La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Slide n. 1 La base dei palloni stratosferici Trapani Milo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Slide n. 1 La base dei palloni stratosferici Trapani Milo."— Transcript della presentazione:

1 slide n. 1 La base dei palloni stratosferici Trapani Milo

2 slide n. 2 Cronistoria Primo lancio di un pallone stratosferico nel 1975 in collaborazione con NASA Fino al 1991 attività svolta in team con CNES, Istituti del CNR e dell'Università. Dal 1992 lASI ha acquisito completa autonomia per tutte le fasi di : preparazione della missione, integrazione e controllo, lancio gestione del volo e recupero del carico. Fig. Torre di controllo e uffici

3 slide n. 3 Informazioni Generali î La Base Luigi Brogliodi Trapani è stata istituita nel î Si trova nel territorio del Comune di Trapani ed occupa larea di un ex aeroporto militare in concessione allAgenzia Spaziale Italiana. î È situata alle pendici del monte Erice, in Contrada Milo. î Nella Base sono presenti diversi edifici adibiti a varie funzioni, quali uffici, centro di controllo ed elaborazione dati, locali di integrazione, laboratori ed officine, magazzini, rimessaggi.

4 slide n. 4 Caratteristiche della Base Area di circa 100 ettari. Posizione geografica: Lat N Long E H ~70 msl

5 slide n. 5 Cosa sono i Palloni Stratosferici : Velivoli senza propulsione auto-sostentanti nellatmosfera grazie alla minore densità del gas contenuto nel pallone, tipicamente elio, rispetto allaria intorno, nella quale essi sono mossi orizzontalmente dalla spinta dei venti. Principali caratteristiche: –Quota di volo: km –Carico utile : sino a 3 tonnellate –Dimensioni navicella : L. < 4m, h < 6m. Durante il volo il carico utile del pallone esegue la sua missione scientifica. Al termine del volo il carico viene separato per poi essere recuperato, generalmente a terra o, occasionalmente, in mare.

6 slide n. 6 Le fasi della missione : fase di salita: inizia con la separazione del pallone dalla macchina di lancio e termina al raggiungimento della condizione operativa alla quota di galleggiamento prefissata fase di galleggiamento: inizia con il raggiungimento della quota di plafond e termina con la separazione del carico; durante questa fase vengono effettuati i rilevamenti scientifici ed eseguite le operazioni di mantenimento previste per il volo. fase di rientro: ha inizio con la separazione della navicella e termina con il recupero della stessa.

7 slide n. 7 Missioni tipo a) Volo Transmediterraneo in periodo estivo, sfruttando le correnti stratosferiche che si muovono da Est verso Ovest, il pallone viene trasportato verso il territorio spagnolo, dove il carico viene sganciato e recuperato. Tali voli hanno una durata media di 20 ore. I voli di tipo transmediterraneo possono diventare anche transatlantici, con recupero in territorio americano. Traiettorie tipiche Periodo: 15 giugno - 15 Agosto

8 slide n. 8 Missione Tipo b) Volo locale Durante i periodi di transizione le correnti stratosferiche invertono la direzione (da O verso E), permettendo l'effettuazione di voli locali con un periodo di galleggiamento intorno alle 6 ore, con lievi spostamenti rispetto al punto di lancio, e il recupero del payload sull'entroterra della Sicilia o sul mare. Periodo : Primavera -Autunno Il volo locale si presta meglio alle esigenze scolastiche

9 slide n. 9 Le attività di preparazione e di esecuzione di una missione: analisi di missione analisi e previsioni meteorologiche integrazione e controlli preparazione del velivolo lancio operazioni in volo acquisizione e registrazione dati sgancio e recupero preparazione esecuzione

10 slide n. 10 î La preparazione della missione muove dallindividuazione delle esigenze dellutilizzatore del volo per la successiva messa a punto della tipologia della missione, dei requisiti su tempi e condizioni del volo, la strumentazione necessaria, i servizi di comunicazione, acquisizione e distribuzione dei dati.

11 slide n. 11 La configurazione delle varie parti e dellinsieme può variare in dipendenza del tipo di volo e degli aggiornamenti tecnologici. Il veicolo è composto dalle seguenti parti/apparati: pallone, in polietilene, con dimensioni variabili a seconda del carico, da poche centinaia di mc di volume a oltre di mc. paracadute (vedi fig. a lato) navicella (vedi fig. a lato) catena di volo, (vedi fig. a lato) che è il sistema di collegamento meccanico ed elettrico tra la navicella, il paracadute e il pallone.

12 slide n. 12 La navicella La navicella trasporta il payload e i sottosistemi di volo (v. esempio nella foto) La navicella viene in genere progettata e realizzata dallutilizzatore del volo, con le opportune interazioni tecniche con il personale responsabile dei sottosistemi di volo che dovranno essere accomodati sulla navicella stessa o su un modulo dedicato che interfaccia con essa. Il carico utile può essere sottoposto a test nei locali di integrazione messi a disposizione presso la Base, e viene poi integrato nella navicella alla presenza e con l'ausilio degli sperimentatori, che partecipano a tutte le prove successive all'integrazione (elettrica, elettronica e meccanica) dei sottosistemi di volo, per la verifica funzionale e di interfaccia dei loro esperimenti anche con i sistemi di terra.

13 slide n. 13 I principali Sottosistemi (S/S) di bordo della navicella sono: S/S di potenza –Normalmente, batterie di celle primarie al litio S/S di TM/TC, (versione UHF) –Down-Link: Trasmettitori (2) di telemetria del tipo a modulazione di fase; portanti RF: 400,17 MHz e 401,16 MHz - PCM encoder a formato e bit rate programmabili per la acquisizione e formattazione di informazioni analogiche e digitali provenienti dagli Esperimenti. –Up-Link: Ricevitori (2) di Telecomandi del tipo supereterodina con discriminatore per FM, sintonizzati sulla frequenza 444 MHz. –Antenne TX/RX.

14 slide n. 14 Altri sottosistemi (S/S) di bordo della navicella sono: î S/S zavorra: motorizzato per il controllo della quota del pallone î S/S di localizzazione e identificazione del Pallone: Ricevitori GPS per la localizzazione in tempo reale del pallone; le informazioni fornite (lat., long.,quota, velocità, UTC) vengono trasmesse via telemetria; Radioboa, per la localizzazione della navicella quando scende con il paracadute e per la sua ricerca a terra. î S/S separazione: del Pallone dal Carico î S/S per l'atterraggio e il recupero Sistema di galleggiamento utile nei casi di discesa del carico in mare Sistema di smorzamento per l'atterraggio

15 slide n. 15 Attività sui Carichi Utili (PAYLOADS) INTEGRAZIONE E CONTROLLI Il payload può essere sottoposto prima dellintegrazione a test ambientali Il payload viene integrato sulla navicella che trasporta anche i vari sottosistemi di volo: –Integrazione meccanica –Integrazione elettrica-elettronica ( interfaccia esperimento - telemetria di bordo e alimentazione) Si effettuano le verifiche del corretto funzionamento dellinsieme

16 slide n. 16 Fase di Preparazione al lancio Payload agganciato alla macchina di lancio prima del volo

17 slide n. 17 Fasi del Lancio Il velivolo viene configurato in pista Le attività di lancio consistono in: predisposizione dell'area di lancio trasporto in pista della navicella agganciata alla macchina di lancio preparazione della catena di volo connessioni e verifiche dispiegamento del pallone gonfiaggio lancio.

18 slide n. 18 Fase operativa Dopo il lancio il pallone viene controllato da terra per mezzo di un collegamento radio sulle bande UHF e/o S. Alcuni canali sono utilizzati per la localizzazione (tramite sistema GPS ed ARGOS ) del pallone e per la gestione operativa del volo, mentre i rimanenti sono a disposizione del carico. Dal momento del lancio si effettua il monitoraggio della quota di volo e della traiettoria, la previsione della traiettoria a venire, si determinano le operazioni di scarico della zavorra per il mantenimento della quota, si fornisce il supporto alla gestione della separazione tramite previsione del punto di caduta e valutazione del rischio. Durante il volo si registrano sia i dati scientifici che di housekeeping, si estraggono dal flusso i dati scientifici secondo formati e/o standard concordati con gli sperimentatori/utenti e li si rendono disponibili via rete oppure su supporti magnetici.

19 slide n. 19 Integrazione meccanica include Progetto e realizzazione interfaccia navicella -macchina di lancio Progetto e realizzazione della catena di volo comprensivo della scelta del paracadute Progettazione e realizzazione del sistema di anticrash e di galleggiamento Progettazione e realizzazione del sistema di scarico zavorra Livellamento e pesatura Realizzazione di eventuali coibentazioni Test di verifica Definizione di procedure specifiche per l'esperimento

20 slide n. 20 Integrazione elettronica Progettazione e realizzazione dei circuiti di interfaccia dell'esperimento e dei s/s di servizio Progettazione e realizzazione di cavi connettori e batterie di alimentazione Verifica di compatibilità elettromagnetica Verifica funzionale locale e via link radio Test di verifica globale pre-volo Definizione di procedure specifiche per l'esperimento


Scaricare ppt "Slide n. 1 La base dei palloni stratosferici Trapani Milo."

Presentazioni simili


Annunci Google