La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodi eutanasici negli animali daffezione Dr. Massimo Giunti Dipartimento Clinico Veterinario – Università di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodi eutanasici negli animali daffezione Dr. Massimo Giunti Dipartimento Clinico Veterinario – Università di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 Metodi eutanasici negli animali daffezione Dr. Massimo Giunti Dipartimento Clinico Veterinario – Università di Bologna

2 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Introduzione

3 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Giugno 2007 Rivolte ai membri della professione veterinaria che effettuano o sovraintendono alleutanasia animale. Rivolte ai membri della professione veterinaria che effettuano o sovraintendono alleutanasia animale. Applicazione richiede consultazione di un medico veterinario. Applicazione richiede consultazione di un medico veterinario. Scelta del metodo in base alla specie (Vet. specialista). Scelta del metodo in base alla specie (Vet. specialista).

4 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Giugno 2007 Guida finalizzata ad alleviare dolore e sofferenza degli animali che devono essere soppressi. Guida finalizzata ad alleviare dolore e sofferenza degli animali che devono essere soppressi. Raccomandazioni per il medico veterinario. Raccomandazioni per il medico veterinario.

5 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Giugno 2007 Eutanasia, dal greco: ευθανασία. -ευ, "bene", θανατος, "morte": "buona morte.

6 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Giugno Rapida perdita di coscienza. 2.Arresto cardiaco o respiratorio. 3. Perdita delle funzioni cerebrali.

7 Linee guida AVMA sulleutanasia (American Veterinary Medical Association) Giugno 2007 Minimizzare stress e ansia. Assenza di dolore e stress non può sempre essere garantita.

8 Meccanismi del dolore Il dolore implica la percezione di un impulso nervoso che giunge alla corteccia cerebrale.

9 Meccanismi del dolore

10 Fattori meccanici, termici, chimici. Riflessi nocicettivi (retrazione, flessione) Processazione sensitiva (corteccia somatosensitiva, sistema limbico).

11 Meccanismi del dolore PROCESSAZIONE del DOLORE Discriminativo-sensitiva. Discriminativo-sensitiva. Motivazionale-affettiva. Motivazionale-affettiva.

12 Meccanismi del dolore Discriminativo-sensitiva (meccanismi subcorticali e corticali) Intensità, durata, sede, qualità dello stimolo.

13 Meccanismi del dolore Motivazionale-affettiva (Sistema limbico, SNA) Percezione della gravità dello stimolo. Disagio, paura, ansia, depressione.

14 Stress Effetto di fattori fisici, fisiologici o emozionali che inducono unalterazione nellomeostasi o nello stato adattativo dellanimale ed una conseguente risposta compensatoria.

15 Stress Eustress: stress di tipo positivo, ovvero una stimolazione ambientale costruttiva. Eustress: stress di tipo positivo, ovvero una stimolazione ambientale costruttiva. Distress: stress di tipo negativo poiché non può essere tollerato dall'organismo. Distress: stress di tipo negativo poiché non può essere tollerato dall'organismo. Stress neutro: non causa effetti né dannosi né vantaggiosi per lanimale. Stress neutro: non causa effetti né dannosi né vantaggiosi per lanimale.

16 Risposta allo Stress Esperienza, età, specie, razza, stato psico-fisiologico. Esperienza, età, specie, razza, stato psico-fisiologico. Sistema neuroendocrino, Sistema nervoso autonomo. Sistema neuroendocrino, Sistema nervoso autonomo.

17 Meccanismi del dolore PERCEZIONE DEL DOLORE Corteccia cerebrale e strutture subcorticali funzionali ANIMALE ANESTETIZZATO O INCOSCIENTE

18 Manipolazione del soggetto Minimizzare dolore e stress dellanimale. Minimizzare dolore e stress dellanimale. Garantire la sicurezza delloperatore. Garantire la sicurezza delloperatore. Proteggere altre persone o animali. Proteggere altre persone o animali.

19 Metodi di eutanasia - Criteri 1.Capacità dindurre perdita di coscienza e morte senza dolore e stress. 2.Tempo necessario per indurre la perdita di coscienza. 3. Affidabilità. 4. Sicurezza del personale.

20 Metodi di eutanasia - Criteri 5.Irreversibilità. 6. Compatibilità con i requisiti ed i propositi. 7. Effetto emotivo su osservatori ed operatori. 8. Disponibilità dei farmaci e possibilità di abuso umano. 9. Compatibilità con la specie, letà e lo stato di salute.

21 Metodi di eutanasia - Criteri Giudizio professionale del veterinario e conoscenza delle tecniche clinicamente accettabili devono guidare la scelta della metodica di eutanasia più appropriata. E imperativo verificare la morte dellanimale dopo leutanasia e prima del suo smaltimento.

22 Metodi di eutanasia Comportamento animale Comportamento animale Sedazione e/o anestesia garantiscono le migliori condizioni per leutanasia.

23 Metodi di eutanasia Comportamento umano Comportamento umano Risposta psicologica alleutanasia di un animale da parte delluomo.

24 Metodi di eutanasia Comportamento umano Comportamento umano Proprietario: Contesto emotivo. Supporto nella decisione. Ambiente e procedura idonei. Presenza del cliente durante o dopo leutanasia.

25 Metodi di eutanasia Accettabili. Accettabili. Condizionatamente accettabili.Condizionatamente accettabili. Non accettabili. Non accettabili.

26 Metodi di eutanasia Specie Accettabile Condizionatamente accettabile Cani Barbiturici, Anestetici inalatori, CO 2, CO, Potassio cloruro in anestesia generale. N 2, Ar, Proiettile captivo penetrante, Elettrocuzione. Gatti Barbiturici, Anestetici inalatori, CO 2, CO, Potassio cloruro in anestesia generale. N 2, Ar.

27 Meccanismo dazione agenti eutanasici 1. Ipossia, diretta o indiretta. 2. Depressione diretta dei neuroni necessari per le funzioni vitali. 3.Distruzione fisica dellattività cerebrale e distruzione dei neuroni necessari per la vita.

28 Meccanismo dazione agenti eutanasici Perdita di coscienza dovrebbe precedere perdita di attività motoria (movimenti muscolari). Fase di eccitazione o delirio (vocalizzi, contrazioni muscolari) della prima fase dellanestesia.

29 Fenotiazine: anti dopaminergici, anti α 1 - adrenergici. Acepromazina: proprietà sedative marcate. Dose: 0,03 – 0,1 mg/kg IM, EV. Insorgenza dazione può essere lenta (30 min.). No in pazienti epilettici? Tranquillanti - Sedativi Metodi di eutanasia

30 Benzodiazepine: Ansiolitici, ipnotici, anticonvulsivanti ( recettore specifico sui GABA). Diazepam: 0,2– 0,5 (cane), 0,05 – 0,4 (gatto) mg/kg EV. Midazolam: 0,07 – 0,22 mg/kg IM, EV. Miscele: Tiletamina/Zolazepam (1:1): 6,6 – 9,9 mg/kg IM (cane). 6 – 11,9 mg/kg IM (gatto). 6 – 11,9 mg/kg IM (gatto). Tranquillanti - Sedativi Metodi di eutanasia

31 Alpha 2 agonisti: analgesia, sedazione, miorilassamento. Medetomidina: 0,01 – 0,04 mg/kg IM, EV (cane). 0,01 – 0,04 mg/kg IM, EV (cane). 0,04 – 0,08 mg/kg IM, EV (gatto). 0,04 – 0,08 mg/kg IM, EV (gatto). Xylazina: 0,5 – 2 mg/kg IM, EV. Tranquillanti - Sedativi Metodi di eutanasia

32 Tiopentale sodico: azione ultra-rapida. Durata e profondità anestesia governate da: Quantità di farmaco somministrato. Quantità di farmaco somministrato. Velocità di somministrazione. Velocità di somministrazione. Tasso di distribuzione nei tessuti non adiposi. Tasso di distribuzione nei tessuti non adiposi. Tasso di captazione da parte del tessuto adiposo. Tasso di captazione da parte del tessuto adiposo. Anestetici endovenosi - Barbiturici Metodi di eutanasia

33 Tiopentale sodico: azione ultra-rapida. Concentrazione attiva del farmaco governata da: Captazione da parte del tessuto adiposo. Captazione da parte del tessuto adiposo. Grado di dissociazione. Grado di dissociazione. Grado di legame alle proteine plasmatiche. Grado di legame alle proteine plasmatiche. Anestetici endovenosi - Barbiturici Metodi di eutanasia

34 Tiopentale sodico: azione ultra-rapida. Utilizzare soluzione al 1 – 2,5 %. Dose dinduzione: 5 – 25 mg/kg EV. Anestetici endovenosi - Barbiturici Metodi di eutanasia

35 Pentobarbitale: struttura simile al tiopentale. Anestetico generale, anticonvulsivante (NO Italia). Lenta insorgenza dazione. Bassa liposolubilità. Dosaggio eutanasia: circa 150 mg/kg EV rapida. Anestetici endovenosi - Barbiturici Metodi di eutanasia

36 Propofolo: Rapida insorgenza dazione e rapido metabolismo. Ampio volume di distribuzione. Costoso. Dosaggio dinduzione: 2 – 6 mg/kg EV. Anestetici endovenosi Metodi di eutanasia

37 Tanax ® : embutramide, mebenzonio ioduro, tetracaina. Embutramide: anestetico generale. Mebenzonio ioduro: curaro-simile (paralisi m. scheletrica). Tetracaina: anestetico locale. Agenti eutanasici Metodi di eutanasia

38 Tanax ® : posologia e modalità dimpiego. Embutramide (200mg/ml), Mebenzonio (50mg/ml), Tetracaina (5mg/ml). 0,3 ml/kg EV. 0,3 ml/kg EV. Via intracardiaca in soggetto anestetizzato. Via intracardiaca in soggetto anestetizzato. Sconsigliata via intrapolmonare. Sconsigliata via intrapolmonare. Agenti eutanasici Metodi di eutanasia

39 Potassio cloruro previa anestesia generale: 1-2 mmol/kg EV o intracardiacaArresto cardiaco. 1-2 mmol/kg EV o intracardiacaArresto cardiaco. Poco costoso. Necessario piano chirurgico dellanestesia: perdita di coscienza, riflessi muscolari e risposta a stimoli nocivi. Possibili spami clonici e contrazioni mm. dopo liniezione. Agenti eutanasici Metodi di eutanasia

40 Grazie per lattenzione!! Metodi eutanasici negli animali daffezione


Scaricare ppt "Metodi eutanasici negli animali daffezione Dr. Massimo Giunti Dipartimento Clinico Veterinario – Università di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google