La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Decreto legislativo 81/08 Art. 2 - (Definizioni) 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per: a) lavoratore: persona.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Decreto legislativo 81/08 Art. 2 - (Definizioni) 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per: a) lavoratore: persona."— Transcript della presentazione:

1

2 Decreto legislativo 81/08 Art. 2 - (Definizioni) 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per: a) lavoratore: persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale. Sono equiparati i soci lavoratori di cooperative o di società, anche di fatto, che prestino la loro attività per conto delle società e degli enti stessi, e gli utenti dei servizi di orientamento o di formazione scolastica, universitaria e professionale avviati presso datori di lavoro per agevolare o per perfezionare le loro scelte professionali. Sono altresì equiparati gli allievi degli istituti di istruzione ed universitari e i partecipanti a corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, macchine, apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici. I soggetti di cui al precedente periodo non vengono computati ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il presente decreto fa discendere particolari obblighi. RIFERIMENTI LEGISLATIVI SUL LUOGO DI LAVORO NELLA SCUOLA Lavoratore (soggetto al D.Lgs 81) Non Lavoratore (non soggetto al D.Lgs 81) insegnante Personale di segreteria Personale ausiliario Allievi Dirigente scolastico

3 Compiti del Personale Docente Il nostro Istituto non è perfettamente a norma per quanto concerne la sicurezza (D.Lgs 81/08), occorre, comunque, abbassare il più possibile i fattori di rischio in ogni locale. Questo compito è delegato al Dirigente Scolastico e al Responsabile della Sicurezza Protezione e Prevenzione (R.S.P.P.), tuttavia tutti i lavoratori sono invitati a porsi nei confronti della sicurezza in modo serio e responsabile cercando, per quanto riguarda il personale docente, di trasmette la stessa serietà agli allievi, sia nei comportamenti che nel ricercare possibili fattori di rischio da segnalare al Dirigente Scolastico o al R.S.P.P. NO!

4 IN CASO D’EVACUAZIONE FORZATA IL PERSONALE DOCENTE DEVE SEGNALATA DA LLA SIRENA D’ALLARME Raccogliere il registro di classe e personale e, alla testa degli alunni, seguire con rapidità, ma senza affanno, il percorso indicato sulla pianta della scuola affissa accanto all’uscita, raggiungendo il luogo d’incontro convenuto.

5 Nel caso d’impedimento dell’uscita di sicurezza destinata per la classe, il docente dovrà valutare al momento un’uscita alternativa per allontanare il più possibile il gruppo classe dalla fonte di pericolo e raggiungere al più presto il luogo d’incontro convenuto. Non attardarsi a raccogliere effetti personali (libri, borse ecc.) e invitare anche gli studenti a comportarsi nello stesso modo.

6 Qualora nella classe siano presenti allievi disabili e/o momentaneamente impediti nei movimenti dovranno essere aiutati dall’insegnante e dagli allievi a raggiungere il luogo d’incontro ed, eventualmente, essere trasportati a braccia; In nessun caso dovrà essere utilizzato l’ascensore. Raggiunto il luogo convenuto, procedere all’appello e compilare il modulo d’evacuazione presente all’interno del registro di classe, segnalando tempestivamente al Dirigente Scolastico o al R.S.P.P. eventuali assenze non rilevabili dal registro. Segnalare, inoltre, sul registro di classe la data e l’ora dell’evacuazione.

7 Se l’evacuazione avvenisse durante l’intervallo, tutto il personale si dovrà recare alle rispettive uscite di sicurezza più vicine al punto in cui si trovano. I docenti dovranno fare riferimento alla classe dell’ora successiva e, se possibile, recuperarne il registro di classe

8 Se l’insegnante utilizza un laboratorio deve accertarsi se il Documento di Valutazione dei Rischi (presente in segreteria) prevede l’uso di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) e, nel caso, obbligare l’utente ad indossarli per evitare incidenti. La stessa cosa deve essere effettuata in caso di particolari lavorazioni e/o esperimenti effettuati in classe Se non si è sicuri sull’uso dei D.P.I. occorre contattare il RSPP (Prof. CAVAGNA Pierdomenico)

9 Alcuni esempi di D.P.I. che potrebbero essere utilizzati a scuola Mascherina: Per evitare inalazioni pericolose ad esempio in alcuni esperimenti di chimica e/o fisica oppure nell’uso di vernici tossiche Guanti: Per proteggere le mani da lavorazioni che potrebbero essere pericolose come l’uso di attrezzi per scolpire, tagliare o segare o in alcuni esperimenti di chimica e/o fisica oppure nell’uso di vernici tossiche Occhiali: Per proteggere gli occhi da lavorazioni che potrebbero essere pericolose come l’uso di attrezzi per scolpire, tagliare o segare e lavorazioni che causano scintille o trucioli, oppure in alcuni esperimenti di chimica o fisica o nell’uso di vernici tossiche

10 In conclusione: se si hanno dei dubbi su come comportarsi rispetto alla sicurezza; se si riscontrano delle situazioni che potrebbero essere fonte di pericolo; Se si hanno suggerimenti per migliorare la situazione ed abbassare situazioni di rischio. CONTATTARE IL Responsabile della Sicurezza, della Protezione e Prevenzione Prof. CAVAGNA Pierdomenico ? ?


Scaricare ppt "Decreto legislativo 81/08 Art. 2 - (Definizioni) 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intendono per: a) lavoratore: persona."

Presentazioni simili


Annunci Google