La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LItalia unita 1861… A. Formazione del Regno dItalia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LItalia unita 1861… A. Formazione del Regno dItalia."— Transcript della presentazione:

1

2 LItalia unita 1861… A. Formazione del Regno dItalia

3 B. compressione dei tempi storici a) Aprile STATI 1.Regno di Sardegna 2.Regno Lombardo-Veneto 3.Ducato di Parma e Piacenza 4.Ducato di Modena e Reggio 5.Granducato di Toscana 6.Repubblica di San Marino 7.Stato Pontificio 8.Regno delle Due Sicilie b) 17 marzo 1861 Regno dItalia Aprile 1859/marzo mesi

4 C. compressione? C. compressione? un processo di costruzione statale durato troppo poco Cioè Francia: 6 secoli Spagna: 4 secoli Gran Bretagna: 6 secoli Italia 23 mesi

5 D. Conseguenze 1) Fragilità dellidentità collettiva a.Popolo italiano Grande guerra b.Riti collettivi fascismo c.Italofoni Toscana e Roma N.B. un centinaio di dialetti incomunicabili 2) fragilità del sistema politico

6 1.5 E. fragilità del sistema politico 1) Crisi di governo endemiche N.B. la crisi non coincide con le elezioni politiche 2) Crisi politiche 1.Crisi di fine secolo Primo dopoguerra avvento del fascismo luglio 1943 (crisi di regime) 4. 8 settembre 1943 (collasso dello Stato)

7 Estensione dello Statuto La politica delle annessioni

8 A. Modalità delle annessioni Guerra internazionale: Lombardia 1. Guerra internazionale: Lombardia Vittoria militare franco-piemontese (Magenta e Solferino) 2. Moti di piazza con agenti provocatori piemontesi Parma Modena Bologna Toscana 3. Invasione di Stati neutrali a) Stato Pontificio Umbria, Marche b) Regno delle Due Sicilie

9 B. Legittimazione delle annessioni: i Plebisciti del 1860 a) marzo Ducati Padani Parma e Modena Legazioni Pontificie Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì Toscana b) ottobreDue Sicilie c) 4 novembre Marche Umbria

10 C. Cosè un plebiscito? a) Il governo consulta il popolo b) Risposta binaria Si / No N.B. FORTI ANALOGIE CON IL REFERENDUM

11 Differenze REFERENDUM risposta libera PLEBISCITO risposta obbligata SI NO SI

12 LItalia unita e i suoi regimi 1861 /…

13 A. LItalia unita ( ) 1) Monarchia 1861 / ) Repubblica 1946 / 2004

14 B. La Monarchia dei Savoia 1) Monarchia costituzionale 1861 / ) Monarchia fascista 1922 / ) Guerra civile 1943 / ) Interregno 1945 / 1946

15 C. La Repubblica 1) Costituente ) Centrismo ) Centrosinistra ) Solidarietà nazionale ) Pentapartito ) Crisi della Repubblica )Verso un sistema maggioritario

16 LO STATUTO ALBERTINO 4 marzo 1848

17 A. Caratteri dello Statuto N.B. non è stato votato da una Assemblea Costituente 2. lo Statuto è stato concesso da re Carlo Alberto 3. lo Statuto si presenta come irrevocabile ma non prevede modalità di modifica [carta flessibile] 4. non è dimostrato che lo Statuto sia stato percepito come insieme di norme giuridiche vincolanti 1.lo Statuto è una costituzione ribattezzata in altro modo

18 B. 2 letture inconciliabili B. 2 letture inconciliabili 1) lo Statuto si è ispirato a 2) lo statuto albertino è la traduzione della charte francese del 1814 b) costituzione belga 1831 cioè ha tratto i principi ispiratori, sviluppandoli autonomamente a) charte francese 1814 N.B. modifiche irrilevanti

19 C. 3 punti centrali Camera elettiva di stampo cansitario 1)il re ha poteri sostanziali ed è irresponsabile 2) bicameralismo imperfetto 3) mancano disposizioni su Senato di nomina regia governop.d.C. Posizione extra- statuaria («le roi règne et ne Gouverne pas seul»)

20 N.B. a)70 anni dopo le costituzioni americane ( ) e francesi ( ) lo Statuto non ne tiene conto b) adotta un modello borbonico-orleanista (1814/1830) c) primitivismo redazionale d) vertice statale re (esprime una «totalità esecutiva» incarnata da Re Vittorio Emanuele II che ha regnato per i primi 17 anni di vita) del Regno dItalia.

21 D. Chi presiede il Gabinetto? a) p.d.C.? b) re?

22 Il re nello Statuto 24 articoli su 84

23 (votano solo i più ricchi e i maschi)

24 Poteri forti 1) Comanda le forze armate (art. 5) 2) Dichiara la guerra (art. 5) 3) Fa i trattati internazionali (art. 5) 4) Nomina a tutte le cariche (art. 6) 5) Contitolare potere legislativo (art. 3,7) 6) convoca, proroga, scioglie le Camere (art. 9) 7) Nomina e revoca i ministri (art. 65) Il re capo supremo dello Stato (art. 5)

25 DALLO STATUTO ALLA COSTITUZIONE La storia costituzionale italiana si divide in tre- quattro periodi: il periodo liberale il periodo fascista (il periodo provvisorio) il periodo democratico.

26 IL PERIODO LIBERALE Il 4 marzo 1848 segna la data di concessione dello Statuto Albertino, concesso dal Re Carlo Alberto al Regno di Sardegna, diventato la costituzione del Regno dItalia con la sua proclamazione tramite la legge 17 marzo 1861, n

27 IL PERIODO LIBERALE Con lo Statuto Albertino: la forma di Stato è quella liberale e molto accentrata (non esistono le Regioni e la disciplina dei Comuni è rimessa integralmente alla legge) la forma di governo è costituzionale pura: al Sovrano il potere esecutivo, al Parlamento quello legislativo, di stampo dualistico.

28 IL PERIODO LIBERALE La prassi del periodo liberale: i diritti individuali sono stati molto limitati dallintervento (che non aveva limiti) del legislatore, anche se con il Codice Zanardelli del 1889 si abolisce la pena di morte

29 IL PERIODO LIBERALE La prassi del periodo liberale: la forma di governo diviene quella parlamentare: i Governi devono avere la fiducia del Parlamento e non sono più espressione della volontà del Sovrano, pertanto, si rafforza il capo dellesecutivo (si pensi a Cavour).

30 IL PERIODO LIBERALE La prassi del periodo liberale: Vittorio Emanuele II si oppose più volte ai Governi, ma senza esiti perché oramai era il Parlamento a decidere. Nel 1878, morto il Re, De Pretis presentò le dimissioni nella mani di Umberto I, che però le rifiutò perché il Governo aveva lappoggio del Parlamento.

31 IL PERIODO LIBERALE Come per ogni Stato liberale, anche in Italia il suffragio durante il periodo liberale è molto limitato: nel 1848 solo il 2% della popolazione aveva diritto di voto (sopra i 25 anni e 40 lire di imposta), nel 1882 solo il 7%, mentre nel 1919 si introduce il suffragio universale maschile (maggiore età) e si adotta il sistema proporzionale, cancellando i piccoli collegi uninominali.

32 IL PERIODO LIBERALE Lo Stato monoclasse liberale italiano entra in crisi anche per la nascita dei partiti politici al di fuori del Parlamento, i partiti politici di massa: nel 1892 il Partito Socialista e nel 1919 il Partito Popolare.


Scaricare ppt "LItalia unita 1861… A. Formazione del Regno dItalia."

Presentazioni simili


Annunci Google