La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Perche i diabetici sono pazienti ad alto rischio? D. Biagini (Prato) Difendiamo il cuore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Perche i diabetici sono pazienti ad alto rischio? D. Biagini (Prato) Difendiamo il cuore."— Transcript della presentazione:

1 Perche i diabetici sono pazienti ad alto rischio? D. Biagini (Prato) Difendiamo il cuore

2 Rischio di eventi coronarici nei pazienti diabetici e non diabetici. Haffner e coll. N. Engl. J. Med. 1998

3 Sopravvivenza dopo un infarto nei pazienti diabetici e non diabetici. Mukamal KJ et all, Diabetes care 2001

4 Mortalita per eventi coronarici in base ai valori di glicemia allingresso. Valori di glicemia in mg/dl allammissione Svensson A-M et all, Eur Heart J 2005

5 Perche il diabetico e ad alto rischio cardiovascolare? 1.Associazione con altri fattori di rischio 2.Maggior sviluppo di malattia aterosclerotica 3.Stato protrombotico con aumentata reattivita piastrinica; placca aterosclerotica maggiormente vulnerabile e suscettibile di rottura. 4.Disfunzione delle cellule muscolari miocardiche e cardiomiopatia diabetica.

6 Perche il diabetico e ad alto rischio cardiovascolare? 1.Associazione con altri fattori di rischio 2.Maggior sviluppo di malattia aterosclerotica 3.Stato protrombotico con aumentata reattivita piastrinica; placca aterosclerotica maggiormente vulnerabile e suscettibile di rottura. 4.Disfunzione delle cellule muscolari miocardiche e cardiomiopatia diabetica.

7 Dislipidemia diabetica Linsulino resistenza causa un ridotto assorbimento ed un ridotto utlizzo di acidi grassi a livello muscolare Il tessuto adiposo viscerale riduce la lipolisi e libera un maggior quantitavo di acidi grassi. Incremento degli acidi grassi liberi circolanti Aumentata produzione di VLDL a livello epatico Dislipidemia diabetica

8 Perche il diabetico e ad alto rischio cardiovascolare? 1.Associazione con altri fattori di rischio 2.Maggior sviluppo di malattia aterosclerotica 3.Stato protrombotico con aumentata reattivita piastrinica; placca aterosclerotica maggiormente vulnerabile e suscettibile di rottura. 4.Disfunzione delle cellule muscolari miocardiche e cardiomiopatia diabetica.

9 La malattia aterosclerotica del diabetico 1)La macroangiopatia diabetica Disfunzione endoteliale Attivazione citochine proinfiammatorie Stato protrombotico Aterosclerosi dei grossi vasi o macroangiopatia diabetica Coronaropatia Arteropatia periferica Aterosclerosi dei vasi epiaortici Malattia dellAorta e Aneurisma Aterosclerosi delle arterie renali Resistenza insulinica ed iperinsulinismo

10 La malattia aterosclerotica del diabetico 2) La microangiopatia diabetica Aumentato stress ossidativo Formazione di prodotti terminali della glicosilazione (AGEs) Aumento del Diacilglicerolo Aterosclerosi dei piccoli vasi o microangiopatia diabetica. Retinopatia diabetica Nefropatia diabetica Piede diabetico Angina microvascolare Iperglicemia

11 Perche il diabetico e ad alto rischio cardiovascolare? 1.Associazione con altri fattori di rischio 2.Maggior sviluppo di malattia aterosclerotica 3.Stato protrombotico con aumentata reattivita piastrinica; placca aterosclerotica maggiormente vulnerabile e suscettibile di rottura. 4.Disfunzione delle cellule muscolari miocardiche e cardiomiopatia diabetica.

12 Aumentata reattivita piastrinica e stato protrombotico Iperglicemia Insulino resistenza Aumentata produzione di diacilglicerolo (DAG) e AGEs Obesita centrale Disfunzione endoteliale Aumentata produzione di leptina e adiponectina Aumentata reattivita piastrinica Iperaggregabilita piastrinica e stato protrombotico Aumentata produzione di PAI-1 e fattore VII tissutale della coagulazione Aumentata produzione di fattori della flogosi e fibrinogeno, attivazione della coagulazione, inbizione della fibrinolisi

13 Perche il diabetico e ad alto rischio cardiovascolare? 1.Associazione con altri fattori di rischio 2.Maggior sviluppo di malattia aterosclerotica 3.Stato protrombotico con aumentata reattivita piastrinica; placca aterosclerotica maggiormente vulnerabile e suscettibile di rottura. 4.Disfunzione delle cellule muscolari miocardiche e cardiomiopatia diabetica.

14 Cause di cardiomiopatia diabetica 1.Modificazione del metabolismo energetico del miocita, ridotta utilizzazione di glucosio, acidi grassi principale fonte energetica, aumento del consumo di O2 e minor efficacia contrattile. 2.Apoptosi con perdita di miociti dovuta alla ridotta produzione di NO e allo stress ossidativo. 3.Aumento delle proteine della matrice extracellulare e fibrosi miocardica.

15 Lo scompenso cardiaco nel diabetico Perdita di miociti Fibrosi miocardica Ridotta contrattilita del miocita Cardiomiopatia diabetica Aterosclerosi IMA Microangiopatia diabetica Angina microvascolare Neuropatia diabetica Ipertono simpatico Scompenso cardiaco

16 Scompenso cardiaco nei pazienti diabetici Kannel WB e coll, Am J Cardiol 1997

17 Cosa possiamo fare per modificare il rischio cardiovascolare nel paziente diabetico?

18

19 Raccomandazioni per la prevenzione primaria di malattie cardiovascolari nei diabetici 1)Modificazioni dello stile di vita 2)Controllo glicemico 3)Controllo dellipertensione 4)Controllo dellassetto lipidico 5)Terapia antiaggregante

20 Modificazioni stile di vita 1.Dieta 2.Controllo del peso corporeo 3.Esercizio fisico 4.Astensione dal fumo di sigaretta

21 Controllo glicemico 1.Lemoglobina glicosilata (HbA1C) deve essere mantenuta <7% 2.Obiettivo di mantenere HbA1C < 6% se questo non causa ipoglicemia

22 Controllo dellipertensione Misurazione della pressione ad ogni visita di controllo. I valori pressori devono essere mantenuti <130/80 mmHg Se riscontro di PAS >130 mmHg o PAD >80 mmHg in piu misurazioni inizio modificazione stile di vita per ridurre PA. Se dopo 3 mesi non si e ottenuta una normalizzazione indicata iniziare terapia antiipertensiva Terapia antiipertensiva Farmaci di prima scelta: ACE- inibitori o sartani. Spesso e necessario aggiungere un secondo antiipertensivo per raggiungere lobiettivo pressorio. Farmaci dimostrati ridurre gli eventi cardiovascolari nei diabetici sono ACE- inibitori, sartani, diuretici tiazidici, Beta- bloccanti e Calcio-antagonisti.

23 Controllo dellassetto lipidico Nei diabetici di eta 40 aa ogni anno. I valori ideali sono: Colesterolo LDL<100 mg/dl, Colesterolo HDL >40 mg/dl negli uomini e >50 mg/dl nelle donne, Trigliceridi <150 mg/dl

24 Antiaggreganti piastrinici ASA ( mgdie) e indicata come prevenzione primaria in tutti i pazienti diabetici di eta >40 aa o con fattori di rischio associati che non abbiano controindicazioni al suo utilizzo Nei pazienti allergici allASA e utile prendere in considerazione antiaggreganti tienopiridinici. LASA e controindicata nei pazienti di eta <21 aa, mentre non ci sono dati in letteratura per i pazienti < 30 aa. ASA

25 Grazie per lattenzione !


Scaricare ppt "Perche i diabetici sono pazienti ad alto rischio? D. Biagini (Prato) Difendiamo il cuore."

Presentazioni simili


Annunci Google