La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esperienze sul campo e riflessioni 1.UdA Dibattere in inglese sulla criticità della situazione ambientale 2.UdA Levasione fiscale, un fenomeno su cui riflettere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esperienze sul campo e riflessioni 1.UdA Dibattere in inglese sulla criticità della situazione ambientale 2.UdA Levasione fiscale, un fenomeno su cui riflettere."— Transcript della presentazione:

1 Esperienze sul campo e riflessioni 1.UdA Dibattere in inglese sulla criticità della situazione ambientale 2.UdA Levasione fiscale, un fenomeno su cui riflettere 3.Conoscere i cereali per saperli coltivare e per poterne usufruire con competenza sfruttandone le diverse qualità A cura dei professori Ivana Broccardi, Marcella DAmato, Maria Gaudenti, Maura Giacomazzi, Sergio Lanteri, Elisabetta Moreno, Anonina Morittu, Claudia Tirendi.

2 Reperire, selezionare rielaborare le informazioni Collaborare, negoziare, mediare Sviluppare la capacità di sostenere la propria posizione su un argomento attraverso la logica ed il ragionamento Promuovere il rispetto per il punto di vista altrui Materie coinvolte: Inglese, Diritto, Agronomia, Tecniche delle Produzioni, Ecologia.

3 Sviluppo della competenza comunicativa e più precisamente: Competenza linguistica: abilità di conversare, acquisizione di nuovi language chunks Competenza pragmatica: abilità di adattare e riutilizzare i suddetti language chunks nel cotesto e contesto appropriati, turntaking: competenza nella presa dei turni Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite in TdP, ecologia ed agronomia in un contesto comunicativo pseudo-reale In L2.

4 Vincoli: Tempo… Classe con livelli di conoscenza e competenza diversi e diversi stili di apprendimento Diffidenza verso il nuovo e il diverso(in termini di didattica e ruoli dei docenti e dei discenti) Risorse: Spazi Collegialità tra docenti Collaborazione della scuola ospitante Classe IV, ragazzi maturi abbastanza da riflettere sul proprio percorso di apprendimento

5 Approccio eclettico (utilizzo di diversi metodi): Didattica a progetto Apprendimento esperienziale Apprendimento collaborativo Metodo JIGSAW comunicativo, nozionale- funzionale… Strumenti: PC (www, e utilizzo di applicazioni per schematizzare, presentare…) libri di testo, TV in lingua,

6 Lavoro sulle potenzialità e sui bisogni di ciascuno Lavoro sulle eccellenze, sulle carenze.

7 FASI DI LAVORO Verifica preconoscenze linguistiche e sui contenuti (1 h in classe) Ricerca e composizione testi (2 h in classe più lavoro a casa) Feedback degli insegnanti e aggiustamento testi (2 h in classe) Verifica delle conoscenze di tutti acquisite attraverso la ricerca di ciascuno (1 h in classe) Suddivisione in due gruppi per il DIBATTITO - Attribuzione ruoli – argomenti ed elaborazione testi persuasivi (2 h in classe più lavoro a casa) Feedback degli insegnanti e aggiustamento testi (2 h in classe) Simulazione di dibattito e correzioni/suggerimenti degli insegnanti (2 h in classe più lavoro a casa) Esecuzione dibattito davanti ad un pubblico di esterni e valutazione delle competenze (3 h presso la scuola secondaria di primo grado Mameli Alighieri di Leca) Autovalutazione per i ragazzi Autovalutazione per gli insegnanti

8 Note taking (integrated skill) written semi- structured test persuasive text Routines for debating Simulation in class (working on errors) Meta-cognitive level:students reflecting on their working paths Turning competence into performance (a place, an audience to provide goal and direction) Teacher/students reviewing the learning unit

9 Griglie di osservazione Griglie di valutazione (mostrate da subito ai ragazzi) Questionario di riflessione sul percorso svolto Griglie per riflettere in itinere sulla gestione della classe Questionari di autovalutazione in itinere e diagnostico per condividere coi colleghi i punti forti e le difficoltà incontrate Circle time tra docenti e ragazzi

10 Cosa ci è piaciuto Che il ragazzo con DSA ha usato più strumenti, ma non ha fatto niente in MENO degli altri, anzi!!! Che il ragazzo che di solito lavora in auletta stavolta è stato partecipe dellattività di classe ed ha fornito un contributo autentico alla classe Che il ragazzo che solitamente si isola durante la lezione frontale è stato partecipe in ogni momento (era il moderatore!!!) Che i ragazzi, nel lavoro di gruppo si autoregolavano e che spesso non sentivano il suono della campana! Che il voto è stato importante, ma non così tanto Che alcuni ragazzi sono arrivati alla conclusione che possono, quindi vogliono! Che anche i più adolescenti tra gli adolescenti si sono fatti coinvolgere!

11 Cosa cambieremmo Maggiore condivisione coi ragazzi del piano e delle strategie (nelle prime fasi ostilità verso il nuovo!) Tempi meno serrati (il programma è importante, ma si può svolgere in mille modi, non è una sequenza di cose da fare)

12 Sospensione del giudizio, Possibilità di partecipare in modo attivo, come protagonisti. Possibilità di esprimersi senza paura. Possibilità di dare il proprio contributo secondo le proprie capacità e attitudini. Sentirsi depositari di fiducia, sentirsi gratificati, considerati, visti, riconosciuti. Sentirsi ascoltati con competenza, Sentirsi parte di un gruppo.

13 Ciò che è necessario per noi insegnanti: La volontà di studiare, reimparare, condividere e mettersi in gioco La conoscenza dei bisogni e delle potenzialità del singolo studente Lassegnazione di un docente di riferimento Tollerare la perdita del controllo…

14 Formazione e autoformazione docenti Attività espressive, di ricerca/inchiesta, laboratori di studio Lavori sulle dinamiche di classe, sulle emozioni Utilizzo materiali multimediali Autovalutazione e capacità di correggere in itinere il proprio percorso di apprendimento

15 o Con sé stesso o Con i compagni o Con i docenti o Con la famiglia o Valorizzare i punti forti o Creare occasioni di successo o Lavorare sullerrore o Riconoscere la fatica e limpegno o Conoscere e valorizzare lextra- scuola o Concordare strategie di aiuto con la famiglia

16 What do people who are made irrelevant do? They will sometimes escape inwardly…turn their small world into a sanctuary: the essential part of their life goes underground. A.Nafisi Reading Lolita in Teheran Cosa fanno le persone che vengono fatte sentire irrilevanti? Qualche volta trovano rifugio nella loro interiorità…trasformano il loro piccolo mondo in un santuario: la parte essenziale della loro vita finisce sotterrata. Aznar Nafisi

17 Ivana Broccardi, Marcella DAmato, Maria Gaudenti, Maura Giacomazzi, Sergio Lanteri, Elisabetta Moreno, Antonina Morittu, Claudia Tirendi RINGRAZIANO PER LA VOSTRA ATTENZIONE


Scaricare ppt "Esperienze sul campo e riflessioni 1.UdA Dibattere in inglese sulla criticità della situazione ambientale 2.UdA Levasione fiscale, un fenomeno su cui riflettere."

Presentazioni simili


Annunci Google