La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La partecipazione in CLIL Università Ca Foscari e IRRE Veneto Unesperienza nella scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO G. C. PAROLARI Classe terza -Scuola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La partecipazione in CLIL Università Ca Foscari e IRRE Veneto Unesperienza nella scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO G. C. PAROLARI Classe terza -Scuola."— Transcript della presentazione:

1 La partecipazione in CLIL Università Ca Foscari e IRRE Veneto Unesperienza nella scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO G. C. PAROLARI Classe terza -Scuola primaria A. Fusinato Ins. R.Finotto-D.Callegari CLIL - MATEMATICA E INGLESE SI INCONTRANO Christmas Maths... in English

2 PER CONTESTUALIZZARE LUSO DELLA LINGUA STRANIERA. PER SCIOGLIERSI DA VINCOLI DISCIPLINARI VERSO PERCORSI INTERDISCIPLINARI INDIVIDUANDO PUNTI COMUNI NELLE UDA E NEGLI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLE DUE DISCIPLINE. PER MIGLIORARE LA COLLABORAZIONE TRA DOCENTI. ISTITUTO COMPRENSIVO G. C. PAROLARI Classe terza -Scuola primaria A. Fusinato Ins. R.Finotto-D.Callegari

3 OBIETTIVI AREA LOGICO-MATEMATICA: Obiettivi formativi: - analizzare situazioni problematiche, stabilire le strategie e le risorse necessarie per la soluzione di situazioni problematiche: validare gli esiti delle scelte operate individualmente e in gruppo. Obiettivi conoscenze e abilità: -problematizzare situazioni ed esperienze vissute. -Analizzare e risolvere problemi. -Operare con i numeri. OBIETTIVI LINGUA STRANIERA: Obiettivi formativi: - saper chiedere e fornire informazioni in merito alle attività da svolgere in classe. Obiettivi conoscenze e abilità: -conoscere il lessico relativo ai numeri e alla formulazione di domande sulla quantità. -Comprendere messaggi orali relativi ad attività da svolgere in classe. -Eseguire semplici calcoli. OBIETTIVI ABILITA SOCIALI saper chiedere e dare aiuto Ascoltare attivamente Rispettare il proprio turno CLIL-TBA-CL

4

5 Linsegnante di inglese nellepoca della globalizzazione è un insegnante che: sa motivare la classe ha una precisa volontà di essere coinvolto con gli alunni nella comunicazione lascia gli alunni la libertà di usare il linguaggio ( e di fare errori!) ha una open mind si fida e dà fiducia agli studenti non sempre ha una perfetta padronanza della lingua( nel caso di non- native teacher) E spesso per gli studenti lunico modello linguistico che interagisce direttamente con loro (English-speaking model) e come tale ha molto più valore di un audiocassetta, cd o video. sa organizzare le attività

6 Fase orientativa o pre-task Fase di task : Task-planning-report Fase di language focus

7 Ma come si fa ad eseguire un compito linguistico con poco lessico e senza grammatica giusta? Gli studenti possono avere delle incredibili risorse per fare questo. Fornire il massimo delle opportunità per usare la lingua in classe è il compito principale dellinsegnante, il quale poi darà forma e consistenza al linguaggio prodotto dagli studenti! CLIL-TBA-CL

8

9 Le forchette di Munari" Corraini Editore

10 Lapprendimento cooperativo o Cooperative Learning è quasi una filosofia dellapprendimento, in quanto crea ambienti dove: Si lavora insieme Si impara assieme Si costruisce conoscenza insieme Si cresce insieme Si cambia insieme * *A. Guazzieri, Progetto La Partecipazione in CLIL Ca Foscari – IRRE Veneto

11 E questo grazie agli elementi che caratterizzano questa metodologia: Linterdipendenza positiva Linterazione promozionale faccia a faccia Linsegnamento diretto delle abilità sociali La responsabilità individuale e di gruppo Il monitoraggio e revisione metacognitiva del lavoro svolto La leadership distribuita Lequa partecipazione Linterazione simultanea La costruzione della relazione di fiducia * alcuni autori riportano solo le prime cinque

12 Lesson one: Lets make a Maths Christmas Tree

13 8 3… 5 6 … … 5 6 … … 5 8 …1 26 Task 1 Attività cooperativa: Roundtable (completare i cerchi magici, a turno, inventando addizioni a tre addendi con risultato uguale in ogni cerchio, i cerchi poi costituiranno le Christmas decorations per l English Math Christmas Tree) Aspetti cooperativi forniti dallattività: equa partecipazione ** Interdipendenza positiva (di obiettivo, di materiale)** Interazione promozionale faccia a faccia*** Insegnamento diretto delle abilità sociali ** Responsabilità individuale**

14 Punti di forza dellattività Punti di debolezza dellattività Possibili strategie per migliorare negoziazione Comprensione degli steps del compito Frazionare al massimo le istruzioni in piccoli steps, dando listruzione successiva solo al termine dellesecuzione della precedente Far vedere lesempio di un gruppo che realizza il compito interazioneFase di language focus Prevedere un tempo adeguato per il language focus anche nelle attività CLIL Sviluppo di nuovo lessico Problem solving

15 Prodotto finale Costruzione di un biglietto dauguri Primo task : PAIR CHECK In questa attività gli studenti dovevano scegliere,i coppia, in coerenza con il modello da realizzare, da una lista fornita dallinsegnante, quali materiali serviranno per realizzare un cartoncino di auguri natalizio.

16 LAVORO IN GRUPPO: compilare un buono dordine del materiale necessario. Viene richiesto laccordo del gruppo sulla quantità e sulle caratteristiche del materiale da acquistare. OPERAZIONI COGNITIVE: -Prevedere -Stimare -Motivare una scelta -Discutere per arrivare a una decisione condivisa Obiettivi linguistici / contenuti: - How many …?, What colour is…?, What do we need…? ABILITA MATEMATICHE: -Quantificare -Calcolare -Compilare una tabella Secondo task:

17 A)Gli studenti a turno formulano ai loro compagni di gruppo le seguenti domande contenute in cartoncini a forma di fumetto (una per ogni cartoncino): What do we need? How many? What colour? Le risposte vanno inserite nella tabella. Chi scrive le risposte sulla tabella deve chiedere a ciascun membro del gruppo se è daccordo Do you agree? Oppure: Is it right? B) I gruppi espongono i loro cartelloni buono dordine in modo che siano visibili a tutti. C) Ogni gruppo illustra il proprio buono dordine agli altri D) Linsegnante/gli alunni formulano domande/problema al gruppo (es: How many Christmas pictures do you need for your group,……and for the whole class?)

18 CONCLUSIONI COMPLESSIVE ASPETTI POSITIVI: COINVOLGIMENTO DI ALUNNI MENO ABILI LINGUISTICAMENTE FORTE MOTIVAZIONE E PARTECIPAZIONE RELAZIONE DI AIUTO APPROCCIO ALLUSO DELLO STRUMENTO TABELLA USO SPONTANEO DELLA LINGUA STRANIERA INTERDISCIPLINARIETA ORGANIZZAZIONE DELLE FASI DI LAVORO DEL TASK ASPETTI NEGATIVI: TEMPO DI PROGETTAZIONE LIMITATO * E TEMPO DI REALIZZAZIONE COMPLESSIVO DELLUNITA FRAMMENTATO * SI E USATA SPESSO LA COMUNICAZIONE VIA PER MEGLIO PROGETTARE IL PERCORSO… A SCUOLA DIVENTA SEMPRE PIU DIFFICILE TROVARE IL TEMPO PER LA PROGETTAZIONE!

19 IL NOSTRO BIGLIETTO DI AUGURI E DAVVERO BELLO !


Scaricare ppt "La partecipazione in CLIL Università Ca Foscari e IRRE Veneto Unesperienza nella scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO G. C. PAROLARI Classe terza -Scuola."

Presentazioni simili


Annunci Google