbale di perquisizione: E latto con il quale viene data testimonianza delle operazioni di perquisizione eseguite dietro autorizzazione dellAG, sulle cose o sulle persone. Processo verbale di constatazione: E latto conclusivo della verifica nel quale vengono descritte le operazioni compiute e le violazioni formali e sostanziali contestate. Una copia va consegnata alla parte. Permette la definizione agevolata della verifica legge 133/2008, riduzioni delle sanzioni ad 1/6 del minimo 7

8 La potestà di acceso, attribuita alla polizia tributaria (ufficiali ed agenti) ed agli Uffici Finanziari (funzionari ed impiegati), può esercitarsi, su specifica autorizzazione del capo dell'ufficio procedente, in ogni locale adibito ad azienda industriale, commerciale ed agricola, anche se destinato promiscuamente all'esercizio di attività artistica o professionale. All'atto dell'accesso, sarà esibita la prescritta autorizzazione rilasciata dal capo dell'ufficio, dalla quale deve risultare lo scopo dell'intervento, ovvero deve essere specificato se l'attività ispettiva è a carattere generale o parziale, con riferimento alle singole norme che regolano l'accertamento. Il terzo comma dell'art. 52, in modo categorico afferma che per poter procedere, durante l'accesso, a perquisizioni personali, all'apertura coatta di plichi sigillati, borse, casseforti, mobili, ripostigli e simili, e per l'esame della documentazione per la quale può essere eccepito il segreto professionale, è necessaria l'autorizzazione del Procuratore della Repubblica. Non sorgono particolari difficoltà quando il destinatario dell'attività ispettiva aderisca spontaneamente all'apertura di beni immobili o mobili, permettendo il reperimento e la conseguente acquisizione di quanto custodito. In tale caso tutta l'attività posta in essere dagli operatori deve risultare in dettaglio in atti. Con la sentenza delle Cassazione 17357/2013, gli accessi della Guardia di Finanza e dei funzionari dellAgenzia delle Entrate presso la sede del contribuente non devono essere singolarmente autorizzati in via preventiva mediante apposito atto, essendo sufficiente, per una pluralità di accessi distanziati nel tempo, una sola autorizzazione rilasciata dal Capo Ufficio o dal Comandante del Reparto da cui dipendono i verificatori. LE AUTORIZZAZIONI PER LACCESSO 8

9 FAC SIMILE RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL'ACCESSO INTESTAZIONE COMANDO Nota n /.... di prot. (Luogo e data) OGGETTO:Richiesta di autorizzazione all'accesso, per fini fiscali, presso locali adibiti anche ad abitazione. AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI - S E D E - Questo Comando deve effettuare una verifica fiscale per controllare il regolare assolvimento della normativa vigente in materia di imposta sul valore aggiunto e di imposte sui redditi nei confronti della società (o del! 'impresa individuale o del!'ente o del!' esercente arte o professione ) di seguito indicata: Posto che i luoghi presso i quali viene svolta l'attività imprenditoriale (o professionale o artistica) oggetto del controllo sono adibiti anche ad abitazione, in virtù di quanto disposto dall'art. 52, comma 1, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, istitutivo dell'I.V.A., richiamato dall'art. 33 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, regolante l'accertamento delle imposte sui redditi, si prega la S.V. di voler autorizzare l'accesso presso affmché sia consentito procedere legittimamente all'esecuzione di ispezioni documentali, verificazioni e ricerche e ad ogni altra rilevazione ritenuta utile per l'accertamento delle imposte e per l'eventuale repressione dell'evasione e di possibili altre violazioni. L'accesso sarà eseguito da militari di questo Comando. GRUPPO FIRMA 9

10 FAC SIMILE AUTORIZZAZIONE ALL'ACCESSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI Nota n /.... di prot.(Luogo e data) OGGETTO: Richiesta di autorizzazioneall'accesso, per fini fiscali, presso locali adibiti anche ad abitazione. AL COMANDO DELLA GUARDIA DI FINANZA DI (rife nota n...../.. del ) - S E D E - IL PUBBLICO MINISTERO letta la nota in riferimento del Comando della Guardia di finanza di , con la quale si fa presente che deve essere avviata una verifica fiscale per controllare il regolare assolvimento della normativa vigente in materia di imposta sul valore aggiunto e di imposte sui redditi nei confronti della società (o del! 'impresa individuale o del!'ente o del!' esercente arte o professione ) di seguito indicata: , la quale viene esercitata in luoghi adibiti anche ad abitazione privata. letto l'art. 52, comma 1, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, nella parte in cui stabilisce che per accedere in locali adibiti anche ad abitazione privata è necessaria anche l'autorizzazione del Procuratore della Repubblica; AUTORIZZA l'accesso presso i locali di esercizio dell'attività nei cui confronti deve essere avviata la verifica, al fine di consentire la legittima esecuzione di ispezioni documentali, verificazioni e ricerche e di ogni altra rilevazione ritenuta utile per l'accertamento delle imposte e per l'eventuale repressione dell'evasione e di possibili altre violazioni. Letti gli artt. 75 del D.P.R. n. 633/1972 e 70 del D.P.R. n. 600/1973, ORDINA la trasmissione del <

11 11 FAC SIMILE ORDINE ACCESSO/FOGLIO DI SERVIZIO

12 TIPOLOGIE DI ACCESSO Lart. 52 del D.P.R. nr. 633 del 26 0ttobre 1972 prevede diverse tipologie di accesso:. 12 Laccesso presso aziende e locali Autorizzazione capo dellufficio L'art. 52 del DPR 633/72 nulla dice in ordine alla presenza dell'imprenditore per gli accessi presso i locali ove vengono esercitate attività commerciali o agricole. Pertanto, ove il titolare non sia presente, l'accesso sarà comunque intrapreso, "con l'assistenza della persona, che sia incaricata delle operazioni tipiche dell'attività esercitata, presente sul posto, ferma restando la possibilità del titolare o del rappresentante legale di incaricare al riguardo qualsiasi altro soggetto". Laccesso presso aziende e locali adibiti anche ad abitazione Autorizzazione capo dellufficio; Preventiva autorizzazione del Procuratore della Repubblica Laccesso presso istituti di credito Autorizzazione capo dellufficio; Laccesso presso domicilio privato e mezzi di trasporto Autorizzazione capo dellufficio; Preventiva autorizzazione del Procuratore della Repubblica, qualora sussistano gravi indizi di violazioni in materia di IVA o imposte sui redditi ed allo scopo di reperire libri, registri, documenti, scritture ed altre prove delle violazioni medesime. Laccesso presso studi professionali Autorizzazione capo dellufficio alla presenza del titolare dello studio o di un suo delegato(familiari, dipendenti presenti o persone di sua fiducia, verbalmente o a mezzo fax)

13 In relazione al tempo di esecuzione della verifica, lo Statuto del Contribuente L. 212/2000, allart 12 comma 5° stabiliva che, se le attività ispettive vengono effettuate presso la sede del contribuente, il termine fissato in 30 giorni lavorativi è prorogabile per ulteriori 30 giorni nei casi particolari; i motivi della proroga, individuati e motivati dal dirigente dellUfficio, devono essere fatti constare nel verbale di verifica. La norma, nel porre il limite temporale di 30 giorni lavorativi, fa riferimento alle attività poste in essere presso la sede del contribuente e non anche alle attività condotte presso gli uffici dei verificatori o del professionista che lo assiste. Con ciò possiamo dedurre che il limite di 30 giorni non opera allorché lesame documentale viene effettuato presso la sede dei verificatori e presso il professionista delegato. Detto ciò va osservato che nellipotesi in cui i verificatori, durante il controllo, abbiano rilevato fatti di rilevanza penale e comunicato i fatti e le situazioni alla competente Autorità Giudiziaria, i limiti temporali vengono meno in quanto il magistrato può disporre la prosecuzione dell' attività investigativa per il periodo per il quale sono consentite le indagini preliminari ( sei mesi, prorogabili sino a 18 mesi). In questultima ipotesi la direzione del servizio viene assunta dal magistrato investito del procedimento penale. A fronte di eventuali provvedimenti adottati dal magistrato il contribuente ha la facoltà e quindi il diritto di opporsi davanti al tribunale del riesame. TEMPI DI ESECUZIONE 13

14 Con il D. L. 13 maggio 2011, n. 70, c.d. decreto sviluppo, il legislatore nazionale ha introdotto significative novità in tema di attività di controllo nei confronti delle piccole e medie industrie e delle micro imprese. In tale contesto, particolare rilevanza assume la previsione dettata dallart. 7, comma 2, lett.c) del menzionato decreto, che ha integrato il comma 5 dellart. 12 della legge 27 luglio 2000,n. 212 (c.d. Statuto dei diritti del contribuente). I In particolare, è stata aggiunta la previsione secondo cui il periodo di permanenza presso la sede del contribuente di cui al primo periodo, così come leventuale proroga ivi prevista, non può essere superiore a quindici giorni in tutti i casi in cui la verifica sia svolta presso la sede di imprese in contabilità semplificata e lavoratori autonomi. A tale riguardo, va segnalato che lart. 7 del decreto sviluppo ha anche previsto, al comma 2, lett. m), la modifica dellart. 18, comma 1, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, per effetto della quale per imprese in contabilità semplificata devono oggi intendersi quelle il cui fatturato annuale, indipendentemente dallattività svolta, non superi la soglia di euro per le imprese che prestano in prevalenza servizi (in luogo dei precedenti ) e euro (e non più ) per le altre. La stessa norma prevede inoltre che anche in tali casi, ai fini del computo dei giorni lavorativi, devono essere considerati i giorni di effettiva presenza degli operatori civili o militari dellAmministrazione finanziaria presso la sede del contribuente. 14

15 15 Il cardine su cui fondare linterpretazione della previsione normativa è certamente rappresentato dalla locuzione anche contenuta nel nuovo comma 5, ultimo capoverso, dellart. 12 dello Statuto dei diritti del contribuente che impone di riferire la previsione stessa non già solo alle attività di controllo svolte nei confronti delle imprese in contabilità semplificata e dei professionisti (che devono avvenire nel termine massimo di 15 giorni), bensì ad ogni attività ispettiva indipendentemente dalla natura del soggetto sottoposto a controllo. Pertanto, per ogni accesso ai fini del computo dei giorni lavorativi, devono essere considerati i giorni di effettiva presenza degli operatori civili o militari dellAmministrazione finanziaria presso la sede del contribuente.

16 LACCESSO PRESSO LO STUDIO DEL PROFESSIONISTA E SEGRETO PROFESSIONALE L'accesso nei locali destinati all'esercizio di arti o professioni va eseguito alla presenza del titolare dello studio o di un suo delegato. Particolare attenzione, infatti, va posta in merito alla disciplina prevista per gli accessi fiscali negli studi professionali, in quanto tale categoria di contribuenti, in ragione del proprio lavoro, si trova a conoscenza di fatti relativi a terzi che riguardano anche dati sensibili ed hanno, dunque, l'obbligo deontologico di mantenere su tali dati il "segreto professionale« /art 200, commi 1 e 2 C.P.P). Il segreto in questione, permette al professionista di poter rifiutare l'esibizione di documenti del cliente non dotati di rilevanza fiscale e che potrebbero far scaturire un'ulteriore indagine fiscale nei confronti dello stesso assistito. Il segreto professionale non può essere opposto: né per le scritture ufficiali del professionista (registri Iva, registro degli incassi e pagamenti, parcelle etc.); né per i fascicoli dei clienti (limitatamente alle carte che costituiscono prova dei rapporti finanziari intercorsi tra professionista e cliente). RIFIUTO DI ESIBIZIONE DI DOCUMENTI L'eventuale rifiuto di esibizione di libri, registri, scritture e documenti attinenti all'attività esercitata, così come la strumentale opposizione del segreto professionale può comportare, in capo al professionista verificato: che tali documenti non potranno essere presi in considerazione a suo favore ai fini del'accertamento in sede amministrativa e contenziosa. Inoltre, rifiutare o impedire l'ispezione di documenti e scritture contabili la cui tenuta è obbligatoria per legge (e dei quali risulta l'esistenza) determina l'applicabilità di specifiche sanzioni amministrative. 16

17 E POSSIBILE ACCERTAMENTO IN BASE AD ELEMENTI PROBATORI ACQUISITI DURANTE UNA VERIFICA FISCALE PRESSO UN ALTRO CONTRIBUENTE ? Con Ordinanza 5 settembre 2013, n , la Corte di Cassazione ha stabilito che lAmministrazione finanziaria è legittimata ad emettere un avviso di accertamento in base ad elementi probatori acquisiti durante una verifica fiscale presso un altro contribuente. A tal proposito, nellOrdinanza è stato richiamato lart. 39, primo comma, lett. c), D.P.R. n. 600/1973, il quale prevede esplicitamente che lAmministrazione finanziaria possa procedere allaccertamento fiscale, qualora sussistano lincompletezza, la falsità e linesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione e nei relativi allegati, sulla base di ispezioni eseguite nei confronti di altri contribuenti. È stato, inoltre, precisato che lacquisizione di documentazione attraverso laccertamento nei confronti di un altro contribuente implica linversione dellonere probatorio. Spetta, quindi, al contribuente dimostrare linfondatezza della presunzione fiscale. CASI PRATICI: 17


Scaricare ppt "1 QUATTRO CHIACCHIERE LO STUDIO LEGALE BELLAZZI – BORGOGNA – CACCIALI E LIETO DI INVITARTI ALLINCONTRO DRIN, DRIN: CHI E: GUARDIA DI FINANZA Quello che."

Presentazioni simili


Annunci Google