La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica."— Transcript della presentazione:

1 Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica

2 assenza di sintomatologia nella vita di tutti i giorni buona salute generale e benessere normale crescita e sviluppo buon inserimento con i coetanei scolarizzazione e vita professionale regolari normale vita all’interno della famiglia prevenzione delle complicanze Caring for your own diabetes. Hanas R. Australian Clinical Practice Guidelines: Type 1 Diabetes in Children and Adolescents Cosa ci proponiamo con il trattamento …ovvero i nostri goals… Cosa ci proponiamo con il trattamento …ovvero i nostri goals…

3 DCCT Retinopatia NefropatiaNeuropatiaCVD Diabetes Control and Complications Trial Research Group. N Engl J Med 1993; 329: Prevenzione primaria Prevenzione secondaria - 76% - 54% - 34% - 56% - 69% - 57% - 40% n.s. RIDUZIONE DEL 25% DEL RISCHIO PER 0.5% IN MENO DI HbA1c Effetti del miglioramento del controllo glicemico nel diabete tipo 1

4 Mod. da The Writing Team for the DCCT and the EDIC Research Group. JAMA 2002; 287: Terapia convenzionale Terapia intensiva anni Incidenza cumulativa di retinopatia (progressione 3 step nella scala ETDRS) Fine DCCT EDIC The EDIC study

5 Glicemia ( mg/dL) digiuno o preprand >144 >162 post-prandiale >252 notturna > HbA1C (%) standard DCCT 9 Obiettivi Glicemici IDEALE ALTO RISCHIOSUB-OTTIMALEOTTIMALE linee guida ISPAD, < 7,5-8

6 … alla ricerca di un armonia da comporre con le note che abbiamo

7 20-24Senza picco2-4 ANALOGHI LENTI Insulina Glargine INTERMEDIE REGOLARI ULTRARAPIDE (ANALOGHI) Durata effettiva (ore) Effetto massimo (ore) Inizio d'azione (ore)PREPARAZIONI ANALOGHI LENTI Insulina Detemir oreINTERMEDIE minutiREGOLARI minuti5-15 minuti ULTRARAPIDE (ANALOGHI RAPIDI) Durata effettiva (ore) Effetto massimo (ore) Inizio d'azionePREPARAZIONI CENNI di FARMACOCINETICA Raccomandazioni SIEDP, 2005

8 somministrazione tramite iniezione in maniera standardizzata sede d’elezione: sottocute variabilità nell’assorbimento Sedi di somministrazione raccomandate Analogo Rapido  Addome Analogo Rapido  Addome Rapida  Addome Rapida  AddomeCosce I. Lenta/NPH  Deltoide I. Lenta/NPH  DeltoideNatiche(Addome) COME SI FA L’INSULINA

9 sede d’iniezione  addome (+++), regione deltoidea (++-) e coscia (+-)  più uniforme e riproducibile da addome  più costante se nella stessa sede profondità  iniezione i.m. aumenta velocità  non tutti hanno lo stesso spessore sottocutaneo massaggio - esercizio fisico  aumenta velocità variabilità  intraindividuale: 25%; interindividuale: 50%  piccoli volumi: >> assorbimento Velocità di assorbimento

10 Importanza dell’ago L’ago della penna va cambiato ad ogni iniezione. Mantenere lo stesso ago anche per un’intera giornata può comportare la formazione di bolle nella cartuccia, otturazioni o perdita di sterilità dell’ago. Gli aghi utilizzati più volte perdono lo strato di silicone che ne favorisce la penetrazione e il profilo dell’ago già utilizzato si modifica, aumentando la lacerazione dei tessuti, responsabile del dolore e delle lipodistrofie.

11


Scaricare ppt "Centro Regionale Toscano di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica."

Presentazioni simili


Annunci Google