La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA www.avitalia.it I disciplinari volontari di etichettatura e il sistema di controllo Letichettatura volontaria delle carni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA www.avitalia.it I disciplinari volontari di etichettatura e il sistema di controllo Letichettatura volontaria delle carni."— Transcript della presentazione:

1 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA I disciplinari volontari di etichettatura e il sistema di controllo Letichettatura volontaria delle carni di pollame

2 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Avitalia: lunione nazionale di produttori avi-cunicoli riconosciuta (DM n ) Avitalia Asproavic Aerac Coniglio veneto Avi Umbria ApaacAvi Molise Aziende Avi Marche

3 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA IT 001 EA autorizzazione MiPAF del 4 agosto 2005 La prima Organizzazione titolare di un disciplinare autorizzato di etichettatura delle carni di pollame La prima Organizzazione titolare di un disciplinare autorizzato di etichettatura delle carni di pollame La prima ad aver applicato un disciplina- re autorizzato La prima ad aver applicato un disciplina- re autorizzato La più rappresentativa La più rappresentativa

4 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA I disciplinari di etichettatura 5 quelli presentati (obiettivo centrato) 5 quelli presentati (obiettivo centrato) 3 quelli autorizzati: 3 quelli autorizzati: IT 001 EA AVITALIA del 04/08/2005, cui aderiscono 12 Aziende fra le più importanti, di cui 8 già operative IT 001 EA AVITALIA del 04/08/2005, cui aderiscono 12 Aziende fra le più importanti, di cui 8 già operative IT 002 EA cooperativa di trasformazione riferibile a gruppo importante ( settembre 2005) IT 002 EA cooperativa di trasformazione riferibile a gruppo importante ( settembre 2005) IT 003 EA cooperativa di trasformazione riferibile a gruppo leader (settembre 2006) IT 003 EA cooperativa di trasformazione riferibile a gruppo leader (settembre 2006) 1 in fase conclusiva (azienda piemontese) 1 in fase conclusiva (azienda piemontese)

5 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA D. Lgs n. 109/92 (etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari) Si basa sul principio delletichettatura funzionale, intesa a garantire che il consumatore ottenga tutte le informazioni essenziali circa la denominazione di vendita, la composizione del prodotto (ingredienti, additivi aromi), il suo produttore, termine minimo di conservazione/ data di scadenza, modalità di conservazione, istruzioni per luso etc.. Si basa sul principio delletichettatura funzionale, intesa a garantire che il consumatore ottenga tutte le informazioni essenziali circa la denominazione di vendita, la composizione del prodotto (ingredienti, additivi aromi), il suo produttore, termine minimo di conservazione/ data di scadenza, modalità di conservazione, istruzioni per luso etc..

6 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA I produttori possono fornire informazioni supplementari Purché esse non: Purché esse non: inducano in errore inducano in errore attribuiscano effetti e proprietà estranei al prodotto attribuiscano effetti e proprietà estranei al prodotto suggeriscano come particolari comuni caratteristiche suggeriscano come particolari comuni caratteristiche

7 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Letichetta come strumento di tutela del consumatore e valorizzazione del prodotto Riconquistare la fiducia del consumatore attraverso informazioni: leggibili e non mute leggibili e non mute garantite (tracciate e certificate) garantite (tracciate e certificate)= SCELTE CONSAPEVOLI

8 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Lobbligo dellorigine o della provenienza, qualora lomissione induca in errore (art. 3, 1.8 Dir. 2000/13/CE) Prodotti a certificazione regolamentata Prodotti a certificazione regolamentata Altri prodotti: Altri prodotti: Prodotti orto-frutticoli (reg. CE 2200/96) Prodotti orto-frutticoli (reg. CE 2200/96) Prodotti ittici (reg. CE 104/00 e 2065/01) Prodotti ittici (reg. CE 104/00 e 2065/01) Olio doliva (Reg. CEE 1019/02 ) Olio doliva (Reg. CEE 1019/02 ) Miele Miele Passata di pomodoro (Dm 17/02/06) Passata di pomodoro (Dm 17/02/06) Latte fresco (Dm 14/06/05) Latte fresco (Dm 14/06/05) Carni bovine (reg. CE1760/00) Carni bovine (reg. CE1760/00) Uova (Reg. CE 2295/03) Uova (Reg. CE 2295/03) Carni di pollame (reg. Ce 1906/90 origine extra-Ue;Dm 29/07/2004; Om 26/08/05) Carni di pollame (reg. Ce 1906/90 origine extra-Ue;Dm 29/07/2004; Om 26/08/05)

9 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Lindicazione dellorigine Risposta allesigenza di trasparenza del consumatore in un mercato globalizzato. Risposta allesigenza di trasparenza del consumatore in un mercato globalizzato. Strumento per orientare il consumatore verso la scelta di produzioni nazionali. Strumento per orientare il consumatore verso la scelta di produzioni nazionali.

10 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA La rintracciabilità (art. 18 Reg. CE 178/2002) Ripercorrere la storia del prodotto, richiamare prodotti non idonei al consumo = sicurezza alimentare. Ripercorrere la storia del prodotto, richiamare prodotti non idonei al consumo = sicurezza alimentare. Può essere: Interna Interna Commerciale Commerciale

11 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA La tracciabilità Attraverso il sistema passaporto, permette di far conoscere la storia del prodotto e di comunicarne la natura agricola (il prodotto agro-alimentare non si fabbrica, si fa …) Attraverso il sistema passaporto, permette di far conoscere la storia del prodotto e di comunicarne la natura agricola (il prodotto agro-alimentare non si fabbrica, si fa …)

12 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Le certificazioni: attestazione, da parte di un Organismo indipendente e allo scopo riconosciuto, che un prodotto, un processo o un servizio è conforme agli obiettivi o ai requisiti stabiliti da: a) Regole Tecniche (certificazioni obbligatorie per prodotti a marchio DOP, IGP, STG, Agricoltura biologica ) b) Norme Tecniche o documenti equivalenti (certificazioni volontarie quali rintracciabilità di filiera, filiera controllata, certificazioni etiche, ambientali etc.)

13 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Letichettatura volontaria delle carni di pollame : un sistema ibrido, facoltativo e regolamentato (Dm 29/07/04) Tracciabilità Tracciabilità Rintracciabilità Rintracciabilità Indicazione dellorigine (luogo di nascita) e della provenienza (luogo da cui si viene) Indicazione dellorigine (luogo di nascita) e della provenienza (luogo da cui si viene)

14 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Elementi essenziali Organizzazione Organizzazione Disciplinare, completo di piano di autocontrollo e regime sanzionatorio Disciplinare, completo di piano di autocontrollo e regime sanzionatorio Piano dei controlli per le verifiche di conformità da parte dellOrganismo di controllo Piano dei controlli per le verifiche di conformità da parte dellOrganismo di controllo AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE (parere min. salute e attività produttive, nonché di regioni e province autonome). AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE (parere min. salute e attività produttive, nonché di regioni e province autonome).

15 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA L Organizzazione Soggetto rappresentativo almeno dei settori allevamento e macellazione, che presenta il disciplinare di etichettatura ed è responsabile della tracciabilità del prodotto lungo tutta la filiera. Soggetto rappresentativo almeno dei settori allevamento e macellazione, che presenta il disciplinare di etichettatura ed è responsabile della tracciabilità del prodotto lungo tutta la filiera. Solo le Organizzazioni autorizzate possono riportare in etichetta le informazioni ritenute obbligatorie, cui possono aggiungersene altre facoltative. Solo le Organizzazioni autorizzate possono riportare in etichetta le informazioni ritenute obbligatorie, cui possono aggiungersene altre facoltative.

16 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA A differenza delle carni bovine, il singolo operatore della filiera non può presentare un proprio disciplinare di etichettatura.

17 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Disciplinare di etichettatura Documento che definisce: le informazioni che si intende fornire in etichetta; le informazioni che si intende fornire in etichetta; le misure atte a a garantirne la veridicità e il sistema di controllo adottato; le misure atte a a garantirne la veridicità e il sistema di controllo adottato; i criteri e le modalità per garantire il nesso tra le carni e il lotto di produzione; i criteri e le modalità per garantire il nesso tra le carni e il lotto di produzione; le caratteristiche del logo; le caratteristiche del logo; il funzionamento del sistema con particolare riguardo alle modalità di autocontrollo; il funzionamento del sistema con particolare riguardo alle modalità di autocontrollo; i provvedimenti disciplinari. i provvedimenti disciplinari.

18 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Informazioni che devono comparire in etichetta: Codice di rintracciabilità Codice di rintracciabilità Paese impresa di prod. pulcini o incubatoio Paese impresa di prod. pulcini o incubatoio Paese e allevamento di ingrasso Paese e allevamento di ingrasso Paese e macello di macellazione (macellato in.. N. approvazione) Paese e macello di macellazione (macellato in.. N. approvazione) Laboratorio di sezionamento (sezionato in.. N. approvazione Laboratorio di sezionamento (sezionato in.. N. approvazione Alimentazione o forma di allevamento Alimentazione o forma di allevamento Logotipo Organizzazione e relativo codice alfanumerico di autorizzazione Logotipo Organizzazione e relativo codice alfanumerico di autorizzazione CARNE DI ……. NATO, ALLEVATO, MACELLATO (SEZIONATO) IN ITALIA

19 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Informazioni facoltative Alimentazione o forma di allevamento Alimentazione o forma di allevamento Razza o tipo genetico Razza o tipo genetico Età dellanimale e periodo di ingrasso Età dellanimale e periodo di ingrasso Data di macellazione Data di macellazione Altre informazioni approvate Altre informazioni approvate

20 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Codice di rintracciabilità: nesso fra le carni poste in vendita e lotto di produzione in allevamento Per lotto si intende un insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche (DLgs n. 109/92) Per lotto si intende un insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche (DLgs n. 109/92) Lotto di produzione: gruppo di animali omogenei per età, categoria, origine e provenienza, appartenenti alla stessa specie, avviati al ciclo di ingrasso con le medesime tecniche e nelle stesse condizioni. (Dm 29/07/04) Lotto di produzione: gruppo di animali omogenei per età, categoria, origine e provenienza, appartenenti alla stessa specie, avviati al ciclo di ingrasso con le medesime tecniche e nelle stesse condizioni. (Dm 29/07/04) Il lotto di conferimento al macello o al punto vendita coincide o è un sub-insieme del lotto di produzione. Il lotto di conferimento al macello o al punto vendita coincide o è un sub-insieme del lotto di produzione.

21 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Forme di allevamento Le informazioni devono essere riportate in forma semplice, chiara e univoca, fermo restando quanto già stabilito nel Reg. CEE n. 1538/91: Estensivo al coperto Estensivo al coperto Allaperto Allaperto Rurale allaperto Rurale allaperto Rurale in libertà Rurale in libertà

22 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Alimentazione Linformazione deve essere riportata in forma semplice, chiara e univoca, fermo restando quanto già stabilito nel Reg. CEE n. 1538/91 Alimentato con il ….% di …… Alimentato con il ….% di ……

23 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Obblighi dellOrganizzazione Assicurare: La conservazione,su base informatica, di: La conservazione,su base informatica, di: Elenco operatori Elenco operatori Elenco lotti di produzione Elenco lotti di produzione Scarico lotti di produzione Scarico lotti di produzione La verifica della congruenza fra entrate e uscite (registro di carico/scarico) La verifica della congruenza fra entrate e uscite (registro di carico/scarico) La comunicazione al MiPAF e regioni e province autonome competenti per territorio La comunicazione al MiPAF e regioni e province autonome competenti per territorio elenco aggiornato operatori (entro il 28 febbraio di ogni anno) elenco aggiornato operatori (entro il 28 febbraio di ogni anno) sanzioni o sospensioni a carico degli aderenti (entro 15 gg. dallevento) sanzioni o sospensioni a carico degli aderenti (entro 15 gg. dallevento)

24 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Il Piano di autocontrollo (All. A Dm 29/07/04) Indica, per ciascun soggetto della filiera,: Indica, per ciascun soggetto della filiera,: Punti critici da sottoporre a controllo Punti critici da sottoporre a controllo Tipo e frequenza del controllo Tipo e frequenza del controllo Non conformità Non conformità Gestione delle NC in base alla gravità Gestione delle NC in base alla gravità Azioni correttive Azioni correttive

25 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Obblighi Organismo indipendente (designato dallOrganizzazione, deve rispondere alla norma europea EN 45011) Deve assicurare: Deve assicurare: Banca dati informatica anagrafica operatori Banca dati informatica anagrafica operatori Accesso banca dati ad autorità preposte a vigilanza e controlli Accesso banca dati ad autorità preposte a vigilanza e controlli Verifiche ispettive secondo piano dei controlli, su Operatori e Organizzazione Verifiche ispettive secondo piano dei controlli, su Operatori e Organizzazione Deve trasmettere a MiPAF, regioni e prov. autonome: Deve trasmettere a MiPAF, regioni e prov. autonome: Violazioni alle norme e al sistema (entro 48 ore) Violazioni alle norme e al sistema (entro 48 ore) Relazione sullattività svolta e piano previsionale (entro il 28 febbraio di ogni anno) Relazione sullattività svolta e piano previsionale (entro il 28 febbraio di ogni anno)

26 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Il Piano dei Controlli (All. D del DM 29/07/04) Indica, per ciascun soggetto della filiera,: Criteri di campionamento sugli Operatori da sottoporre a controllo Criteri di campionamento sugli Operatori da sottoporre a controllo Modalità operative Modalità operative Tipi di controllo Tipi di controllo Frequenza di controllo Frequenza di controllo Gestione delle non conformità (NC, gravità, trattamento, azioni correttive) Gestione delle non conformità (NC, gravità, trattamento, azioni correttive)

27 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA La vigilanza Viene svolta dal Ministero delle politiche agricole e forestali (Repressione frodi) e dalle regioni e province autonome sulla base di un programma concordato contenente: Tipologia dei controlli Tipologia dei controlli Modalità di esecuzione Modalità di esecuzione Tipologia di campionamento Tipologia di campionamento Formalizzazione dei risultati Formalizzazione dei risultati

28 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA In etichetta E vietato luso di: E vietato luso di: indicazioni o segni diversi da quelli previsti dal disciplinare e che, in ogni caso, ingenerino confusione con denominazioni previste dai Regg. CEE 2081 e 2082/92, nonché 2092/91 e 1804/99 indicazioni o segni diversi da quelli previsti dal disciplinare e che, in ogni caso, ingenerino confusione con denominazioni previste dai Regg. CEE 2081 e 2082/92, nonché 2092/91 e 1804/99 E ammesso luso di: E ammesso luso di: marchi aziendali o collettivi depositati, purché non miranti a sostituirsi alle informazioni che devono comparire in etichetta marchi aziendali o collettivi depositati, purché non miranti a sostituirsi alle informazioni che devono comparire in etichetta informazioni relative acertificazioni volontarie regolamentate, attestate da organismi terzi informazioni relative acertificazioni volontarie regolamentate, attestate da organismi terzi

29 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Punti vendita Carni preconfenzionate Carni preconfenzionate Carni preincartate Carni preincartate Carcasse intere (sigillo inamovibile, con n. di lotto e denominazione organizzaz.) Carcasse intere (sigillo inamovibile, con n. di lotto e denominazione organizzaz.) La lavorazione delle carcasse intere è consentita nei punti vendita aderenti allorganizzazione

30 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Obblighi dei punti vendita aderenti Assicurare: Assicurare: Corretta rintracciabilità Corretta rintracciabilità Non commistione fra lotti di produzione diversi nelle fasi di stoccaggio, lavorazione, vendita Non commistione fra lotti di produzione diversi nelle fasi di stoccaggio, lavorazione, vendita Identificazione delle carni al momento della lavorazione e della vendita Identificazione delle carni al momento della lavorazione e della vendita Trasmettere lo scarico dei lotti allorganizzazione Trasmettere lo scarico dei lotti allorganizzazione Sottoporsi alle verifiche ispettive previste nel piano di autocontrollo e di controllo (100% anno!), nonché di vigilanza. Sottoporsi alle verifiche ispettive previste nel piano di autocontrollo e di controllo (100% anno!), nonché di vigilanza.

31 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Le carni di pollame etichettate in un altro Stato membro della Ue, conformemente ad un disciplinare approvato in quel Paese, hanno libera circolazione sul territorio italiano, purché siano assicurate le informazioni su origine e provenienza.

32 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Peculiarità del disciplinare AVITALIA Gruppo - operatore: gruppo che gestisce lallevamento e la macellazione attraverso un controllo diretto (proprietà o soccide) degli allevamenti, dei macelli, dei laboratori di sezionamento e talvolta dei mangimifici e delle piattaforme distributive Gruppo - operatore: gruppo che gestisce lallevamento e la macellazione attraverso un controllo diretto (proprietà o soccide) degli allevamenti, dei macelli, dei laboratori di sezionamento e talvolta dei mangimifici e delle piattaforme distributive Autocontrollo: lorganizzazione effettua controlli diretti sui gruppi-operatori e operatori e indirettamente sui singoli operatori riconducibili al Gruppo, mediante delega a questultimo. Autocontrollo: lorganizzazione effettua controlli diretti sui gruppi-operatori e operatori e indirettamente sui singoli operatori riconducibili al Gruppo, mediante delega a questultimo.

33 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Peculiarità del disciplinare AVITALIA Protocollo dintesa : definisce tempo e modalità di accesso alla banca dati gestita dal Gruppo – operatore, relativa agli elenchi, al tipo di alimentazione e allevamento, ai lotti e al loro scarico. Il Gruppo- operatore ma rende disponibili le informazioni allOrganizzazione, responsabile della reperibilità delle informazioni, su richiesta. Protocollo dintesa : definisce tempo e modalità di accesso alla banca dati gestita dal Gruppo – operatore, relativa agli elenchi, al tipo di alimentazione e allevamento, ai lotti e al loro scarico. Il Gruppo- operatore ma rende disponibili le informazioni allOrganizzazione, responsabile della reperibilità delle informazioni, su richiesta. Scambi commerciali semplificati allinterno dello stesso circuito (non è previsto mutuo riconoscimento). Scambi commerciali semplificati allinterno dello stesso circuito (non è previsto mutuo riconoscimento). Costi di riconoscimento e gestione ridotti. Costi di riconoscimento e gestione ridotti.

34 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Le informazioni obbligatorie AVITALIA Codice rintracciabilità Codice rintracciabilità Origine e provenienza Origine e provenienza Allevato a terra Allevato a terra N. autorizzazione Mipaf e logo N. autorizzazione Mipaf e logo

35 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Le informazioni facoltative AVITALIA Allevato a terra su lettiera vergine Allevato a terra su lettiera vergine Alimentazione no ogm Alimentazione no ogm Alimentazione priva di farine animali Alimentazione priva di farine animali Alimentazione priva di grassi animali aggiunti Alimentazione priva di grassi animali aggiunti Alimentazione vegetale con integrazione/aggiunta di vitamine e minerali (priva di grassi e farine anim. agg.) Alimentazione vegetale con integrazione/aggiunta di vitamine e minerali (priva di grassi e farine anim. agg.) Alimentazione priva di coccidiostatici Alimentazione priva di coccidiostatici Allevato allaperto Allevato allaperto Allevamento estensivo al coperto Allevamento estensivo al coperto Allevamento rurale allaperto/ in libertà Allevamento rurale allaperto/ in libertà % di …. nella razione alimentare % di …. nella razione alimentare

36 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA I punti di debolezza del Dm 29/07/04 (Lotto di sezionamento : può coincidere con il lotto di produzione o esserne un sottoinsieme) (Lotto di sezionamento : può coincidere con il lotto di produzione o esserne un sottoinsieme) Prodotto preincartato e al taglio: i punti vendita devono aderire al disciplinare, sottostare ai controlli di Organizzazione e Organismo di controllo (100% anno) Prodotto preincartato e al taglio: i punti vendita devono aderire al disciplinare, sottostare ai controlli di Organizzazione e Organismo di controllo (100% anno) Limitazione alle I e II lavorazioni Limitazione alle I e II lavorazioni

37 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Confronto Etichettatura volontaria/obbligatoria Volontà di comunicare informazioni, origine Volontà di comunicare informazioni, origine I e II lavorazioni (prodotto intero e sezionato) I e II lavorazioni (prodotto intero e sezionato) Disciplinare autorizzato dal min. pol. agricole, autocontrollo, controllo, vigilanza Disciplinare autorizzato dal min. pol. agricole, autocontrollo, controllo, vigilanza Lotto di produzione > codice rintracciabilità Lotto di produzione > codice rintracciabilità Obbligo di comunicare provenienza Obbligo di comunicare provenienza Carne pollame più selvaggina da penna e preparazioni Carne pollame più selvaggina da penna e preparazioni Vigilanza da parte delle autorità sanitarie, assenza procedure e di verifiche Vigilanza da parte delle autorità sanitarie, assenza procedure e di verifiche Data o n. lotto macellaz. o sezionamento Data o n. lotto macellaz. o sezionamento

38 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Confronto Etichettatura volontaria/obbligatoria Paese di origine e storia (Italia solo su carni da animali nati in Italia) Paese di origine e storia (Italia solo su carni da animali nati in Italia) Adesione punti vendita per preincarto e prodotto al taglio, modalità di gestione per assicurare rintracciabilità Adesione punti vendita per preincarto e prodotto al taglio, modalità di gestione per assicurare rintracciabilità Durata illimitata (notifica alla Commissione nel rispetto delle regole) Durata illimitata (notifica alla Commissione nel rispetto delle regole) IT e cod. allev. (intero); IT e sigla province (sezionato); Stato estero IT e cod. allev. (intero); IT e sigla province (sezionato); Stato estero Esposizione di un cartello o collocazione etichette su preincarto (dal 26/07/06 richiesto contrassegno per nesso) Esposizione di un cartello o collocazione etichette su preincarto (dal 26/07/06 richiesto contrassegno per nesso) Scade il 31/12/07; natura sanitaria; procedura infrazione comunitaria Scade il 31/12/07; natura sanitaria; procedura infrazione comunitaria

39 Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA Verso unetichettatura obbligatoria?


Scaricare ppt "Dr.ssa Rossella Pedicone AVITALIA www.avitalia.it I disciplinari volontari di etichettatura e il sistema di controllo Letichettatura volontaria delle carni."

Presentazioni simili


Annunci Google