La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHI SIAMO A.P.E.F. scarl – Agenzia Provinciale per lEnergia Frosinone Nasce nellambito del bando comunitario IEE 2004, su iniziativa della Provincia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHI SIAMO A.P.E.F. scarl – Agenzia Provinciale per lEnergia Frosinone Nasce nellambito del bando comunitario IEE 2004, su iniziativa della Provincia."— Transcript della presentazione:

1

2

3 CHI SIAMO A.P.E.F. scarl – Agenzia Provinciale per lEnergia Frosinone Nasce nellambito del bando comunitario IEE 2004, su iniziativa della Provincia di Frosinone, con la partecipazione di imprese a capitale privato e misto, e dellUniversità degli Studi di Cassino. LAgenzia è co-finanziata dalla CE, per i primi tre anni dattività, nellambito del progetto Intelligent Energy - Europe che vede la partecipazione, oltre che della Provincia di Frosinone, nel ruolo di coordinatore, del Comune di Parma (Italia) e del Comune di Sighisoara (Romania).

4 I SOCI FONDATORI

5 OBIETTIVI (1) Nellambito del Programma I.E.E. gli obiettivi affidati ad A.P.E.F. possono essere riassunti in: predisposizione del Piano Energetico Provinciale; promozione delluso efficiente dellenergia e sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili; promozione di azioni di educazione ambientale – energetica nelle scuole di ogni ordine e grado; promozione di campagne informative, diagnosi energetiche, attività di certificazione e diagnostica negli edifici; promozione della formazione nel settore delle fonti energetiche rinnovabili, del risparmio energetico e delluso razionale dellenergia;

6 OBIETTIVI (2) organizzazione di banche dati, corsi e convegni, nel campo energetico e ambientale; attuazione di analisi e ricerche nel settore energetico, sulle sue forme di finanziamento, sulla normativa tecnica e sulla legislazione riguardante lenergia; diffusione della conoscenza e delle metodologie di accesso alle opportunità di finanziamento di iniziative in campo energetico presso lUnione Europea; assistenza e supporto alle Amministrazioni locali nello svolgimento di compiti istituzionali in campo energetico e ambientale.

7 Lo Scenario delle fonti di energia rinnovabile

8 LA SITUAZIONE ENERGETICA A LIVELLO MONDIALE

9

10

11

12

13

14 I RIFLESSI SULLAMBIENTE

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31 LA NECESSITÁ DI UN CAMBIAMENTO

32

33

34

35

36

37

38

39 LE UNICHE SOLUZIONI POSSIBILI

40

41

42 Lenergia prodotta da combustibili fossili è destinata ad aumentare costantemente di prezzo. La scelta delle fonti energetiche rinnovabili diventa unalternativa non solo economicamente competitiva, ma anche preziosa per una migliore qualità della vita

43 Fonti energetiche rinnovabili: - eolica; - geotermica; - solare; - idroelettrica; - biomasse; - RISPARMIO ENERGETICO.

44 RISPARMIO ENERGETICO - Lenergia è un bene prezioso. Gestire al meglio i propri consumi di energia è un vantaggio sia per chi la utilizza, che può risparmiare sui costi, sia per lintero sistema, che vede migliorare la sua efficienza e produttività, a tutto vantaggio dellambiente. - Le linee di intervento per un consumo responsabile si fondano su due principi basilari: migliorare lefficienza degli impianti ed evitare gli sprechi. - Oggi la sensibilità delle aziende per i temi e le dinamiche del consumo responsabile è cresciuta. E con essa anche lattenzione per le politiche eco-compatibili e la tecnologia che migliora lefficienza e minimizza gli sprechi, per unottimale gestione dellenergia.

45 OBBLIGHI ENTRO IL 2020 Riduzione del 20% rispetto al consumo energetico attuale. Riduzione del 20% di emissioni di gas serra. Aumento del 20% di produzione di energia da fonti rinnovabili.

46

47 LE ENERGIE RINNOVABILI

48 Il nostro sistema energetico è molto lontano dall'essere sostenibile, Attualmente gran parte dell'energia primaria proviene dalla combustione di risorse energetiche fossili (petrolio, gas naturale e carbone). Queste risorse presentano tre gravi inconvenienti che rischiano di compromettere irrimediabilmente la "capacità delle future generazioni di soddisfare i propri bisogni": 1) le riserve mondiali di combustibili fossili sono limitate; 2) le riserve di combustibili fossili sono distribuite in modo diseguale tra i territori del mondo; 3) la combustione delle risorse fossili comporta il surriscaldamento dell'atmosfera. Le Energie Rinnovabili

49 Per raggiungere un regime di sostenibilità energetica sono percorribili solo due strade: 1.Il risparmio energetico e la stabilizzazione dei consumi, poiché non è possibile soddisfare una domanda sempre crescente di energia in un sistema finito come la terra. Solo in questo modo si può ottenere una diminuzione della domanda di energia primaria che attualmente è soddisfatta con il ricorso ai combustibili fossili. 2.L'adozione di sistemi di generazione energetica da fonti rinnovabili, ovvero le fonti di energia che si ricostituiscono in un tempo paragonabile con il tempo del loro consumo. Tutte le fonti rinnovabili, che derivano in gran parte dall'energia solare, non comportano un incremento di gas serra. Le Energie Rinnovabili

50 Fonti energetiche rinnovabili: - eolica; - geotermica; - solare; - idroelettrica; - biomasse; - RISPARMIO ENERGETICO.

51 L'energia solare L'energia derivante dall'irraggiamento del sole al suolo costituisce un serbatoio immenso di energia pulita, rinnovabile e a costo zero come materia prima.

52 L'energia solare La quantità di energia solare che incide globalmente sulla superficie terrestre è volte maggiore del fabbisogno totale di energia primaria.

53 L'energia solare Pertanto non vi è dubbio che sarebbe possibile, nei prossimi anni, soddisfare quasi integralmente le necessità dei paesi industrializzati con fonti rinnovabili di energia.

54 L'energia solare Però non tutta la superficie terrestre risulta omogeneamente irraggiata, per cui questa fonte può essere sfruttata solo entro una fascia ristretta, corrispondente alle regioni comprese tra il 45° di latitudine nord e sud

55 La disomogeneità dipende: dalla nuvolosità (le nuvole assorbono una grande quantità di radiazioni); dall'incidenza dei raggi solari (maggiore è l'inclinazione dei raggi solari, minore è l'energia che giunge al suolo); dalla massa atmosferica che sovrasta la superficie terrestre. L'energia solare

56

57 Il sole in Europa

58 Il sole in Italia

59 Non tutta l'energia irradiata dal Sole raggiunge la superficie della Terra: una parte viene riflessa nuovamente nello spazio; un'altra parte viene dispersa e diffusa in tutte le direzioni dalle molecole d'aria e dalle particelle di polvere dell'atmosfera; una parte ancora viene assorbita dal vapore acqueo, dall'anidride carbonica e dall'ozono nell'atmosfera L'energia solare

60 L'energia solare arriva dovunque, non costa, ed è rinnovabile. È però molto diluita nello spazio, è discontinua perché varia con l'alternanza del giorno e della notte, delle stagioni e con le condizioni meteorologiche. Ripartizione dell'energia solare: solamente poco più del 50 % circa della radiazione in arrivo dal sole raggiunge la superficie terrestre (radiazione diretta)

61 LItalia offre condizioni meteorologiche molto favorevoli alluso dellenergia solare. Il valore di insolazione è compreso tra e kWh/m 2 allanno. In Germania il valore dellinsolazione è inferiore a 1050 kWh/m 2 L'energia solare

62 L'utilizzo energetico più semplice e più promettente della radiazione solare è fatto tramite pannelli solari, sia per il riscaldamento degli ambienti,sia per la produzione di acqua calda sanitaria,che per la produzione diretta di energia elettrica. Esempi di applicazioni di pannelli solari

63 L'energia solare: il solare termico L'energia solare produce calore che è sfruttato in molte applicazioni pratiche: i più diffusi sono i pannelli piani per produrre acqua calda sanitaria e per il riscaldamento di ambienti.

64 L'energia solare: il solare termico Gli impianti si disitinguono in: - impianti a basse temperature (fino a 120°C) - impianti a medie temperature(ca. 500°C) - impianti ad alte temperature (ca. 1000°C) che trovano applicazione soprattutto nei grossi impianti industriali.

65 L'energia solare: il solare termico Le principali applicazioni degli impianti a bassa temperatura sono: - riscaldamento dell'acqua sanitaria ad uso domestico, alberghiero, ospedaliero - riscaldamento acqua del le docce (es. stabilimenti balneari, campeggi) - riscaldamento degli ambienti domestici - riscaldamento dell'acqua per processi a bassa temperatura - essiccazione di prodotti agro-alimentari - raffrescamento degli ambienti

66 La tecnologia fotovoltaica (FV) consente di trasformare direttamente l'energia della radiazione solare in energia elettrica. L'energia solare: solare fotovoltaico

67 Questa tecnologia sfrutta l'effetto fotovoltaico che è basato sulle proprietà di alcuni materiali semiconduttori, in grado di convertire l'energia della radiazione solare in energia elettrica, senza parti meccaniche in movimento e senza l'uso di alcun combustibile. L'energia solare: solare fotovoltaico

68 Il silicio è il materiale maggiormente utilizzato per la fabbricazione di celle fotovoltaiche che tipicamente hanno dimensioni di 12 cm x 12 cm. Le celle vengono assemblate in modo da ottenere moduli fotovoltaici di circa mezzo metro quadrato di superficie. L'energia solare: solare fotovoltaico

69 Attualmente sono moltissime le applicazioni sperimentali con piccoli generatori fotovoltaici: per esempio sono usati per calcolatori e orologi da polso, scooter-solari L'energia solare: solare fotovoltaico

70 Lampioni fotovoltaici …. L'energia solare: solare fotovoltaico

71 Pannelli più grandi servono per fornire elettricità per uso domestico, per pompare acqua dal terreno, per fornire potenza a sistemi per telecomunicazione, per emergenza, ecc. L'energia solare: solare fotovoltaico

72

73 L'utilizzo dei pannelli solari ha come diretta conseguenza il risparmio di idrocarburi e di energia elettrica. I benefici sono molteplici: - mancata emissione di CO 2 - minore necessità di infrastrutture per il trasporto dell'energia da grandi distanze - mancata emissione di ossidi di zolfo, di azoto, e di pm 10 - indirettamente la diminuzione dei disastri ambientali - mancata immissione nell'ambiente di calore L'energia solare: solare fotovoltaico

74 La quasi totalità dei pannelli solari in commercio è costituta da pannelli in silicio che restituiscono il 15% circa dellenergia solare che ricevono. Quindi per soddisfare le esigenze di un utente medio occorre installare pannelli su aree molto estese. Ma il vero problema sono i costi di fabbricazione e di produzione che ne rendono problematica la diffusione in assenza di incentivi statali. Senza dimenticare che il prezzo del silicio ad alta purezza non è destinato a scendere considerando la scarsità dellofferta. L'energia solare: solare fotovoltaico

75 Ma cè appunto un alternativa per ridurre i costi. Una tecnologia capace di produrre pannelli solari utilizzando come supporto due strati di plastica o di vetro che al loro interno contengono una pellicola sottile di materiale organico semiconduttore. Con un costo stimabile meno della metà di un pannello al silicio. Alla base viene utilizzato un processo molto simile alla fotosintesi clorofilliana, con una miscela di materiali in cui il pigmento assorbe la radiazione solare e gli altri componenti estraggono la carica per produrre elettricità. L'energia solare: celle al mirtillo

76 Nel caso si utilizzi il calore del Sole per produrre corrente tramite l'evaporazione di fluidi vettori che alimentano turbine collegate ad alternatori si parla di solare termodinamico. I collettori termici solari, come i pannelli solari, sono comunemente usati per generare acqua calda per usi domestici e applicazioni industriali. L'energia solare: il solare termodinamico

77 Degli specchi parabolici concentrano la luce diretta del sole su un tubo ricevitore. Dentro il tubo scorre un fluido (detto fluido termovettore perché è adatto a trasportare calore), che assorbe l'energia e la trasporta in un serbatoio. Alla fine, il serbatoio è in contatto termico con uno scambiatore di calore, che genera vapore; questo viene utilizzato per muovere delle turbine collegate a degli alternatori per produrre corrente elettrica. L'energia solare: il solare termodinamico

78 Nel caso si concentri i raggi solari al fine di immagazzinare direttamente calore per utilizzi domestici o industria si parla di solare termico. Questa tecnologia può essere utilizzata anche per la realizzazione di centrali elettriche. L'energia solare: il solare termodinamico

79 Il sistema progettato dall'ENEA combina le due tecnologie dei sistemi a collettori parabolici lineari e dei sistemi a torre e prevede una serie di profonde innovazioni che permettono di superare i punti critici di entrambe. L'energia solare: il solare termodinamico

80 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone

81 Istituto Tecnico Industriale "Don G. Morosini"via Casilina Ferentino 19,72 Istituto Tecnico Commercialep.zza Martiri di via Fani snc03024 Ceprano 5,1 Istituto Tecnico Commerciale di Ceccanovia Gaeta Ceccano 14,62 Istituto Tecnico Commerciale "Cesare Baronio"via Ariosto Sora 14,62 Istituto Magistrale Statale "Vincenzo Gioberti"via Spinelle snc03039 Sora 3,57 Istituto Liceo Ginnasio "Dante Alighieri"via S. Giorgetto sn03012 Anagni 14,62 Istituto Tecnico Industriale Statale "Reggio"via Pirandello Isola Liri 19,72 Istituto Tecnico Commerciale per Geometrivia Calzatora snc03012 Anagni 5,1 Istituto Magistrale "Regina Margherita"viale Regina Margherita snc03012 Anagni 14,62 Istituto Liceo Ginnasio "Simoncelli"via Simoncelli Sora 14,62 Istituto Prof. di Stato per i Serv. Alberghieri e della Ristorazione "M. Buonarroti" via Garibaldi snc03014 Fiuggi 14,62 Istituto Professionale Industria e Artigianato "A. Righi"via Berlino Cassino 14,62

82 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone Istituto Professionale Industria e Artigianato "A. Righi"via Berlino Cassino 14,62 Istituto Professionale Servizi Commerciali Turisticivia S. Pasquale snc03043 Cassino 14,62 Istituto Professionale Agricoltura e Ambientevia Casilina Nord Cassino 14,62 Istituto Tecnico Commerciale "Medaglia d'oro al V.M."via Gari Cassino 14,62 Istituto Tecnico Commerciale per Geometrivia S. Angelo in Theodice03043 Cassino 19,72 Istituto Liceo Ginnasio "G. Carducci"via Lombardia Cassino 14,62 Istituto Magistrale Statale "M.T. Varrone"viale Europa Cassino 14,62 Istituto Tecnico Industriale Statale "Ettore Majorana"via Rapido Cassino 14,62 Istituto Professionale per l'Agricolturavia Armando Fabi sn Frosinone 12,92 Istituto Professionale per l'Industria e l'Artigianato "G. Galilei" via Casale Ricci snc Frosinone 14,62 Istituto Liceo Artistico "A. G. Bragaglia"via Casale Ricci snc Frosinone 14,62

83 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone

84 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – ITC Cassino

85 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – IPSIA Cassino

86 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – IPSCT Cassino

87 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – Ginnasio Cassino

88 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – Ist. Agrario Cassino

89 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – ITIS Cassino

90 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – Artistico Frosinone

91 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – IPSIA Frosinone

92 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – Cassino

93

94

95 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone – Frosinone

96 Gli impianti fotovoltaici della Provincia di Frosinone DATI: Potenza totale:305,15 kW Energia media annua attesa: kWh Energia prodotta nei 20 anni: kWh Proventi dal Conto Energia nei 20 anni: Risparmio Energia nei 20 anni: TOTALE:

97 Ma installare un impianto fotovoltaico conviene davvero ???

98 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Remunerazione energia

99 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Remunerazione Conto Energia

100 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Analisi tecnico economica

101

102

103 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Analisi tecnico economica – IPOTESI 1

104

105

106 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Analisi tecnico economica – IPOTESI 2

107

108 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico Analisi tecnico economica

109 Considerazioni sulla Convenienza dellimpianto fotovoltaico CONCLUSIONI

110 …GRAZIE PER LATTENZIONE!! Agenzia Provinciale Energia Frosinone Dott. Ing. Andrea Ferrera

111 LE OPPORTUNITA LE OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO NEL SETTORE DEL FOTOVOLTAICO

112 Come si può ridurre la domanda di energia Il risparmio energetico, quindi, rappresenta una azione prioritaria rispetto allimpiego di fonti energetiche rinnovabili come quella solare e le utenze elettriche presentano dei notevoli potenziali di risparmio che possono essere ottenuti in due modi: modificando il comportamento dellutenza (evitando gli sprechi); modificando il comportamento dellutenza (evitando gli sprechi); sostituendo apparecchiature poco efficienti con apparecchiature ad elevata efficienza che, a parità di servizio erogato, richiedono un consumo inferiore di energia; sostituendo apparecchiature poco efficienti con apparecchiature ad elevata efficienza che, a parità di servizio erogato, richiedono un consumo inferiore di energia;

113 COLLOCAZIONE DEL FOTOVOLTAICO TRA LE F.E.R.

114 FOTOVOLTAICO IN EUROPA FOTOVOLTAICO IN EUROPA

115

116

117

118

119

120

121

122

123 IMPIANTI FTV IN ESERCIZIO IN PROVINCIA DI FROSINONE Dr. Ing. Stefano Polsinelli - Agenzia Provinciale Energia Frosinone

124 TIPOLOGIE DI CELLE FOTOVOLTAICHE La maggior parte delle celle fotovoltaiche attualmente in commercio è costituita da semiconduttori in silicio per i seguenti motivi: DISPONIBILITA ILLIMITATA (risorse del pianeta) AMPIO UTILIZZO NELLINDUSTRIA ELETTRONICA (processi tecnologici di raffinazione, lavorazione e drogaggio ben affinati) RICICLAGGIO DEGLI SCARTI DELLIND. ELTTRONICA (lindustria fotovoltaica tollera concentrazioni di impurità tipicamente di ÷10 -6 contro i valori di ÷ relativi allindustria elettronica)

125 TIPOLOGIE DI CELLE FOTOVOLTAICHE Celle al silicio monocristallino Gemmazione e crescita cristallina - Il silicio a cristallo singolo è ottenuto da un processo detto melting a partire da cristalli di silicio di elevata purezza che, una volta fusi, vengono fatti solidificare a contatto con un seme di cristallo. Il silicio solidifica nella forma di un lingotto cilindrico costituito da un unico cristallo del diametro di 13 ÷20cm e lunghezza di circa 200cm; Taglio – Il lingotto viene affettato con particolari seghe in wafers con spessore di 250 ÷350 m (spinto sfruttamento del lingotto contro unestrema fragilità dei wafers).

126 TIPOLOGIE DI CELLE FOTOVOLTAICHE Celle al silicio policristallino Forma - Il silicio policristallino è caratterizzato dalla presenza di più cristalli aggregati fra di loro con forme, dimensioni ed orientamenti differenti; Costi contenuti – (rispetto al silicio monocristallino) Celle al silicio amorfo Forma – Il semiconduttore, sotto forma di gas, è depositato in strati dellordine di 10 m su qualsiasi superficie (tecnica dei film sottili ); Tecnica della giunzione multipla – Con il drogaggio differente di vari strati di silicio collegati in serie si ottengono celle con diverse sensibilità allo spettro solare. Il risultato si traduce in un maggior rendimento e resa energetica; Costi contenuti – (rispetto al silicio policristallino)

127 TIPOLOGIE DI CELLE FOTOVOLTAICHE

128 I Sistemi Fotovoltaici Dal punto di vista delle strutture di sostegno dei moduli, si parla di: Sistemi ad inclinazione fissa - (struttura portante fissa) Sistemi ad inseguimento attivi - single/double axis tracking systems (caratterizzati da motori, passo e elettronica di controllo) Sistemi ad inseguimento passivi – (principio di funzionamento basato sulla differenza di pressione che si forma in due cilindri, contenenti ciascuno particolari sostanze es. freon e olio) Dal punto di vista elettrico si dividono in: Sistemi isolati o stand alone Sistemi connessi in rete grid connected

129 Il Campo Fotovoltaico PANNELLO STRINGA

130 CAMPO Il Campo Fotovoltaico

131 Nella fase di progettazione di un campo fotovoltaico devono essere effettuate alcune scelte che ne condizionano il funzionamento: Configurazione serie-parallelo dei moduli del campo (effetto di mismatch dovuto alla disomogeneità delle loro caratteristiche elettriche es.: in una serie di moduli la corrente è limitata dal modulo che eroga la corrente più bassa; in un parallelo la tensione è limitata dal modulo che eroga la tensione più bassa) Scelta della strutture di sostegno Distanza minima tra le file dei pannelli per non avere ombreggiamento

132 Come si calcola il fabbisogno di energia elettrica La dimensione dellimpianto fotovoltaico è calcolata sulla base dellenergia consumata dallutenza. Tale valore può essere ricavato dalla lettura dellultima bolletta elettrica o, meglio ancora, dalla media dei valori annui di consumo degli ultimi tre o quattro anni. Il consumo di energia dipende da tanti fattori, tra i quali il comportamento dellutenza e il numero e lefficienza delle apparecchiature elettriche installate. Dai dati statistici rilevati risulta che il consumo medio di una famiglia italiana è compreso tra i e i kWh/anno.

133 Come determinare la superficie necessaria di un impianto fotovoltaico I dati di progetto necessari sono i seguenti: la località nella quale è installato limpianto; il consumo annuo di energia elettrica (kWh); linclinazione della superficie captante (gradi); lorientamento della superficie captante. Energia elettrica fornita per unità di superficie Per il calcolo di dimensionamento, eseguito su base annua, vengono utilizzati i valori di radiazione media annuale riportati nella UNI (Atlante Europeo della Radiazione Solare). Per Milano, ad esempio, su un metro quadro di superficie esposta sul piano orizzontale la radiazione solare annua è pari a kWh.

134 Se la superficie di captazione non è orizzontale è necessario moltiplicare questo valore di radiazione per un coefficiente correttivo che tenga conto dellinclinazione e dellorientamento della superficie. I coefficienti correttivi da applicare sono riportati nella tabella successiva e tengono conto di inclinazioni da 20° a 90° (superfici verticali) e di orientamenti che vanno da 0° (corrispondente a SUD) a ± 90° (orientamento a EST o a OVEST). Il valore positivo dellorientamento corrisponde ad una esposizione verso OVEST mentre quello negativo corrisponde ad una esposizione verso EST

135 STIMA SUPERFICIE NECESSARIA /1 kWp

136 Energia elettrica prodotta per unità di potenza fotovoltaica di picco installata Espressa in kWh/kWp [PV GIS UE]

137 dal settembre 2005, è attivo il meccanismo dincentivazione in conto energia per promuovere la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici. Il 19 febbraio 2007, i Ministeri dello Sviluppo Economico (MSE) e dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), hanno emesso un nuovo decreto ministeriale che ha introdotto radicali modifiche e semplificazioni allo schema originario. FTV IN CONTO ENERGIA

138 Le modifiche più significative, rispetto alla precedente disciplina, riguardano: labolizione della fase istruttoria preliminare allammissione alle tariffe incentivanti; in base al nuovo decreto, infatti, la richiesta di incentivo deve essere inviata al GSE solo dopo lentrata in esercizio degli impianti fotovoltaici; labolizione del limite annuo di potenza incentivabile, sostituito da un limite massimo cumulato della potenza incentivabile; una maggiore articolazione delle tariffe, con lintento di favorire le applicazioni di piccola taglia architettonicamente integrate in strutture o edifici; lintroduzione di un premio per impianti fotovoltaici abbinati alluso efficiente dellenergia. Il nuovo DM supera inoltre due vincoli tecnici dei precedenti decreti: il limite di 1000 kW, quale potenza massima incentivabile per un singolo impianto; le limitazioni allutilizzo della tecnologia fotovoltaica a film sottile, molto utilizzata nellambito dellintegrazione architettonica.

139 Abolizione della fase istruttoria Tale semplificazione è stata resa possibile dalla contestuale eliminazione dei limiti annuali alla potenza incentivata, sostituiti dal limite massimo di potenza cumulata fissato in MW. Questo valore è sufficientemente elevato per garantire un congruo periodo di stabilità per una significativa crescita del mercato del fotovoltaico. Inoltre, quale ulteriore garanzia per gli operatori, è stato previsto un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici titolari degli impianti), con inizio dalla data di raggiungimento del limite. Gli impianti che entreranno in esercizio in tale periodo di moratoria potranno comunque beneficiare delle tariffe incentivanti.

140 In aggiunta alla fase istruttoria, ha eliminato alcuni adempimenti intermedi di competenza dei soggetti responsabili degli impianti, connessi alla fase di post-ammissione, quali le comunicazioni di inizio, di fine lavori e di entrata in esercizio da inviare al GSE. A impianto realizzato ed entrato in esercizio, il rischio di non vedersi riconoscere le tariffe incentivanti dipende esclusivamente dalleventuale non conformità dellimpianto ai requisiti previsti, rilevata dal GSE durante la fase di valutazione. IL NUOVO D.M.

141 Le tariffe Lenergia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici, entrati in esercizio dopo il 13/04/07 (data di pubblicazione della Delibera AEEG n. 90/07) e prima del 31 dicembre 2008, ha diritto ad una tariffa incentivante articolata secondo i valori indicati nella seguente tabella.

142 Le tariffe sono sonoerogate periodo di venti anni Per un periodo di venti anni, a decorrere dalla data di entrata in esercizio dellimpianto e rimangono costanti, non subiscono cioè aggiornamenti ISTAT, per lintero periodo; impianti che entreranno in esercizio dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2010, Per gli impianti che entreranno in esercizio dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2010, i valori indicati nella tabella precedente saranno decurtati del 2% per ciascuno degli anni di calendario successivi al 2008, rimanendo poi costanti per il periodo di venti anni di erogazione dellincentivo.

143 In aggiunta allincentivo il soggetto responsabile dellimpianto può contare su un ulteriore vantaggio economico, utilizzando lenergia prodotta per: la cessione in rete i propri autoconsumi (parziali o anche totali) lo scambio sul posto con la rete elettrica

144 per gli impianti fino a 20 kW il nuovo decreto riconosce la tariffa incentivante alla totalità dellenergia elettrica prodotta Si sottolinea che, contrariamente a quanto stabilito per il vecchio conto energia, per gli impianti fino a 20 kW che si avvalgano del servizio di scambio sul posto, il nuovo decreto riconosce la tariffa incentivante alla totalità dellenergia elettrica prodotta (non solo a quella autoconsumata). Possono richiedere e beneficiare delle tariffe incentivanti le seguenti tipologie di soggetti responsabili: le persone fisiche le persone giuridiche i soggetti pubblici i condomini di unità abitative e/o di edifici

145 Gli incentivi non sono: applicabili allenergia prodotta dagli impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, eccedenti il 20% del costo dellinvestimento da sostenere per la costruzione dellimpianto stesso. applicabili allenergia prodotta dagli impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici di natura nazionale, regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, eccedenti il 20% del costo dellinvestimento da sostenere per la costruzione dellimpianto stesso. Gli incentivi sono: applicabili allenergia prodotta dagli impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici di natura regionale, locale o comunitaria in conto capitale e/o in conto interessi con capitalizzazione anticipata, anche se eccedenti il 20% del costo dellinvestimento, esclusivamente nel caso in cui il soggetto responsabile delledifico sia una scuola pubblica o paritaria di qualunque ordine o grado o una struttura sanitaria pubblica.

146

147 Le fasi principali per la realizzazione di un impianto fotovoltaico rivolgersi a un progettista e ad una ditta installatrice specialistica per lelaborazione di un progetto preliminare e di un preventivo economico dellimpianto; il soggetto responsabile deve informarsi presso lufficio comunale competente sulliter autorizzativo da seguire e richiedere le autorizzazioni previste e il permesso di costruzione dellimpianto; inoltrare al gestore di rete locale (Enel, A2A, Hera, ecc.) il progetto preliminare dellimpianto e richiedere al medesimo gestore la connessione dellimpianto alla rete; il gestore di rete elettrica locale comunica al soggetto responsabile dellimpianto il punto di allaccio alla rete, unitamente al preventivo economico e ai tempi di realizzazione; il soggetto responsabile deve accettare il preventivo e chiudere il rapporto contrattuale con il gestore di rete locale; il soggetto responsabile, dopo avere realizzato limpianto, inoltra al gestore di rete locale la comunicazione di conclusione dei lavori;

148 per gli impianti maggiori di 20 kW il soggetto responsabile deve presentare allUfficio Tecnico di Finanza (UTF) competente la denuncia dellapertura dellofficina elettrica; non risulta invece necessario presentare allUTF la denuncia dellapertura dellofficina elettrica se limpianto immette tutta lenergia prodotta nella rete; il gestore di rete locale provvede ad allacciare limpianto alla rete elettrica.

149 Il certificato di collaudo, da presentare in originale, deve attestare anche le prestazioni tecniche dellimpianto. Diversamente da quanto prescritto dai precedenti decreti ministeriali, tale obbligo è esteso a tutti gli impianti, non solo a quelli con potenza superiore a 50 kW (utilizzare il fac-simile disponibile sul sito del GSE).

150 Installazione in facciata. Le facciate delledificio offrono in genere ampie superfici che non vengono sfruttate. Costituiscono quindi elementi delledificio sui quali è possibile installare i moduli fotovoltaici. Questa soluzione, rispetto alle altre, presenta comunque degli inconvenienti tra i quali: effetto estetico non sempre accettabile, maggiore possibilità di ombreggiamenti da parte di altri edifici, penalizzazione a volte eccessiva nel caso di orientamenti non ottimali (dalla tabella 3 si può osservare come questa soluzione comporti una penalizzazione variabile dal 20 al 30 % rispetto al piano orizzontale.

151 Impianto fotovoltaico NON integrato Impianto fotovoltaico con integrazione architettonica Impianto fotovoltaico parzialmente integrato

152 PARAMETRI DI DIMENSIONAMENTO PER IMPIANTO FTV DA 10 kWp

153

154

155

156

157

158

159

160

161

162

163

164

165 FOTO ALCUNI IMPIANTI REALIZZATI

166 FASI REALIZZATIVE IMP.FTV P = 3,28 kWp Sito: Sora (FR)

167 IMP.FTV ATTIVATO P = 3,28 kWp Sito: Sora (FR)

168 FASI REALIZZATIVE IMP.FTV P = 3,44 kWp Sito: Pontecorvo (FR)

169 …GRAZIE PER LATTENZIONE!! Agenzia Provinciale Energia Frosinone Dott. Ing. Stefano Polsinelli


Scaricare ppt "CHI SIAMO A.P.E.F. scarl – Agenzia Provinciale per lEnergia Frosinone Nasce nellambito del bando comunitario IEE 2004, su iniziativa della Provincia."

Presentazioni simili


Annunci Google