La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Job 8813IZ01 Ipsos Giornata Mondiale del Risparmio 2005: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive. Giornata Mondiale del Risparmio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Job 8813IZ01 Ipsos Giornata Mondiale del Risparmio 2005: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive. Giornata Mondiale del Risparmio."— Transcript della presentazione:

1 Job 8813IZ01 Ipsos Giornata Mondiale del Risparmio 2005: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive. Giornata Mondiale del Risparmio 2005: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive.

2 Job 8813IZ01 Ipsos 2 Premessa Obiettivi Metodologia Caratteristiche del campione Risparmio e investimento: dati di trend Il futuro delleconomia Letà dellincertezza LEuropa In sintesi Indice

3 Job 8813IZ01 Ipsos 3 Premessa ACRI rappresenta a livello nazionale le Fondazioni di Origine Bancaria e le Casse di Risparmio Spa; In occasione della 81a Giornata Mondiale del Risparmio, che si svolgerà il 29 di Ottobre, ACRI presenta i risultati di unindagine di opinione effettuata presso un campione di popolazione italiana adulta; ACRI ha condotto un analogo monitoraggio anche nei 4 anni precedenti. Largomento dominante della Giornata Mondiale del Risparmio 2005 è: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive.

4 Job 8813IZ01 Ipsos 4 ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre unindagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile, rispetto a: Propensione ed atteggiamenti nei confronti del risparmio; Percezione del clima economico, sia personale che generale I comportamenti prevalenti di impiego del risparmio Le opinioni riguardo il tema del Risparmio: responsabilità individuali e collettive, in particolare: Percezione dellincertezza previdenziale, sociale, lavorativa e ruolo del risparmio; Il risparmio quale fonte di integrazione previdenziale Il risparmio nel suo ruolo di assicurazione sociale-sanitaria Valutazione generale circa lUnione Europea e lEuro Obiettivi

5 Job 8813IZ01 Ipsos 5 Metodologia METODOLOGIA: CATI - Computer Assisted Telephone Interviews CAMPIONE: 1000 interviste PERIODO DI FIELDWORK: 30 Settembre Ottobre 2005 UNIVERSO DI RIFERIMENTO: 1000 individui rappresentativi della popolazione adulta italiana di 18 anni ed oltre, stratificati in base ai seguenti criteri: sesso età titolo di studio area geografica ampiezza del comune di residenza MARGINE DI ERRORE STATISTICO: compreso tra +/- 0.6% e +/- 3.1%

6 Job 8813IZ01 Ipsos 6 Caratteristiche del campione

7 7 Job 6859IZ01 Ipsos 7 Caratteristiche del Campione Area geografica Ampiezza Centri Base: Totale intervistati (1000)

8 8 Job 6859IZ01 Ipsos 8 Età media: 46 anni Caratteristiche del Campione Sesso Età Base: Totale intervistati (1000)

9 9 Job 6859IZ01 Ipsos 9 OCCUPATI 48% Base: Totale intervistati (1000) Caratteristiche del Campione Titolo di studio Professione

10 10 Job 6859IZ01 Ipsos 10 Media: 3,1 componenti Base: Totale intervistati (1000) Numero di persone in famiglia Caratteristiche del Campione

11 Job 8813IZ01 Ipsos 11 Risparmio ed investimento

12 Job 8813IZ01 Ipsos 12 A una prima analisi, le famiglie italiane sembrano sperimentare una situazione di staticità, dopo la sensazione di rapido e progressivo peggioramento segnalata dalle ricerche condotte negli anni precedenti. I dati a livello aggregato sono in linea con quelli del 2004: anche il dato Isae del settembre 2005 (103) è sostanzialmente costante rispetto a quello del 2004, anche se sensibilmente più basso rispetto al 2001 (122) e minore rispetto a quello del 2003 (107). Peraltro, a questa superficiale valutazione è sottesa una realtà estremamente complessa, che emerge in tutta la sua articolazione non appena losservazione diviene maggiormente analitica. Se per il 20% circa della popolazione la situazione è in miglioramento e per il 30% appare stabile, per il 50% restante è in netto peggioramento. Il 20% che pare avere sperimentato un periodo di costante miglioramento del proprio benessere e del proprio stile di vita dichiara consumi decisamente migliorati in quantità e qualità, come pure cresce la loro capacità di accumulare risorse tramite il risparmio: questa parte della popolazione guarda con un certo ottimismo al futuro sia personale che delleconomia nel suo complesso. Il 30% della popolazione si trova in una situazione non negativa, si attende un miglioramento o, comunque, riesce in qualche modo a galleggiare e quindi, con uno sforzo più o meno grande, riesce a mantenere il proprio tenore di vita e la propria capacità di risparmio. Questa parte della popolazione ha attraversato abbastanza indenne gli ultimi anni, anche se in molti casi ha dovuto ritarare il proprio stile di consumo. Per il 50% della popolazione italiana, invece, la situazione risulta in peggioramento. Si registra un abbassamento di aspettative e del tenore di vita rispetto al passato, quando non ci si trovi di fronte a una vera situazione di crisi più o meno grave, sperimentata dal 18% del campione. Costoro hanno dovuto ricorrere a prestiti oppure ai risparmi accantonati nel passato; e per il futuro si attendono un peggioramento della situazione. Queste persone appaiono decisamente scoraggiate ed alquanto inclini a un ripiegamento su stili di consumo più bassi. Infatti è in crescita il numero di famiglie che hanno un saldo negativo nel budget domestico, ossia di coloro che non riescono a risparmiare e per tirare avanti ricorrono ai risparmi passati o a prestiti: in 5 anni queste famiglie sono aumentate di quasi 10 punti percentuali, passando dal 13% al 22%. Risparmio ed Investimento

13 Job 8813IZ01 Ipsos 13 Questa situazione, analizzata di concerto con gli altri indicatori emersi dalla ricerca, induce la sensazione che gli italiani abbiano iniziato a prendere seriamente atto della nuova situazione di crescita zero, inizino a considerarla strutturale, ed abbiano adeguato il proprio stile di vita. Un chiaro indicatore di questo scenario è la crescente tensione allaccumulo di risparmio, che si declina nellaumento del numero di coloro che sono riusciti comunque a mettere via una parte del reddito guadagnato e allaumento del numero di coloro che non vivono tranquilli se non riescono a risparmiare rispetto a quanti risparmiano senza grandi rinunce. Il vantaggio di questi ultimi sui primi era di 34 punti percentuali nel 2001, oggi è di soli 7 punti: il 17% delle famiglie, cioè, ha oggi curvato le proprie preferenze sul risparmio. Un ulteriore elemento è dato dalla percezione molto diffusa che la capacità di risparmio sia unarma molto efficace per affrontare il futuro, convinzione tanto più forte quanto più viene sperimento un momento di difficoltà. Riassumendo i dati in modo più analitico, combinando quindi landamento del risparmio nellultimo anno e le previsioni per quello futuro, si delineano sei gruppi di tendenza rispetto al risparmio: Famiglie con trend positivo: hanno risparmiato nellultimo anno e lo faranno di più o nella stessa misura anche nei prossimi 12 mesi (sono il 20%) Famiglie in risalita: hanno speso tutto senza fare ricorso ai risparmi/debiti, ma nei prossimi 12 mesi pensano di risparmiare di più (6%) Famiglie che galleggiano: hanno speso tutto senza fare ricorso ai risparmi/debiti e pensano che lo stesso avverrà nel prossimo anno o hanno fatto ricorso ai risparmi/debiti ma pensano di risparmiare di più nei prossimi 12 mesi (21%) Famiglie in discesa: sono riuscite a risparmiare, ma risparmieranno meno nei prossimi 12 mesi (15%) Famiglie in crisi moderata: hanno consumato tutto il reddito e nei prossimi 12 mesi pensano di risparmiare meno (15%) Famiglie in crisi grave: hanno fatto ricorso ai risparmi/fatto debiti e pensano che la situazione del prossimo anno sarà identica o si aggraverà (18%) Risparmio ed Investimento: il risparmio

14 Job 8813IZ01 Ipsos 14 Base: Indice base: 1980 = 100 Il clima di fiducia dei consumatori Italiani Inchiesta Mensile ISAE sui consumatori italiani Il clima di fiducia dei consumatori Italiani Inchiesta Mensile ISAE sui consumatori italiani

15 Job 8813IZ01 Ipsos 15 Negli ultimi 12 mesi Lei/ la sua Famiglia è riuscito/a a risparmiare parte del reddito guadagnato? Risparmio negli ultimi 12 mesi Base: Totale intervistati (1000) Famiglie in saldo negativo 13%14%18%17%22%

16 Job 8813IZ01 Ipsos 16 E nel corso dei prossimi 12 mesi Lei/la sua famiglia pensa di riuscire a risparmiare di più o di meno rispetto a questanno? Risparmio negli ultimi 12 mesi Base: Totale intervistati (1000)

17 Job 8813IZ01 Ipsos 17 In difficoltà: 33% Situazione positiva: 26% Dimensioni dei gruppi di famiglie Base: Totale intervistati (1000) 19% 6% 23% 14% 21% 14% 4% % 35%

18 Job 8813IZ01 Ipsos 18 I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

19 Job 8813IZ01 Ipsos 19 I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

20 Job 8813IZ01 Ipsos 20 I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione I gruppi di famiglia: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

21 Job 8813IZ01 Ipsos 21 Risparmio ed Investimento: linvestimento Rispetto allimpiego del risparmio, si registra una lieve, ma interessante, inversione di tendenza rispetto ai dati del 2004: aumentano coloro che scelgono di investire parte del proprio risparmio a scapito di chi continua ad avere una preferenza per la liquidità. Questi sono il 62% del campione, un dato che, pur essendo in calo rispetto a quello del 2004, è ancora superiore a quello del La maggior propensione a prendere in considerazione una qualche forma di investimento è, peraltro, ravvisabile anche nel dato di incremento, rispetto al 2004, di coloro che si dichiarano interessati soprattutto al rendimento del proprio risparmio rispetto a coloro che tengono conto anche della sua destinazione: questi ultimi rimangono la maggioranza, ma la loro percentuale è in calo. Il lieve aumento dellinteresse per linvestimento lo si evince anche dai (piccoli) incrementi, rispetto al 2004, di coloro che dichiarano di avere fondi pensione integrativi (+3%), fondi comuni (+6%), azioni (+2%), bot (+2%) e certificati di deposito (+3%). Una ulteriore ed importante testimonianza di questo cambiamento è data dallindicazione riguardo allinvestimento ideale da parte degli italiani. Pur dominando ancora, il mattone con il suo 66% mostra una contrazione rispetto al 2004 (70%) a vantaggio degli investimenti finanziari più sicuri (+4%), tra cui emergono polizze vita/pensioni integrative, certificati di deposito. Si ravvisa anche un lieve, rinato, interesse per i fondi di investimento. Tutti questi segnali devono essere valutati per il loro giusto peso: sono infatti in controtendenza rispetto ai dati molto estremi del 2004 e al trend complessivo , ma in nessun aspetto si è ancora tornati sui valori del 2003, che vedevano la preferenza per il mattone da parte del 59% degli intervistati (contro il 66% attuale), il possesso dichiarato dei fondi da parte del 17% (16% attuale), di azioni da parte del 13% (10% attuale), di titoli di stato da parte del 12% (7% attuale). Più che una inversione di trend - comunque possibile, ma che potrà essere verificata nel 2006 – questi segnali sembrano testimoniare che gli italiani abbiano preso le misure alla situazione di crisi e di conseguenza le reazioni sono meno estreme e più attente, ad esempio allandamento dei corsi della borsa sperimentati negli ultimi anni. Inoltre in taluni casi lessersi confrontati con gli attuali prezzi del mercato immobiliare potrebbe avere convinto alcuni che i margini siano ormai saturati e che gli investimenti più sicuri, maggiormente liquidi ed accessibili anche con tagli di capitale inferiore, possano rappresentare una valida alternativa.

22 Job 8813IZ01 Ipsos 22 In generale, Lei reinveste almeno una parte dei suoi risparmi, oppure li mantiene liquidi, sul conto corrente? - 6 punti percentuali Dal risparmio allinvestimento Base: Totale intervistati (1000)

23 Job 8813IZ01 Ipsos 23 In fatto di risparmio, quale di queste 3 affermazioni descrive meglio il Suo pensiero?… Atteggiamento verso il risparmio Base: Totale intervistati (1000)

24 Job 8813IZ01 Ipsos 24 Oggi si parla molto della necessità di far riprendere i consumi da parte delle famiglie per favorire la ripresa economica dellItalia. Secondo lei, le famiglie dovrebbero... Base: Totale intervistati (1000) Tecniche per favorire la ripresa economica Anno % Anno % Anno % Famiglie con trend positivo: 34% Famiglie con tenore di vita migliorato: 40%

25 Job 8813IZ01 Ipsos 25 Nel momento in cui investe dei risparmi, Lei si interessa principalmente di quanto rendono, oppure tiene in considerazione anche dove verrà investito il suo denaro? Interesse per limpiego dei risparmi Base: Intervistati che reinvestono i propri risparmi (378)

26 Job 8813IZ01 Ipsos 26 Lei mi ha detto di considerare importante come investe il suo denaro chi gestisce il suo investimento. Mi potrebbe dire con quale delle seguenti affermazioni si trova più daccordo? Destinazione degli investimenti Base: Intervistati che considerano dove verrà investito il proprio denaro (198)

27 Job 8813IZ01 Ipsos 27 Attualmente Lei possiede per suo conto o in comune con altri...? Attività finanziarie possedute Base: Totale intervistati (1000)

28 Job 8813IZ01 Ipsos 28 E oggi, alla luce della attuale situazione economica, in quale di questi modi è meglio investire i propri risparmi ? Base: Totale intervistati (1000) Come investire il risparmio nellincertezza? Sintesi Come investire il risparmio nellincertezza? Sintesi

29 Job 8813IZ01 Ipsos 29 E oggi, alla luce della attuale situazione economica, in quale di questi modi è meglio investire i propri risparmi? Strumenti finanziari più sicuri Strumenti finanziari più a rischio Come investire il risparmio nellincertezza? Base: Totale intervistati (1000)

30 Job 8813IZ01 Ipsos 30 Situazione attuale e percezione del futuro delleconomia personale e globale

31 Job 8813IZ01 Ipsos 31 Situazione attuale e percezione del futuro La situazione appare difficile, anche se molti italiani sembrano aver imparato a convivere con essa: per la prima volta dal 2001 il numero di italiani soddisfatti della propria situazione economica è sceso al di sotto del 50%. Inoltre per il 20% il tenore di vita è sensibilmente peggiorato nonostante tutti gli sforzi, mentre per il 44% - quasi una famiglia su due – è stato faticoso riuscire a mantenere il proprio tenore di vita. Possiamo quindi considerare che per 2 italiani su 3 gli ultimi anni siano stati vissuti allinsegna dellattenzione, della fatica a far quadrare i bilanci familiari, quando non nellansia generata dal progressivo peggioramento della propria qualità della vita. Spesso sono state eliminate spese superflue, come viaggi, vestiti e ristoranti (indagine Ipsos giugno 2005) ma in taluni casi tutte le spese della famiglia sono state razionalizzate o ridotte, con lunica eccezione di quelle legate alla comunicazione, che appare sempre più come un bene primario. Coloro che invece hanno sperimentato una situazione positiva dichiarano di avere sensibilmente incrementato il proprio livello di consumo in tutti gli ambiti (indagine Ipsos giugno 2005). Pensando al futuro, domina un certo pessimismo riguardo allItalia, molto in linea con i dati 2003 e 2004, mitigato in parte da unaspettativa non negativa rispetto allEuropa e da una forte fiducia nella propria capacità di migliorare la situazione personale. Quindi accanto a una certa fiducia nelle proprie capacità, si riscontra ancora, come nel 2004, un saldo lievemente positivo tra sfiduciati (29%) e fiduciosi (30%) rispetto alla situazione economica europea. Se quindi rispetto allItalia prevalgono di gran lunga i pessimisti (47% pessimisti, 24% ottimisti), rispetto allEuropa gli ottimisti (30%) superano di misura i pessimisti (29%). In generale tenendo conto di tutti gli aspetti, pur dominando coloro che si dichiarano pessimisti (44%) crescono gli ottimisti, che passano dal 35% al 38% e si concentrano tra i giovani e tra le persone che svolgono una carriera direttiva/libero professionale. I pessimisti si concentrano abbastanza nel nord-est, oltre che fra le persone più anziane. Coerentemente il dato di fiducia registrato da Isae, pur costante rispetto al 2004, risulta su livelli decisamente contenuti e sembra non registrare negli ultimi anni sensibili cambiamenti, se non lievi recuperi seguiti da successivi aggiustamenti.

32 Job 8813IZ01 Ipsos 32 Lei quanto è soddisfatto della Sua attuale situazione economica? Soddisfazione riguardo la propria attuale situazione economica Soddisfazione riguardo la propria attuale situazione economica Base: Totale intervistati (1000) Soddisfatti (Molto+Abbastanza) 2005:49% 2004:53% 2003:53% 2002:54% 2001:65%

33 Job 8813IZ01 Ipsos 33 Riguardo al tenore di vita della sua famiglia, negli ultimi 2-3 anni Lei direbbe che … Base: Totale intervistati (1000) Tenore di vita della famiglia negli ultimi 2-3 anni Tenore di vita della famiglia negli ultimi 2-3 anni

34 Job 8813IZ01 Ipsos 34 EFFETTO SUL CONSUMO NEI SEGUENTI COMPARTI DI CONSUMO Il tenore di vita e' migliorato relativamente facile mantenere il tenore di vita relativamente difficile mantenere il tenore di vita Il tenore di vita e' peggiorato Telefono e telefoniaMolto Aumentato Molto Aumentato Costante Spese legate all'auto, alla moto ed agli spostamenti Molto Aumentato Molto Ridotto Prodotti alimentari e per la casa Molto Aumentato Ridotto Elettronica e elettrodomestici Aumentato CostanteRidotto Libri, giornali, riviste Aumentato CostanteRidotto Cura della persona, capelli, bellezza Molto Aumentato CostanteRidotto Vestiario, abbigliamento ed accessori Molto Aumentato Ridotto Molto Ridotto Viaggi e vacanze AumentatoRidotto Molto Ridotto Molto Ridotto Ristoranti, pizzerie e bar AumentatoRidotto Molto Ridotto Molto Ridotto Cinema, teatro, concertiCostante Ridotto Molto Ridotto Molto Ridotto Situazione dei consumi di una famiglia rispetto a 2-3 anni fa Base: 1000 intervistati indagine IPSOS Giugno 2005

35 Job 8813IZ01 Ipsos 35 Se pensa ai prossimi 3 anni, Lei pensa che la Sua situazione economica/la situazione economica italiana/europea/mondiale … Delta = migliorerà – peggiorerà Base: Totale intervistati (1000) Aspettative per la situazione dei prossimi tre anni Aspettative per la situazione dei prossimi tre anni Delta = migliorerà - peggiorerà

36 Job 8813IZ01 Ipsos 36 Delta = migliorerà - peggiorerà Base: Totale intervistati (1000) Aspettative per la situazione dei prossimi tre anni:TREND Aspettative per la situazione dei prossimi tre anni:TREND

37 Job 8813IZ01 Ipsos 37 pessimisti: 44% Indicatore costruito sulla previsione di miglioramento/peggioramento delleconomia familiare, nazionale, europea, internazione ottimisti: 38% Il futuro delleconomia: indicatori di ottimismo/pessimismo Il futuro delleconomia: indicatori di ottimismo/pessimismo Base: Totale intervistati (1000) 15% 20% 19% 27% 19% % 46%

38 Job 8813IZ01 Ipsos 38 Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

39 Job 8813IZ01 Ipsos 39 Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

40 Job 8813IZ01 Ipsos 40 Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Indicatori di ottimismo/pessimismo: profilo espresso in indici di concentrazione Base: Totale intervistati (1000)

41 Job 8813IZ01 Ipsos 41 Responsabilità individuali e collettive verso il risparmio

42 Job 8813IZ01 Ipsos 42 Responsabilità individuali e collettive La sezione della ricerca dedicata ad un tema specifico questanno ha riguardato lanalisi della percezione che gli italiani hanno circa le responsabilità individuali e collettive verso il risparmio. Innanzi tutto emerge che il contributo che può venire alleconomia italiana dallinvestimento del risparmio in attività o iniziative per lo sviluppo non è una cosa di cui gli italiani tengano conto nelle loro scelte. Comunque, essi risparmiano e la propensione al risparmio, in forme più o meno marcate, è presente nella grande maggioranza dei cittadini. Per la salvaguardia del risparmio la maggior parte degli italiani (71%) confidano nella presenza di regole certe e controlli rigorosi, anche a scapito dellefficienza del sistema, piuttosto che nelle virtù di autoregolamentazione del mercato (25%): i più sono infatti disposti a pagare una parte del rendimento dei loro investimenti pur di avere maggiori garanzie di tutela. Ma ancor più delle regole, che andrebbero comunque migliorate, sono i controlli rispetto alla loro applicazione a destare le maggiori preoccupazione degli intervistati: per il 71% i controlli sono poco o per nulla efficaci, e per il 60% non sono efficaci le regole attualmente presenti. Nellemanazione delle regole, ma ancor più nella funzione di vigilanza e controllo, essi ravvisano come fondamentale il ruolo dello Stato, di gran lunga preferito preferito ad authority, a organi di regolazione o di controllo gestiti da privati o da consorzi di attori al di fuori dalla sfera pubblica. Solo lo Stato sembra poter garantire le migliori condizioni e il miglior servizio di tutela. Le attese circa lincremento di tutela del cittadino risparmiatore nellorizzonte dei prossimi 5 anni sono segnate dal pessimismo.

43 Job 8813IZ01 Ipsos 43 Nel momento in cui Lei e gli italiani investono i propri risparmi.….... Interesse per limpiego degli investimenti Base: Totale intervistati (1000) 83% 64% 11% 31% 6% 5% 2004

44 Job 8813IZ01 Ipsos 44 Secondo lei è importante che nella gestione del risparmio… Atteggiamento nei confronti della gestione del risparmio Atteggiamento nei confronti della gestione del risparmio Base: Totale intervistati (1000)

45 Job 8813IZ01 Ipsos 45 A prescindere da casi specifici, Secondo lei, per quanto riguarda la tutela del risparmio, quanto ritiene siano valide ed efficaci le REGOLE e le LEGGI presenti in Italia? Validità ed efficacia delle LEGGI e delle REGOLE sulla tutela del risparmio Validità ed efficacia delle LEGGI e delle REGOLE sulla tutela del risparmio Base: Totale intervistati (1000) 40% EFFICACI 60% NON EFFICACI

46 Job 8813IZ01 Ipsos 46 Parliamo ora invece dei CONTROLLI rispetto alle regole e leggi presenti. Sempre parlando in generale dellItalia, quanto ritiene efficaci tali CONTROLLI? Base: Totale intervistati (1000) 29% EFFICACI 71% NON EFFICACI Efficacia dei CONTROLLI su leggi e regole presenti in Italia Efficacia dei CONTROLLI su leggi e regole presenti in Italia

47 Job 8813IZ01 Ipsos 47 E ritiene più efficiente che gli enti che DECIDONO le regole… Base: Totale intervistati (1000) Gestione degli Enti che decidono le REGOLE ed esercitano i CONTROLLI Gestione degli Enti che decidono le REGOLE ed esercitano i CONTROLLI E ritiene più efficiente che gli enti che si occupano di ESERCITARE I CONTROLLI sulle regole…

48 Job 8813IZ01 Ipsos 48 Rispetto alla situazione di oggi, secondo Lei, nei prossimi 5 anni … Base: Totale intervistati (1000) Tutela del risparmiatore nei prossimi 5 anni

49 Job 8813IZ01 Ipsos 49 Risparmio e Previdenza

50 Job 8813IZ01 Ipsos 50 Risparmio e previdenza I principali motivi di risparmio vengono riferiti ai figli ed allarea dellemergenza, quali momenti di crisi o malattia, seguiti a breve distanza dallaccumulo di risorse per la vecchiaia. In generale il risparmiatore, che pure emerge come molto preoccupato per le regole ed i regolamenti, nei casi in cui può attivare dei comportamenti di salvaguardia in prima persona non sempre compie scelte razionali. Infatti, pur molto preoccupato per il futuro pensionistico (67%) e per la qualità futura delle prestazioni medico-sanitarie garantite (65% di preoccupati) solo il 22% dichiara di avere attivato forme previdenziali integrative e il 10% unassicurazione sanitaria privata. Ciò che lascia più perplessi è che molti preoccupati non solo non hanno sottoscritto alcuna forma di copertura, ma non hanno neanche intenzione di prenderla in considerazione per il futuro. Un ulteriore elemento che conferma questo atteggiamento contraddittorio riguarda latteggiamento verso lipotesi di riforma del Tfr. La maggior parte (57%) di coloro che ne hanno sentito parlare ritiene che la strategia migliore sia quella di riscuotere il Tfr alla fine del percorso lavorativo, così come accade oggi, piuttosto che destinarlo ai fondi pensione pubblici o privati. Questo dato è ancora più evidente presso i lavoratori dipendenti (61% tenerlo come ora, 32% destinarlo ad un fondo pensione) e tra quelli preoccupati del proprio futuro dopo il ritiro dalla vita attiva.

51 Job 8813IZ01 Ipsos 51 Pensi ora al risparmio suo e della sua famiglia. Tra i motivi che le leggerò potrebbe dirmi quali sono i principali che vi inducono al risparmio in questo momento? Base: Totale intervistati (1000) Motivi che attualmente inducono al risparmio Base: Intervistati con figli (630)

52 Job 8813IZ01 Ipsos 52 Pensando al Suo futuro economico dopo il pensionamento, Lei si considera…? Base: Totale intervistati (1000) 28% TRANQUILLO 67% PREOCCUPATO Futuro economico dopo il pensionamento

53 Job 8813IZ01 Ipsos 53 Lei è titolare di un piano di previdenza privata (una polizza vita, un fondo pensione …)? Base: Totale intervistati (1000) Piano di previdenza privata: possesso e preferenze Base: Chi ha oppure è intenzionato a sottoscrivere un piano di previdenza privata (357) Rispetto ad un fondo pensione integrativo, preferisce/preferirebbe avere…

54 Job 8813IZ01 Ipsos 54 Pensando alla futura capacità del sistema sanitario pubblico di fornire servizi adeguati alle sue esigenze, Lei si considera …. Adeguatezza dei servizi forniti dal sistema sanitario pubblico Adeguatezza dei servizi forniti dal sistema sanitario pubblico Base: Totale intervistati (1000) 32% TRANQUILLO 65% PREOCCUPATO

55 Job 8813IZ01 Ipsos 55 Lei è titolare di una assicurazione sanitaria privata? Base: Totale intervistati (1000) Assicurazione sanitaria privata: possesso e preferenze Rispetto ad unassicurazione sanitaria, lei preferirebbe essere coperto… Base: Chi ha oppure è intenzionato a sottoscrivere unassistenza sanitaria privata (197)

56 Job 8813IZ01 Ipsos 56 In base ad una recente legge, nei prossimi mesi verrà chiesto ai lavoratori di decidere rispetto al proprio TFR (liquidazione, trattamento di fine rapporto). I lavoratori dipendenti potranno mantenere il proprio TFR e liquidarlo al momento delluscita dallazienda, come avviene attualmente, oppure destinarlo a dei fondi pensione integrativi, sia privati sia pubblici. Lei sapeva di questa legge Conoscenza della nuova legge sul TFR Base: Totale intervistati (1000) 60% lavoratori dipendenti che la conoscono 47% intervistati che la conoscono Base: Totale lavoratori dipendenti (379) 39% lavoratori dipendenti che NON la conoscono 45% intervistati che NON la conoscono

57 Job 8813IZ01 Ipsos 57 e secondo lei, la cosa migliore da fare per un lavoratore con meno di 50 anni sarà Base: Chi ha sentito parlare della legge (731) Scelta migliore per un lavoratore con meno di 50 anni Base: Lavoratori dipendenti che hanno sentito parlare della legge (330)

58 Job 8813IZ01 Ipsos 58 LEuropa

59 Job 8813IZ01 Ipsos 59 Gli Italiani e lEuropa Una parte del diffuso malcontento degli italiani si scarica certamente sullEuro: oltre il 70% si dichiara più o meno insoddisfatto.Ritengono che si siano avvantaggiate le banche (78%), le grandi imprese (68%), i commercianti e i lavoratori autonomi (63%). Ritengono che i più svantaggiati siano i consumatori (91%!), poi dipendenti e pensionati (89%), quindi i piccoli risparmiatori (84%). Questa situazione potrebbe fare pensare che per la maggior parte degli italiani possa essere auspicabile un ritorno alla moneta nazionale. In realtà, solo un 28% ravvisa molti vantaggi in un ritorno alla Lira; il 29% vede più svantaggi che vantaggi; e il 43% non ne vede proprio alcun vantaggio. In particolare, con la Lira lItalia sarebbe meno considerata, il Paese sarebbe più debole e più povero, linflazione molto più elevata così come i tassi di interesse. Quindi, se il cittadino-consumatore si sente sfavorito dallEuro, il cittadino del sistema-Italia comprende che ci sono poche soluzioni alternative rispetto alla moneta unica. Questa consapevolezza, che comunque si accompagna alla delusione delle molte speranze, forse troppe, che erano state riposte nellEuro, spiega il giudizio positivo rispetto allUnione Europea: la fiducia rimane elevata (67%) ed è sostanzialmente uguale il numero di coloro che hanno migliorato e peggiorato il giudizio sullEuropa nellultimo anno. Anche lallargamento, che aveva destato in alcuni non pochi timori, è visto oggi dalla maggior parte degli Italiani come un elemento di forza sia per lEuropa, sia per lItalia nel suo complesso.

60 Job 8813IZ01 Ipsos 60 In generale lei ha fiducia oppure no nellUnione Europea? La fiducia nellEuropa Base: Totale intervistati (1000) 67% FIDUCIA 31% NON FIDUCIA nellultimo anno la sua fiducia nellUnione Europea è...

61 Job 8813IZ01 Ipsos 61 Come lei saprà recentemente lEuropa si è allargata a dieci nuovi paesi, ed è attualmente composta da 25 nazioni. Secondo lei lallargamento, per lItalia Andamento della fiducia nellEuropa nellultimo anno Base: Totale intervistati (1000)

62 Job 8813IZ01 Ipsos 62 Lei quanto si ritiene soddisfatto sullintroduzione dellEuro? Soddisfazione dellintroduzione dellEuro Base: Totale intervistati (1000) 26% SODDISFATTI 71% INSODDISFATTI

63 Job 8813IZ01 Ipsos 63 Vorrei ora sapere chi si è avvantaggiato o svantaggiato dallintroduzione dellEuro. Pensi a/alle … Secondo Lei si è/si sono avvantaggiato o svantaggiato? Base: Totale intervistati (1000) Soggetti che hanno avuto vantaggi/svantaggi dallintroduzione dellEuro Soggetti che hanno avuto vantaggi/svantaggi dallintroduzione dellEuro

64 Job 8813IZ01 Ipsos 64 Base: Totale intervistati (1000) Soggetti che hanno avuto vantaggi dallintroduzione dellEuro Soggetti che hanno avuto vantaggi dallintroduzione dellEuro

65 Job 8813IZ01 Ipsos 65 Base: Totale intervistati (1000) Soggetti che hanno avuto svantaggi dallintroduzione dellEuro Soggetti che hanno avuto svantaggi dallintroduzione dellEuro

66 Job 8813IZ01 Ipsos 66 Spesso si dibatte su Lira e Euro. Secondo lei se tornassimo alla lira … Base: Totale intervistati (1000) Vantaggi / Svantaggi del ritorno alla Lira Il risparmiatore sarebbe più tutelato LItalia sarebbe più ricca Leconomia italiana sarebbe più forte Linflazione sarebbe più bassa I tassi di interesse sarebbero più bassi LItalia sarebbe più considerata Il risparmiatore sarebbe meno tutelato LItalia sarebbe più povera Leconomia italiana sarebbe più debole Linflazione sarebbe più elevata I tassi di interesse sarebbero più elevati LItalia sarebbe meno considerata Con la Lira...

67 Job 8813IZ01 Ipsos 67 Base: Totale intervistati (1000) Vantaggi derivanti dal ritorno alla Lira 43% Nessuno vantaggio dal ritorno alla Lira 29% Pochi vantaggi dal ritorno alla Lira 28% Molti vantaggi dal ritorno alla Lira

68 Job 8813IZ01 Ipsos 68 In sintesi

69 Job 8813IZ01 Ipsos 69 Sintesi Dopo la sensazione di rapido e progressivo peggioramento avvertita negli ultimi anni, lindagine del 2005 ravvisa una sorta di stabilità rispetto allanno precedente, anche se questo avviene in una situazione percepita come difficile e duale: da una parte ci sono, infatti, coloro che hanno migliorato o che sono riusciti a preservare il proprio potere dacquisto – poco meno del 50% - dallaltra - la restante metà - che ha visto un progressivo peggiorare della propria situazione. Gli italiani, specie quelli che dichiarano una maggiore difficoltà, sembrano comunque aver preso delle misure per fronteggiare la situazione: cresce la consapevolezza dellimportanza del risparmio, quindi la propensione ad esso, e alcuni consumi sembrano essere stati riallineati alle nuove condizioni. Ciò è avvenuto anche nellinvestimento, dove un maggiore spazio rispetto al 2004 viene dato agli strumenti finanziari sicuri, mentre si riduce la propensione alla liquidità e allimmobiliare, che comunque rimangono dominanti. In questo quadro è forte la preoccupazione rispetto alla tutela del risparmio: le leggi e soprattutto i controlli vengono ritenuti insufficienti, e la maggioranza degli italiani invoca un forte ruolo da parte dello Stato, pur rivelando un certo pessimismo rispetto al miglioramento della situazione di tutela del risparmiatore riferito ai prossimi anni. Il cittadino italiano ha molta fiducia nellEuropa, nonostante la delusione derivata dalla moneta unica, che lo ha colpito come consumatore: oltre il 70% ritiene che un ritorno alla Lira non avrebbe alcun vantaggio (43%) o che produrrebbe più svantaggi che vantaggi; ed anche lallargamento della Ue viene visto dai più come un positivo elemento di maggiore dinamismo.


Scaricare ppt "Job 8813IZ01 Ipsos Giornata Mondiale del Risparmio 2005: Risparmio: Responsabilità Individuali, Responsabilità Collettive. Giornata Mondiale del Risparmio."

Presentazioni simili


Annunci Google