La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informazione e formazione agli studenti D.Lgs. N° 81/2008 art. 36 – 37.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informazione e formazione agli studenti D.Lgs. N° 81/2008 art. 36 – 37."— Transcript della presentazione:

1 Informazione e formazione agli studenti D.Lgs. N° 81/2008 art. 36 – 37

2 Questa presentazione, intende comunicare in modo semplice e diretto i principali contenuti di un importante provvedimento che tocca la vita scolastica. Si tratta del recente D.Lgs. 81/2008 che, recependo diverse direttive comunitarie, mette finalmente il nostro Paese al passo con lEuropa e, attuando il principio costituzionale della tutela della salute (art. 32 Costituzione), conferma il valore fondamentale della persona nella sua integrità, come fine e non come mezzo, in tutti gli ambiti in cui può svolgere la sua attività, la scuola prima, il lavoro poi. In particolare, la centralità della persona umana esige che lo studente sia protagonista del proprio processo formativo, consapevole degli obblighi e dei diritti cui è titolare ed intenzionato a rispettarli e a farli rispettare. Questo lavoro, che ha lo scopo di informare e di educare alla sicurezza, si propone come ulteriore strumento per lattività di educazione alla salute in ambito scolastico e rispecchia la convinzione che la scuola sia il luogo principale di crescita e sviluppo della coscienza democratica e della cultura della responsabilità.

3 Ciao, sei arrivato in una nuova scuola! Qui il tuo lavoro sarà studiare per il tuo futuro, ma devi stare attento ai pericoli che possono presentarsi in questo nuovo ambiente di lavoro. In tuo aiuto è arrivata una nuova legge, il D.Lgs. 81/2008, che si preoccupa di tutelarti nella tua attività lavorativa, che per te è rappresentata dallo studio. Eh sì, perché per la legge sei un lavoratore. Tu sei il protagonista, insieme ai tuoi compagni, agli insegnanti e al preside, di un nuova organizzazione per la prevenzione dei rischi nella scuola.

4 Ti sembrerà strano, ma anche tu, come studente-lavoratore, hai un datore di lavoro: il PRESIDE, che si occupa della tua sicurezza. E non solo! Tutti gli insegnanti sono tenuti a seguire e far rispettare le misure di prevenzione. Il braccio destro del tuo Preside è il Responsabile del servizio di Prevenzione e protezione (R.S.P.P.) che ha il compito di studiare le misure di prevenzione e protezione che devono poi essere messe in pratica dalla scuola. Il responsabile di questo servizio lo puoi trovare seduto comodamente nel Laboratorio di Informatica. Lui è lappiglio a cui potrai aggrapparti nel caso in cui si presentino problemi di sicurezza, messo lì apposta per salvaguardare la tua incolumità

5 Ma sai cosè la PREVENZIONE? La Prevenzione è quellinsieme di tante piccole azioni che ogni giorno facciamo per evitare incidenti. Devi sapere che il Preside e il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione della tua scuola, per fare prevenzione, devono seguire diversi passaggi: individuare i rischi presenti nelle varie attività scolastiche; eliminare i rischi direttamente alla fonte; creare delle condizioni di lavoro ottimali per la prevenzione dei rischi nelle aule e in particolare nei laboratori; mettere a punto delle misure di emergenza per pericoli gravi e immediati, ad esempio incendi e terremoti; informare tutti gli studenti, gli insegnanti e gli altri lavoratori dei rischi esistenti e delle misure prese per evitarli;

6 Il tutto deve essere scritto in un documento tenuto dalla scuola. Devi sapere che tutto quello che deve essere fatto per la tua sicurezza e la tua salute a scuola è gratuito! Pensi che fare il Preside sia facile? Beh, non proprio! Infatti, oltre agli obblighi detti prima, deve organizzare tutto per garantirti una vita scolastica sicura. Deve scegliere il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (attenzione, se non trova nessuno deve farlo lui) e incaricare altre persone di occuparsi della prevenzione incendi, dellemergenza e del pronto soccorso.

7

8 Anche tu, però, come studente hai degli obblighi: devi prenderti cura di te stesso e dei tuoi compagni; devi seguire le misure di sicurezza e le indicazioni che ti vengono date, in particolare quando sei in laboratorio; devi fare attenzione ad usare correttamente gli strumenti, le attrezzature e i dispositivi di protezione individuale presenti nei laboratori, come guanti, occhiali, mascherine ecc...; devi eseguire le prove di laboratorio solo sotto la guida del tuo insegnante.

9 Ma non è finita qui! Devi fare molta attenzione se ti trovi in situazioni particolari di pericolo, come quando in laboratori usi sostanze chimiche o gas per gli esperimenti o in caso di terremoti. In questi casi il tuo preside deve mettersi in contatto con i principali servizi pubblici capaci di intervenire in caso di emergenza, e tu hai il diritto di essere informato sul comportamento da tenere. Ogni scuola deve avere un suo piano di emergenza per levacuazione e deve organizzare almeno due esercitazione lanno per insegnarti come cavartela in queste situazioni. È assolutamente vietato usare il videoterminale per quattro ore consecutive e per più di venti ore settimanali. Comunque è obbligatorio una pausa di quindici minuti ogni due ore.

10 Ma tu sai cosa devi fare per abbandonare in fretta la scuola in caso di emergenza? Prima dellesercitazione a cui dovrai partecipare ti verrà detto di: interrompere qualunque attività appena suona il segnale dallarme; lasciare tutto il materiale in classe; non aprire le finestre; seguire le vie di fuga indicate dai cartelli verdi, senza correre; LICEO ITC San Marco ITC Circello LICEOITC San Marco ITC Circello seguire i compagni in fila indiana e raggiungere i punti di raccolta stabiliti; LICEO ITC San Marco ITC Circello LICEO ITC San Marco ITC Circello mantenere la calma e confortare i più agitati; collaborare con linsegnante aiutandolo ad individuare i compagni che mancano.

11 GLI STUDENTI: COMPORTAMENTI DA TENERE DURANTE LEVACUAZIONE Al suono della sirena che annuncia levacuazione interromperanno immediatamente ogni attività e, lasciando le loro cose in classe, si disporranno dietro gli aprifila e, al loro seguito, lasceranno laula, incolonnandosi per uno, tenendosi per mano al compagno che precede; in assenza di entrambi gli aprifila sarà uno dei chiudifila a guidare la classe; in assenza anche di questi ultimi, sarà il docente a fare da guida; Gli alunni incaricati si prenderanno cura di eventuali portatori di handicap; Nel luogo di raccolta si disporranno con ordine per far eseguire il controllo delle presenze e consentire così, nel tempo più rapido possibile, che il modulo di evacuazione pervenga alla direzione dellevacuazione; Gli allievi che al momento dellevacuazione si trovano fuori dellaula, si accodano alla prima classe che passa, procedendo sempre nel verso dellevacuazione, mai in senso contrario, raggiungendo poi nel luogo di raccolta, la loro classe

12

13

14

15

16

17 Se poi ti succede di farti male, in palestra o in laboratorio, avverti subito il tuo insegnante. Se la ferita è poco grave a scuola cè la cassetta di pronto soccorso, se no il tuo preside, grazie allorganizzazione di prevenzione, ha una o più persone capaci di prestarti le prime cure e di avvertire velocemente il pronto soccorso dellospedale.

18 La sicurezza della tua scuola è controllata non dalla Polizia, come forse stai pensando, ma dai Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro della ASL. Tu, quando vedi qualcosa di poco sicuro, dillo subito al tuo insegnante e, se è una cosa grave, al Preside, per eliminare così i rischi nella tua scuola. Dimostra a tutti che fai parte dellorganizzazione di prevenzione della tua scuola e che hai delle responsabilità. Dai il tuo contributo. Sarai lo studente-sicurezza dellanno.

19 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

20 EVENTO: INCENDIO Il segnale di allarme e evacuazione può essere dato o vocalmente attraverso il sistema di diffusione sonora della scuola o mediante il suono prolungato della sirena. Mantenere la calma e non precipitarsi verso luscita. Al segnale di evacuazione, interrompere immediatamente le lezioni. Disporsi in fila e uscire dallaula, tenendosi per mano senza urlare, senza confusione, senza recuperare gli oggetti personali, con lo studente aprifila in testa e quello chiudifila in coda. Una volta usciti, rimanere collegati per mano e proseguire lesodo, seguendo le indicazioni dellinsegnante. Lo studente chiudifila, una volta uscito dallaula chiuda la porta. Camminare sollecitamente senza soste, senza spinte, senza correre, verso le vie di esodo. Non precipitarsi verso le scale, ma raggiungerle ordinatamente ed utilizzarle solo dopo avere avuto il consenso dellinsegnante. Una volta usciti dalledificio, dirigersi sollecitamente verso la zona di raccolta assegnata. Collaborare con linsegnante per controllare le presenze prima e dopo luscita.

21

22

23

24 EVENTO: TERREMOTO Mantenere la calma e non precipitarsi verso luscita. Interrompere immediatamente le lezioni. Rifugiarsi momentaneamente sotto il proprio banco, fino a che non cessa la scossa tellurica. Terminata la scossa disporsi in fila ed uscire dallaula tenendosi per mano senza urlare, senza confusione, senza recuperare gli oggetti personali, con lo studente aprifila in testa e quello chiudifila in coda. Una volta usciti, rimanere collegati per mano e proseguire lesodo, seguendo le indicazioni dellinsegnante. Lo studente chiudifila, una volta uscito dallaula chiuda la porta. Camminare sollecitamente senza soste, senza spinte, senza correre, verso le vie di esodo. Non precipitarsi verso le scale, ma raggiungerle ordinatamente ed utilizzarle solo dopo avere avuto il consenso dellinsegnante. Una volta usciti dalledificio, dirigersi sollecitamente verso la zona di raccolta assegnata. Collaborare con linsegnante per controllare le presenze prima e dopo luscita.

25

26 fine

27

28

29

30

31

32

33

34

35


Scaricare ppt "Informazione e formazione agli studenti D.Lgs. N° 81/2008 art. 36 – 37."

Presentazioni simili


Annunci Google