La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C."— Transcript della presentazione:

1 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta La tutela giuridica per i casi di encefalopatia da prioni Intervento a cura di Avv. Christina Psilogenis

2 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Agenda Normativa a tutela dei soggetti affetti da CJD e congiunti – L. 118/2002: Indennità erogata dallo Stato – D.Lgs 20/2005: Codice del consumo – Codice civile CJD forma c.d. variante CJD forma c.d. iatrogena - Analogia con casi di contagio di HIV HBV HCB Questioni giuridiche – Legge applicabile – Prescrizione – Soggetti responsabili e natura della responsabilità – Onere della prova Liquidazione del danno

3 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Normativa a tutela dei soggetti affetti da Cjd e congiunti Indennità erogata dallo Stato (L. 118/2002) -Soggetti beneficiari -Malato -Coniuge, figli, genitori, fratelli -Modalità di richiesta -Istanza allASL competente per territorio -Prescrizione - termine perentorio cinque anni dalla diagnosi della variante CJD -Cumulabilità con altre forme di risarcimento -Ipotesi di illegittimità costituzionale della legge -Violazione del principio solidaristico nei confronti di altri soggetti affetti da altre forme di CJD (cfr. indennizzo previsto per i soggetti contagiati dai virus HIV HBV HCV)

4 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Normativa a tutela dei soggetti affetti da Cjd e congiunti Codice del consumo (L. n. 206/2005) Class Action: azione risarcitoria collettiva a tutela dei consumatori e degli utenti Entrata in vigore e ambito applicativo: proroga a gennaio 2010 atti illeciti compiuti successivamente alla data di entrata in vigore della legge Soggetti legittimati: associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale associazioni e comitati rappresentativi degli interessi collettivi fatti valere Effetti: sentenza di condanna esecutiva decorsi 180 giorni dalla pubblicazione Funzione risarcitoria e non punitiva: funzione riparatoria. Esclusi i c.d. punitive damages

5 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Cjd forma variante Problematiche Dimostrazione nesso causale ed identificazione soggetti responsabili Fattore tempo (danni lungolatenti) Difficile identificazione dellalimento infetto (non esisteva normativa sulla rintracciabilità) Oneri di controllo e sorveglianza derivanti dalla legislazione statale e comunitaria: procedure di autorizzazione allimportazione tracciabilità prodotti alimentari (Reg. CE 176/2002 entrato in vigore in Italia dal ) controlli sanitari Non sussistono precedenti giurisprudenziali in Italia

6 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Cjd forma iatrogena Analogia con casi di contagio post-trasfusionale (virus dellHIV, HBC e HCV) o da inoculazione di emoderivati (caso Trilergan) e casi di contagio di CJD iatrogena Questioni giuridiche Legge applicabile Prescrizione Soggetti responsabili e natura della responsabilità Onere della prova Danno Soggetti beneficiari Quantificazione

7 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Questioni giuridiche Legge applicabile L. n. 218/1995 Principio generale: responsabilità per fatto illecito è regolata dalla legge dello Stato in cui si è verificato levento Principio sancito dal Cod. Cons.: a scelta del danneggiato, si applica la legge dello Stato in cui si trova il domicilio o lamministrazione del produttore, oppure dello Stato in cui il prodotto è stato acquistato

8 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Responsabilità extracontrattuale: il termine prescrizionale ha durata di cinque anni e decorre dal momento della commissione del fatto illecito Problema: c.d. danni lungolatenti Soluzione Cass. SS. UU n. 583: il termine del diritto al risarcimento del danno decorre dal momento in cui la malattia viene percepita o può essere percepita dal malato quale danno ingiusto conseguente al comportamento doloso o colposo di un terzo, usando lordinaria diligenza, tenuto conto della diffusione delle conoscenze scientifiche Responsabilità contrattuale: termine prescrizionale ha durata di dieci anni Questioni giuridiche Prescrizione

9 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Produttore Fabbricante Fornitore o suo intermediario Importatore Ministero della Salute Struttura ospedaliera Questioni giuridiche Soggetti responsabili

10 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Ministero della Salute Responsabilità per fatto illecito: CASS. SS.UU N. 583: Lo Stato è responsabile ex art c.c. per la mancata introduzione tempestiva dei metodi di controllo delluso, della produzione e della commercializzazione degli emoderivati (anche degli impianti di Lyodura?), per mancato controllo sulla sicurezza dei prodotti Del produttore Responsabilità c.d. aggravata: chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di una attività pericolosa (per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati) è tenuto al risarcimento, se non prova di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno. Dellente ospedaliero (e del medico) Responsabilità contrattuale Questioni giuridiche Natura della responsabilità

11 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Fatto illecito: comportamento illecito (per dolo o colpa) cui è direttamente collegato il danno Danno: la menomazione fisica (o psichica), il patimento soggettivo, il danno patrimoniale Colpa del responsabile: p.e. del Ministero della Salute che non ha svolto la funzione di farmacosorveglianza Nesso di causalità: il danno è conseguenza immediata e diretta del fatto illecito Responsabilità del produttore: inversione dellonere della prova. Questioni giuridiche Onere della prova a carico del danneggiato

12 A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C. Besta Liquidazione del danno Beneficiari Vittima Eredi Convivente more uxorio (Cass. N. 2988/1994) Danno trasmissibile agli eredi Danno biologico della vittima Danno morale della vittima Danno proprio degli eredi Danno biologico Danno da perdita del rapporto parentale Danno patrimoniale (danno emergente – danno futuro)


Scaricare ppt "A.I.En.P. Milano 3 ottobre 2009 "1a Giornata Italiana dedicata ai familiari di persone colpite da encefalopatie da prioni". presso Ist. Neurologico C."

Presentazioni simili


Annunci Google